Jack-up-rig-in-the-caspian-sea

Il gas dietro la crisi del Qatar

Alla fine, potremmo riassumere le ultime questioni mediorientali così: il bue dà del cornuto all’asino. Stiamo parlando, in particolare, di Arabia Saudita e Emirati Arabi che hanno accusato il Qatar di finanziare il terrorismo. Non che non sia vero, per carità. Ma l’accusa viene da due principali sponsor del terrorismo islamico, che ora si riciclano come bandiere dell’antiterrorismo. Dietro la guerra diplomatica al Qatar, però, ci sarebbe anche dell’altro: l’eterna lotta al gas del Golfo Persico.

CIAIranKarteOelGas

Secondo quanto riporta il quotidiano israeliano Haaretz, il vero motivo che ha spinto l’Arabia Sunnita e gli altri Paesi arabi a isolare il Qatar sarebbe infatti il gas. Doha è il più grande esportatore di gas naturale liquefatto, “quasi 80 milioni di tonnellate di produzione annua“, che vengono in gran parte acquistati dal Giappone (che è il primo importatore mondiale di questo particolare tipo di gas) e in Europa.

-1x-1

Proprio un mese e mezzo fa, ad aprile, il Qatar ha aperto alla possibilità di sviluppare il più grande bacino di gas naturale da condividere con l’Iran. Un simile avvicinamento potrebbe aver spaventato non poco le potenze sunnite.

Il gas nella guerra in Siria

La questione del gas non è affatto secondaria in questa parte del mondo. Come abbiamo già scritto altrove, diversi analisti (ed è anche l’opinione che il presidente Bashar Al Assad ha condiviso in un’intervista con noi lo scorso dicembre) sono convinti sia stato proprio il gas, e il sistema di pipeline che avrebbe dovuto portarlo in Europa, ad aver causato la guerra in Siria.

I fatti sono stati raccolti con dovizia di particolari da Robert Kennedy junior, nipote dell’ex presidente americano, su Politico: “La decisione americana di organizzare una campagna contro Assad non è iniziata a seguito delle proteste pacifiche della primavera araba del 2011, ma nel 2009, quando il Qatar ha offerto di costruire un gasdotto per dieci miliardi di euro che avrebbe dovuto attraversare Arabia Saudita, Giordania, Siria e Turchia”. Nel 2009, infatti, il presidente siriano rifiutò il progetto portato avanti dalle potenze sunnite per creare un sistema di pipeline per portare il gas dei Paesi del Golfo fin nel cuore dell’Europa. Ovviamente questo progetto non poteva piacere a Mosca, storico alleato di Damasco, e così Assad disse di no. Nel 2010, però, il governo siriano iniziò a trattare con l’Iran per costruire un gasdotto per trasportare il gas iraniano verso il Libano passando dall’Iraq.

Come nota Alberto Negri, “la repubblica islamica, se questo progetto fosse mai stato attuato, sarebbe diventata uno dei più grandi fornitori di gas verso l’Europa”. È a questo punto che, secondo i report di intelligence consultati da Kennedy, i servizi segreti americani, assieme a Qatar e Arabia Saudita, iniziarono a finanziare l’opposizione siriana.

LEGGI ANCHE
Quei cavilli legislativi che "salvano" i terroristi
  • Roberto G.

    Bastardi! Non gli va proprio giù la mia auto a gas!

  • Rifle Leroy

    Che la guerra in siria sia stata causata proprio dal rifiuto di assad di far passare un gasodotto è una cosa che sapevo da oltre un anno e mezzo, caro il_giornale. Questa non va intesa come una critica però.

    C’è una cosa che avete scritto alla fine di questo articolo, e cioè:
    “la repubblica islamica (L’IRAN cioè), se questo progetto fosse mai stato attuato,
    sarebbe diventata uno dei più grandi fornitori di gas verso l’Europa”

    Ecco,a quel punto i 2 principali nemici dell’america,Iran e Russia sarebbero stati i principali fornitori di combustibili fossili del suo primo alleato, nonchè più grande potenza econimica mondiale :l’ EU dei 28 paesi.

    Questo avrebbe significato + entrate economiche per Russia e Iran
    e dipendenza del vassallo europeo da parte dei nemici degli americani.
    Ciò era inacettabile per la politica estera americana. O come lo chiama foa il deep state ,quello che governa davvero in america..
    Quindi a un certo punto si è deciso di far saltare il banco colpendo il punto più debole della catena: la Siria di Assad.
    Dopodichè tutti ci hanno messo un pezzettino…l’arabia saudita,gli emirati,israele, la gran bretagna.

    Va segnalato che il qatar aveva finanziato l’opposizione siriana armandola e foraggiandola economicamente. Quindi all’inizio della guerra siriana il Qatar era fra gli alleati di whashington.

    ORA COSA E’ CAMBIATO?
    è questo che voi giornalisti dovete spiegare!

    Speriamo lo facciate. Vi aspetto al prossimo articolo.

    • Rifle Leroy

      Da ciò che ho scritto ne consegue che:
      Il qatar si stacca dal blocco statunitense quando cerca di far affari con gli iraniani —> la stampa occidentale titola “cambio di regime in vista”. E gli altri paesi della penisola araba emarginano il qatar.

      L’iran viene colpito da due attentati,uno addirittura al suo parlamento (notizia di oggi)

      Attentati a raffica in GB e francia.
      Che hanno in comune questi attentati? Il collegamento c’è,esiste ? a ben vedere sono compiuti da estremisti diversi,chi jhiadista,chi qaedista,chi salafita, ma TUTTI sono di fede sunnita.
      Se si pensa che il paese sunnita per ecellenza è l’arabia saudita,e che questa è ai ferri corti proprio con Iran e Qatar (ultimi sviluppi) e che questi paesi sono stati colpiti…be forse la mano degli attentati sta proprio lì,in KSA.

      Più difficile invece capire del reale scopo degli attacchi in Francia e GB,ma è anche possibile che alcuni siano compiuti veramente da cani sciolti che credono nella causa dello stato islamico. Di altri invece dubito che sia cosi..ci devono essere altri legami fra stati e monarchie del golfo che noi non conosciamo. Ma il ventaglio delle ipotesi è ampio.

      • Rifle Leroy

        Il terrorismo non è spontaneo,non sempre almeno. E’ radicomandato.

        • JaegerPanzerE100

          Non e’ compito dei giornalisti occidentali fornire qualsivoglia notizia che possa creare pareri contrapposti al mainstream usuale, mi meraviglia che lei confidi in questo, chi lo fa’ viene confinato a giornalista non piu’ desiderato. Sono temi scottanti che debbono essere trattati con molta cura e circospezione, facendo il cameleonte e dando le dosi a poco a poco. Sta a noi estrapolare le poche verita’ e provare a chiudere il cerchio e si sa, la verita’ non va d’accordo con felicita’.

          • Rifle Leroy

            Il giornale sulla guerra civile siriana è stato in netta contrapposizione al coro mainstream di cui parli.

          • JaegerPanzerE100

            Concordo, ma non le e’ mai scritto spudoratamente sul connubio tra la guerra in Siria con la Guerra in Yemen o con le sanzioni alla russia etc etc.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Sai dirci quali beni sono toccati dalla sanzione nei confronti della Russia?

          • JaegerPanzerE100

            il 40% dell’esportazione del Veneto il 20% dell’esportazione della Lombardia, l’agricoltura etc, informati non essere sempre ignorante

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non conosci la risposta. Potevi ammetterlo ma hai preferito barare …

          • JaegerPanzerE100

            Studi ignoranza.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non conosci la risposta. Un pagliaccio che esprime pagliacciate sia con sue parole che con l’immagine che porta appresso.

          • JaegerPanzerE100

            e’ lei che non conosce nemmeno il soggetto di quello che stiamo scrivendo e si avvale della sua ignoranza su ogni argomento

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Parli di sanzioni poi non sai dirci quali beni sono toccati dalle stesse … sei solo un pagliaccio.

          • JaegerPanzerE100

            Sono all’ordine del giorno le sanzioni verso la Russia, fatte sia dalla UE che dagli Stati Uniti, si informi e la smetta.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Sanzioni rispetto a cosa?

          • JaegerPanzerE100

            Le sanzioni non sono rispetto a cosa ma a chi, ignorante.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ah ok, non è vietata la vendita di un prodotto X a Y … andiamo sempre peggio …

          • JaegerPanzerE100

            Lei e’ proprio ignorante, funziona proprio cosi, prodotti fatti e che non possono piu’ essere venduti in russia.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Quali prodotti? E’ questa la domanda a cui non hai dato una risposta …

          • JaegerPanzerE100

            La risposta l’ho dato mille volte…….. Si informi, STUDI, IMPARI, se non si possono mettere link le ripeto che la sua IGNORANZA NON e’ affar mio.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            La scusa dei link, è una novità … però link inesistenti che conducono a contenuti inesistenti che raccontano sanzioni inesistenti …

          • JaegerPanzerE100

            Ripeto non e’ affar mio la sua ignoranza, si informi.

          • JaegerPanzerE100

            si legga i dati istat oppure della CGIA di Mestre.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Quindi secondo te la fonte per conoscere le sanzioni è l’Istat o la CGIA di Mestre?

          • JaegerPanzerE100

            Non ho detto questo ignorante strumentalizzatrice, ho detto che i dati della causa che ha conseguito le sanzioni verso la russia sono riportate dalla CGIA, lei ignorante che viene da una regione come l’Emilia Romagna che ha avuto oltre 2500 licenziamenti nel settore agricolo per le sanzioni verso la Russia dovrebbe vergognarsi nell’essere cosi ignorante, la Fonte invece la Trova in tutti i giornali d’italia. IGNORANTE.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Tu non sei ignorante perché sai tutto? I dati della causa? Sanzioni alimentari rispetto alla Russia? Dove ti regalano dette castronerie?

          • JaegerPanzerE100

            non si puo’ postare link in questo sito ti hon ben detto di informarti, CGIA di mestre, ISTAT e tutti i quotidiani europei, ignorante.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Panzana! Come le sanzioni alimentari …

          • JaegerPanzerE100

            Si vergogni, e viene persino dall’emilia prima regione in ITALIA per perdita di aziende e lavoratori nell’agricoltura dovuto alle sanzioni verso la RUSSIA.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Spiacente, non abito in quella regione …

          • JaegerPanzerE100

            Certamente non nel tuo mondo di favole ritardate ed ignoranti.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Fingi di non realizzare di dire le tue mancanze essere le mie …

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Intendi telecomandato …

    • virgilio

      tutto vero giusto quello che dici ma volevo precisare un particolare,
      Assad non voleva far passare il gasodotto arabosaudita e questo ne aveva tutto il diritto a far passare chi voleva lui sul suo suolo,ma questo per l’Arabia saudita e cosi anche per gli USA non era conveniente,perche se io voglio vendere a tutti i costi un mio prodotto abasso i costi e il problema e risolto!
      invece loro questi criminali preferiscono massacrare milioni di gente inocente
      prima di perdere un centesimo,ma qui ancora una volta si sono sbagliati a fare i conti senza l’oste(in questo caso l’oste e la russia) e le spese in mercenari e armamenti alla fine dei conti gli costeranno ancora di piu(e non e finita)
      ma oramai lo sanno che sono alla frutta e dovranno acettare la fattura Russa!

      Putin ha aperto un grande ristorante e neanche troppo costoso alla portata di molte tasche ma alla fine rimane sempre un ristorante dove per uscirne anche li devi pagare il conto!

      tu dici “epure la francia” la francia in Libia e Siria e stato il paese piu coinvolto in questo losco affare con Israele

      • Rifle Leroy

        Le spese dei mercenari e delle armi sono tutte a carico di sauditi e qatarioti. Gli americani ci hanno solo guadagnato perchè le armi vendute erano le loro.
        Il resto del materiale proveniene da Turchia e dai paesi balcanici.
        Per l’america questa guerra è stato un grosso affare. Non ha speso nulla a parte addestrare qualche centinaio di “ribelli moderati” in giordania.Questa è stata la spesa …ai danni del contribuente americano. Cmq poca cosa rispetto all’iraq.

        • virgilio

          si anche questo e vero pero la Siria l’hanno persa definitivamente almeno lo spero!
          e questo rimane un grosso smaco

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Assad ovviamente ha parlato con te …

    • Ernesto Pesce

      Egregio Rifle Leroy, non aspettare spegazioni da certi giornalisti del “IL GIORNALE” . Mi sforzero’ a rispondere alle tue domande “ORA COSA E’ CAMBIATO? perchè si è rotta questa alleanza?”. Trump e incassato dalla Arabia Saudita 340 miliardi di Dollari. USA e Arabia Saudita usano qatar come scaricabrile per dare una copertura innocentista ai monarchi sauditi, che erano e sono tuttora i creatori e sostinatori di prima linea dei terroristi di Al Qaida, ISIS e Al-Nusra. Il No. 1 Bin Ladin e i 15 arabi delle due Torre Gemelli non erano qatarioti ma sauditi. Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Questa mattina , prima dei due attentati a Teheran, il ministro della difesa dell’Arabia Saudita ha emesso ordine di attaccare l’Iran, e cio’ e’ avvenuto. Qatar rischia di finire come Baharain, colonia della famiglia Saudi. Inoltre i terroristi non sono ne sunniti, nemmeno musulmani, sono dei mercenari e drogati al soldo di chi sta usando loro (USA e i suoi reggicode: UK, Arabia Saudita ecc. ecc.)

      • Rifle Leroy

        L’accordo da 110 billioni di us$ lo aveva iniziato Obama.
        cerca :
        The $110 billion arms deal to Saudi Arabia is fake news brookings

        Per quanto riguarda il fatto che gli attentatori NON siano musulmani,il suo è puro delirio.Nemmeno complottismo.

        PS
        in medio oriente le varie case regnanti …la più pulità ha la rogna.

  • Sor Pampurio

    perche’ voi “condividete” le interviste con Bashar Al Assad ….

    a che livello …..

    • Ubimauri

      Dormi, cretino. Dormi….

      • agosvac

        Suvvia! non lo chiami col suo vero nome!!!!!

  • SS61

    Le primavere arabe, la lotta al terrore, il dittatore Assad, i caschi bianchi, esportatori di democrazia, si certo, certamente. Balle a raffica del sistema mondialista e democrat americano per friggere il cervello ai gonzi. E come ci sono riusciti, è pieno di gente che crede a ste stronzate. Due verità, gas e petrolio, come sempre.

    • Ling Noi

      Eeeee ma il vero pericolo mondiale è LA KOREA DEL NORD… hahahaha (e molti europei ci credono).

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Il vero problema mondiale è la Cina …

  • alberto_his

    Giacimento di gas condiviso e sviluppato con l’IRI e sostegno ad Hamas: due mosse poco salutari visti gli assetti odierni in MO. Interessante vedere come si svilupperà il rapporto tra Iran e Qatar dopo l’aperto ostracismo mostrato dal GCC verso quest’ultimo

  • Bernacca

    Quella del gasdotto che doveva attraversare la Siria e ‘ una cretinata. Si puo’ benissimo costruire un gasdotto dal Qatar all’Europa aggirando la Siria.

    • de andrade

      Ovvio, la Terra è rotonda in fondo.

      • Bernacca

        Il percorso piu’ breve per l’allacciamento del futuro gasdotto con la TAnap in Turchia passa per l’iraq ma non per la Siria.

        • Rifle Leroy

          E l’iraq chi lo controlla?

          • Bernacca

            Anche il percorso originale passava per l’ Iraq, quindi l’ iraq non e’ considerato un problema.

          • Rifle Leroy

            L’iraq ,a parte la zona curda,è sotto il controllo di theran.

            Se questi ultimi non vogliono l’oleodotto dall’iraq non ci passa.

          • Bernacca

            Non esistono prove che l’Iraq si sia opposto al passaggio del gasdotto sul suo terrirorio, come non esistono prove che si sia opposta la Siria , ma solo voci messe in giro da Assad dopo l’ inizio della guerra. Esistono invece forti sospetti che il progetto sia stato bloccato dall’ Arabia Saudita (entrambi i percorsi proposti attraversavano territorio saudita). La cronologia degli eventi e gli interessi delle parti in gioco suggeriscono che la costruzione del gasdotto non sia stata la ragione dell’ intervento del Qatar o della Turchia in Siria.

        • de andrade

          Ah il progetto del Qatar doveva allacciarsi con il gasdotto turco-azero? Allora chiedo scusa: né io né l’emiro del Qatar ne sapevamo nulla.

          • Bernacca

            Lei non poteva saperne nulla perche’ le sue conoscenze si fermano al fatto che la Terra e’ rotonda. Ma l’ emiro del Qatar lo sapeva certamente, cosi’ come lo sapeva il Presidente della Turchia.

          • de andrade

            No no, l’Emiro non ne sapeva e non ne sa tuttora nulla. Dovrebbe informarlo, quantomeno per educazione.

    • virgilio

      Bernacca!!!!!!!!!!!
      tu si che avevi privisto tutto!!
      cazzo e ti fai vivo solo adesso………..li mortacci tui!!!!!!!!!!!!!!

      • Bernacca

        Stia zitto lei che e’ morto 2000 anni fa.

  • Lisa Piccolo

    Ma siete diventati la copia di Repubblica?