1474400464-soros1

Il corto pro-immigrati di Soros

Un’Europa occidentale raffigurata come una buona e benevola fata che accoglie i migranti in fuga dalle guerre adispetto degli stati dell’est europeo – come l’Ungheria – dipinti, al contrario, come dei disumani razzisti e xenofobi. È la visione manichea espressa nel cartone animato di un mezzo e mezzo dal titolo «Euromadame, Help!», cortometraggio che lancia la campagna immigrazionista promossa dall’associazione francese «Européens Sans Frontières (ESF)» (Europei senza frontiere) e finanziata dalla Commissione europea, dal governo francese e dalla Fondation Hippocrène. A riportare la notizia è Breitbart.

Nella rete di George Soros

Interessante il profilo della Fondation Hippocrèn, una delle tante organizzazioni no-profit che collaborano con la Open Society Foundations dello speculatore George Soros. La sua mission è «promuovere la costruzione di una vera cittadinanza europea», cercando di sensibilizzare i giovani. Il suo presidente, Alexis Merville, è un finanziare a capo della Fideas Capital Sas, società che opera a livello mondiale e fornisce servizi di consulenza  nell’ambito degli investimenti. Il sogno di questa élite finanziaria è quello di un’Europa senza più frontiere né confini e di un’immigrazione  di massa senza freni.

LEGGI ANCHE
Causa da 10 miliardi contro Soros

Altro obiettivo è quello di istituire una cittadinanza dell’Unione europea che sostituisca definitivamente quella statale, diversa dunque da quella sottoscritta dagli stati membri dal Trattato di Maastricht del 1992. «Come dice il nostro statuto – si legge sul sito di «Européens Sans Frontiéres (SF) – il nostro scopo è quello di promuovere la cittadinanza europea tra il grande pubblico, le autorità francesi, europee ed internazionali».

«Euromadame, Help!»

Il cortometraggio mostra una famiglia di migranti mentre giunge in prossimità di una frontiera. Una guardia di Frontex – l’Agenzia europea della guardia costiera e di frontiera – allontana e respinge un giovane che sostiene di essere in fuga dalla guerra. Ad un certo punto appare una fata con la bandiera dell’Unione europea marchiata sul petto che scorta i migranti in una tenda; grazie a un tappeto magico, il gruppo di rifugiati riesce ad arrivare in est europa. Insultati dalla popolazione locale, i migranti vengono dunque traslocati in uno stato dell’europa occidentale. Il cortometraggio si conclude con una cena amichevole tra la famiglia di migranti e una occidentale, mentre la voce di un narratore afferma: «L’europa protegge i suoi confini mentre gli europei aprono il loro cuore ai rifugiati. E tu?». Un quadretto che sprizza retorica da tutti i pori.

L’Ungheria protesta

E’ un ritratto davvero poco lusinghiero degli europei dell’est, quello che emerge, e che ha non poco indispettito il governo ungherese. Come piega un portavoce del primo ministro Viktor Orban a Breitbart London, «questa è l’ambiguità che l’Ungheria sta cercando di combattere. Mentre tutti dovremmo rispettare le normative dell’unione Europea, questo materiale di propaganda a supporto dell’immigrazione viene realizzato con i fondi della stessa Unione Europea». Nel frattempo, secondo i dati forniti da Frontex, i migranti arrivati illegalmente nell’Unione europea nei primi quattro mesi del 2017 sono stati 47mila, l’84% in meno rispetto allo stesso periodo del 2016. In Italia però il trend è in crescita: in tutto sono oltre 37.200 i migranti arrivati nel nostro Paese nei primi quattro mesi dell’anno, il 33% in più rispetto allo stesso periodo del 2016.

  • dot-benito

    ma se questo imbecille è miliardario che se li tenga lui tutti i clandestini

    • Idleproc

      Non è un “imbecille” ed è un “front-end” di altri che non sono affatto imbecilli.
      Sono criminalità finanziaria pura dei fondi speculativi che chiuderebbe baracca con un controllo sulla circolazione dei capitali e che non produce nulla.
      La finanza “pulita” ormai in via di estinzione é connessa al sistema produttivo, investe sul medio e lungo periodo, non scommette sulle destabilizzazioni a breve e brevissimo che provocano anche con metodi extrafinanziari e quindi ne conoscono i tempi per scommetterci sopra.
      Dopo aver destabilizzato si comprano per niente i capitali reali e le risorse reali che hanno compromesso.

      • geddylee2

        analisi perfetta… ma la gente è ignorante…

  • dottor Strange

    ci vorrebbe un supereroe che provvedesse all’eliminazione fisica di questi criminali internazionali. un pò come fecero gli israeliani con gli attentatori del villaggio olimpico di Monaco

    • Luc

      Calma. Un criminale lo è perché condannato da un tribunale.

      • Manolis e Giorgos Immortali ✠

        Un criminale è tale anche senza tribunali, i criminali internazionali che hanno nuclearizzato Hiroshima e Nagasaki restano tali anche se celebrati come il bene.

        • dottor Strange

          nessun tribunale condannerà mai questi personaggi. i giudici sono loro dipendenti….

          • Manolis e Giorgos Immortali ✠

            Infatti l’unica è una rivoluzione dei popoli europei, ma qua nell’europa occidentale il rimbambimento è totale, non resta che sperare in un’invasione da Est con tanto di mezzi corrazzati.

          • geddylee2

            esatto!

        • Luc

          La legge esige una condanna che però non c”è. Le bombe dice? Chi ha iniziato la guerra?

          • Manolis e Giorgos Immortali ✠

            Gli Usa che provocarono il Giappone con svariati affondamenti di mercantili al solo scopo di tirarlo in guerra… e sapevano benissimo che avrebbero attaccato Pearl Harbour ma non smobilitarono i soldati presenti per avere il pretesto.

          • Luc

            I libri di storia non riprendono quanto da lei fatto presente.

          • Manolis e Giorgos Immortali ✠

            Sull’11 settembre 2001 molti hanno suggerito spiegazioni complottiste. Pochi invece hanno parlato del grande inganno della Casa Bianca dietro l’attacco giapponese di Pearl Harbor, laddove i documenti dimostrano ampiamente come davvero – in quel caso – la presidenza americana volle, cercò ed ottenne un attacco proditorio da parte dei giapponesi per avere un casus belli in grado di trascinare l’intera nazione americana in un’avventura bellica.

            L’11 settembre 2001 è una delle tante date storiche per gli Stati Uniti e per il mondo intero. Un giorno che difficilmente potrà essere dimenticato e che verrà celebrato nei libri di scuola come l’inizio del grande scontro tra l’Occidente e l’integralismo islamico. Un giorno che grida vendetta e che ha inorridito il mondo. Proprio come l’alba del 7 dicembre 1941. Un giorno come tanti per le isole Hawaii dove il clamore della guerra non giunge nemmeno attraverso la radio. Gli Stati Uniti del New Deal sono tranquilli, il presidente Franklin Delano Roosevelt ha assicurato che non entrerà in guerra al fianco dei cugini britannici che laggiù, in Europa, rischiano seriamente di capitolare dinanzi la forza distruttrice delle truppe di Adolf Hitler. Il non intervento era stato uno dei cavalli di battaglia per la terza rielezione del presidente che era riuscito a dare un nuovo corso a quell’America uscita con le ossa rotte dalla catastrofe economico-finanziaria che era stata la grande depressione del 1929.

            Eppure quel giorno di routine come tanti, sarebbe entrato nella storia degli Stati Uniti e del resto del mondo. Un giorno che avrebbe cambiato le sorti della Seconda guerra mondiale. Ma che cosa hanno in comune l’attacco a Pearl Harbor con quello alle Torri Gemelle? Molto. Più di quanto si possa immaginare. Soprattutto per quel che riguarda l’intelligence e la ragion di Stato. Anche se per quanto concerne l’11 settembre 2001 la verità è ancora lontana e difficilmente riusciremo a saperla in breve tempo. Resta il fatto che tutti e due i tragici accadimenti sono stati la scintilla che ha scatenato l’intervento militare statunitense. Insomma, almeno per quanto riguarda Pearl Harbor, una “scusa” necessaria, voluta e cercata nonostante l’alto tributo di sangue che ne sarebbe derivato. Un attacco proditorio ed impensabile fino a quel giorno, tranne che per Franklin Delano Roosevelt, il capitano di fregata Arthur McCollum ed i vertici dell’intelligence statunitense.

            Ma cosa c’entrano questi uomini con l’attacco scatenato dalle Flotte Combinate dell’Imperatore Hirohito? C’entrano per il semplice motivo che furono loro gli artefici di quello che passò alla storia come “l’attacco di Pearl Harbor”. La solita propaganda antiamericana propinata agli ignari lettori proprio mentre nel mondo infuriano guerra e distruzione?

            Nulla di tutto questo. La storia, si sa, ha i suoi tempi di “decantazione” e dopo molti anni rivela all’opinione pubblica quanto di più nascosto, ed indicibile, era riposto nel fondo degli scrigni della memoria ma, soprattutto, nel fondo degli archivi dei servizi segreti.

            Ogni nazione che si rispetti ha i suoi scheletri nell’armadio e Washington non fa eccezione. Il “grande inganno di Pearl Harbor” è forse uno dei più importanti. Inganno, che a ben guardare, sarebbe più esatto classificare come, rimanendo in tema con l’attualità dei nostri giorni, “la madre di tutti gli inganni”. Uno “splendido” lavoro dell’allora nascente intelligence statunitense.

            Il Freedom Of Information Act

            La verità di quel terribile 7 dicembre 1941, che tante similitudini sembra appunto avere con l’11 settembre 2001, era nascosta nelle pieghe delle migliaia di documenti classificati “Top Secret” che affollano gli archivi della Cia, del Fbi, del Pentagono, del Dipartimento di Stato, del servizio di intelligence della Us Navy, del più recente Nsa e della miriade di servizi segreti che costellano il panorama politico-militare statunitense.

            Se la verità su quell’improvviso (?) attacco giapponese alla flotta del Pacifico degli Stati Uniti è venuta a galla, lo si deve alla tenacia e a ben 14 anni di ricerche effettuate da Robert Stinnet, un giornalista americano, che ha rivelato al mondo come, nonostante le apparenze, non fu poi tutta colpa di Tokyo se Washington entrò in guerra. Nel libro “Day of deceit. The truth about Fdr and Pearl Harbor”, Stinnet mette a nudo il cinismo di quello che tutti gli americani, di ogni estrazione sociale, fede politica, razza e religione, consideravano (dopo Washington, Franklin e Lincoln) uno dei padri della patria. Fu infatti Roosevelt, senza ombra di dubbio, a condurre una vera e propria politica della provocazione per indurre l’Imperatore giapponese a firmare l’ordine d’attacco.

            Il presidente statunitense era costantemente al corrente di quanto stava accadendo e pur sapendo che la guerra era ormai alle porte si guardò bene dall’informare i comandi delle truppe di stanza alle isole Hawaii.

            Follia, incredulità, calcoli sbagliati? Nulla di tutto questo. Roosevelt voleva che tutto accadesse senza curarsi di danni e vittime. Effetti collaterali, come li chiameremmo oggi, necessari ad uno scopo irrinunciabile: l’entrata in guerra al fianco della Gran Bretagna e dell’Unione Sovietica. Insomma, la Casa Bianca lasciò deliberatamente che Tokyo attuasse indisturbata un atto di guerra nei suoi confronti per consentire al democratico ed anti-interventista (ma solo a fini elettorali) Roosevelt di entrare in guerra.

            Il memorandum che incrimina la Casa Bianca

            Nel marasma dei documenti analizzati ve ne è uno di particolare importanza: il Memorandum McCollum. Arthur H. McCollum, nato e vissuto in Giappone, da genitori americani, di cui conosceva usi costumi ma soprattutto la lingua e la mentalità, era un capitano di fregata della Marina statunitense e come tale aveva prestato servizio, seppur per un breve periodo, presso l’ambasciata Usa di Tokyo. McCollum, però era soprattutto un agente del Nio, il Naval Intelligence Office di Washington l’unico abilitato a fornire informazioni di intelligence e documenti di analisi strategica alla Casa Bianca. Fu proprio McCollum a fornire al presidente Roosevelt il Memorandum che lo convinse sulla necessità di sacrificare tante vite americane pur di avere l’opportunità di entrare in guerra contro la Germania e l’Italia degli odiati dittatori Hitler e Mussolini. Il 7 ottobre 1941, due mesi prima dell’attacco giapponese a Pearl Harbor, l’agente del Nio entrò nella Sala Ovale della Casa Bianca consegnando al presidente statunitense quel documento che cambierà la storia. Sui pochi fogli redatti dall’ufficiale si ipotizzava uno scenario a dir poco apocalittico: l’Europa occupata dalle truppe nazi-fasciste e, con la sconfitta militare britannica, un quasi immediato “effetto domino” in America dove i territori posti sotto il controllo di Londra in America centrale, meridionale e nei Carabi ma anche il Canada sarebbero caduti nelle mani di Berlino così come la flotta del Mediterraneo e dell’Atlantico. Era ovvio che da un simile catastrofico scenario ad uno che prevedesse l’attacco diretto agli Usa il passo era breve. Era dunque evidente, e necessario, entrare in guerra al fianco di Londra se non altro per tenere lontana la guerra dal proprio territorio. C’era però un problema non da poco, per la Casa Bianca, da dover risolvere: come avrebbero preso una tale scelta gli elettori americani? Non certo bene a giudicare dai dati di un sondaggio effettuato nel settembre del 1940 (ad un anno dall’inizio della guerra in Europa) secondo il quale quasi il 90% degli americani era ben deciso a rimanere fuori dal conflitto. In più c’era una sorta di “patto” con la nazione da dover rispettare. Roosevelt aveva infatti assicurato gli elettori (“I assure you again, and again, and again…”), e le famiglie americane, che mai nessun “nessun ragazzo americano sarà sacrificato su campi di battaglia stranieri”.

            Come era possibile ovviare a questo problema di non poco conto? A fornire la risposta fu sempre il “Memorandum McCollum” (un documento simile a quello nel quale la Cia, 60 anni dopo, assicurava che l’Iraq di Saddam Hussein fosse in possesso di armi di distruzione di massa). Si doveva provocare il Giappone e costringerlo ad attaccare gli Stati Uniti e, per effetto del “Patto Tripartito” firmato tra Germania, Italia e Giappone il 27 settembre del 1940 a Berlino, Washington sarebbe automaticamente scesa in guerra al fianco del cugino britannico contro il “RoBerTo” (una sorta di “stati canaglia” dell’epoca). In fondo Londra era rimasta l’unico baluardo alla straripante potenza delle forze dell’Asse che ora, con l’alleato giapponese, potevano espandere le loro mire anche nel Pacifico. Washington non poteva dunque rimanere a guardare.

            McCollum, dimostratosi un accorto stratega oltre ad un ottimo agente di intelligence propose al Presidente otto linee di azione per provocare l’inevitabile risposta di Tokyo:

            1 ) accordarsi con Londra per l’utilizzo della base navale di Singapore.

            2 ) Accordarsi con l’Olanda, il cui governo era in esilio in Gran Bretagna, per l’utilizzo delle basi nelle Indie olandesi (Sumatra, Borneo, Giava etc…).

            3 ) Incrementare gli aiuti al governo nazionalista cinese in guerra con il Giappone.

            4 ) Inviare incrociatori pesanti a ridosso delle acque territoriali giapponesi.

            5 ) Inviare sommergibili sempre nelle stesse acque di cui sopra.

            6 ) Mantenere la flotta americana, all’epoca nel Pacifico, a Pearl Harbor.

            7 ) Fare pressioni sull’Olanda affinché negasse le materie prime delle Indie Olandesi al Giappone, compreso il petrolio necessario per la guerra in Cina.

            8 ) Imporre un embargo totale al Giappone, d’intesa con Londra, per strangolare l’economia del Sol Levante.

            Roosevelt decise di applicare alla lettera l’elenco di “pressioni-provocazioni” intraprendendo una serie di azioni che porteranno poi all’attacco di Pearl Harbor ed al conseguente ingresso nel conflitto mondiale.

            Nel settembre 1940 Roosevelt fa approvare dal Congresso il “Draft Act” che gli conferisce la facoltà di aiutare la Gran Bretagna e di convertire le industrie nazionali alla produzione bellica.Nell’ottobre 1940 la Casa Bianca decide di trattenere alla Hawaii le navi di stanza nel Pacifico per un’esercitazione sguarnendo tutte le altre basi della costa continentale. Alla fine del 1940 scatta un embargo petrolifero congiunto al quale aderisce l’Olanda. Vengono avviate trattative che risulteranno poi volutamente inutili. Nel 1941, la Us Navy invia più volte incrociatori nelle acque territoriali giapponesi. Vibranti proteste di Tokyo. Nel febbraio 1941, viene ristrutturata la flotta americana. Fino ad allora unica, viene divisa in Flotta Atlantica e Flotta del Pacifico, questa agli ordini dell’ammiraglio Husband Kimmel. L’11 marzo 1941, il Congresso approva il Lend-Lease Act che attribuisce al presidente Usa la facoltà di aiutare tutti i paesi in guerra contro Italia, Germania e Giappone, con prestiti volti all’acquisto del materiale bellico che le industrie americane stavano producendo.

            Verso la guerra

            L’embargo petrolifero messo in atto dagli olandesi e dagli statunitensi cominciava a mettere alle corde il Giappone che cadde nel piano organizzato da Roosevelt. Le riserve scarseggiavano, e i negoziati stagnavano, a tal punto che il neo governo giapponese decise l’invasione delle Indie olandesi fonte di approvvigionamento. Prima dell’occupazione, però, bisognava “immobilizzare” la flotta statunitense. Era il settembre 1941 quando l’alto Ammiragliato giapponese, nella persona dell’ammiraglio Isoroku Yamamoto, cominciò a pianificare l’attacco che prevedeva due direttrici principali: la prima avrebbe colpito Pearl Harbor con una serie di bombardamenti aerei (come poi avvenne). La seconda, poche ore dopo le Hawaii, prevedeva lo sbarco anfibio di un’armata d’occupazione nelle Filippine (all’epoca colonia statunitense). Il 2 novembre dello stesso anno l’Imperatore Hirohito dà il proprio assenso. Tutto andava secondo i piani della Casa Bianca. Mancava solo un particolare: il fattore sorpresa. Nessuna forza statunitense avrebbe dovuto interferire con l’azione giapponese. Già il 3 novembre il piano nipponico divenne operativo. Cominciò un incessante scambio di messaggi cifrati tra ambasciate, consolati, comandi navali e di truppe. Venne anche individuata la baia di Hitokappu (nell’arcipelago delle Curili) come località di concentramento per la flotta che avrebbe attaccato Pearl Harbor.

            Le intercettazioni

            Tutti i messaggi vennero intercettati dallo “Splendid arrangement”, decriptati e consegnati a Roosevelt e a “pochissimi intimi”. Durante le intercettazioni si venne a scoprire anche il punto geografico di raduno della flotta giapponese.

            L’unico a non sapere dei movimenti e delle intenzioni nipponiche era proprio l’ammiraglio Kimmel che da poco aveva assunto il comando della flotta americana del Pacifico trattenuta a Pearl Harbor come esca. Anche se era cosciente che la concentrazione rappresentava un pericolo. Ne era talmente convinto che decise di organizzare un’esercitazione navale di 4 giorni, dal 21 al 24 novembre, “Exercise 191” dove si prevedeva un attacco nipponico alla flotta di stanza alle Hawaii. Ma quindici ore prima dell’inizio Washington ordinò a Kimmel di fare dietrofront e rientrare in porto con la flotta proprio per non “provocare i giapponesi”! L’esercitazione, insomma, non si doveva fare.

            Il 26 novembre la flotta imperiale giapponese, al comando del vice ammiraglio Chuichi Nagumo, salpa le ancore verso il suo obiettivo.

            Trentuno navi, tra cui 6 portaerei con 423 aerei, solcavano il mare verso la guerra. L’arrivo sull’obiettivo doveva avvenire poco dopo l’orario d’inizio ufficiale delle ostilità, non ancora fissata. L’obiettivo dell’attacco venne “intercettato” da Washington il giorno prima della partenza della flotta giapponese, cioè il 24 novembre (il 23 data delle Hawaii): mancava solo la data finale dell’attacco che Tokyo non aveva comunicato nemmeno ai vertici militari. A Kimmel venne comunicato soltanto una vaga notizia riguardante una flotta giapponese salpata da Hitokappu con probabile destinazione le Filippine o la Malacca.

            Le strane manovre di Washington

            Nel Pacifico c’erano tre grandi portaerei americane, due a Pearl Harbor, la Lexington e la Enterprise e una a San Diego, la Saratoga. Il 28 novembre Washington dà l’ordine di partenza alla Enterprise, e ad 11 navi da scorta tra incrociatori e cacciatorpediniere. Il loro compito era quello di portare 12 aerei ai marine di stanza nell’isola di Wake (molto distante dalle Hawaii). Il 5 dicembre riceve un altro ordine da Washington la Lexington. Anche per lei aerei da consegnare ai marine. Stavolta sono 18 con destinazione le Midway. Con lei partono alte 8 navi di scorta. Con queste apparentemente inutili missioni Washington aveva messo in salvo tutte le portaerei e altre 21 modernissime navi da guerra. A Pearl Harbor rimangono 90 unità, tutte relativamente vecchie comprese 8 corazzate con oltre trent’anni di “carriera”.

            Facciamo un passo indietro e torniamo alla fine di novembre. Il 27 il capo di Stato Maggiore dell’esercito, generale Marshall, invia un messaggio al tenente generale Short nel quale si annuncia un non meglio precisato attacco giapponese, ma che il governo “desiderava” che fosse Tokyo a fare il “primo passo”. Dunque, mettere in stato d’allerta le truppe ma non la popolazione. Il giorno seguente lo stesso identico messaggio giunge all’ammiraglio Kimmel.

            Allarmare le truppe senza dare nell’occhio a presunte spie giapponesi ma, soprattutto, alla popolazione era veramente arduo. Così i due comandi militari decisero per un basso profilo.

            Gli ultimi atti

            Intanto la flotta giapponese era incappata in una tempesta che aveva letteralmente disperso la formazione tanto da rendere impossibile lo scambio di messaggi luminosi tra nave e nave. Il 30 novembre il vice ammiraglio Nagumo si vede costretto a interrompere il silenzio radio per ricompattare la flotta d’attacco. I messaggi radio vennero puntualmente intercettati, decriptati e inviati a Roosevelt. Tutto questo, però, venne tenuto segreto a Kimmel e a Short. Il 2 dicembre l’ammiraglio Yamamoto trasmette via radio una frase: “Niitaka-yama nobore 12 08” (scalare il monte Niitaka l’8 dicembre). Era l’ordine d’attacco fissato per l’8 dicembre (il 7, data di Tokyo). Nemmeno questo messaggio venne consegnato a Kimmel e Short. E non furono informati nemmeno dei 4 cablogrammi trasmessi in codice “purple” tra Tokyo e l’ambasciatore a Washington, intercettati dall’intelligence Usa. I primi due contenevano una comunicazione a Washington suddivisa in 13 parti nella quale si poneva fine ad ogni tipo di negoziato. Il terzo ed il quarto, trasmessi la mattina del 7 dicembre, contenevano la quattordicesima parte nella quale si comunicava la rottura delle relazioni diplomatiche e l’ordine di consegnare la dichiarazione i guerra un ora prima dell’attacco, cioè alle 13,00 ora di Washington. Queste ultime due parti furono poste in visione a Roosevelt alle ore 10,00, 4 ore prima l’attacco. Sulla base di tali informazioni il comando generale statunitense compilò un messaggio d’allerta per le Hawaii. Messaggi che “inspiegabilmente” giunsero a destinazione ad attacco avvenuto. Il 16 dicembre l’ammiraglio Kimmel ed il tenente generale Short, inconsapevoli vittime delle manovre di Roosevelt, vengono rimossi dall’incarico e degradati per negligenza nel comando. In fondo la ragion di Stato conta più della buonafede delle persone.

          • Luc

            Peccato che le forze aeronavali giapponesi attaccarono la base navale americana di Pearl Harbor (attacco pianificato dai giapponesi nella primavera del 1940). Peccato che l’imperatore giapponese Hirohito firmò la dichiarazione di guerra sette ore dopo l’attacco.

          • gennarino

            A me risulta che coloro che per primi abbiano rotto i coglioni ai giapponesi furono gli americani: i giapponesi avevano concesso qualche secolo fa, solamente agli olandesi di poter fare affari con loro. Un giorno un ammiraglio americano approdò con diversi vascelli da guerra in terra niponica e minacciò l’allora imperatore che se non avessero aperto il loro mondo commerciale anche con gli USA questi ultimi avrebbero inviato altre navi ed avrebbero invaso il giappone: quella fu solo la prima volta che gli americani iniziarono non solo a rompere il cazzo ai giapponesi ma piano piano ne corruppero lo spirito. Impara la storia, ignorantone che non sei altro prima di fare le tue solite stupide affermazioni, dove benché risulti iscritto da pochissimo in questo blog, mi ricordi tantissimo quella vecchia deficiente di Anita Mueller che ormai ci scassa la minchia da diversi anni con le sue provocazioni inutili e stupide!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Curiosa logica la tua, difendi gli espropri e stermini di massa, cioè mostri la pagliuzza per nascondere la trave. I giapponesi, come ben sappiamo, hanno aggredito altri popoli compiendo numerose stragi, idem i nazionalsocialisti e anche i comunisti sebbene soprattutto a scapito dei loro connazionali.

          • gennarino

            Ecco, allora non mi sbagliavo che tu e Luc siete la stessa persona.
            Prima di trasformarsi in dei nazisti (con tutti i vergognosi crimini perpetrati sopratutto in Cina), i giapponesi erano per la maggior parte dei contadini pacifici a cui non interessava proprio per niente la conquista di altre nazioni e fondamentalmente erano una società chiusa agli scambi sia commerciali che culturali con altre nazioni, unica eccezione l’Olanda, che aveva rapporti commerciali esclusivi e privilegiati col Giappone. Come detto in un mio precedente post, sono stati gli USA a rompere i coglioni minacciandoli di venire invasi se non avessero aperto i commerci anche con gli USA. E sono stati proprio gli USA pian pianino ad “occidentalizzarli” per vendergli armi e altre schifezze made in USA. E si sa che quando si prende una strada sbagliata, poi si rischia di cadere nel baratro, e questo è proprio quel che è successo al Giappone. E non nego affatto i vergognosi crimini perpetrati dal Giappone durante e prima il secondo conflitto mondiale, sopratutto nei confronti dei cinesi. Ma cerchiamo di non scordarci quale diavoletto, ovvero gli USA, ha scatenato tutto questo casino. Se non fosse stato per gli USA che dovevano sempre in qualche modo colonizzare tutte le possibili terre o da esse trarne qualche vantaggio, il Giappone sicuramente non si sarebbe mai armato, non avrebbe preso parte al secondo conflitto mondiale e la bomba atomica se la sarebbe beccata qualche altra nazione, molto probabilmente la Germania o l’Italia.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Hai fatto il mio nome, logico quindi il mio intervento. Logica che ad una persona probabilmente assai alcolizzata, o comunque assai drogata, sfugge. I giapponesi di allora hanno massacrato altri popoli. I tedeschi di allora hanno massacrato non solo altri popoli ma anche connazionali benestanti. I russi di allora altrettanto hanno massacrato altri popoli e connazionali benestanti. I cinesi di allora, come i cambogiani e vietnamiti, hanno piuttosto massacrato connazionali benestanti. Tutti i casi citati hanno avuto come conseguenza il passaggio di proprietà dalla vittima al carnefice. Esattamente come con l’Isis. Tu difendi i detti crimini, e lo fai aggredendo chi come me li menziona e condanna.

          • gennarino

            Adesso mi dai pure dell’alcolizzato o del drogato? Certo che siamo caduti veramente in basso!
            Poi io non ho mai difeso l’ISIS, anzi esattamente il contrario, affermando per di più che quest’ultimo è stato creato dagli americani con la collaborazione saudita e israeliana per i motivi che ti sono stati spiegati diverse volte ma che sembra non vogliano entrarti in testa perchê si scontrano con i tuoi ideali sbagliati. Riguardo poi a nazismo e fascismo, non mi sembra di averli mai elogiati. Riguardo il comunismo idem. Ma sentirmi dare del comunista perché in questa guerra tra il bene e il male preferisco stare dalla parte di Putin che non da quella del corrotto governo USA, mi sembra veramente una forzatura, tipica di chi cerca di arrampicarsi sugli specchi quando non trova migliori argomentazioni per controbattere il pensiero altrui. Uno che denuncia crimini presenti e attuali viene tacciato accusandolo di difendere certi crimini commessi nel passato; ma ti rendi conto di quanto sei ridicola?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Vediamo un attimo di capire: ogni anno a livello globale milioni di morti e feriti EVITABILI (esempio già non consumando alcol e tabacco) che non destano alcuna protesta? Altrettanto nessuna protesta per i milioni di ammazzati per denaro, come per agire delle cosiddette e suddette ideologie? Davvero non sei drogato?

          • gennarino

            Cosa vorresti vietare l’alcol?
            Tu pensa che dove abito io le lattine di birra costano solamente 25 centesimi e puoi trovare dell’ottimo vino a € 1.99 la bottiglia, mentre quello da € 0.99 è meglio evitarlo. Quante volte al mese compro una latina di birra o una bottiglia di vino? In media 1 sola volta ogni 2 mesi. Questo mi secondo te fa di me un alcolizzato? La droga non l’ho mai provata perché ho visto quanto può rovinare il cervello di un individuo, incluse quelle leggere. Tu invece mi sembri una vera esperta in questa materia: problemi personali con droga e alcol o di qualche tuo stretto parente o amico?
            Poi una cosa è se uno è così imbecille da farsi del male, con l’alcol, la droga, il cibo o altri vizi, un’altra cosa è invece quando altri in modo pianificato e freddo cercano di farci ammalare o ucciderci lentamente, senza che la maggior parte della gente, te in particolare, se ne accorga.
            Riguardo a quelli che stanno facendo soffrire centinaia di milioni di persone, sei veramente un’ipocrita a far finta di non vedere come una ristretta elite sta manipolando tutti i mercati finanziari, decide quali paesi debbano essere attaccati mediante guerre o altre modalità più subdole e poi per la milionesima volta tu sei ancora col pensiero rivolto al passato pensando al maltolto sovietico mai restituito: tu sei altro che drogata, tu sei veramente squilibrata dal punto di vista mentale e non ti rendi neanche conto delle tue contraddizione e delle assurdità che tutte le volte ti metti a scrivere. Magari riesci a fare una bella figura con i vecchietti del reparto geriatria di un ospedale, di un ospizio e di una clinica per malati di mente, ma qui sul blog c’è anche gente molto sveglia, e vedo tutte le volte che nonostante anche gli altri cerchino di farti notare certe cose, a te entra sempre da un orecchio per uscire poi dall’altro. Sei veramente un bel caso da studiare. O forse semplicemente una persona totalmente incapace ad essere obiettiva e meno faziosa!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Una Terra con 3 miliardi di abitanti non è una con 7,5 miliardi di abitanti soprattutto per quanto concerne lo spazio per produrre cibo. Se detto spazio lo occupi anche per produrre fiori, alcol, tabacco, biocarburanti eccetera, poi non devi meravigliarti rispetto all’invasione discussa. Una persona che si droga ha, come ci stai dimostrando, proprio la perdita di coscienza per quanto concerne la realtà fisica, per cui per lei 100 persone mangiano quanto 10 o anche meno.

          • giulio pelernei

            I soldati giapponesi erano pronti a invadere gli USA traversando il Pacifico a nuoto.
            Questo fu il vero motivo dell’embargo contro il Giappone.

          • gennarino

            Anita, notiamo in molti che hai cambiato nome, e hai pure abbandonato il cognome Mueller…

          • Winston Smith

            Matthew Perry…..

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Il bello poi che i giapponesi pensano che i russi sono dei vigliacchi perché gli hanno dichiarato guerra due giorni dopo lo sgancio della bomba.

            Quindi dei troll russi che usano la bomba come arma retorica sono dei troll male addestrati.

          • geddylee2

            ammazza che pippone…

          • giulio pelernei

            I libri di storia muoiono se non riprendono fiato.

          • Winston Smith

            Chi ha scritto i libri di storia ?

        • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

          Il Giappone ha attaccato, ed ha perso. La prossima volta anziché attaccare pearl harbor che si andassero a vedere un film che è meno rischioso.

          E chi dire dei russi che hanno attaccato il Gippone solo 2 giorni dopo lo sgancio della bomba ? E’ stato l’atto più vigliacco che il mondo abbia mai visto, un atto che può essere fatto solo da un popolo verme e vile.

          Invece di usare sta retorica di “Hiroshima e Nagasaki ” che tanto va di moda nei centri sociali, perchè non prendi la chat e chiedi cosa ne pensano ai giapponesi. Scoprirai cose sorprendenti.

          • de andrade

            Pensi, e io che credevo che l’attacco russo al Giappone fosse stato espressamente concordato con Churchill e Roosevelt a Yalta! Sa, mi ostino a studiare la storia sui libri anziché sul webbe! 😀 😀

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Sai che non riesco a capire se sei ironico o meno ? La cosa che hai detto è scritta in un solo posto: enciclopedia sovietica (di cui ho letto sia la traduzione in ita che in eng ) . Sempre in quella enciclopedia, se vai a veder, ci sono anche date di quella guerra sbagliate.

            Che tu sia ironico o meno, la regola di usare il buon senso, la verosimiglianza e la plausibilità vale comunque. Quindi, ha davvero poco senso per gli alleati, farsi aiutare dalla Russia proprio quando il Giappone è andato a pezzi.

          • de andrade

            Che non riesca a capire è del tutto normale.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Certo, io non ho la presunzione tipica dei lobotomizzati di sapere cosa c’è nel cervello degli altri. Io mi riferivo alla cosa che hai scritto che è sbagliata nello stesso identico modo con cui hanno falsato l’enciclopedia sovietica. Visto la presunzione che hai, devi essere uno di loro.

          • de andrade

            Lei non ha la presunzione dei lobotomizzati perché non ha mai avuto niente da lobotomizzare.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Classico messaggio da frustrato del web che non va oltre l’insulto personale. Trovo normale ceh persone spazzatura come te si schierino con i russi.

          • de andrade

            Definire asino un somaro non è un insulto, ma proprietà di linguaggio.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Si, ma stai parlando di quelli che credono alle cazzate scritte nell’enciclopedia sovietica. Perchè, se il linguaggio è importante, gli asini sono loro che manco si accorgono che le date che ci sono scritte sono sbagliate.

            Pensa che ad un certo punto dice che il motivo per cui la gente non riusciva ad andare da Berlino Est a Berlino ovest, era perché gli occidentali non davano i visti. Quindi come vedi i veri asini , stando al dizionario, sono quelli che credono a queste scemenza senza nemmanco porsi delle domande.

          • de andrade

            No, sto parlando proprio di Lei; ma Lei, tutto impegnato a ragliare, non ha capito. Niente affatto sorprendente.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Invece si capisce benissimo che sei una persona maleducata. Quella classica maleducazione da coniglio a tastiera. ci scommetto la pensione che faccia faccia non ti permetteresti mai di comportarti in questo modo. Voi venduti ai russi siete tutti vigliacchi allo stesso modo.

            ps
            Fai tanto il genio, ma sei un coglione perché a parte voi lobotomizzati tutto il mondo sa che la Russia ha dichiarato guerra al Giappone 2 giorni dopo lo sgancio della atomica perchè si è resa conto che il Giappone non era in grado di opporre resistenza. E in quella occasione i russi rubarono al Giappone un pezzo di territorio che è ancora contestato. Siete la merda del mondo, il popolo più vigliacco e vile che ci sia , e il tuo modo di scrivere lo conferma al 100%

          • de andrade

            Che Lei “capisca benissimo” qualcosa, è frase che una persona dotata di senno accoglie con una educatissma, ma fragorosa risata.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Beh, forse per lo standard del popolo russo tu sei edicato. Per il nostro non lo sei affatto e chiunque legga il thread dall’inizio può rendersi conto del tuo (classico da chi ha la mente fritta dalla propaganda russa ) atteggiamento di superiorità e spocchiosità che sputa sentenze su chi non conosce. In realtà se un povero fallito che così facile da prendere per il culo che non si accorge delle immense cagate ceh ci osno scirtte nell’ecncilopedfia sovietica (di merda, aggiungo )

          • de andrade

            Guardi che di “edicato” qui c’è solo il suo cervello. Solo che in italiano si dice “eradicato”

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Accidenti!!! AHAHH 😀 dici di essere uno che si vanta di grandi produzioni intellettuali e poi scrivi queste scemenze qui che oltre a non significare niente, fanno capire che sei una persona maleducata e spaccona (da tastiera, ovviamente perchè i soggetti come te quando ce li hai di fronte diventano “simpatici” tutti in una volta . ma è normale, unno che si vende ai russi altro non può che essere un vile, un verme ed un coniglio )

            Però sei divertente, in fondo il messaggio che sto quotando è la misura della tue capacità intellettuali.

          • de andrade

            Le scemenze sono l’unica cosa intelligente da scriverle. Uno si adegua all’interlocutore.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Beh, questo lo sto dicendo io visto che qui quello che da per buone le mega cazzate dell’enciclopedia sovietica sei tu.

          • de andrade

            Impossibile, vorrebbe dire che ha scritto qualcosa di sensato. Ma ripensandoci, potrebbe aver copiato da uno più intelligente. Non è complicato trovarne.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Tu sei un autentico coglione convinto di essere professore. Tra l’altro ti vanti di una cosa che sicuramente non hai o quantomeno hai dimostrato di non avere: l’intelligenza.

            l’unica certezza ceh dai è la tua maleducazione e la tua vigliaccheria perchè tu quando ti trovi faccia a faccia con un uomo, non usi questi toni da saccente. Ripigliati sfigato che non sei altro e fatti meno seghe mentali ( e fisiche, presumo perchè a te mi sa che nno la da nessuna/o )

          • de andrade

            Guardi, faccio il professore perché con Lei posso permettermelo. Accanto a Lei anche una vongola verace farebbe la figura del laureato.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Non ti conviene perchè tu non sei in grado di smontare le mie affermazioni (il thread era cominciato così ) . Pertanto, se fosse vero che una vongola è intelligente rispetto a me, vorrebbe dire che tu non sei in grado di sopraffare retoricamente una persona meno intelligente di una vongola. Paradossalmente mi stai facendo venire dei complessi di superiorità perchè il tuo modo di pensare è davvero da sfigati.

          • de andrade

            Prima che chicchessia si metta a smontare le idiozie che le frullano per la zucca, è necessario che Lei si faccia montare nella scatola cranica un cervello.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            ah io? AHHAAHHAHH 😀 lasciatelo dire, ma sei davvero un coglione e più scrivi messaggi come questo più chi legge capirà ceh sei un coglione (e presumibilmente un perdente nella vita ).

            Ad ogni modo, sto ancora aspettando che mi spieghi perchè non è vero che la Russia ha dichiarato guerra la Giappone esattamente due giorni dopo lo sgancio della bomba atomica. No perchè, sei talmente coglione che hai creduto alle date dell’eciclopedia sovietica e se uno te lo fa notare vai in titl. AAHHAHA 😀 Certo che nascere in russia deve essere proprio una vera merda: son tutti come te. AHHAAHH 😀

          • de andrade

            Proprio Lei sa? Non era difficile capirlo, visto che siamo solo in due. Ma d’altronde, per Lei non esistono cose facili da capire.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            le gente venduta non ha dignità.

          • de andrade

            Pensi a quel che non ha Lei. Il cervello.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Ed in base a cosa io no avrei il cervello? solo perchè non sono intriso di propaganda russa? interessante. Io non appartengo al vostro mondo di esaltati ossessivi allineati dalla società.

            Nella nostra società, quello senza cervello sei tu. prova è il fatto che nella vita nn sei in grado di concludere un cazzo.

          • de andrade

            In base alle cretinate che scrive, e che probabilmente pensa pure.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Dunque, tu sei quello che scambia un gas dotto per un tappo. su dieci messaggi che hai scritto non c’è ne è uno pertinente ed alla fine sei messo così male da convincerti di essere furbo. Vali davvero zero ma pensi di essere chissà chi. sei proprio sfigato.

          • de andrade

            Il gas sarà anche dotto. Quel che è assolutamente fuori discussione è il fatto che Lei è un asino.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Beh, a giudicare dagli argomenti e dalle cose che abbiamo scritto, sembra che l’asino non sia io. Tieni conto che il mondo non è fatto di esaltati ideologici vomitatori di odio come te.
            Il mondo è fatto di gente felice!! Tu, invece, sei uno che è ideologicamente schierato contro la sua stessa gente. Neanche ti rendi conto che quelli come te, se arrivano ad un conflitto con la Russia anche della stessa intensità che c’è in Ucraina, verranno presi uno per uno ed eliminati fisicamente.

            Le cose che scrivi non sono segrete , le possono leggere tutti. Anche le ff.oo. che collezionano utenti indottrinati ( che sia isiso che sia cremlino è la stessa cosa: le istanze anti occidentali sono le stesse. così è lo stesso disagio che vi portate addosso )

          • de andrade

            Comincio a pensare anche io che Ella non sia un asino. Magari una capra ignorante, che in più ha le corna. Ora mi scusi, ma devo intrattenermi con Sua moglie.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Visto la credibilità che hai, puoi pensare quello che voi che tanto non conta niente. Guarda, se fossero tutti come te avrei la garanzia di non essere mai cornificato: mia moglie nn se la fa con quelli che hanno dato il cervello in comodato d’uso al cremlino.

          • de andrade

            Quel fastidioso ronzio che avverte non è l’incipit di una emicrania, stia tranquillo. Trattasi di una mosca rimasta intrappolata nella Sua zucca sconsolatamente vuota.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Certo che detto da uno manco ha capito che la russia ha approfittato della bomba atomica per rubare un pezzo di giappone e che allo stesso tempo non sai che molti giapponesi covano odio per questa cosa…. fai pure lo spaccone, che tanto se passa uno normale e legge sto thread si mette a piangere per pietà tua.

          • de andrade

            Guardi che non siamo ad Halloween. La Sua zucca vuota adesso non è di nessuna utilità. A parte riderne.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Se è vero che la mia zucca è vuota, dimostrami che non è vero che la russia ha dichiarato guerra al giappone 2 giorni dopo lo sgancio della bomba atomica e che i territori che rubò sono ancora in mano russa.

            dai, visto che ti vanti di essere così intelligente, dimostra che sto sbagliando. Invece cosa fai? fai quello che fa tutto il popolo russo : crede al regime senza manco porsi delle domande ed insulti chi ti chiede spiegazioni. Beh, siete tutti addestrati allo stesso modo come delle scimmiette. meno male che non sono nato in russia altrimenti ero un coglione come te che non è in grado di fare una discussione senza metterci dentro la religione del cremlno.
            davvero, tu rappresenti bene il popolo russo: vivete nella realtà che la propaganda vi impone di credere. siete dei falliti.

          • de andrade

            Le ho già risposto a domanda identica in altra sede. Ma ovviamente non ha capito un tubo.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Hai pensato male: se tu avessi un cervello, capiresti da te che nessuno usa la bomba atomica per distruggere il Giappone solo per poi permettere alla russia di rubarne un pezzo.

            Non esiste nessun accordo, è solo la propaganda che vi hanno scolpito in testa. Ed il bello che poi sei tu che dice che il coglione sono io.

            i russi il Giappone lo hanno attaccato non perché l’ha detto USA, ma perché hanno visto che dopo la bomba atomica il Giappone era a pezzi e si sarebbe comunque arreso..

            fai così, vai da un giapponese e digli la vostra versione della storia e sentiamo cosa dice.

            sei talmente idiota che fai quasi pena. davvero .

          • de andrade

            Certamente sono sfortunato: rispetto a Lei son costretto a portare il pesante fardello dell’intelligenza. Invidio la Sua inconsapevolezza.

          • de andrade

            Il tappo cui fa riferimento, è quello del fiasco di rosso che abitualmente si scola. Se lo è già dimenticato? È l’effetto dell’alcol.

          • tommy giuntella

            ma te non sei scapparotti ?
            cazzo potevi inventarti un link diverso, sei sgamatissimo.

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Cosa fai prendi x il sedere ?

          • de andrade

            Frase fuori luogo: il signor Giuntella non Le ha affatto accarezzato la faccia.

      • gennarino

        Sparisce Anita Mueller per un po’, e spuntano come funghi altri debunker. Se io vedo un delinquente fare del male a mia figlia non aspetto mica un tribunale per considerare quel farabutto un criminale: ed infatti, lo ammazzo con le mie mani!

        • Luc

          L’esempio non calza.

          • giulio pelernei

            Soros dovrebbe dedicarsi unicamente a fare la calza.

        • Ramsmeat

          Sempre di Anita si tratta. Cambia il nickname ma è sempre la medesima persona a scrivere.

        • antonio garsia

          gennarino…ma,da 1 a 10,quanto sei testadicazzo ?

          • gennarino

            Zero, per quanto mi riguarda! Ma vedo invece che oggi il tuo livello è salito dal livello 9 al liv. 10! Stai attento perché questo trend è difficilmente reversibile!

      • giulio pelernei

        Hitler non fu condannato da un tribunale e dunque è innocente.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Il confronto zoppica, Soros non ha il potere che aveva Hitler. Soros non ha ordinato l’esproprio e sterminio di massa nei confronti di minoranze. Ma persone come la tua non fanno confronti che zoppicano per errore, sanno di parlare a tanti alcolisti e anche diversamente drogati.

          • gennarino

            Ormai le nuove guerre e le nuove dittature si giocano a fior di soldi: chi detiene la maggior parte di soldi e ricchezze, acquisite con la speculazione e l’inganno, ormai non ha più necessità di esporsi e fare il primo ministro o il presidente di una nazione; per tale compito delega qualche cameriere politico in modo da poter operare in pace da dietro le quinte. Soros tra questi burattinai è quello che si distingue per la mancanza di riservatezza e il gusto per l’esibizionismo e questo li costerà un po’ caro. Più pericolosi sono invece quelli che operano esclusivamente da dietro le quinte senza farsi mai vedere. Tu detesti la dittatura e in quello fai bene, ma sei ancorata al passato e non ti rendi proprio conto che nel nostro mondo si è istaurata una dittatura molto più sottile, più difficile da identificare e al tempo stesso proprio per questo molto più pericolosa e deleteria. Mi ricordi un mio amico che studia informatica che invece di adeguarsi alle nuove tecnologie e ai nuovi libri più aggiornati preferisce usare ancora i vecchi libri che poi non gli serviranno a un bel niente perché nel frattempo la tecnologia è talmente cambiata che quando si troverà nel mondo del lavoro avrà difficoltà nello stare al passo con gli altri; e così fai tu quando con la tua mente sei ancora ancorata alla vecchia dittatura comunista, nazista, fascista, ecc. e delle nuovo dittature di cui tutti noi siamo vittime non te ne rendi neanche palidamente conto, proprio per la tua incapacità di vivere in tempo presente e la tua totale incapacità di essere veramente realista.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Storie. Tu difendi l’aggressione per soldi nei confronti degli esseri umani come compiuta dai comunisti nel secolo appena trascorso. Oltre cento milioni di persone sono state uccise perché proprietarie di un qualsivoglia valore con cui potere agevolare la loro sopravvivenza sulla Terra. I belgi nel Congo, gli ottomani con gli armeni, i nazionalsocialisti con gli ebrei e altri benestanti, sono state altrettante forme di violenza per soldi. Forme tutte sostenute dagli svizzeri e con il compito di nascondere i beni così ottenuti.

          • Andrea Sartori

            Vero. Soros non ha il potere di Hitler. Ha un potere maggiore. Non ha ordinato espropri e stermini. Li ha solo provocati con le rivoluzioni colorate. P.S. Soros, pur ebreo, collaborò col nazismo

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Poi c’è chi dice che le droghe non causano danni …

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

            Beh certo, Soros è vivo, Hitler no. In ogni caso, faccio notare che Soros è una costruzione mediatica atta ad intercettare quei segmenti deboli di popolazione al quale, chi comanda, ha bisogno di dare un nemico sui cui accanirsi.
            tutte le speculazioni che ha fatto soros, le hanno fatte anche migliaia di altre persone. Quale è la differenza con Soros quindi ?

          • giulio pelernei

            Nel 1916 Hitler zoppicava, inoltre non era favorevole alla liberalizzazione delle droghe.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Era parecchio drogato.

        • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

          Accidenti che paragone. Oltre ad essere un paragone mal fatto, è anche fake news perchè Hitler, anche se morto, è stato processato postumo a Norimberga.

          • giulio pelernei

            È strano però che non lo abbiano interrogato.
            Bastava riesumarlo e così si sarebbe potuto difendere.
            D’altra parte fecero la stessa cosa con il Papa Formoso.
            C’è stato un vizio formale nella procedura.

      • geddylee2

        se li compra con gli spiccioli, i tribunali, questo qua… ma quand’è che vi svegliate un poco? non dico tanto, un pochettino… giusto per…

      • Lucio

        Anche quando si compra il tribunale?

  • gennarino

    UCCIDIAMOLO QUESTO BASTARDO DI MERDA, UN VERO E PROPRIO RAPPRESENTANTE DELL’ANTICRISTO!

    • ammazzalupi

      E dove lo vai a trovare questo bastardo di merda…????

      • gennarino

        Occorre fare un po’ di ricerche, sapere dove trascorre la maggior parte del suo tempo, quante sono le sue guardie del corpo, le sue abitudini, e poi quando meno se lo aspetta, tendergli un bel agguato! Dobbiamo organizzarci e far poi fare la stessa a fine ai membri della famiglia Rothschild, Rockefeller e altri volti meno noti del governo ombra mondiale!

        • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

          Dovete organizzarvi? ma delle gente che crede alle scie chimiche non è in grado di organizzare proprio niente. Ma cosa vuoi organizzare dai, non essere ridicolo.

    • Antonio Fasano

      gennarì miett’t nu rit ncul e ppo alliccatill!

      • Ramsmeat

        Non è halal!

        • Antonio Fasano

          Per Gennarino, visto quello che gli esce dalla bocca, la merda è più che Halal (o Cosher).

          • gennarino

            Antonio Fasano, ti reputavo una persona intelligente, ma ora prendendo le parti di un vero e proprio rappresentante dell’Anticristo (ovvero George Soros), mi stai mettendo qualche dubbio! Certo, forse sarebbe meglio attendere il ritorno di Cristo, e aspettare che sia lui e/o le sue legioni a fare un po’ di giustizia in questo mondo ingiusto e totalmente squilibrato. Ma è a mio avviso anche poco intelligente cercare di far apparire gli altri (che come me sono disgustati da certa gente ipocrita e egoista come il sig. Soros) come in torto o ridicolazzarli solamente perché chiedono un po’ di giustizia nei confronti di coloro che stanno contribuendo in maniera massicia a distruggere questo pianeta e a far soffrire centinaia di milioni di persone, solamente per il proprio tornaconto personale. Da una persona come lei, che in precedenti post (di altri blog) si definiva una persona religiosa, sinceramente non me lo aspettavo! Si vede, che molto spesso, tra religione ufficiale (qualunque essa sia) e vera Spiritualità, non vi è uno stretto legame!

          • Winston Smith

            ‘Antonio Fasano, ti reputavo una persona intelligente’…
            Qui mi delude, gennarino.

          • gennarino

            Purtroppo non si può sempre far felici tutti…

          • Winston Smith

            L’importante è che si sia reso conto dell’errore grossolano che ha commesso :-)

          • Ramsmeat

            Di quel che ha detto, l’unica cosa sbagliata, è che non metterà mai in pratica l’eliminazione di suddetto personaggio.
            All’età che ha Soros ci penserà il diavolo a chiamarlo a sé, quindi i nemici sono coloro che prenderanno le redini.

      • gennarino

        No, grazie, certe pratiche preferisco lasciarle agli esperti come te!

    • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

      No scusa: tu invochi l’omicidio e poi ti lamenti dell’anti cristo? Coerenza ZERO.

  • ENRICO

    Che sia stramaledetto per l’eternità!!!

  • Mario L.

    Lasciatelo questo Soros,è nato per fare affari, per lui conta solo il profitto.Il denaro è tutto.Conosco il suo retaggio.Lasciatelo,è questo il suo operato.Gli avete dato un opportunita’,benissimo, e lui se la prende senza pensare ma si, ma come, perchè.I numeri in banca contano, il resto non interessa.Se vuoi avere una vita agiata devi essere un ebreo.Punto.

    • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

      tu dici: “per lui conta solo il profitto.Il denaro è tutto.” . E io dico che il profitto interessa non solo a Soros, ma interessa un po’ a tutti gli esseri umani.

  • Sempre Lostesso

    Soros é il male in assoluto la sua guerra stavolta arriva con l´invasione dell´Europa, tramite africani che lui fá gettare sui mercati del lavoro per mettere in ginocchio i mercati europei che poi lui da sempre e solo speculatore sulle disgrazie degli europei, li commuterá in miliardi di euro e dollari che le nazioni europee dovranno chiedere ,come prestito alla BCE che come la BCA sono nelle mani di massoni sionisti cui Soros fá parte con i famosi banchieri di Rothschild.questo personaggio é da vomito.

    • Divoll79

      Soros, pero’, non fa tutto questo da solo. Dietro di lui ci sono poteri ancora piu’ demoniaci, Rothschild in testa.

  • Lupo

    Come dire, “Voglio essere odiato per l’ eternità ed i miei figli e discendenti saranno
    l’ oggetto perenne di vendetta della mia follia”. Ecco quello che Soros dovrebbe recitare ogni giorno ed è ciò che succederà…….La follia e l’ arroganza smisurata generano frutti immangiabili finchè la terra non sarà purificata………

  • Manente

    Che questo criminale sia un nemico dell’umanità, è ormai chiaro, la cosa di cui bisogna prendere piena coscienza è che un malfattore di questo calibro sarebbe del tutto impotente senza l’esercito di goyim a suo libro paga in Italia ed Europa, dal “partito radicale” che è una vera e propria Ong di Soros, ai vertici del Pd al completo, da Napolitano a Gentiloni che pochi giorni fa ha ricevuto Soros a Palazzo Chigi in gran segreto e con tutti i riguardi si si riservano ai veri capi. Se Soros è un criminale, i suoi servi dentro le istituzioni italiane lo sono due volte ed è contro questi farabutti che gli italiani hanno il diritto ed il dovere di indirizzare la loro sacrosanta collera !

  • johnny rotten

    Questo nazi-sionista del cazzo è un vero infame, sa che sta inguaiando un mucchio di gente ma se ne sbatte la minchia, eppure lo sa che, quando si arriverà alla resa dei conti, tutti quelli che sono stati suoi collaboratori o sostenitori verranno scannati con particolare sadismo, non avranno una morte rapida e indolore, quella è una gentilezza che nessuno vorrà mai fare loro.

  • Andrea Fineccoli

    IL GIORNO CHE CESSERA’ DI ESISTERE
    IO FESTEGGERO’ OGNI ANNO LA RICORRENZA.
    IL MALE CHE CAMMINA SULLA TERRA.
    UN DEMONE ANTROPOMORFO

    • Divoll79

      Speriamo che quel giorno sia vicino…

      • italo santolini

        non lo sarà mai abbastanza, anzi, doveva già essere arrivato

    • gennarino

      Perché non facciamo una bella colletta per assumere un giustiziere che addormenti per benino lo zio Soros?

  • http://www.beautifulcontrocorrente.com/ Francesca Ancona

    Che video cretino. Da notare alla fine che gli occidentali che ospitano si adeguano agli usi mangiando per terra e non il contrario, come dovrebbe essere. Poi, interessante mettere le famiglie, che da noi non arrivano proprio. Perché non mettono la verità? i maschi giovani che non vengono da nessuna guerra

    • Antonio Fasano

      1) decidi tu “come dovrebbe essere”? 2) In Italia ne arrivano troppo pochi perché la cosa possa essere presa in considerazione!

      • geddylee2

        veramente gli arrivi mentre in Europa sono in calo, in Italia aumentano… e gli italiani che fanno? organizzano una marcia… continuiamo a farci del male…

      • Winston Smith

        Io vorrei decidere solo come poter spendere i miei soldi….
        Poi se lei vuole ospitare qualche capra puzzolente, suo pari, lo faccia a sue complete spese !!!!
        Comprì ?

    • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

      Hai tirato fuori un problema della Madonna. Si parla sempre di migranti in numeri ma nessuno scompone mai questi numeri. Di fatto, il grosso dei giovani migranti, è composto principalmente ad maschi. Questo è un fatto nuovo perchè se è vero che le migrazioni di popoli sono fenomeni che vanno avanti da anni, è altrettanto vero ceh non ci è mai stata una migrazione mono-sessuale come quella che stiamo subendo noi.
      Sembra un problema sciocco in realtà creare uno squilibrio nel rapporto tra il numero di maschi e di femmine è un problema grosso. Però nessuno ne parla, sono tutti a fare il “tifo” pro o contro…

  • Manuel

    Non succederà proprio niente, perché voi avete perso sempre, perché lui ha vinto sempre. Lo vedrete poi morire per sopraggiunta età. Questo vi sarà di consolazione.

    • Bocci Massimo

      Almeno che gli Italiani alle prossime elezioni non gli smontino il giocattolino (truffa!!!) UE-Euro, e si riprendano la loro sovranità nazionale e MONETARIA e allora in culo a tutti i miserabili corrotti (suoi servi) come lui.

      • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

        Scusa, ed una volta che ti sei ripreso la sovranità monetaria che cosa ci vuoi fare? come hanno fatto in Venezuela ? Ad ogni modo, dall’euro non ha senso uscire. E se si uscisse, i problemi che hai 8 qualunque siano) li continuerai ad avere.

        • Bocci Massimo

          No come il Venezuela (dove ci sono i cloni ladri e bolscevichi che ci hanno cacciato nella truffa UE-Euro) ma come il Giappone e la stessa America (Trump) ,soldi nostri per pagarsi i debiti nostri interni e non essere costretti a prenderli a strozzo o farseli elemosinare da usurai Soros,BCE,FMI che poi ci speculano anche (il paradosso di tutti i miserabili servi,elemosinare ciò che è tuo facendotelo casomai anche espropriare vedi Noi e la Grecia) e poi come come faceva Mattei e fa Trump (se non lo fanno metaforicamente fuori,come prassi democratica dei corrotti i golpisti, CIA, Soros) poi ripreso il controllo della moneta e del territorio, per stroncare l’invasione,distribuzione dell’Italia e degli Italiani,uscire dalla truffa UE-Euro e rinegoziare (alla Trump) tutti i trattati e poi fare solo negozioti bilaterali (da far approvare modello Svizzero al popolo sovrano prima di essere ratificati, basta deleghe in bianco a traditori,ladri,servi come ora) per paese per paese e contrattare i migliori prezzi in entrata e uscita, riprendersi il mercato nazionale agevolando nostre produzioni e produttori (basta espropri truffa UE a Crucchi e Napoleonici che ci comprano con i nostri soldi), facendo concorrenza con le nostre merci e prodotti a tutti, Grucchi, e Sciovinisti Francesi compresi e non facendoci spodestare (svendere con quattro soldi nostri si perché noi oltre agli interessi paghiamo agli usurai Meticci,FMI non solo gli interessi ma anche il pizzo per farsi strozzare espropriare
          di ogni attività
          insomma essere Italiani e un valore non riconosciti solo dai traditori rinnegati che ci hanno asservito a questo bordello come servi come ci hanno ridotto questi criminali LADRI catto-comunisti alla fame,loro da sempre internazionalisti del piffero ma soprattutto CORROTTI e TRADITORI!!!

    • Winston Smith

      No, mi sarà di consolazione saperlo intombato all’interno delle più oscure viscere infernali….

  • geddylee2

    Basta leggere le dichiarazioni di Soros in merito all’Ucraina… un folle megalomane criminale che si crede Dio… e in più con un patrimonio di 34 miliardi di dollari… e qualcuno lo chiama “filantropo”…

    • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

      Accidenti, non devi rosicare così tanto se vedi qualcuno con così tanti soldi . Ma accontentiamoci del nostro stipendio che alla fine campiamo meglio di loro e senza le loro grane e le loro rogne.

      • geddylee2

        ma allora non capisci proprio un cazzo… ma uno tondo non potrà mai morire quadrato…

        • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

          di solito le persone che sparano sentenza così, alla fine son quelle ceh capiscono di meno. Pesna se si scoprisse che il mio stipendio è più alto del tuo. Sarebbe come dire che tu vali meno di uno che non capisce un cazzo.

          • geddylee2

            sempre là te ne devi andare…

  • geddylee2

    mi auguro vivamente che crepi, male e in fretta

  • aalberti

    Visto che questo virus della società non si decide a schiattare, sarebbe ora di dargli una spintarella.

  • Lucio

    Non capisco come mai i bianchi siano così orientati contro se stessi.
    Follia? Rimbambimento?
    E gente come Soros che guadagno ha da mutare la società? Lui tra un po’ morirà e comunque tra 20-30 anni si ritroveranno una società improduttiva ed ingestibile.

    • ENRICO

      E’come la sindrome di Stoccolma:le vittime anzichè reagire alla violenza e ai soprusi dell’aggressore,lo difendono e lo proteggono;roba da psichiatri forensi!

  • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ★ ★ ★ ★

    Io non capisco ‘ste esagerazioni. Non lasciare morire al gente nelle bagnarole lo capisco. Ma non capisco, per esempio, la “festa” che vogliono fare a Milano per i migranti. Una vera festa che quando i video saranno diffusi, colpiranno l’immaginario di tutte ‘ste persone nel mondo inducendoli a credere che l’Italia è il paese dei balocchi anche senza lavorare. Alla fine, i ragionamenti più equilibrati su questa materia li sento solo dai militari. Ma PERCHE!?!?!?

  • giovanni

    Il guaio è che questi ideologi dell’estinzione della razza bianca hanno preso il controllo di burocrazie e magistrature, tipo la nostra che ormai fa sentenze creative tipo che se un clandestino negro stupra una ragazzina italiana, c’è un magistrato italiano che lo tira fuori perchè è vittima dell’imperialismo e la ragazzina non si è fatta mettere incinta e non si è beccata l’AIDS, la scostumata.
    A parte gli scherzi queste sentenze rispecchiano quel profondo malessere mentale chiamato “buonismo” che affligge gente come Veltroni che dovrebbe essere internata alla neuro e sottoposta a trattamento farmaci, elettroshock e simili tutti i giorni.