dsfas

Estonia, quei giochi di guerra
per addestrare nuovi militari

In una fredda e umida mattina di maggio Ivar, il capo del Kaitseliit della sezione di Luganuse, esce all’alba per andare a preparare il campo di addestramento dove si riuniscono tutti i membri del suo gruppo. Ivar non riceve nessun risarcimento economico né trattamento di favore per il suo lavoro. Ciò che spinge lui, e tutti gli altri partecipanti, è il forte sentimento patriottico, la voglia di sentirsi utili per la comunità e di affermare la sovranità dello Stato estone insieme agli altri connazionali.

Dopo un caffè, un toast con la marmellata e un ipercalorico e fumante porridge, i membri del Kaitseliit iniziano la giornata di esercitazioni rilassati e sorridente. Le esercitazioni, proprio perché vi partecipano dei civili e non dei militari professionisti, si svolgono principalmente nel fine settimana per permettere a tutti di aderire alle attività.

Un aspetto molto interessante è entrare nella vita privata di queste persone per comprendere con quale spirito dei semplici cittadini aderiscono ad una causa molto più grande di loro. Stephan, uno dei più anziani del gruppo, mostra con fierezza la sua automobile, una giallissima Lamda di epoca russa. Ci racconta con nostalgia il suo contributo attivo alla causa estone e a questa organizzazione negli anni passati. Oggi, non potendo più partecipare attivamente alle esercitazioni per questioni di età, si occupa della sicurezza degli eventi. Sua moglie, come tante altre donne della sua età, gestisce l’approvvigionamento fa la cuoca e si prende cura dei pasti e delle bevande. Ognuno svolge la mansione che può ed il contributo di tutti è fondamentale per il funzionamento di questa complessa organizzazione.

Nonostante via sia molto impegno e grande senso di responsabilità, il clima in cui si svolgono gli addestramenti del Kaitseliit è piuttosto sereno  e disteso. Queste giornate sono a metà strada tra un vero e proprio addestramento militare e una competizione sportiva.

I partecipanti, separati per età e sesso, vengono divisi in squadre da 3 elementi ciascuno, che affronteranno numerose sfide atte a mettere alla prova le abilità e le competenze acquisite durante i seminari settimanali effettuati nelle rispettive sedi di appartenenza e dislocate in un percorso impervio lungo ben 12 chilometri.

È necessario molto allenamento per far fronte a tutte le insidie presenti: sabbie mobili, pendii, foreste e fiumi. I partecipanti dovranno superare in totale ben 13 prove. I migliori non riceveranno una stella al valore militare ma il rispetto e la stima degli altri membri e l’incarico di insegnare, nelle future sessioni, le loro competenze ai più giovani e ai nuovi arrivati. Inoltre, avranno anche l’onore di partecipare agli addestramenti militari annuali primaverili, chiamati  Kevadtorm, i quali vengono organizzati tutti gli anni nel mese di maggio in maniera congiunta con l’esercito ufficiale estone e al quale vengono invitate anche le forze militari della Nato. 

Finita la giornata di esercitazione ogni membro torna a svolgere la propria normale vita quotidiana e il proprio lavoro. Johanna torna a fare la casalinga, Geril riapre i suoi libri universitari, Ingrid ricominciare a ricevere i suoi pazienti per le cure dentarie e Veronica continua la ricerca pittorica.

Uno dei compiti più importanti del Kaitseliit non è solo quello di tramandare alle future generazioni le competenze militari, ma anche quello di divulgare gli ideali di patria, indipendenza e identità collettiva, in una nazione giovane che nella sua storia recente ha vissuto più di un’occupazione.

A tal fine vengono spesso programmate delle giornate di promozione delle attività del Kaitseliit, che si svolgono in luoghi pubblici affollati, come centri commerciali, stazioni e piazze durante i giorni di festa, per fare promozione ed esibizioni per diffondere il messaggio e coinvolgere e ricevere le iscrizioni dei futuri membri. Durante questi eventi è possibile vedere membri anziani esibirsi in attività militari, salire a bordo di un carroarmato per provare la sensazione di un’azione, ascoltare le esperienze di un membro o informarsi sulle attività del Kaitseliit presso gli appositi stand. Anche i bambini partecipano con grande curiosità e divertimento a queste iniziative, incuriositi dall’aspetto ludico delle divise o degli strumenti in esposizione o essendo coinvolti dai più grandi in attività o giochi adeguati per la loro età. Ovviamente nessuno dei più giovani, ma neanche dei più grandi, viene incitato all’aggressività verso il prossimo o al disprezzo di altre nazioni o popolazioni. È bene sottolineare che il Kaitseliit non appare come una fazione estremista proiettata all’offesa verso lo straniero, ma al contrario sembra più un’organizzazione intenta al consolidamento e al rafforzamento dei un sentimento interno ai propri confini.

  • telepaco

    E’ il secondo articolo che fate su questo gruppuscolo paramilitare estone, mi spiegate che senso ha? Abbiamo capito che si esercitano, che sono patrioti, che come insinuato nel precedente articolo, si preparano alla guerra alla Russia che “dovrebbe” invaderli da qui a poco…..adesso basta, non avete da raccontare nulla di più interessante che succede nel mondo? Ci occupiamo ancora dell’Estonia e dei suoi paramilitari prossimamente?

    • carlo

      nessuno ti obbliga a leggere l’articolo se non ti interessa … a me ad esempio interessa molto …

  • Danilo_est

    Ma basta! Ma che siete in paranoia con l’estonia? NON C’È NESSUNA GUERRA IN ATTO QUA, e viviamo molto meglio che laggiù in questo momento, veramente non capisco il senso di questa paranoia con l’estonia….. Parlate piuttosto della burocrazia, tasse, modernizzazione e servizi per fare una paragone con l’Italia!

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Nessuno dice che c’è un guerra in atto. Comunque vediamo una crescita anche senza timoniere superdotato, senza idrocarburi e materie prime … https://uploads.disquscdn.com/images/39e63a89b5014fb9ef6845369e998efdb9b10b8ebe266d0b7838f509e8d2f645.png

      • Leonardo Giuseppe Masia

        Io so che laggiù si emigra che è una bellezza. In percentuale, molto più che in Russia.
        Chissà perché

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Hai fonti che confermano quanto da te sostenuto?

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Andiamo… Googla ”Paesi baltici, emigrazione”. Ma prima siediti…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Dici di conoscere i numeri ma non li metti qui?

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Conosco il fenomeno. I numeri, in fondo, sono secondari (oggi così, domani coså…)…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non è così … però lo devi dire perché trovi il paese per cui tifi DECLASSATO dalla superpotenza Usa … https://uploads.disquscdn.com/images/4d2c0c4ab316914e942f12567b98893994e1dc8024a6285d7b3568da79cc3345.png

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Primo, non c’entra un amato tubo con l’emigrazione dai Paesi baltici (sempre a proposito di scarso acume). Secondo, declassato un par di palle. La Russia ha recuperato terreno in maniera encomiabile dall’abisso in cui Eltsin, il cocco di Clinton, i liberali russi innamorati dell’America e gli Advisers americani l’avevano gettata. Solo per questo, può essere orgogliosa di sé stessa.
            E quel grafico e tutti quelli consimili che mostri, sai cosa ci puoi fare.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • Leonardo Giuseppe Masia

            Conseguenza dei problemi degli ultimi tempi. E sai quanti erano i puveri nel 1999?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • Leonardo Giuseppe Masia

            Non ci sperare: non spariranno così…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Capisco, anche i record negativi sono record …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Tu il record negativo d’intelligenza l’hai già raggiunto, e insisti…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Cos’altro potevi scrivere dopo tutta la serie di record negativi russi con cui sei stato confrontato?

          • Leonardo Giuseppe Masia

            L’avrei scritto anche se non ne avessi letto neanche uno: è la pura verità.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Importante è la pubblicazione della serie di record negativi russi …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Importante per chi? Per il tuo povero ego?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non per il tuo.

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Il mio si occupa di cose più importanti. Non esiste uno Stato senza problemi. L’importante è superarli e sopravvivere. E la Russia sopravviverà. Anche a te.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Un problema, dieci o cento problemi … sono tre circostanze diverse e non la stessa circostanza … Giochi con le parole proprio perché sai il paese che difendi avere cento problemi. https://uploads.disquscdn.com/images/d8c2e79326cd4cdc17248adbbd28446f8fa59323c9b59a6cd2c5bfda0bdc1109.png

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Adesso vuoi anche fissare un massimo numero consentito di problemi?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Voglio, come è logico fare, tenere presente la differenza tra un problema, dieci o cento problemi. E la Russia è TUTTORA tra i paesi con più problemi. E ti basta, per trovare confermate le mie parole, vedere il suo trascorso fatto di massacri.

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Guarda che un Paese con UN solo problema NON esiste. TUTTI i Paesi hanno 100 problemi (esempio, l’Italia. Fuga di cervelli, mafia e affini, estremismi scatenati, evasione fiscale, populismo, scarsa serietà amministrativa, immigrazione, burocrazia, ecc. Ecc. Ecc.).
            E il passato È passato. Ognuno ha il suo di cui vergognarsi.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Quindi vuoi la dissoluzione della Russia …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            TU vuoi la dissoluzione della Russia. E ci speri ancora.
            Perché? Perché sei scema…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ragiona: non puoi risolvere un problema se lo neghi.

          • Leonardo Giuseppe Masia

            E quale sarebbe il problema?

  • Hidalgo

    E’ bene che divulghiate articoli come questo, perché è molto indicativo che uno stato si prepari ad un’invasione da parte della Russia, nonostante la storia ci insegni l’esatto contrario:
    dal disfacimento dell’URSS la Russia non ha iniziato una, una, guerra o conflitto o aggressione nei confronti di uno stato vicino o lontano. Anzi. Si è trovata e si trova tuttora letteralmente circondata da nuove basi ed “esercitazioni” NATO davanti all’uscio di casa.
    E’ bene tenere presente queste dinamiche.
    E quanto raccontato da questo articolo rende bene l’idea.

    • Nick2

      A me risulta che la Crimea sia stata invasa delle truppe di Putin ed in seguito sia stata annessa alla Russia. A chi parla tanto di autodeterminazione dei popoli vorrei ricordare che, anche l’Alto Adige degli anni 60 era di etnia austriaca e la popolazione avrebbe voluto passare sotto l’Austria (ci furono decine di attentati). Ma cosa sarebbe successo se l’esercito austriaco avesse invaso il nostro territorio con i carri armati?
      Non ti viene poi il dubbio che le nuove basi e le esercitazioni della NATO vicine al confine russo siano atte a scongiurare l’invasione dei Paesi Baltici e, in genere, le mire espansionistiche di Putin? Forse sì, forse no, ma la verità, caro Hidalgo, come non l’ho in tasca io, nemmeno tu ce l’hai…

      • Mario Trieste

        Ha lei risulta molto male.

      • Zeneize

        Yawn. Le fabbriche USA stanno cercando di vendere le loro costosissime armi e lo shale gas. Non mi pare abbiano bisogno di alleati per le vendite.

  • carlo

    ma dimmi te se a causa di uno psicopatico con l’ansia e la velleità di voler far tornare una grande super potenza un paese mezzo fallito come è l’attuale Russia e deve di conseguenza costringere ad armarsi dei popoli così estremamente pacifici come i baltici i quali ne farebbero volentieri a meno anche perché il tutto ha un costo estremamente gravoso in termini di finanziamenti, i quali ingenti finanziamenti spesi diversamente sarebbero ben meglio che non di carri armati … come è del resto pari pari la povera in tutti i sensi Ucraina la quale questi violenti guerrafondai russi gli stanno tutt’ora combinando una guerra da tre anni ormai, con questi loschi e vili individui li hanno in casa i quali gli stanno pure occupando una buona parte di territorio nell’est del paese per non parlare della Crimea …

    • telepaco

      Eppure è cosi carlo, ti devi rassegnare alla grandezza di Putin, non c’è altro da fare caro mio :)

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
        • Leonardo Giuseppe Masia

          Ti ricordi chi ha vinto la seconda guerra cecena, si?
          Adesso poi in Siria gli han dato una bella sfoltita, al potenziali ”freedom fighter” islamici col passaporto russo o meno (Quelli che son partiti, non son tornati… Bombed last night, and bombed the night before…)…
          Sono almeno quattro secoli che i russi hanno un sacco di musulmani dentro o i loro confini. Tranquilla che li sanno gestire. ”Parcere subiectis et debellare superbos”, vecchia storia. E quando i russi debellano, beh, DEBELLANO!
          Sorry, non saranno i ”raghead” a togliervi le castagne del fuoco

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • Leonardo Giuseppe Masia

            Quello che tu chiami incubo, Putin lo chiama problema.
            Tutta la vita è risolvere problemi. Karl Popper.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Vedi il mittente? Riesci a tenere separata la luna dal dito che la indica?

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Quello che Foreign Policy chiama incubo, Putin lo chiama problema. Ti suona meglio?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Putin lo chiama problema … Piuttosto vediamo Putin sottomesso da Kadyrov …
            https://uploads.disquscdn.com/images/541101f854746b64d5d491c2a4887a19f7f9b72575066522cc89c6fc5a9e16ac.png

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Sottomesso un par di palle, mozzaorecchi.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • Leonardo Giuseppe Masia

            Conosci Shakespeare, razza d’ignorante? ”Se sei a Roma fai come fanno i romani”.
            E se sei nel Caucaso, puoi metterti un berretto caucasico: nessuno ti dice niente.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Quindi sei in Russia NON fai come fanno i russi? Non ti senti ridicolo?

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Parlo in russo, guardo la TV russa, leggo i giornali russi, metto le patofole in casa… c’è altro?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Fregato …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Maddeche,aho! Fregato cosa? Fregato come, fregato perché?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Certo, se sei in Russia fai come fanno i ceceni …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Se sono in Russia faccio come fanno i russi. Se sono in Cecenia (Repubblica della federazione russa) faccio come fanno i ceceni (se qualcuno mi spiega com’è). E se sono in Jacutia (altre repubblica), idem con patate. O dovrei mettermi a cercare spaghetti?
            Tu cercheresti un MacDonald, ma tant’è…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Le leggi russe coprono tutto il territorio russo, diciamo che non sei capace di capire la costituzione russa …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Le leggo sono una cosa (e non vietano di portare berrettini caucasici), le usanze locali sono un’altra.
            E le cose che non capisci tu richiederebbero un’enciclopedia per essere elencate tutte…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Stai dicendo che in Cecenia non ha avuto luogo la violazione della legge russa … ma tu dici anche, come milioni di russi, che i massacri comunisti non hanno avuto luogo …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Stavamo parlando di quello che fa Putin nella foto (o che farei io), o mi sbaglio?
            Inutile che cambi discorso, mozzaorecchi.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non stiamo parlando, tu stai negando …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            E tu stai andando per prati. Hai cominciato a dire che Putin si sottometteva a Kadirov e che la sottomissione era visibile perché Putin indossava un cappellino caucasico. Resta sul pezzo, furbastra.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Putin si sottomette a Kadyrov in quanto lo lascia, non solo in Cecenia, calpestare le leggi russe …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            1: Allora ammetti di aver detto una cazzata per il cappellino.
            2: Quali?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il cappellino fa capire chi è Putin, e appunto sottomesso … come i russi nel loro trascorso rispetto ai loro carnefici …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Questo fa capire che tu non hai capito niente (e non sono affatto sorpreso)…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Quindi secondo te nascondere e/o negare i demeriti russi è capire …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            No. Pensare che Putin sai sottomesso a Kadirov è NON capire (o per essere più precisi, è essere coglioni…)..

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Invece si vede Kadyrov sfruttare la sconfitta russa nei confronti della minoranza musulmana con passaporto russo … e si vede, la detta sconfitta, anche a Mosca … https://uploads.disquscdn.com/images/805afbaeb4efe0c7301f333198c8f2c1755495c73e47ec653b7f18719cbd5194.jpg

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Di che scofitta stai vaneggiando?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Prendiamo la Cecenia, oltre il 90 per cento del suo budget viene da Mosca …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            E allora? E’ un modo come un altro per tenersela. ”Moneta è buon soldato e sfonda sempre” (ancora Shakespeare, ignorante…)…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Quindi ammetti la sconfitta di Putin per quanto concerne il Caucaso …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            No, ammetto che tu sei deficiente, visto che non capisci la realtà manco se te la spiegano.
            Quel soldi sono la guarnigione russa in Cecenia. Meglio spendere soldi che soldati.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Storie … e a tal proposito L’Espresso (La Cecenia di Vladimir Putin, tra pace e tangenti) … Oltre il 90 per cento del budget della Repubblica viene da Mosca … il governo doveva ridurli, invece ha deciso di elargire entro il 2025 altri 80 miliardi di dollari al Nord Caucaso. Del resto Putin non ha alternative: Grozny è un tassello fondamentale della sua precaria pax caucasica …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Togli ”precaria” e ci sei…
            E non è una sconfitta. È un modo per mantenere i frutti di una vittoria (1999-2006: Dagestan, Grozny, Quota 776, Komsomolskoe, Khattab down, Yandarbaev down, Mashkadov down, Basaiev down -anzi: ”BOOM!”-, Umarov down…).

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ci sono voci scettiche … The Central Asia-Caucasus Analyst – The North Caucasus insurgency: weakened but not eradicated …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Fossi in loro farei finta di essere ”eradicated”. Da qui all’eternità…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            A Mosca ci sono milioni di musulmani e anche trattati male …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Ci sono quelli trattati male perché si comportano male. Qui dovremmo fare lo stesso…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • Leonardo Giuseppe Masia

            Non sapevo che l nordcorreanii fossero islamici…
            Comunque, credici o no, hanno PAGATO per andare lì…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ti stai avvicinando pericolosamente al reato … pensaci …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Quale reato, scusa? È scritto nell’articolo: non sono stato i russi a prenderli e portarli a Mosca su una nave negriera (lungo il Volga, magari). Quella gente ha pagato una tangente per andare dov’era andata. Probabilmente in Nord Corea c’era la fila per andarci.
            Qual’è il reato? E comunque io che c’entro? Le cose stanno così, io riporto e basta.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Difendi cosa? Un paese che ha massacrato e schiavizzato milioni di persone …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Chi è senza peccato scagli la prima pietra. E gli USA non possono scagliare neanche la seconda…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Diciamo che possono fare di più, e lo vedi con la dissoluzione dell’URSS …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Dream dream dream, dreeaming…

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Vado sempre più convincendomi che tu sia completamente idiota.
            Costruire unaoschea NON è essere sconfitto. E’ prendersi cura dei bisogni spirituali del propri cittadini di fede islamica. È forza non debolezza.
            Perdere subiectis tu debellare superbos. Ai subiectis, moschee. Ai superbos, speznaz, trappole mortali (vedi il povero Basaev), veleno (Staril Kattab), e tanto, tanto piombo…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Piuttosto difendi un paradosso, la Russia che giustifica la separazione della Crimea dall’Ucraina col diritto di autodeterminazione dei popoli che nega alla Cecenia …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Te l’ho già spiegata la Cecenia. Avevano l’indipendenza (nel 1999) e l’hanno buttata via (Basaiev, Umarov, tagliamo un altro pezzo di Russia, Dagestan, ecc.). Aol the worst on them…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ma queste sono tue invenzioni …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            No, è la storia. Guarda Wikipedia, ”war in Dagestan”.
            Non ho bisogno di inventare niente per farti fare la figura della cretina…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Semmai War of Dagestan … ma quale indipendenza della Cecenia nel 1999?

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Dopo la prima guerra (quella voluta e persa dal ”democratico” Eltsin) c’era stato un accordo per cui in pratica la Cecenia era già indipendente (doveva esserci un referendum qualche anno dopo ma era una formalità). I Ceceni elessero un nuovo presidente (Maskadov) ma questi si fece mettere i piedi in testa da Basaiev e dagli altri wahabiti arrivati da fuori (e finanziati dai sauditi). E perciò molti combattenti della prima guerra (che non erano wahabiti e non volevano diventarlo) si avvicinarono ai russi (vedi Kadirov Senior). And then there was Dagestan…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Racconti la storia come ti pare, con lo scopo di fare apparire la democrazia (e qualsiasi leader all’infuori di Putin) avere causato il conflitto discusso. Il problema, negato, è piuttosto dire la Crimea essere russa per maggioranza russa ma non anche la Cecenia dei ceceni per loro maggioranza. Un altro problema dei russi è dire in Cecenia compiute le leggi russe mentre sono solo parzialmente compiute (e anche solo perché i ceceni ricevono incentivi dal governo centrale a Mosca).

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Non sono io che la racconto come mi pare. È la storia che non è come pare a te.
            La prima guerra cecena c’è stata. L’ha voluta Eltsin. L’ha persa. E poi, Dagestan…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ripeto: Crimea-Cecenia = incoerenza russa (il bue che dice cornuto all’asino) …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Incoerenza un par di palle. La storia è diversa (Dagestan = Fort Sumter, 1861, guerra civile americana). Le conseguenze sono diverse.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            In Cecenia i russi sono una minoranza … quindi stai mentendo.

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Forse non hai colto il modo della questione. I Ceceni avevano l’indipendenza, i ceceni hanno aggredito la federazione russa, o ceceni hanno perso. Peggio per loro.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Appunto stai mentendo …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            NO, sei tu che non capisci (come d’uso). Quando uno comincia una guerra, e la perde, peggio per lui. VAE VICTIS.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ripeto: stai mentendo …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Che ricevano ”incentivi” (come li riceveva il Sud Italia) non c’è nulla di male. Anche a volerli considerare come guarnigione (meglio soldi che soldati). Quanto alle leggi solo ”parzialmente compiute”, in Alto Adige era lo stesso (supporto del governo locale alla minoranza tedesca, ecc.). E anche la Sicilia è parecchio ”autonoma”. E allora?
            ”Foedera Alia, Aliis legibus” (patti diversi con leggi diverse). Lo facevano già i romani…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il confronto con l’Italia zoppica anche perché non ha regioni con maggioranza musulmana …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            E cosa caspita c’entra?
            Le autonomie sono autonomie. Su base etnica, religiosa, linguistica o altro, cambia poco…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Parla con qualcuno …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Parlaci tu, ma uno bravo!

    • Zeneize

      Gli Amerikani devono pur vendere le loro armi, no?

    • Leonardo Giuseppe Masia

      C’era una volta l’Ucraina prima di Maidan. Era un Paese povero ma tranquillo. Prendeva soldi dei russi per il transito del gas, per l’affitto della base di Sebastopoli, pagava il gas russo scontato come bonus per l’affitto della base, e per il resto viveva commerciando con la Russia e con l’Europa. I suoi popoli (russi, ucraini, tatari, magiari) vivevano in pace, ed il Paese era assolutamente neutrale.
      Poi un brutto giorno successe Maidan…

    • Leonardo Giuseppe Masia

      Oltre che sconclusionato, anche sgrammaticato…

      • carlo

        pensa per te oltre che ad essere TU sgrammaticato non ne azzecchi una che sia una, ripeti solo dei preconcetti presi da qualche parte come un pappagallo … o un cane da riporto …

        • Leonardo Giuseppe Masia

          Io almeno a mettere in fila soggetto, predicato e complemento ca la faccio. Tu, a quanto pare, non sempre…

          • carlo

            a me sinceramente non mi frega un c…o … non è la grammatica che mi da da vivere … a me basta confutare le balle che racconta la gente come te …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            Credo che anche per questo ci voglia una lucidità mentale ben superiore a quella che esibisci di solito…

          • carlo

            pensa un po alla tua di lucidità mentale … dal momento che non mi sembra che tu ne abbia poi molta dato che ripeti pedissequamente e noiosamente i soliti clichè imparati e ripetuti come un pappagallo chissà dove …

            PS: e con questo ti congedo dal momento che mi hai già stancato …

          • Leonardo Giuseppe Masia

            E và, e và… che si ce devi annà ce devi annà…

  • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

    Estonia, popolazione totale 1,3 milioni di persone INCLUSA il gruppo che parla Russo come lingua madre.. che e’ circa il 30% .. stiamo parlando di una citta’ di provincia Italiana !!! ma ci rendiamo conto ?!?

    • Leonardo Giuseppe Masia

      Gli estoni (e i lettoni) vivono nel passato. Se la prendono coi russi che vivono da loro (e sono tanti) per quello che ha fatto Stalin. Come se i russi di adesso c’entrassero qualcosa. Il loro sogno segreto è che se ne vadano tutti. Non hanno ancora capito che non succederà.

  • Leonardo Giuseppe Masia

    Credo che ci sia parecchia gente che si augura un’invasione russa in Estonia o altrove.Perché se i russi non attaccano, la NATO è

  • Leonardo Giuseppe Masia

    Credo che ci sia parecchia gente che si augura una invasione russa in Estonia o altrove. Perché sr i russi non attaccano, la NATO è impotente…
    Il che vuol dire che finché non attaccano militarmente un Paese NATO, i russi possono fare quello che gli pare.

  • wheeleuss

    Il solito sito pagato dal Cremlino. patetici