Three_Sa'ar_5_Class_Missile_Corvettes_Going_For_a_Cruise

La flotta di Israele si esercita
inscenando un attacco di Hezbollah

Israele e il mare. Un connubio sempre più forte in cui la flotta israeliana assume, ogni anno, un ruolo più rilevante. E per questo si esercita su possibili attacchi, in particolare alle piattaforme off-shore, da parte di Hezbollah .

Le esercitazioni della Marina

L’ultima esercitazione si è conclusa in questi giorni, come ha confermato il portavoce delle Israel Defense Forces (Idf).

Secondo quanto annunciato dalle forze di Israele, nella prima parte delle esercitazioni è stato previsto l’attacco da parte di un drone diretto su una piattaforma di gas. Obiettivo era provare a intercettarlo con il sistema di difesa aerea Barak-8 una volta identificato dai sistemi navali.

Nella seconda esercitazione, è stato colpito un bersaglio navale che simulava un’imbarcazione nemica in avvicinamento. Ed è stato realizzato un lancio di missili da crociera dalle navi Saar recentemente aggiornate con nuovi sistemi di rilevamento e di cyberwar. 

Il colonnello Adar Gershon, a capo dell’esercitazione, ha dichiarato che “gli squadroni missilistici sono preparati e pronti per tutte le minacce nel settore marittimo”.

Cosa difende la Marina israeliana

Israele ha unilateralmente esteso la sua zona economia esclusiva (Zee) fino a 150 miglia nautiche dalla costa. Un’estensione irrituale e non riconosciuta dagli altri attori internazionali, ma che di fatto assegna alla flotta una notevole quantità di territorio da proteggere.

In tutto questo, il vero scopo dell’estensione della Zee è anche il controllo dei giacimenti di gas. Per Israele una vera e propria fucina di denaro ma anche un modo per incrementare il ruolo geopolitico. E le piattaforme off-shore sono diventate il centro della strategia navale israeliana. E anche obiettivo della propaganda di Hezbollah e di Hamas che le hanno spesso identificate come bersagli dei loro assalti.

“L’importanza del mare per Israele è molto chiara. Tutto nel paese arriva via mare. Israele non potrà mai trovarsi nella posizione in cui le sue acque non sono protette “. Queste le parole di un alto ufficiale della Marina dello Stato ebraico al Jerusalem Post. “Crediamo che Hezbollah abbia la capacità di colpire qualsiasi punto nelle nostre acque”.

 

La sfida con Hezbollah

Israele e Hezbollah si sfidano da tempo sulla questione energetica. E il motivo è legato a doppio filo con la scoperta dei giacimenti nelle acque territoriali del Libano.

Il governo israeliano ha definiti come “un atto di guerra” l’esplorazione nei giacimenti presente nelle acque disputate. Per Beirut sono acque sovrane. Per Israele sono acque contese. Le trivellazioni sono state considerate dal ministro della Difesa israeliano, Avigdor Lieberman, una provocazione. In Libano, l’opposizione alle parole israeliane è stata netta, sia da parte di Hezbollah che da parte del governo di Saad Hariri

Hezbollah ha minacciato più volte di colpire le piattaforme come rappresaglia. E l’arsenale missilistico del movimento sciita può effettivamente raggiungere gli obiettivi. E la guerra latente fra Iran e Israele è certamente un fattore di aumento del rischio.

Colpire il cuore dell’energia israeliana, che potrebbe in futuro fornire il 75% del fabbisogno di gas del Paese, potrebbe essere un obiettivo fondamentale. E la guerra in Siria, con i continui attacchi di Israele alle forze sciite libanesi, ha acuito notevolmente lo scontro.