GETTY_20180408214103_26130702

Dopo l’addio di Nigel Farage
lo Ukip è sull’orlo del baratro

Il partito dell’euroscetticismo, tra i principali fautori della Brexit, Ukip, sta vivendo la sua inesorabile parabola discendente. Il partito presenterà il 75% di candidati in meno per le elezioni locali del prossimo mese rispetto a solo quattro anni fa – il che suggerisce che il partito è “praticamente morto”, come scrive l’Independent.

Il partito anti Ue, colpito dalla crisi, è in procinto di competere per soli 550 seggi circa in tutta l’Inghilterra –  il 12% del totale – in calo rispetto ai 2.193 per cui ha concorso, durante il periodo di massima popolarità, nel 2014.

Anche nelle ex roccaforti, come Sunderland, Hyndburn nel Lancashire, Nuneaton nel Warwickshire e Fareham nell’Hampshire, Ukip non schiererà dei candidati, o al massimo uno o due. A Liverpool, Wolverhampton, Maidenhead e Colchester, non riuscirà a concorrere per alcun posto, ha detto Lord Hayward, un sondaggista conservatore.

“A tutti gli effetti, sembrerebbe che Ukip sia praticamente morto come organizzazione per contese elettorali”, ha detto. “Ciò conferma la disastrosa caduta di Ukip dall’attenzione pubblica”. Ukip ha ottenuto il 17% dei seggi quando gli stessi sono stati contesi l’ultima volta, nel 2014, quando il partito era guidato da Nigel Farage, ma da allora è imploso, perdendo non meno di tre leader.

Il partito ha recentemente scansato la minaccia di bancarotta dopo aver raccolto quasi 300.000 sterline per coprire il costo delle spese legali dovute. Il suo leader ad interim, Gerard Batten, ha dichiarato che la sua richiesta di donazioni per contribuire a salvare il partito ha raccolto almeno tre volte più di quanto sperato. Ukip punta anche a evitare il suo quarto costoso congresso per la leadership nell’arco di 18 mesi, mantenendo Batten come segretario in carica per il prossimo anno.

Questi aveva lanciato un appello di emergenza dopo aver ricevuto due settimane di tempo per pagare una fattura legale da 175.000 sterline per una causa istruita a carico di uno dei parlamentari europei del partito, reo di aver diffamato tre deputati laburisti. Il partito fu costretto a risarcire i danni dopo che Jane Collins dichiarò erroneamente che John Healey, Sarah Champion e Kevin Barron ignorarono consapevolmente gli abusi sessuali a Rotherham.

Successivamente, ha dichiarato che “Ukip ora è al sicuro”, aggiungendo che il conto legale del partito era già stato pagato “con altri mezzi”. Ukip non ha fornito ulteriori dettagli sulla provenienza di questo denaro. In ogni caso, da una quasi morte clinica di partito alla presentazione di liste elettorali per le prossime consultazioni, la strada è sicuramente molto in salita. 

In un’intervista, Batten ha dichiarato: “Sei settimane fa non avevamo pianificato una campagna elettorale locale. In un breve lasso di tempo, il partito ha radunato e organizzato un numero rispettabile di candidati, con la speranza di confermare i seggi già ottenuti e di conquistarne di nuovi”.

In realtà, il movimento non sembra più avere l’appeal che aveva raggiunto durante il suo periodo d’oro a cavallo del referendum sulla Brexit, ed ora i grandi partiti potrebbero aumentare il loro consenso erodendo la base elettorale di Ukip.

Il crollo di Ukip dovrebbe aiutare i conservatori a riparare alle pesanti perdite che rischia di subire al di fuori di Londra, nelle elezioni del 3 maggio. Tuttavia, i Tories si stanno dirigendo verso i loro peggiori risultati elettorali locali nella capitale, dato che nuovi elettori più giovani abbandonano il partito, secondo quanto pronosticato da Lord Hayward, avvicinandosi alle forze europeiste.

Il numero di consiglieri Tory nella capitale dovrebbe scendere al di sotto dei 519 seggi che il partito ha ottenuto nel 1994, quando il governo di John Major è crollato sulle aspre spaccature sull’Europa. Ciononostante, Theresa May dovrebbe sopravvivere al quasi-tracollo, a condizione che il voto tory resista fuori da Londra, piuttosto che affrontare la sfida della leadership una volta ufficializzati i risultati.

  • random640

    la cosa è chiara, finita la spinta propulsiva dopo la brexit, per la quale si era speso completamente, anzi praticamente era la brexit, dopo non ha avuto la stessa forza per gli altri argomenti, quali lotta all’immigrazione, e trasformarsi in partito nazionalista di dx estrema che gli avrebbe consentito di essere alternativo, in un momento come questo ai due partiti tradizionali, come succede negli altri paesi soffocati dall’immigrazione incontrollata, e poi troppo personalistico. Cosa che succederà con forza Italia, forse in maniera più drammatica senza Berlusconi

  • ANACONDA

    Anche alleanza con M5* in E.U. potrebbe non avere giovato
    Salvini deve stare in guardia
    i stellati son gente pericolosa

  • Lino G. Beretta

    Non è la fine dell’Ukip, è la fine dell’Inghilterra così come l’abbiamo sempre immaginata. Gli abusi sessuali di Rotherham, dove bande di pakistani hanno seviziato, abusato e pure ucciso minorenni bianche e protestanti, sono stati ignorati da polizia e magistratura per il dichiarato timore di essere accusati di islamofobia. Gli stessi giudici, suppongo, che hanno liquidato la fattura che ha dato il colpo di grazia alle finanze dell’Ukip. Questo quadretto di elettori svogliati, politici smidollati, magistrati politicizzati, immigrati prevaricatori, è la graziosa pre-view di quella che sarà l’immagine di tutta l’Europa in capo a due decenni.

  • bruno

    Brexit=mission accomplished ukip can die