crocispezzate_apertura

I cristiani dimenticati di Cipro

Da Larnaca Lapithou, “Repubblica turca di Cipro Nord”, Yannakis scuote la testa, si passa una mano sul viso e poi tace. Osserva i muri coperti di scritte, le finestre sfondate, il pavimento coperto da tre centimetri di guano. Un piccione entra svolazzando dalla porta, si posa su un capitello diroccato.

“Questo è un luogo sacro”, mormora la nostra guida, la voce spenta dall’orrore. Lo era. La chiesa di San Giorgio a Diorios è irriconoscibile. La guerra e l’occupazione turca l’hanno violentata, come quasi tutti gli altri edifici di culto cristiani nella parte settentrionale dell’isola di Cipro.

LEGGI ANCHE
Cos'è il partito Fidesz

Abbandonate dai greci in fuga davanti ai soldati turchi trionfanti, le chiese degli ortodossi e dei cattolici maroniti sono state dissacrate e ridotte a magazzini. Alcune vennero convertite in luoghi sacri a Maometto, come a Larnaca Lapithou e Yilmazkoy, per poi essere dimenticate dopo la costruzione delle nuove fiammanti moschee in stile ottomano.

Altre vennero saccheggiate e poi lasciate a seccare al sole come un cadavere imputridito. Nel monastero del profeta Elia le pecore si abbeverano al battistero. In quello di Larnaca i pastori turchi macellano le capre nelle celle dei monaci .

Alcuni villaggi maroniti abbandonati dalla popolazione sono stati completamente circondati dalle caserme e ancor oggi sono inaccessibili ai loro antichi abitanti. È la sorte di Assomatos ed Aghia Marina, dove un colpo di spugna della storia ha cancellato la vita civile.

Qui e lì qualche cappella isolata viene restaurata con i contributi dell’Unione Europea, anche se la riapertura al culto è soggetta al beneplacito delle autorità militari.

14961379_10210976713951599_1037543359_n (1) 14971272_10210976713591590_1589148259_n (1) FILE0040 FILE0042 (2) cimiteroprofanato (1) crocispezzate (1) FILE0044 FILE0044 (2) FILE0045 (2) FILE0056 FILE0049

Nell’antico villaggio di Karpasha è la signora Yannoula ad aprirci le porte della chiesa della Santa Croce. Lavora come sindaco del borgo, perché a settant’anni è la più giovane dei sei abitanti: dal 1974 custodisce gelosamente le chiavi della piccola cappella.
La struttura, ci spiega, è stata restaurata con i fondi comunitari, ma i soldi inviati da Bruxelles non bastano a salvare gli arredi. E così un incantevole crocifisso ligneo bizantino del XIII secolo languisce dimenticato dietro un cancello d’acciaio. Il valore delle icone antiche è inestimabile e i trafficanti di opere d’arte lo sanno bene.
Ogni tanto Yannoula viene a rispolverare la croce e le altre tavole, sperando che un giorno arrivi anche il denaro necessario a farle splendere di nuovo.

Anche a Mirthou il monastero di San Pantaleone è chiuso per restauri, dopo decenni di oblio. Sul campanile ancora svetta una croce di pietra distrutta per metà. La voce popolare vuole che per due volte il santo abbia scaraventato giù dalla torre i soldati turchi inviati ad abbatterla. Da quella volta, effettivamente, metà croce è rimasta intatta.

L’agiografia ha prodotto un buon numero di storie sui miracoli ottenuti da chi s’impegna a ricostruire le chiese in rovina. La cappella di Santa Maria, ad esempio, è stata riaperta su ordine del sindaco turco dopo che a una donna musulmana apparve in sogno la Vergine. Da cieca che era, la donna riacquistò la vista per intercessione della Madonna, che per contro riebbe la sua cappella restaurata e funzionante.

FILE0059 FILE0065 FILE0057 FILE0072 FILE0071 FILE0084 tombeprofanate

Non tutti i paesi, però, sono stati così fortunati. Nella piccola Larnaca Lapithou, ai piedi delle montagne che sovrastano la città di Girne, all’ombra dei cipressi giace un piccolo cimitero.

Fra i rovi e gli sterpi, le croci di marmo sono in terra, spezzate. Tutte recano date anteriori all’invasione turca. 1971, 1972, 1973… poi sono arrivate le truppe d’occupazione e lo scempio che ogni guerra porta con sé. Ma davvero non si capisce perché anche dopo quarant’anni ai pochi cristiani rimasti sia ancora vietato di ricoprire quelle lapidi scoperchiate. Perché non si possa accendere un lume e portare un fiore sulle ferite della memoria, ancora aperte nell’Europa del 2016.

Yannakis scuote ancora la testa, si passa una mano sul viso e tace di nuovo. Recita l’Ave Maria, ma la preghiera gli muore in gola. Nessuno vuole vendetta. Tutti però sognano la pace, per i vivi e per i morti.

  • best67

    per questo ed altro la turchia è indegna di entrare nella uè!

  • gcf48

    spero che non si riuniscano perchè i turchi sono come la gramigna

  • gennarino

    LA TURCHIA ANDREBBE RASA AL SUOLO INSIEME AD ARABIA SAUDITA ED EMIRATI ARABI UNITI…MAGARI ANCHE L’INGHILTERRA, DAL MOMENTO CHE GLI INGLESI SONO IL POPOLO PIÙ INUTILE, DANNOSO, SPORCO, CHE NON CONOSCE COSA SIA L’IGIENE E GUERRAFONDAIO DEL PIANETA!

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Sei fuorilegge con questo tuo commento.

    • carlo

      e meno male che che lei si professa cristiano evangelico ? alla faccia ! un bel esempio di tolleranza cristiana …

  • Maria

    E passata inosservato il discorso tenuto da Erdogan ad un canale televisivo israeliano. Il suo commento fu allucinante poiche paragono l autodifesa israeliana dopo otto anni di continui tiri missilistici sulle citta israeliane sulla costruzione di tunnel sotterranei per fare stragi di ebrei a Hitler e al nazismo. Poi cerco di addolcire la pillola cercando di tergiversare con scuse false. Israele fece pace con la Turchia piu per motivi strategici che di simpatia e perfino ricompenso con forti somme le vittime dei terroristi turchi della Mavi Marmara. Volevo ricordare con profondo rispetto e sentimento scevro da rancore o pregiudizi che i cristiani di Grecia e ci sono documenti rimasero indifferenti alla deportazione degli ebrei di Cipro e Salonicco finiti quasi tutti nelle camere a gas solo alcune famiglie furono salvate dalla popolazione turca. La chiesa ortodossa a tuttoggi e contro Israele. Inoltre volevo ricordare gentilmente ai lettori del corrige del giornale non il foglio e ai suoi giornalisti che durante la guerra contro Hamas a Gaza la stampa cattolica il Papa,l osservatore romano e molti di voi ho documenti si scagliarono contro Israele definendo il suo esercito assassino di bambini e vecchi. Stesse accuse furono riprese da Erdogan alla televisione turca. Due anni or sono durante la preghiera mattutina in una sinagoga di Gerusalemme furono barbaramente sgozzati rabbini e fedeli a colpi di ascia ma nessuno ci difese ne il giornale cerco con maggior enfasi di difenderci. Ora vi lamentate giustamente di essere perseguitati,ma sieti poco sensibili ad una minoranza che vive in Medioriente Israele il Capro espiatorio di tutti i mali del mondo. Il Vaticano l anno scorso riconobbe a tutti gli effetti uno stato palestinese oi error poiche lo stato ebraico li discrimina. Vi prego di leggere le copie del contenuto. Questi bravi innocenti palestinesi con coltelli grosse pietre bombe moloto ar error attaccano soldati e civili innocenti senza pieta e poi festeggiano al grido Allah U Akbar distribuiscono dolci e Mahmoud Abbas il lorom presidente uscente concede alle famiglie dei terroristi pensione e aiuti economici enormi.Grazie ai coraggiosi soldati distribuiti su tutto il paese si sono in parte arginati gli attacchi mortali. L UNESCO con la collaborazione dei Palestinesi e del mondo arabo e di molti paesi ostili ad Israele hanno negato il legame storico biblico degli ebrei legato a Gerusalemmo e al monte del tempio. Il foglio solo il foglio prese seria posizione mentre la maggioranza di voi cristiani rimase silenziosa e il giornale dedico brevi commenti. Due pesi e due misure nei nostri confronti. L Europa non ci difende a sufficienza per non parlare dello scandaloso silenzio di Papa Francesco e della chiesa solo si fanno vivi quando si tratta di cristiani di yazidi ma non per amor di Dio di noi ebrei nemici a tuttoggi di Gesu e Maria.Saremo nuovamente il capro espiatorio del mondo occidentale e di un indifferente mondo cristianoma Israele sopravvivera perche Dio fara giustizia non vendetta.Maria

    • gcf48

      adesso non esageri. ci sono molte colpe da parte dei cristiani, ma anche da parte degli ebrei. Non dimentichiamo che il nostro nemico comune è l’islam in tutte le sue salse. cordialmente

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Il nemico comune è chi, parlando di altro, nasconde l’uccisione di non pochi esseri umani e sempre con lo stesso scopo e quello di derubarli.

        • Maria

          Anizho problemi di connessione ripeto- Anita per cortesia puo essere piu esplicita,grazie???Maria

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il genocidio per soldi e non per altre ragioni. Se osservi i genocidi traspare subito il soldo come movente. Non lo vediamo il detto movente anche per copertura degli storici.

      • Maria

        gc 48 mi dica quali atti barbarici commissero gli ebrei. Sono diplomata in storia delle religioni e mi occupo da anni del dialogo interreligioso ricevendo minacce e insulti. Noi non abbiamo costruito ghetti non abbiamo diserad ato i cristiani si legga le leggi promulgate dopo l editto di Costantino. Noi non abbiamo forzato i cristiani a portare la stella o meglio la rotella gialla imposta da Papa Innocenzo III agli ebrei e poi ripresa da Hitler. Non abbiamo spostato la data della pasqua cristiana come fece l imperatore Giustiniano non abbiamo bruciato vivi cristiani per aver incolpati di sgozzare bambini ebrei anzi furono cristiani di condannarono a morte ebrei innocenti rei di sgozzare bambini cristiani per utilizzare il loro sangue ad impastare il pane azzimo. Per sua conoscenza ci sono ancora chiesa che sono dedicate a questi falsi pregiudizi. Vada a Trento a visitare la chiesa si error di San Simonino un bambino che secondo la comunita cristiana fu sgozzato dagli ebrei ed in suo om error e in suo onore come martire gli si dedico questa chiesa. Poi moltissimi anni si scopri la terribile verita e cioe gli ebrei non c entravano per nulla anzi nell ebraismo e proibito mangiare carne con il sangue e neanche di beverlo. Ma il cristianesimo aveva diffuso la diceria che gli ebrei avendo crocifisso sa error Gesu erano assetati di sangue consulti per favore documenti storici prima del Vaticano II gli ebrei erano maledetti e costretti ad errare come Caino sulla terra. Non sono qui per giudicare ma per rinfrescare la memoria. Gli ebrei non si ritengono i migliori come molti credono,ma e un dato di fatto che sono odiati per motivi teologici per pregiudizi inculcati per duemila anni dalla chiesa fino al Vaticano II. Cipro e salonicco ci sono filmati storici della deportazione degli ebrei e l indifferenza da parte dei greci ciprioti raccontata dagli ultimi ormai ultra novantenni superstiti di Cipro e salonicco. Ripeto si vuole ricordare per evitare altri stragi altri pregiudizi. C e l ignoranza poi crassa sulla conoscenza delle scritture ebraiche coi error considerate vendicative egoiste solo il Cristianesimo insegna la pace universale e l amore l ebraismo assolutamente no. Quanta ignoranza in questi pericolosi pregiudizi.Maria

        • gcf48

          senta piantiamola lì. io non ce lo su con gli ebrei e non mi merito tutta questa violenza verbale

        • Raoul Pontalti

          Che minestrone…La data della pasqua cristiana fu fissata dal Concilio di Nicea dunque sotto Costantino e non sotto Giustiniano. A Trento non esiste alcuna chiesa di S. Simonino, ma una cappella in un palazzo gentilizio (Palazzo Salvadori) e un tempo vi era una cappella nella chiesaa di San pietro custodiente le reliquie del bimbo. Lo storico ebreo Ariel Toaff ha scritto un’opera dedicata alle pasque di sangue in cui afferma come quei riti sanguinari che la Maria nega fossero in uso presso talune comunità ashkenazite e a Trento città del Scro Romano Impero vi era allora una comunità ashkenazita che nulla aveva a che vedere con l’ebraismo italiano. A Cipro (colonia britannica all’epoca), i nazisti non giunsero mai, non poterono quindi deportare alcuno, forse la Maria fa confusione con Creta, mentre Salonicco (città greca di sapore turco come il mome internazionale ci rivela, che i greci chiamano Thessaloniki, ossia Tessalonica) fu effettivamente sede di una fiorente comunità sefardita distrutta dai nazisti, ma si trova nel Nord della Grecia, in Macedonia. Sul trattamento infine che gli ebrei riservavano ai vinti vi sono diversi episodi riferiti nel vecchio Testamento che sono davvero sanguinari e taluno ha avuto la pensata di riproporli nei confronti dei palestinesi odierni…

        • virgilio

          mia cara maria io non sono per i dialoghi troppo lunghi dunque saro breve,gli ebrei mi hanno rotto il cazzo(non si offenda lo dicono anche in TV)
          e da quando e mondo che se ne parla(piutosto male)dunque qualche marachella l’avranno fatta?
          e poi sopratutto mi hanno rotto il con la SHOAH
          e la Shoah di qua e la Shoah di la non se ne puo piu,e poi se qualcuno ne dubita allora e il finimondo,la Shoah dei nativi americani non esiste la Shoah degli armeni non esiste la Shoah
          degli zingari non esiste la Shoah dei schiavi neri non esiste,esiste solo la Shoah degli ebrei,e la Shoah che stanno facendo loro con i palestinesi??
          ma che vadano affanculo tutti quanti che sono!
          saluti

      • virgilio

        soprattuto dalla parte degli ebrei!

  • wotan

    Sono stato quest’estate a Cipro Nord (Repubblica Turca di Cipro Nord, non è Turchia!), con un’amica e le nostre figlie. E’ stata una grande sorpresa. Sebbene il paese sia senza dubbio più arretrato rispetto a Cipro sud, e fuori dalle rotte turistiche, e malgrado le difficoltà per la lingua dato che l’inglese lo parlano in pochi, siamo stati trattati da tutti benissimo e come italiani (e cristiani) abbiamo fatto normale vita da occidentali. E mai nessuna richiesta di seguire le loro usanze come il velo (tranne che nelle moschee, ovviamente, ma questo è elementare rispetto). Una delle diverse volte che abbiamo passato il confine in macchina ci eravamo persi a Nicosia nel tentativo di tornare a Cipro sud un anziano che consegnava pane con la sua bicicletta, non riuscendo a spiegare la strada, ci ha accompagnato personalmente alla frontiera che era lontana diversi chilometri. E neanche ha voluto soldi malgrado era evidente che gli avrebbero fatto comodo. A volte le guerre finiscono, per fortuna…

    • Raoul Pontalti

      Negli effetti la Repubblica turca di Cipro del Nord è il paradiso del turista: prezzi bassissimi, servizi accettabili e talvolta di qualità, cibo eccellente, il vino locale appena bevibile per la verità, ordine pubblico esemplare (non vi è alcun pericolo di aggressioni o furti), attenzione però ai controlli con l’autovelox: la polizia è inflessibile con gli automobilisti sia locali che stranieri , e poi va detto che il meglio di Cipro sia per storia, arte e bellezze naturali si trova proprio nella parte settentrionale dell’isola. Sull’arretratezza rispetto a Cipro Sud: andiamoci piano, ché in materia commerciale i turchi sono molto più avanti dei greci, basti pensare all’uso generalizzato delle carte di credito e di debito che al sud si possono usare meno (come in Grecia arretrata sotto questo profilo rispetto alla Turchia) e si deve ricorrere agli ATM o addirittura alle banche per procurarsi contante. A Cipro Nord nei dieci giorni di soggiorno non ho mai messo piede in una banca regolando tutto con la carta di credito o direttamente con gli euro (frontiera: pagamento tasse doganali e assicurazione del veicolo, pagamento del visto). Di regola attraverso la Turchia da Edirne alla frontiera georgiana o iraniana senza munirmi mai di una lira turca regolando ogni pagamento (albergo, ristorante, carburante, etc) con carta di credito e ciò anche in epoca ante euro, in Grecia regolarmente devo saltare due distributori di carburante su tre perché vogliono solo contanti e anche nei ristoranti è sempre un problema e si deve per lo più pagare in contanti il pasto consumato.

      • gcf48

        conosce la condizione della grecia di oggi?

    • Maria

      Bisogna cercare di non fare dell erba tutto un fascio e i mass media in questo caso sono dei maestri. Il rancore porta all odio e alla vendetta quindi attenzione nell usare parole offensive. Si puo con fermezza criticare le malefatte di una polizia e di una politica antidemocratica e difenderci in caso di attacchi pero evitare attriti in un posibile domani scevro di odio e pregiudizi. Maria

  • Gerardo

    I turchi sono così, barbari selvaggi che vivono nel medioevo, assolutamente inadatti ad entrare nell’Unione Europea. Un segnale forte, che potrebbero dare se fossero intelligenti ed appena appena tolleranti, sarebbe la restituzione di Santa Sofia al culto cristiano. E’ solo una pia, piissima illusione.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Leopoldo II rispetto ai congolesi è come gli ottomani rispetto agli armeni e il comunismo sovietico rispetto ai kulaki e il nazionalsocialismo rispetto agli ebrei, e cioè il saccheggio di massa, in questo caso sia musulmano che cristiano, programmato che comprende lo sterminio di massa dei derubati.

      • Maria

        Tutti gli ismi sono pericolosi. Ma che dire dei gas usati da Mussolini in Africa?? Il nostro paese ha molti scheletri negli armadi. E che dire del sostegno del fascismo italiano al gran Mufti HaJ Amin Hussein amico di Hitler che ricevette somme di danaro per proseguire la sua campagna contro gli ebrei di Palestina. Ho fotocopie di questi pagamenti effettuati e anzi il gran Mufti di Gerusalemme pote installare una stazione radio a Bari. L Europa a differenza di isolati casi degli USA ha una storia piena di violenza di guerre di potere politico-religiose si pensi alla guerra dei trentanni allo scisma tra Lutero e il papato, alla shoa ed ora al boicottaggio d Israele piccolissimo territorio alla negazione da parte dell UNESCO e di molti suoi alleati tra cui i palestinesi mentre la costituzione americana del 2luglio 1776 si fonda si sulla liberta sul rispetto di tutte le religioni si aggiunsero poi i patti della fratellanza conosciuta come Fidadelfia parola di origine greca che significa amore fraterno. Punti oscuri ci sono anche per gli USA e cioe l apartheid verso gli afro-americani e gli esperimenti fatti per osservare i danni della sifilide consultare i documenti in lingua inglese della MEDICAL HEALTHCARE. Ci sara qualcuno che accusera Israele di apartheid contro i Palestinesi paragonandola a quella del sud Africa. E vero in Israele ci sono ebrei razzisti ma sono una minoranza irrelevante. Negli ospedali vengono curati senza distinzione di razza o religione palestinesi arabi ebrei tutti assieme ma i pregiudizi sull ebraismo e su Israele sono molto ancora troppo diffusi. Non parliamo della sinistra tedesca e al tempo dell ex Germania dell est i terroristi palestinesi venivano addestrati nei campi militari tedeschi.Maria

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Dici bene e aggiungo che gli storici hanno costituito una copertura e tralasciando di menzionare il movente per dette violenze che erano i beni delle vittime. Anche Hitler riceveva provvigioni da parte dell’industria bellica tedesca facendosi aiutare dagli svizzeri come tanti altri dittatori prima e dopo di lui. Svizzeri che attualmente sono confrontati con i bambini schiavi.

    • Maria

      Per favore capisco la vostra rabbia ma cerchiamo di evitare parole offensive per evitare maggiori danni tenendo conto che non tutti i turchi sono come Erdogan e soffrono.Maria

      • georgios gagalis

        Maria ,puoi vedere quanti genocidi hanno fatto i turchi.Per fare un genocidio non basta l’ordine del governo.E qualcos’altro Maria,adesso c’e Erdogan un pazzo islamista sultano…pero’ sotto di lui ci sono i nazionalisti ed i Kemalici .quelli cha hanno massacratu centinaie di migliaie cristiani(armeni,greci ecc).Non e’ casuale che -grecia ,malta ,serbia ,romania hanno feste nazionali contro i turchi.Non e’ casuale che tutti i popoli d’europao auasi tutti hanno fatto guerra con loro (polachi,italiani,austriaci,ungheresi,spagnoli,rumani,greci,serbi,montenegrini …).A cipro ,sparavano negli organi genetici delle donne e tagliavano i organi genetici degli uomini.questo non era un ordine !scusa per la lingua .grazie tutti per i commenti .sono fiero che Il Dio mi ha regalato l’opportunita di amare L’Italia come il mio paese .siete un popolo meraviglioso.e scusa se qualcunono non e’ daccordo con me .tanti saluti da Atene .
        nota:i greci i primi tre giorni vincevano .i turchi persero tutti le regioni musulmane entro il cipro eccetto 3.dopo e’ arrivato Karamanlis ,amico degli americani ,ha detto”il cipro sta lontano” .non ha mandato nuove forze militari(eccetto 30 comandos che hanno diffeso e tenuto l’aeroporto di nicosia).i turchi hanno fatto nuova invasione e poi e’ arrivata la fine del cipro .gli inglesi hanno soppportato i turchi(nel 1960 i ciprioti hanno vinto la loro indipindenza dagli inglesi…).

  • Raoul Pontalti

    Negli effetti a Cipro Nord sono molte le chiese distrutte dopo l’occupazione turca del 1974, altre sono chiuse, altre ancora trasformate in stalle o magazzini, ma alcune sono visitabili quali musei e in alcuni casi sono regolarmente aperte al culto (vedi monastero dell’Apostolo Andrea all’estremità del Rizokarpazo e la chiesa della città stessa dove vive anche una comunità cristiana). Chi semina vento raccoglie tempesta, il nazionalismo trinariciuto dei greco-ciprioti che voleva cancellare i diritti dei turco-ciprioti ha provocato la reazione turca nel 1974 sulla base peraltro del diritto internazionale e dei trattati di cui i greci stessi aveva fatto carta straccia. Incidentalmente: in un articolo antiturco perché usare i nomi turchi delle città cipriote? Perché Girne in turco in luogo di Kyrenia in greco?

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Fatto è che dopo l’occupazione turca migliaia di persone hanno dovuto lasciare le loro proprietà ai turchi. Bisogna iniziare a tenere presente l’anzidetto effetto collaterale che è l’esproprio senza indennizzo come avvenuto con lo sterminio degli armeni.

    • wotan

      Nell’attuale toponomastica, Girne si chiama Girne in turco. Perché chiamarla Kirenia? Sul nazionalismo dei ciprioti nei confronti dei turchi ci andrei piano, nei fatti è successo in piccolo (e con minori drammi) tra Germania Est ed Ovest post muro, fermo restando che c’è un abisso tra l’occupazione dei turchi ciprioti e la barbarie dei comunisti sovietici che hanno disintegrato il tessuto civile dei paesi della ex cortina di ferro.

      • Maria

        Wotan su Cipro in parte hai ragione purtroppo Cipro fa parte di un governo turco islamo-fascista non rispettoso dei diritti umani questo e il b vero problema con grande rispetto per i Turchi che non tutti la pensano fortunatamente come ErdoganM aria

      • Raoul Pontalti

        Perchè Kyrenia è attestato ben prima di Girne (che ne deriva), fino all’occupazione turca del 1974 la popolazione turca e greca della città si equivalevano e in un situazione “normale” (ossia di riunificazone dell’isola) entrambi i nomi comparirerebbero nella toponomastica, poi i greci usano parlando e scrivendo il nome greco e i turchi il nome turco e gli stranieri? Di norma il nome greco in ragione della tradizione. Faccio notare che il nome internazionale di due celeberrime città cipriote, Nicosia e Famagosta, non corrisponde affatto ai nomi locali sia greci che turchi. Nicosia prende il nome da Nicosie (francese) attribuito ai tempi del regno dei Lusignano (dinastia di un regno crociato che sottrasse Cipro non agli islamici bensì ai cristianissimi bizantini) mentre i nomi locali sono Lefkosia (gr.) e Lefkoşa (tr.), e Famagosta è la trasformazione del nome greco (tuttora in uso) Ammokhostos da cui deriva anche quello turco di Gazimagusa avvenuta ai tempi dei genovesi e dei veneneziani che in successione occuparono la città dal termine del regno dei Lusignano fino alla conquista ottomana del 1571.

  • Matteo

    La riconversione di edifici al culto di altre religioni, si è sempre fatta, anzi i cristiani hanno spesso raso al suolo templi pagani per costruirvi sopra le loro chiese. Inoltre penso sia giusto che i soldi per restaurare i luoghi di culto vengano messi da chi quel culto lo pratica. Eventuali discriminazioni o divieti, quelli sì che sarebbero da far conoscere e condannare. Ma qui non leggo niente di questo, quindi la domanda è: l’articolo vuole dare delle notizie e informazioni o semplicemente alimentare simpatia verso i cristiani e antipatia verso i turchi/mussulmani?

  • gcf48

    ci sono troppi filo turchi in questa discussione e quindi non può essere equilibrata