clinton_lapresse_occhi

Chi paga la campagna della Clinton

Era dagli anni’70, ovvero dai tempi del Watergate, che non veniva messo in campo un così ingente sostegno finanziario da parte dei grandi interessi economici americani verso un candidato alla presidenza, come quello schierato a sostegno della candidata democratica alla Casa Bianca, Hillary Clinton. Lo sottolinea il Washington Post, raccontando come, nell’ultimo anno, Hillary si sia assicurata il supporto finanziario dei più importanti magnati degli Stati Uniti. Tanto che, fino allo scorso settembre, la Clinton è riuscita ad accumulare 1,14 miliardi di dollari. Una cifra record, pari a quella raggiunta nel 2012 durante la campagna elettorale dall’attuale presidente degli Stati Uniti, Barack Obama.

LEGGI ANCHE
Il treno torna a fischiare in Siria

LEGGI ANCHE: Chi è Hillary Clinton


La Clinton, infatti, secondo i dettagli emersi dalle mail hackerate dall’account personale del presidente della campagna elettorale della Clinton, John Podesta, e diffuse da Wikileaks nei giorni scorsi, si sarebbe preoccupata sin dall’inizio della sua corsa alla Casa Bianca di assicurarsi il sostegno economico dei più facoltosi esponenti del mondo dell’alta finanza. Tanto che, prima ancora dell’annuncio vero e proprio della sua candidatura, la macchina elettorale della Clinton si era già mobilitata per assicurarsi il sostegno dei principali uomini d’affari del Paese.

LEGGI ANCHE
Geopolitica dei viaggi di Trump

Grazie alla rete di grandi interessi politici e finanziari coltivati per oltre 40 anni dall’ex presidente degli Stati Uniti, , la candidata democratica alla Casa Bianca è riuscita, nei mesi scorsi, ad assicurarsi il sostegno degli uomini più ricchi e potenti d’America, convogliando milioni di dollari su Priorities USA Action, il principale super PAC che sostiene la campagna della democratica. Nemmeno lo sfidante repubblicano, il magnate statunitense Donald Trump, è riuscito ad assicurarsi una cifra del genere. Trump, che si è autofinanziato parte della campagna elettorale, con 52 milioni di dollari provenienti dal proprio patrimonio, è riuscito a raccogliere in totale, nello stesso periodo, “soltanto” 712 milioni di dollari.

Ma chi sono i finanziatori della Clinton?

Per prima cosa, sono molto, molto ricchi. I primi cinque “mega-donatori” della campagna elettorale della candidata democratica, secondo il Washington Post, da soli hanno contribuito, infatti, in proporzione, per un dollaro ogni diciassette raccolti dalla ex first lady durante la campagna elettorale. E un quinto del totale raccolto durante tutta la campagna elettorale è stato versato soltanto da cento individui.

In cima alla lista dei mega-donatori c’è S. Donald Sussman, manager di un fondo speculativo, che ha versato nelle casse della candidata democratica circa ventuno milioni di dollari. Un investimento motivato, a suo dire, dalla volontà di sostenere la Clinton per ribaltare la sentenza Citizens United, che ha rimosso ogni limite proprio ai finanziamenti dei privati nelle campagne elettorali. Così Sussman ha deciso di assicurare un supporto finanziario senza limiti alla Clinton, per limitare in futuro l’ingerenza di fondi privati nelle campagne elettorali.

Al secondo posto, con più di 16 milioni di dollari versati, poi, ci sono J.B. Pritzker e sua moglie. Investitore privato ed erede della catena di hotel Hyatt, non è chiaro quali siano i suoi interessi. Manifesta è, invece, la sua avversione a Donald Trump, e il fatto che avrebbe dichiarato che questa è l’elezione più importante della sua vita.

Haim Saban e sua moglie Cheryl, hanno contribuito con oltre undici milioni di dollari. Produttore televisivo, investitore e proprietario di diversi media. La più grande preoccupazione di Saban è quella di proteggere Israele. E il suo modo di influenzare la politica americana in questo senso, secondo quanto riporta il New Yorker, è fare donazioni finanziarie ai partiti politici, finanziare think thanks e controllare i media.

Al quarto posto c’è George Soros, il magnate di origini ungheresi che non ha bisogno di presentazioni e che su Priorites USA Action ha versato quasi dieci milioni di dollari.

Investitore e imprenditore, l’ultranovantenne Daniel Abraham è il quinto maggior donatore della Clinton, con 9.7 milioni di dollari versati.


LEGGI ANCHE: La politica estera di Clinton e Trump a confronto


Dai nomi dei principali sostenitori emerge quindi già un primo dato sui solidi legami che intercorrono tra la candidate democratica, i cosiddetti “poteri forti” di Wall Street e la lobby filo-israeliana. Ed è facile quindi intuire quali saranno le posizioni su alcuni dei temi cruciali della politica estera, se la Clinton sarà eletta presidente. Del resto, come si legge su Forbes, la stessa Clinton ha assicurato in proposito che, a differenza del suo predecessore, “gli Stati Uniti riaffermeranno il proprio forte e duraturo interesse nazionale nella sicurezza di Israele”, assicurando inoltre, in una lettera scritta a Saban, di impegnarsi per contrastare quelle associazioni che negli Usa fanno pressione su Israele perché accolga le richieste dei palestinesi.

Tra gli altri mega-donatori c’è poi Fred Eychaner, uomo d’affari e storico finanziatore dei democratici e dei movimenti di sinistra, impegnato nel promuovere le istanze dei movimenti LGBT, che alla Clinton ha donato 9.3 milioni di dollari.

banner_cristiani

L’imprenditore e filantropo James Simons, invece, ha versato quasi 8 milioni di dollari. Non solo Arabia Saudita, Qatar, Monsanto, e Goldman Sachs. Non solo Madonna, Steven Spielberg o Meryl Streep. Ad assicurare il proprio sostegno, morale ed economico alla Clinton ci sono soprattutto gli uomini più potenti di Wall Street. Un sostegno, quello economico in particolare, che ha permesso alla democratica di passare in vantaggio, negli ultimi giorni, sull’avversario repubblicano, Donald Trump. La Clinton, ha spiegato Kellyanne Conway, manager della campagna elettorale di Trump, può contare, infatti, “su alcuni vantaggi, come i sessantasei milioni di dollari di pubblicità che ha speso nel solo mese di settembre, il doppio rispetto ad agosto”.

In molti, come fece Sanders durante le primarie dell’Asinello, continuano quindi ad accusarla di conflitto di interessi. Come si fa, si chiedono infatti in molti, a difendere contemporaneamente “i più deboli” e Wall Street?

  • mortimermouse

    non ci voleva molto a capire: i mafiosi finanziano quando stanno dalla parte dei prepotenti e della illegalità :-) in questo caso la sinistra di clinton :-)

  • Mirco Baldari

    Con quei soldi si potevano sfamare milioni di persone e fare del bene al prossimo, invece son stati usati per quella farsa di finta democrazia rappresentativa americana, per scegliere tra due psicopatici, dove non si sa bene chi sia tra i due il peggiore, tanto alla fine che vinca quella guerrafondaia di Clinton (una vera e propria malata di mente, malvagia e satanica) o quello scemo di Trump, il risultato sarà pressoché uguale: dei dementi e pericolosi burattini al servizio del satanico governo ombra mondiale, dell’elite internazionale (governo ombra mondiale, banchieri, produttori di armi, petrolieri, big-pharma e ogm), della famosa cabala. Ho la certezza che tutto questo schifo finirà (molto probabilmente anche drammaticamente) e chi ha fatto morire di fame (intenzionalmente) milioni di persone o le ha costrette a vivere in uno stato di povertà, la pagherà presto molto cara! Addìo luridi pezzenti, avete veramente vita molto breve e morirete tutti quanti più presto di quanto vi aspettiate!

    • Paolo

      Il denaro ben amministrato serve il popolo mentre il denaro per le guerre USA impoverisce la propria gente e arricchisce i banchieri. E’ tutta qui la sostanza.

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Le armi le fabbricano i banchieri? E’ uno scoop …

        • Paolo

          Anita, amore mio, cuore del mio cuore, ti amo lo sai, ma non è uno scoop, dimmi di si e farai di me l’uomo più felice del mondo.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Vuoi confermata la mela essere un’auto e l’auto essere una pera ma per il tuo bene serve farlo presente.

          • Paolo

            E se l’auto fosse un cachi? Fammelo presente ti prego, aspetto ardentemente una tua risposta cuore del mio cuore.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            L’auto è tutto ciò che dirai che è per non ammettere di avere sposato un’idea, quella prima sovietica e poi russo-islamica, che fa finora lasciato dietro di sé una scia di sua distruzione.

          • Mirco Baldari

            Madonna, quanto sei stupida e ritardata, Anita Mueller!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Tu invece sei un bugiardo. La bugia è la causa che difendi.

    • Lupo

      La penso come te, chi ha provato nei secoli a sottomettere gli altri con
      l’ inganno è sempre finito male, come sta scritto sulla Bibbia: “diffidate della rabbia dei mansueti”. Certo fa un certo effetto vedere tutta la finanza mondiale targata ebrea schierata con gli acerrimi nemici sauditi, mi sorge un dubbio, vogliono “sgomberare” l’ Europa e metterci i Palestinesi ed altri fondamentalisti islamici?? Sarà il caso di sbrigarsi a votare NO ed armarsi subito dopo…….

  • lucabilly1963, da Atene

    Prepariamoci a una guerra al giorno, a casini nel Mediterraneo, a un’influenza quotidiana della Nato negli affari europei, a donne col velo libere di entrare dove vogliono, a buonismo forzato cogli islamici. Insomma a tutto quello che viene da una societa` debosciata e priva di valori.

  • ENRICO

    Ottimo articolo;non c’era alcun dubbio che i peggiori arnesi della consorteria finanziario-massonica internazionale e la peggiore feccia criminale del NWO stessero con la Clinton!

  • Gaetano

    Povera miserabile donna . Se non è già morta sicuramente verrà incriminata lei e tutta la famiglia Clinton per crimini verso l’uomo e l’umanità. Il resto verrà da se. Gaetano

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Verso l’uomo e l’umanità?

  • Av8921w

    Una vera candidata di sinistra.

    • chelavek

      Una vera terrorista

  • Antonio Biroccio

    I MASSONI NON ACCETTANO LE DONNE INFATTI USA IL COGNOME DEL MARITO E SICURAMENTE VERRA’ SOSTITUITA ENTRO SEI MESI IN QUANTO MALATA. UNA VECCHIA TECNICA DEL NUOVO ORDINE MONDIALE USARE I CAVALLI DI TROIA PER FREGARE I POPOLI E LE GENTI CREDULONE E SCIOCCHE.
    VI ASPETTANO DECENNI MOLTO BUI E TRISTI E SARA’ FORTUNATO CHI MORIRA’ PRIMA DI QUESTI EVENTI CREATI DALLA ELEZIONE E DEPOSIZIONE DELLA HILLARY SPOSATA CLINTON

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
      • Mirco Baldari

        Basta con queste foto Anita: mi chiedo per quale motivo la redazione ti concede di pubblicarle, mentre a me o ad altri le ha sempre censurate. Lavori per caso per il giornale?

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          La foto è una prova, e serve per riprendere il favoreggiamento di Putin rispetto ai russi musulmani (1/7 della popolazione) a scapito dei russi cristiani (6/7 della popolazione). Favoreggiamento di Putin che nell’esercito è maggiore (1/2 musulmani e 1/2 cristiani).

  • Stefano61

    Praticamente e’ finanziata da tutta la congrega di farabutti sfruttatori speculatori. Sembra che per farsi finanziare abbia raccattato la feccia del pianeta. Guerre garantite per tutto il mandato……

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Una pompa di benzina, un’auto e tu che finanzi chi te la vende direttamente dal pozzo. Forse per questa ragione ti dici complice? Eppure lo sei, come tutti noi, e chissà di chi. Ma è così con ogni tuo acquisto, pensaci.

  • Michael Staffieri

    Quando leggo i deliri sconclusionati come quello del tale Mirco Baldari mi rendo conto di come sia
    facile per i media asserviti alla finanza ashkenazita menti deboli ed ignoranti e spingerli nella direzione voluta. Il problema della massoneria finanziaria come oggi la conosciamo nasce oltre due secoli fa dopo i progrom russi e germanici verso gli ebrei caucasici slavi e germanici (detti appunto ashkenaziti e parlanti lo yiddish ovvero l’antico ebraico della Torah misto all’idioma del luogo in cui vivevano, specialmente il polacco ed il tedesco). Ashkenaziti sono i Goldchild, i Goldsmith, i Rothchild, i Rockfeller, i Goldman, i Soros, i primi cinque finanziatori della Clinton indicati nell’articolo, e persino il giovinastro Zuckerberg di Facebook. Messenger e WhatsApp. Se andiamo a mappare tutte le partecipazioni azionarie di questi “signori” (si fa per dire!!) ci troviamo di fronte ad un monstrum finanziario planetario con un potere inimmaginabile che di fatto condiziona nazioni, governi e popoli per quasi 4 miliardi di persone. Donald Trump, indipendentemente dal fatto se sara’ eletto o meno, è gia’ un eroe solo per avere cercato di opporsi a questa mafia economica planetaria di cui la malefica sociopatica Clinton è il burattino di turno. Purtroppo tutto questo è percepito e compreso pienamente dai pochi che hanno cercato la verita’ che è in tutta evidenza su internet e nelle cronache degli ultimi dieci anni. Aggiungiamoci la nulla o scarsa conoscenza dell’inglese, lingua in cui sono redatti la maggior parte delle pubblicazioni e degli articoli di riferimento, ed abbiamo i soliti parlatori da bar su cui fanno aggio proprio i massoni che usano le sinistre per plagiarli ed utilizzarli ai propri fini. Non è un caso che in Italia si inizio’ a distruggere l’ottima scuola sin dalla fine degli anni ’50 e si prosegua tuttora. Non basterebbero cento enciclopedie Treccani per raccontare il meccanismo perverso della setta massonica e le sue sataniche conseguenze solo degli ultimi due secoli, ma basta citare due eventi la rivoluzione francese e la Guerra di Indipendenza USA, entrambi di matrice massonica. Per il resto occorre cultura e quarant’anni di studi solo per scoprire appena la punta dell’iceberg. Regards

    • Mirco Baldari

      Ma tu guarda, ha parlato il saggio. Solo perché sono stato al massimo sintetico, definisci il mio commento sconclusionato. Di solito i miei commenti sono molto più dei tuoi, questa volta volevo essere il più breve possibile per stimolare alla ricerca anche chi di questi argomenti non sa un bel niente. Quello che tu scrivi è condividibile, dal momento che anche il sottoscritto è più di dieci anni che si imbatte in ricerche su questi argomenti. Quello che invece mi fa schifo, è il tuo atteggiamento da presuntuoso, di chi conosce meglio degli altri (e non è il tuo caso, credimi!) per poter dire: io so tutto, gli altri stiano zitti! Ma fammi il piacere, brutto buffone e ciccione. Dalla tua linea ne deduco che tu non sia affatto una persona equilibrata e nuppure saggia: solo per quest’ultimo motivo dovresti tenere il tuo beccuccio chiuso! Invece di essere uniti per cercare di risolvere un problema comune che ci attanaglia tutti, ecco il deficente di turno come te, che fa solo il gioco di quelli che invece vorremmo contrastare: “divide et impera”. Fa vedi veramente di andare a quel paese, patetico idiota!

      • John

        deficente deficiente

        • Mirco Baldari

          frocio, ritardato, frocio, ritardato, frocio, ritardato: dovrebbero impedire a certi ritardati come te di imparare a scrivere e leggere: dovreste solamente stare in casa e non fare niente!

  • saturo

    I governo non eleggono, diceva un famoso banchiere, si scelgono, e loro hanno scelto la super ambiziosa che comincerà la 3za querra momdiale. I bunker per lei sono già pronti, e insieme a lei un numero di privilegiati, per agli altri, me e tanti italiani, ci sarà il nulla.

    Gli idioti utili della sinistra, che si prestano a questo gioco al massacro, meritano quel verrà.

  • ippolito

    Stavolta gli USA rischiano di sgonfiarsi come un sufflè venuto male.
    Ormai sono una oligarchia senza identità, non hanno più niente della democrazia wasp solo di pochi anni fa.
    Lo stesso Trump ha una figlia sposata con un ebreo, convertitasi all’ebraismo, come ebreo era Sanders.
    Obama in Cina all’ultimo incontro internazionale è stato brutalmente umiliato prima dai cinesi che lo hanno fatto scendere dalla scaletta d’emergenza dell’aereo, poi pure dal presidente filippino.
    Ormai il presidente USA è un vaso di coccio tra vasi di ferro, l’unico modo per noi europei di difenderci da questa tramontante oligarchia ebraico-salafita è chiudere euro ed UE e tornare agli stati nazionali, prendendo gli immigrati a calci sulle gengive.
    Già adesso le forsennate campagne stampa pro negroni delineano lo stato di profonda disperazione del defunto regime renziano in bancarotta.
    Soros vaffanculo.

  • Mr.Joe

    Tutti donatori con doppia cittadinanza Israele-Usa. Non devo aggiungere altro.