Occhi2

Così il Marocco combatte il terrorismo

Non appena atterri a Casablanca capisci che per i marocchini la sicurezza è al primo posto. I controlli sono meticolosi ma non invasivi. Il Paese è stato ferito dagli islamisti nel 2003. Il Paese ha reagito con forza, aumentando non solo i controlli, ma creando anche il Bureau central d’investigation judiciaire, servizio di sicurezza basato a Salé.

La lotta al terrorismo in Marocco nasce innanzitutto da un islam consapevole delle proprie tradizioni e allo stesso tempo tollerante nei confronti delle minoranze: quella cattolica e quella ebraica.

LEGGI ANCHE
Dakhla, la dama del deserto

Nel cuore di Dakhla sorge la chiesa cattolica costruita dagli spagnoli negli anni ’50. Ogni domenica le porte di questo luogo di culto si aprono per accogliere i fedeli. Le croci sono esposte su ogni lato della chiesa e i marocchini non hanno mai pensato di eliminarle in qualche modo: “Fanno parte della nostra storia e della nostra tradizione. Perché dovremmo abbatterle?”. Ed è questo il primo modo attraverso cui il Marocco combatte le forze islamiste: presentando un volto tollerante e aperto dell’islam.

Il secondo modo è legato alla sicurezza. Da poco meno di un anno è stato aperto il Bureau central d’investigation judiciaire, servizio di sicurezza modellato su quello dell’Fbi. È uno dei più sofisticati sistemi antiterroristici del Nord Africa e, forse, quello che collabora maggiormente con i servizi europei. Proprio gli 007 marocchini avevano avvisato i colleghi francesi della pericolosità di  Abdelhamid Abaaoud, una delle menti, se non la mente, degli attacchi a Parigi del 13 novembre scorso. Sono proprio i servizi marocchini a suggerire a quelli francesi la pista di Abaaoud e, soprattutto, quella di Molenbeek, il covo prediletto dai jihadisti che transitano dall’Europa. Non solo: sono sempre i servizi marocchini a segnalare il percorso di Salah Abdeslam dalla Francia al Belgio.

Non solo. Proprio in questi giorni – più precisamente il 18 febbraio – grazie all’intervento del Bureau central d’investigation judiciaire è stata smantellata una cellula terroristica basata in Marocco. Durante le perquisizioni sono stati trovati diversi tipi di armi: mitragliatrici, pistole, munizioni e materiale esplosivo.

L’obiettivo dei terroristi era quello compiere diversi attentati per colpire i gangli vitali dell’economia. Non solo: nel mirino dei terroristi c’erano anche alcune personalità pubbliche e i turisti occidentali.