olycom_20170107193319_21773041

“Così si viveva sotto l’Isis”

Aleppo, 9 gennaio. Prima ha pagato 400 dollari a un passatore che conosce le piste del deserto. Con lui altri due. Quando è arrivato, di notte, nei pressi delle zone controllate dai curdi, nel Nord della Siria, il gruppetto è stato preso a fucilate perché i peshmerga temevano di veder arrivare terroristi con le cinture esplosive. Uno dei suoi compagni è stato ferito a una gamba, così hanno dovuto tornare indietro, raggiungere un villaggio e qui pagare un altro passatore che facesse loro passare la notte al riparo e poi superare la linea. E’ questo il modo che Riad, 32 anni, una laurea in Letteratura turca, ha trovato per lasciare Mayadin, una delle città siriane al confine con l’Iraq ancora dominate dall’Isis, dov’era rimasto bloccato dopo che l’Isis, nel 2014, aveva preso il controllo della zona.

LEGGI ANCHE
Così l'Isis recluta con un clic

Assai vicina al confine con l’Iraq e poco lontana da quello con la Turchia, Mayadin si trova lungo la strada che prosegue dritta per Deir Ezzor (da due anni assediata dall’Isis) e per Raqqa, la capitale di Al Baghdadi. Riad può quindi raccontare dal vivo che cosa succede nel cuore del Califfato, dove peraltro ha lasciato la madre, due fratelli maggiori e uno stuolo di cugini.
“Io non ne potevo più”, dice Riad. “Con quelli tutto può capitarti in ogni momento della giornata. Ho sempre cercato di essere prudente ma, nonostante questo, mi sono toccati due periodi di un mese nei campi di rieducazione. Prima giorni e giorni di indottrinamento. I temi preferiti erano: perché Egitto, Siria, Italia, Usa e moltissimi altri sono Paesi di miscredenti; perché è lecito bruciare vive certe persone, come il pilota giordano o i due piloti turchi; perché è giusto sgozzarne altre; perché è doveroso impedire alle persone di lasciare i luoghi abitati dai musulmani per andare in quelli dove abitano i miscredenti. Continue citazioni di Ibn Taimiya (un giureconsulto dell’islam medievale, riscoperto dai wahabiti e dai salafiti e noto per aver emesso una fatwa che consente il jihad contro altri musulmani, n.d.r), le stesse cose ripetute per ore”.

LEGGI ANCHE
Ferito il Califfo: psicosi nell'Isis

Corsi di religione, insomma…

“No. Poi veniva fuori il vero scopo. In questi campi c’erano circa 300-400 uomini, che venivano poi trasferiti a Deir Ezzor e messi a scavare trincee e gallerie nell’aeroporto, che per una parte è occupato dall’Isis. Lavori forzati per il jihad, insomma. Finito con un gruppo se ne faceva arrivare un altro. Tanto non c’era modo di ribellarsi, per molto poco si rischiava la morte”.

E tu perché sei finito nel campo?

“Mi hanno fermato perché avevo la jellaba (la tradizionale tunica islamica, n.d.r) troppo corta sulle caviglie. Una scusa, ovvio”.

È davvero così pericoloso vivere sotto i miliziani dell’Isis?

“Si, certo. Tra quelle capitate a miei amici o conoscenti e quelle che mi sono state raccontate, ho decine di storie da far venire i brividi. So, per esempio, di un ragazzo che ha deciso di arruolarsi tra i soldati dello Stato islamico. Il padre si opponeva in tutti i modi, l’ha insultato, hanno litigato. Allora il ragazzo ha denunciato il padre, che è stato poi giustiziato in pubblico. Un mio amico, invece, ha litigato con un miliziano saudita. Sono venuti a prenderlo, l’hanno torturato, l’hanno ucciso e poi l’hanno esposto in piazza. Sul cadavere avevano appeso un cartello: “Ha insultato un combattente dell’islam”. E tanti altri casi”.

Quindi arruolarsi conviene.

“Dipende. Se ad arruolarsi è un siriano, il suo salario è di 100 dollari al mese. Quelli che vengono dall’estero, tunisini, turchi, sauditi ed europei, prendono molto di più, non meno di 500 dollari. Sono comunque grandi somme, per come si vive da quelle parti. E poi c’è una netta differenza nel trattamento. Siriani ed iracheni rischiano molto di più perché vengono quasi sempre spediti al fronte, a combattere. Nei ruoli di comando e in quelli di amministrazione ci sono quasi sempre gli stranieri, che così rischiano meno. E’ un sistema che adottano anche per non perdere il controllo della situazione, per non essere traditi”.

E chi è che controlla voi, la popolazione?

“Ci sono due polizie. La prima è quella chiamata Sicurezza, che si occupa dei costumi. Portare i jeans, avere la barba troppo corta, infrazioni come questa. Come dicevo, servono soprattutto a rastrellare uomini da far lavorare gratis. La Sicurezza fa continui controlli anche nei due punti internet della città. Se vieni sorpreso a guardare siti anti-Isis o pornografici, c’è la pena di morte. Se hai canzoni memorizzate sul telefonino prendi 40 frustate. Se una donna ha gli occhi troppo scoperti, multa di 2 grammi d’oro. E poi c’è la polizia vera e propria, quella che dovrebbe occuparsi dei criminali e che non conta niente”.

Ma la città funziona? Il commercio, le fabbriche…

“La nostra zona, come quella di Deir Ezzor, vive sul petrolio. E sul petrolio vive l’Isis, che lo commerciava con la Turchia”.

Commerciava? Al passato?

“Si. Prima i turchi avevano lasciato libero il tratto di confine tra le città di Tall Abyad e Jarablus (in Siria, appunto sul confine, n.d.r) e lì avvenivano tutti gli scambi: petrolio per denaro, armi, munizioni. Da quando Russia e Turchia si sono messe d’accordo, quel confine è chiuso e quindi per il traffico del petrolio tutto è più complicato. Quelli dell’Isis, in questi anni, hanno continuato a estrarre petrolio ma con mezzi sempre più rudimentali. L’inquinamento, che era già forte, è aumentato a dismisura. Sono convinto che sia per questo che i tumori sono tanto aumentati: da 40 casi al mese del 2014 ai 180 al mese di adesso. Lo so perché lavoro part time in un laboratorio di analisi e i malati, adesso, finiscono quasi tutti all’ospedale di Mayadin che, tra quelli ancora sotto l’Isis, è il più efficiente”.

Ma se è finita la pacchia del petrolio, da dove arrivano i soldi dell’Isis?

“In questi due anni hanno accumulato molti soldi. Per esempio, hanno dato libertà di scavo ai tombaroli, che hanno saccheggiato i siti archeologici. Il patto è questo: un terzo del valore al tombarolo, due terzi all’Isis. Se uno fa il furbo e prova a mettersi in proprio, pena di morte. E poi, naturalmente, c’è anche un certo commercio perché ai negozianti è permesso di entrare e uscire dalla Siria per procurarsi le merci. Così l’Isis guadagna due volte: con le bustarelle e con le tasse. Anche in questo caso lo so bene perché uno dei miei fratelli ha un negozio ed è lui che, alla fine, mantiene tutta la famiglia”.

E l’altro tuo fratello?

“Faceva il giornalista ma ora fa il taxista con un motorino”.

Ma secondo te, perché l’Isis riesce a resistere così tanto?

“Perché è aiutato”.

E da chi?

“Noi tutti, lì, siamo convinti che siano gli americani. Quasi tutti i giorni sentiamo volare degli elicotteri e poi vediamo arrivare in città dei carichi di rifornimenti. E chi può essere, in quella regione, a volare liberamente se non gli americani?”.

Ma secondo te, l’Isis sarà alla fine sconfitto?

“Sì. Spero entro quest’anno”.

Immagine d’archivio

  • Sterminator

    Ma come? Non erano i russi ed Assad i cattivoni. Ecco chi sostenevano gli USA del diversmente bianco, UK, Francia, Germania, ecc e compagnia bella di russofobi. Per fortuna la storia ha già iniziato a tirare lo sciacquone su questa feccia (per non dire altro). Immagino già le ulcere perforanti delle varie associazioni finanziate da Soros e sionisti.

    • Massimiliano

      ecco, il gomblotto dei sionisti,dei rettiliani e del nwo per il controllo del petrolio, un evergreen

  • venzan

    Questo è vero islam, come scritto nel corano.

  • Ettore Avanzini

    Quindi il cattivone non è Putin ma l’abbronzato mussulmano presidente degli USA ancora per pochi giorni…Attendo le reazioni e le reprimende dei kompagni di merenda del diversamente bianco…

  • Hopeful Vic

    Qualsiasi demente che si arruolasse nell’Isis dovrebbe non poterne mai più uscire e SAREBBE GIUSTO CHE CI SCHIATTASSE

    • bonoitalianoma

      Ci sono sempre stati i “volontari” pervasi dall’illusione di essere nel giusto più giusto e persone giuste che hanno sbagliato nei confronti di chi è l’ingiusto … si tratta di quel pizzico di qlo che ti permette di campare e scampare alle sfighe della vita.

  • bonoitalianoma

    VORREI SAPERE CHI È IN PRIMA PERSONA L’AMICO DEL TUO NEMICO …TANT’È CHE L’AMICO DEL TUO NEMICO È IL TUO PEGGIOR NEMICO.

  • bonoitalianoma

    NULLA DI NUOVO SOTTO IL SOLE: GIÀ OTTANT’ANNI FA C’ERA UN TIPO CON IL BAFFO SOTTO IL NASO CHE DIRIGEVA UN’ORCHESTRA SIMILE E SI È VISTO COME HANNO RISOLTO I SUOI PROBLEMI. SERVONO OTTIMI SUONATORI PER TENERE TESTA AL DIRETTORE D’ORCHESTRA.

  • Beppe Casciano

    Io ho finito i termini per insultare l’occidente intero…

  • Ling Noi

    E pensare che fra chi commenta questi articoli, ci sono sempre dei deficienti filoamericani che danno sempre la colpa alla Russia di Putin.

  • gennarino

    Come ho gia asserito altre volte in vari blog, purtroppo al momento attuale gli USA sono la nazione più canaglia, più ipocrita e più asservita al satanico Governo Ombra Mondiale e in sintesi alla massoneria. Questo suo piegarsi a 90 gradi ai diktat dei potenti del mondo, la mette in una posizione di nazione debole (nonostante siano militartamente tra i più forti e i più tecnologicamente avanzati) e totalmente controllata da queste forze occulte e deleterie. Non che le nazioni europee siano completamente libere, ma di certo non sono asservite a dei livelli così alti come lo sono inve gli USA. Ed essendo militarmente anche molto potenti, gli USA sono divenuti gia da tempo una nazione molto pericolosa nei confronti del resto del mondo, non solo per il fatto che possiedono grandi quantità di armi atomiche, ma per il fatto che le sue organizzazioni criminali come la CIA o l’NSA, sono vigliaccamente responsabili di attentati sotto falsa bandiera sia all’interno degli USA che nel resto del mondo, con lo scopo di manipolare le politiche, le economie e molto altro per soddisfare una manipolo di psicopatici criminali che alcuni chiamano gli “illuminati” e che sono proprio a capo di questo Governo Ombra Mondiale, oltre a possedere quasi tutte le ricchezze e le risorse di questo pianeta. Non dimentichiamoci che la CIA inoltre non ha mai smesso i suoi programmi semi-segreti di manipolazione mentale, dove al vecchio progetto MK-Ultra si sono sostituiti altri progetti ben più dannosi e purtroppo efficaci del precedente: vedasi l’ultimo attentatore americano che ha sostenuto di aver subito manipolazioni mentali dalla CIA mediante filmati violenti di esecuzioni effettuate dall’ISIS e sicuramente anche ipnosi e altri tipi di manipolazioni. Ora come ora, io mi vergognerei enormemente di essere americano, e infatti molti miei colleghi americani si vergognano di essere tali e molti ora fingono di essere canadesi.