U.S. Republican presidential nominee Donald Trump attends a campaign event in Wilmington, Ohio, U.S. November 4,  2016.   REUTERS/Carlo Allegri

Continua il braccio di ferro
tra Trump e la California

Se per motivazioni storiche gli Stati Uniti hanno fatto dell’eterogeneità interna uno dei loro tratti distintivi, lo Stato della California spicca, in questo contesto, per le sue peculiarità. Terzo Stato per superficie e primo per popolazione con oltre 38 milioni di abitanti, forte di un’economia da oltre 2,7 trilioni di dollari, che presa singolarmente sarebbe la quinta del pianeta, la California rivendica in particolar modo la sua natura di roccaforte della convivenza interetnica e un’eredità distinta dall’America profonda, della popolazione Wasp prevalentemente evangelica e di ascendenza anglosassone.

LEGGI ANCHE
Quell'arma segreta della Cina
che può mettere ko gli Stati Uniti

Con una popolazione de facto a duplice prevalenza etnica, costituita per il 40% da bianchi e per oltre il 37% da ispanici, in larga misura messicani, la California è la terra dell’incontro etnico che più di tutte si distacca e mal si concilia con i flyover States dell’interno del Paese, le roccaforti elettorali del Presidente Donald J. Trump che sono depositarie di istanze a lungo ignorate da un establishment che nel Golden State ha avuto il suo polo d’attrazione più importante assieme alla capitale Washington e a New York.

LEGGI ANCHE
La guerra di Trump in Nordafrica:
droni Usa pronti a colpire in Libia

E proprio la California rappresenta una delle principali spine nel fianco dell’amministrazione Trump. Il Presidente, nella trionfale giornata dell’8 novembre 2016, ha incassato proprio in California il distacco più netto da Hillary Clinton, ricevendo ben 4 milioni di voti in meno, che hanno contribuito alla sua sconfitta nel mero computo del suffragio popolare, e subendo un distacco di 30 punti percentuali (61% contro 31%) dalla sfidante democratica. Dopo le elezioni, i rapporti non sono migliorati: più volte la California si è messa alla testa di gruppi di Stati ostili alle politiche del governo centrale. L’ultimo caso ha riguardato una causa mossa da 18 Stati contro l’allentamento sui vincoli ambientali delle emissioni dei veicoli a motore, segno di un aspro duello destinato a protrarsi nel tempo.

Sacramento contro Washington: tutte le sfide tra Trump e la California

Sino ad ora, il governo di Sacramento ha intentato ben 29 cause all’amministrazione federale per scelte politiche riguardanti non solo l’ambiente, ma anche temi quali l’assistenza medica, l’immigrazione, la gestione dei confini, la legalizzazione della marijuana e il rimpatrio dei figli dei clandestini che vedono la leadership repubblicana di Washington scontrarsi con la California, guidata dall’anziano governatore democratico Jerry Brown.

Sull’ultimo numero di Limes è apparso un articolo di uno dei grandi portavoce della causa californiana, l’analista James O. Goldsborough, che ha duramente attaccato il Presidente: “Trump tratta la California come un territorio straniero, […] l’unica sua apparizione risale al marzo scorso, quando si è recato a San Diego – al confine col Messico – per visionare alcuni prototipi dell’amato muro […] Trump ha ripetutamente insultato il governatore Brown, uno dei migliori della storia californiana”, che di recente ha contrattaccato accusando il governo centrale di portare avanti una guerra di nervi contro Sacramento.

Di recente, Trump si è scagliato contro le città santuario che si rifiutano di applicare le normative federali sull’immigrazione e che pullulano, protette da numerosi provvedimenti legislativi, nella California che fonda sulla diversità etnica la sua peculiarità. Intervistato da Fox News, Trump ha riconosciuto come sotto questo punto di vista la California sia “fuori controllo” e dichiarato la sua volontà di tagliare, progressivamente, i fondi destinati dal governo centrale al Golden State fino a quando non deciderà di conformarsi.

Chi succederà a Brown nella sfida a Trump?

Vera e propria istituzione della storia californiana, Jerry Brown andrà in pensione a novembre dopo due mandati consecutivi, che si sommano a quelli ricoperti tra il 1975 e il 1983, subito dopo l’era di Ronald Reagan. “Il dilemma dei californiani”, ha scritto Goldsborough, “sarà dunque se eleggere un democratico moderato o uno aggressivo come successore di Brown (i repubblicani non hanno possibilità) per continuare la lotta legale e morale contro Trump”.

Tra questi, nella corsa alla nomination democratica sarebbe in testa il “falco liberalGavin Newsom, vicegovernatore in carica ed ex sindaco di San Francisco, che prepara da tre anni la sua ascesa e promuove un’agenda di aperta rottura con Washington fondata su un ambizioso piano di sanità universale. 

Più accomodante sarebbe invece Antonio Villaraigosa, ex sindaco di Los Angeles, fautore di una strategia volta alla ricerca di un modus vivendi con Trump che certifichi, nella prassi, le libertà che la California si è già ritagliata nel corso degli ultimi anni.

In ogni caso, nel corso degli anni a venire la California è destinata a rappresentare un centro di dura opposizione all’amministrazione Trump: l’esistenza di due “Americhe” nettamente distinte all’interno del Paese, rivelata dall’ultima tornata elettorale, ha avuto come conseguenze e non come causa l’ascesa di Trump. Tuttavia, il radicamento della contrapposizione tra il progressismo degli Stati rivieraschi e il conservatorismo dell’America più profonda rischia di esacerbare quelle linee di faglia che, negli ultimi anni, hanno più volte ferito una nazione che ha scoperto di recente la sua enorme fragilità interna.

 

  • cir

    quel dito, sapessi dove lo devi mettere…

    • Aleksandr Nevskij

      in bocca a maiAlox2?

      • cir

        si , alternandolo fra la bocca e lo sfintere… tanto per lui non fa differenza

        • andy48

          ma che discorsi sono? non vi vergognate?

          • cir

            di cosa ???

  • Ling Noi

    Una bella Civil War negli Usa sarebbe l’ideale, magari si renderebbero conto di tutto il male che hanno fatto in giro per il mondo.

    • cir

      una sana ed igienica guerra civile…

  • Davide Vincenzo Dionigi Mazzil

    In california molto elettorato repubblicano non va a votare per il presidente, perchè i loro voti sarebbero ininfluenti. Ma ci sono state proposte di californiani che vogliono creare uno stato nuovo. La California delle grandi città non li rappresenta

  • johnny rotten

    La california tornerà mexicana, alla fine la politica delle porte aperte agli immigrati sarà la loro rovina.

  • ClioBer

    La California è diventata un vero “santuario” dell’illegalità.
    Come ho scritto in altro post, a partire dal Governatore Brown, a diversi mayors di città importanti, pur di difendere i migranti illegali, disattendono le leggi “federali” e ne ostacolano l’applicazione.

    Per non parlare della giustizia, che non ha nulla da invidiare alla nostra, sempre pronta a dimostrare una “pelosa e inspiegabile” benevolenza verso i migranti illegali, anche quando commettono reati gravissimi.

    Certo, è legittimo pensare che ciò che succede negli U.S. sia scollegato dalle vicende del mediterraneo, che l’ostilità a Trump, che ci sta provando a opporsi, dipenda dai suoi dubbi comportamenti, che non c’entri nulla il fatto che le sinistre, per loro natura populiste, ora disprezzano i “populismi”.
    Come, ancora più azzardato e fuori luogo, l’assunto che le braccia tese d’oltre Tevere, verso chi per decine di secoli era considerato il “nemico mortale”, possa collegarsi col resto, che sta sconvolgendo l’intero pianeta.
    Ma io, con la mia solita cocciutaggine, ahimè, ritengo che il tutto faccia parte del progetto (criminale), nato in tempi abbastanza remoti in terra britannica, che vuole la fastidiosa (per potenti e potentati, naturalmente) civiltà occidentale sia la “vittima predestinata”.

  • berserker2

    L’unica soddisfazione in merito a queste politiche imbecilli pro-clandestini poste in essere da sindaci, governatori, politici sinistrati DEM, è che prima o poi, continuando a inzeppare l’Occidente di immigrati colorati, incivili, scansafatiche e ignoranti (immigrati, detto per inciso, che non hanno ALCUN DIRITTO ad emigrare, ovvero immigrati che non hanno alcun requisito previsto dai trattati internazionali in merito a diritto di asilo ed emigrazione (trattati peraltro scritti e sottoscritti da ONU e governi catto/sinistrati, mica da noi persone normali e di buon senso….), l’unica soddisfazione sarà, che California, Florida, Texas, Arizona e le grandi città USA , diventeranno delle belle cloache, a immagine e somiglianza dei turpi paesi da cui scappano i chicani latinos, gli scansafatiche centro-americani desiderosi dell’american way of life, essendo incapaci di vivere in modo normale e civile nei loro paesi “shithole”….. Nella maggior parte dei casi andranno ad accettare senza alcuna dignità condizioni di lavoro a scapito dei cittadini USA, in buon numero invece andranno ad ingrossare le fila delle numerose gang di immigrati chicani (di prima o seconda generazione non importa, sempre feccia loro è….), occupandosi di spaccio, rapine, stupri, violenze, prostituzione, per la felicità dei bravi sindaci sinistrati che li proteggono sempre, anche quando si tratta di quei delinquenti tutti tatuati, panzuti e violenti, strafatti di crack e alcol, che figliano come nutrie, tanto, i pargoletti (in attesa di diventare delinquenti giovanili), staranno a carico del welfare americano. Sussidi, buoni, case, bonus….. tutto graziosamente offerto dai politici sinistrati DEM e pagato con le tasse dei lavoratori USA.

  • agosvac

    Sarebbe bene ricordare che il 37% di ispanici californiani non è che siano immigrati clandestini. Sono i discendenti degli ispanici che governavano la California da molto tempo prima che nascessero gli USA!!! La California fu colonizzata dagli spagnoli del Messico, come del resto anche il Texas, il New Mexico e l’Arizona. Poi, molto dopo, divennero tutti parte degli USA , anche se contro voglia. Il Texas, in particolare, per un po’ di tempo fu una repubblica indipendente dagli USA con Governo autonomo per poi, ovviamente, soccombere. Francamente dubito che sia la popolazione ispanica a volere i clandestini, è più probabile che sia il 40% della popolazione americana, quella che ha nella “silicon valley” il centro finanziario ed industriale più importante degli USA e che ha necessità di manodopera a basso costo per potere diventare sempre più ricca. Ovviamente alla manodopera a basso costo si unisce anche delinquenza e spaccio di droghe di qualsivoglia tipo.

  • Mario Marini

    Il governatore della California è un paranoico ideologizzato che sta combinando solo danni, in molti rimpiangono Shwarzenegger

  • dottor Strange

    la California sta diventato una immensa favela, con bande armati, trafficanti di droga e pervertiti sessuali per tutti i gusti. la gente normale non va più a votare perchè tanto votano tutti i clandestini, senza alcun controllo. Los Angeles è diventata come Rio de Janeiro: se sbagli strada sei morto. i Democratici sono ormai fiancheggiatori ufficiali del crimine