Yemen

Come l’Iran rifornisce di armi
i ribelli houthi dello Yemen

C’è un flusso di armi che continua ad alimentare la guerra in Yemen. Quel flusso, direttamente, o indirettamente, arriva all’Iran. La Repubblica islamica ha contribuito all’escalation bellica fornendo ogni tipo di appoggio agli houthi, la milizia sciita che contende il potere con ciò che resta del governo dell’ex presidente Abdrabbuh Mansur-Hadi. Ma andiamo con ordine.

Il Paese si è infiammato a partire dal 2011 con l’avvento delle cosiddette primavere arabe. Ma è nel 2015 che la situazione precipita. Gli houthi conquistano la capitale Sana’a cacciando Hadi e l’Arabia Saudita inizia la sua campagna per liberare lo Yemen dagli sciiti. Da qual momento il Paese è sprofondato in un conflitto settario che ha preso le sembianze di una guerra per procura. Riad ha raccolto intorno a sé una coalizione e compiuto centinaia di raid nel Nord del Paese. Teheran ha invece fornito armi e supporto logistico ai ribelli. Il legame tra l’Iran e i miliziani, è nato molti prima delle primavere arabe e nel corso del tempo si è affinato.

Il traffico di armi: la cattura dei cargo nei Mar Arabico

Il primo segno che le armi in mano ai ribelli sciiti non fossero di produzione propria, o provenienti da arsenali delle truppe lealiste, è arrivato con un’analisi del Conflict Armament Research (Car). In particolare per quanto riguarda il drone Qasef-1 Uav. Gli insorti hanno sempre dichiarato che si tratta di un prodotto casalingo ma in realtà gli esperti del centro di ricerca hanno dimostrato che si tratta di un mezzo costruito con componenti iraniani. Il Qasef-1 sarebbe infatti della stessa famiglia degli iraniani Ababil. In alcuni droni esaminati si notano numeri di serie molto simili che indicano l’appartamento tra il mezzo usato dagli houthi e quello prodotto in Iran. Questi dispositivi sono spesso stati usati per colpire i sistemi di difesa missilistici dell’Arabia Saudita, come le batterie Petriot lungo il confine meridionale.

Ovviamente le forniture non si fermano qui. Nic Jenzen-Jones, uno specialista dell’Armament Research Services ha passato diverso tempo a studiare i passaggi di armi tra Iran e Yemen. Oltre ai droni sarebbero arrivati anche diversi armamenti come missili anti nave o lanciarazzi. Resta però la grande questione di come quelle armi siano arrivate sul suolo yemenita. Tre sequestri avvenuti nel 2016 ci spiegano come sia avvenuto il passaggio di armi. Febbraio e Marzo del 2016 tre navi da guerra della Combined Maritime Forces (CMF), una missione di pattugliamento internazionale nel Mar Rosso e Oceano Indiano occidentale, la HMAS Darwin la FS Provence e l’USS Sirocco, hanno fermato tre natanti che stavano trasportando migliaia di armamenti, destinati alla Somalia e allo Yemen.

LAPRESSE_20160815220935_20355702 LAPRESSE_20160815220912_20355691 LAPRESSE_20160815220911_20355690 LAPRESSE_20160815220906_20355686 LAPRESSE_20160815220849_20355677 LAPRESSE_20160815220917_20355694

Il Car, incrociando i numeri di matricola di alcuni dei pezzi trovati a bordo di quelle navi, è riuscito a ricostruirne il percorso. In particolare che sia esistia una sorta di pipeline di armi proveniente dai porti iraniani, per poi far scalo in quelli somali prima di puntare verso le coste dello Yemen. Ma l’analisi dei numeri di serie ha fornito anche altre indicazioni. La sequenzialità delle matrici ha indicato che si trattasse di armi leggere provenienti da arsenali e non da fonti non statali. Altri dati, individuati in almeno due sequestri, hanno mostrato che alcuni armamenti erano con ogni probabilità di produzione nordcoreana. A suggello di tutto, due delle tre navi catturate erano state prodotte dall’azienda iraniana Al Mansoor. Mentre fonti locali nella regione del Puntland, in Somalia, hanno confermato che i vascelli Al Mansoo hanno rifornito il mercato locale per lungo tempo usando anche i porti dell’area come punto di transito.

yemen 1

Le nuove rotte: piccole navi a largo del Kuwait

I sequestri, e il parziale smantellamento della pipeline, non hanno però fermato il Paese degli Ayatollah. Qualche mese fa fonti della Reuters hanno confermato che i pasdaran hanno iniziato ad aprire una nuova rotta per rifornire i ribelli. In particolare utilizzerebbero le acque nella parte alta del Golfo Perisco nel tratto di mare tra Iran e Kuwait. Usando questo nuovo itinerario le navi iraniane trasferiscono gli armamenti in vascelli molto più piccoli che solitamente vengono sottoposti a controlli meno rigidi. I trasbordi, per non destare sospetti, avvengono molto spesso nelle acque del Kuwait vicino alle grandi rotte di navigazione verso l’Oceano indiano.

Un ufficiale iraniano ha confessato che spesso parti di missile, lanciarazzi e droga vengono trafficate verso lo Yemen attraverso le acque del Kuwait. Non solo. Le stesse rotte vedono spesso utilizzate per trasportare denaro. Ma il vero fulcro del traffico resta la componentistica. L’invio di materiale per assembrare missili che altrimenti non potrebbero essere realizzati in Yemen. Mentre la droga e soldi avrebbero la funzione di sovvenzionare altre attività sul campo dei ribelli.

LAPRESSE_20160817205145_20381258  LAPRESSE_20160815220917_20355694 (2)  LAPRESSE_20160816145625_20363488  LAPRESSE_20160817205138_20381253  LAPRESSE_20160815220959_20355716  LAPRESSE_20160817205157_20381262  LAPRESSE_20160816145613_20363484  LAPRESSE_20160815220958_20355714

Il Kuwait ha ovviamente negato tutto dicendo di essere in grado di controllare in modo completo le proprie acque territoriali. Quello che è certo però è che nel corso del 2017 non ci sono più stati grossi sequestri d’armi. Ma un secondo ufficiale iraniano ha confidato a Reuters che sarebbe sbagliato parlare di traffico, quando di un’”attività” dato che il contrabbando riguarda poco materiale. Ma ha specificato che si tratta comunque di “rotte sicure” e che questo tipo di operazioni vengono condotte in piccoli porti lungo la costa iraniana, lontano quindi da quelli di maggiore dimensione che sarebbero sempre sotto osservazione.

Gerry Northwood, del think tank MAST ha spiegato che quasi tutto il Golfo Persico è un’ottima zona per le attività delle piccole barche. Iran, Iraq e Kuwait competono per l’egemonia nell’area quindi ogni tipo di collaborazione è inesistente. Ogni giorno centinaia di imbarcazioni navigano indisturbate attraverso lo stretto di Hormuz e poi quello di Bab el-Mandeb. Tutte le navi battenti bandiera iraniana spengono i propri transponder per giorni, si incrociano con altre navi con un sistema di staffette oppure lasciano il carico da trasportare nei pressi di una boa che viene poi recuperato da altre imbarcazioni.

yemen nuove rotte

Il supporto logistico: come Teheran addestra i miliziani houthi

Oltre alle armi, i guardiani della rivoluzione offrono anche un pieno appoggio strategico gli houthi. I pasdaran iraniani, stando a un rapporto dell’Iranian Crime Research Institute sono presenti da tempo in Yemen. In particolare quattro comandanti militari si troverebbero sul luogo per fornire un appoggio ai miliziani. Tra questi ci sarebbero i colonnelli Ridaa Bassini e Ali al-Rajabi e il generale Mohammad Niazi. Il rapporto dell’istituto ha spiegato che il team si trova nel Paese per fornire dare indicazioni dirette sulle operazioni militari. Non solo. Il documento ha mostrato anche che il ministero della Difesa iraniano, per bypassare le crescenti limitazioni all’invio di armi, ha allargato il programma di invio di consulenti che insegnino ai miliziani come costruire armi e munizioni. Oltre un migliaio di ribelli houthi sarebbero stati addestrati dai guardiani della rivoluzione e altri 250 dalle forze Quds (il braccio dei pasdaran impegnato fuori dall’Iran) nella città iraniana di Hamedan.

Ma campi di addestramento sono stati individuati anche in Libano, grazie all’appoggio e all’abilità militare dei comandati di Hezbollah. L’asse sciita però è stato molto attivo anche in prima persona. Secondo uno studio visionato da al monitor, nel 2017 23 soldati iraniani sono stati uccisi o catturati in Yemen mentre 21 guerriglieri di Hezbollah sono scomparsi. Ma il contingente di combattenti stranieri tra le file houthi potrebbe allargarsi con l’arrivo di combattenti afghani spinti da Teheran.Non bastasse questo il report indica che solo nel 2016 Teheran ha fornito agli houthi aiuti in varie forme pari a 90 milioni di dollari.

yemen rotte via terra

La nota dell’Onu: difficile dimostrare il coinvolgimento dell’Iran

In più di un’occasione l’Onu è intervenuto sugli scambi tra houthi e Iran e sulla violazione dell’embargo. Spesso durante le sessioni i diplomatici sauditi e quelli iraniani si sono scontrati sulla questione delle forniture di armi. Anche gli Usa, per bocca dell’ambasciatrice Nikky Haley, hanno puntato il dito contro Teheran colpevole di fornire i componenti per i missili balistici che minacciano Riad, solo tra 11 e 12 aprile la capitale saudita è stata presa di mira con due lanci. La situazione ha spinto le Nazioni Unite ad agire e per due anni consecutivi un panel di esperti si è messo a lavoro per analizzare il conflitto. All’inizio del 2018 è stato pubblicato un nuovo rapporto che conferma le accuse di Usa e Arabia solo in parte. 

Nel documento si legge infatti che «non sono state trovate sufficienti prove che confermino un diretta fornitura di armi su larga scala da parte della Repubblica Islamica», ma conferma però che sul terreno gli Houthi hanno usato missili anti-carro prodotti dall’Iran. Gli esperti hanno scritto anche che la supremazia aerea dell’Arabia e della sua coalizione restringe le forniture agli houthi a poche opzioni: quella marittima fiaccata dai sequestri e ridotta a piccole navi e quella via terra (definita anche “traffico formica”) che viaggia su rotte istituite prima dell’embargo e che possono fornire (in particolare attraverso l’Oman) poche armi specifiche, magari con spedizioni camuffate. Non è chiaro però quanto il volume possa influire sulle sorti del conflitto. Quello che invece è certo è che questa goccia continua proveniente in varie forme da Teheran rischia di prolungare la guerra ancora per molti anni. 

  • Aleksandr Nevskij

    fanno bene

  • kikko19

    i sauditi meritano ben di peggio… hanno finanziato l’isis e altri maiali per anni.

    • Maria

      Lei e malissimo informato vada in Iran dove un regista iraniano e stato arrestato e torturato in carcere per aver criticato il regime degli Ayatollah. C e una crisi gravissima dell economia iraniana poiche tutti i guadagni fatti con la vendita del gas vanno nell acquisto di armi. Le donne sono obbligate a portarelo chador e la polizia segreta controlla la vita privata. Cina Arabia Saudita e Iran i sono i paesi dove si effettuano sentenze capitali. In Russia donne euomini che contestavano Putin lanciando colorati aeroplanini di carta sono stati arrestati ed alcuni incarcerati. Maria

      • CARLO FILE

        In USA Washington protestavano contro la guera e contro il trump,sono stati menati e anche arrestati dalla polizia USA.In Russia Putin aveva vinto 76%,se non credi vieni e vedrai.Anche OSCHE aveva amesso che Putin aveva stravinto.Invece CLOWN TRUMP aveva vinto per 3 voti.

      • CARLO FILE

        USA a Washington avevano arrestato demostranti perche demostravano contro Trump e contro la Guera,pensa te un po.

        • Maria

          Gli USA forniscono armi ai criminali sauditi e la russia all Iran che e pure un criminale piu raffinato. PECUNIA NON OLET a scapio error a scapito della vita di molti bambini e dei diritti umani. Maria t

          • CARLO FILE

            E Sionisti Israele dove li metti ?? ammazzano bambini Palestinesi.

      • kikko19

        Cara maria, rileggi il messaggio, ho appunto detto che i sauditi si meritano di peggio, e dato che li citi assieme ai cinesi (che ovviamente nessuno osa toccare perche’ prenderebbe delle sonore pedate nel sedere) mettici pure gli americani che non sono piu’ la patria della liberta’. Sull’iran abbiamo gia’ visto (iraq, libia, e altri) che non gli puoi portre la democrazia all’improvviso perche’ succede il finimondo, bisogna educarli un po’ alla volta visto che vengono da culture intrinsecamente INCIVILI.

      • virgilio

        crepa bruta giudea!

        • Lunex

          Sionista di m3rda .suka verme

          • virgilio

            ti pisćio in kulo froćio

    • Maria

      E liran il terrorismo internazionale. Ma vada in Iran e vedra che regime c e Ripeto CINA SAUDITI E IRAN SOSTENUTI DAGLI AFFARI DEGLI OCCIDENTALI COMPRESO IL NOSTRO PAESE CHE VENDE ARMI AI SAUDITI E FIRMA CONTRATTI LUCRATIVI CON L IRAN SONO NAZIONI CRIMINALI: IL PETROLIO E L ORO CHE ATTIRA L OCCIDENTE CHE BASA TUTTA LA SUA INDUSTRIA SUL PETROLIO: QUESTI STATI CRIMINALI SONO FORAGGIATI DALL OCCIDENTE CHE CALPESTA I DIRITTI UMANI USA BAMBINI COME SCUDI UMANI O PER SMINARE CAMPI CON LA PROMESSA DI ANDARE IN PARADISO: CONSULTATE GLI ARCHIVI F DELL IRAN: RIFLETTETE PERCHE L OCCIDENTE HA CREATO QUESTI MOSTRI!!!!! MARIA

      • Anita Mueller

        Guardi che i sauditi, quanto a regime di stampo medievale non sono secondi a nessuno, tantomeno agli iraniani.

        • Maria

          Cara Anita allora non ha recepito i mei commenti sui sauditi che ho definito criminali. Conosco l Arabo per cui seguo i loro comm al deal del nuke program dell Iran poiche ha firmato contratti per l energia. Sauditi sostenuti dai criminali waahbiti leggono e condividono lo stesso corano poiche si tratta di una guerra di potere di uno scisma all interno dell Islam e l Europa e diventa EURABIA perche PECUNIA NON OLET. Grazie del suo intervento.Mariaenti segreti. Il vero problema e che le due potenze USA e Russia giocano con questi criminali rifornendoli di armi mettendo in serio pericolo l esistenza d Israele facendo esplodere tutto il medioriente. Mi occupo di diritti umani all estero soprattutto dei poveri bambini. Oggi armi danaro prosopopea di comandare come fa Putin il nuovo zar di Russia ha reso molti lettori ciechi. L Italia purtroppo e contraria

          2018-04-26 9:05 GMT+02:00 Disqus :

          • Anita Mueller

            Guardi le posso dire solamente questo. Qualcuno da quando Putin ha deciso non sedersi più al tavolo con l’elite finanziaria globale (diciamo pure letteralmente con l’Anticristo in persona), quest’uomo è diventato il nemico numero uno di quasi tutti i capi di stato della maggior parte delle nazioni di questa Terra. È stato provocato dagli americani in particolare in tutti i modi, persino sulla questione Ucraina. Putin naturalmente non è un santo, visto che alle provocazioni si può sempre reaggire senza usare le armi o i carri armati, ma almeno quest’uomo è stato l’unico uomo politico potente (o diciamo pure l’unico capo di stato) che ha letteralmente mandato al diavolo colui che io amo definire l’Anticristo in persona, ma su questo è pure libera di non credermi perché al momento attuale non non sono in grado di fornirle alcuna prova, anche se qualcun altro lo farà molto presto al posto mio. Le posso dire che quando tutti i giocatori siedono allo stesso tavolo e si mettono d’accordo su tutto, tutto rimane uguale a come prima e niente cambia: il governo ombra mondiale (costituito dagli uomini più ricchi, potenti e influenti del pianeta) continuano non solo a governare il mondo da dietro le quinte attraverso i loro burattini politici (i vari capi di stato e di governo) che stanno sul loro libro paga, ma continuano ad accumulare sempre più ricchezze e far impoverire intenzionalmente la maggior parte della popolazione mondiale. Queste persone (tra le quali si annoverano in particolare banchieri e petrolieri) non hanno alcun interesse ad es. che invenzioni o scoperte geniali (come la fusione fredda o il generatore Hendershot) possano mai trovare un impiego quotidiano perché verrebbe a crollare l’intero castello di cartapesta costruito appunto da banchieri e petrolieri in primis. Israele (e non ce l’ho con la maggior parte della persone che abitano quella terra) gioca purtroppo un ruolo fondamentale in questo sporco gioco insieme agli Stati Uniti d’America. Se Israele fosse semplicemente una Terra (seppur costituita su presupposti sbagliati a mio avviso) che desidera solamente vivere in pace, le darei anche ragione. Ma la verità purtroppo è un’altra. Non solo che Israele è stata costituita principalmente su volonta dei Rothschild che all’epoca volevano avere un avamposto in medio-oriente che era ricco di petrolio, ma ancora adesso viene utilizzata dal governo ombra mondiale proprio per creare intenzionalmente instabilità non solo in quell’area medio-orientale ma in tutto il resto del pianeta. Mi creda, al momento attuale purtroppo proprio USA e Israele sono i migliori alleati, anzi diciamo pure il più importante strumento di questo satanico governo ombra mondiale, mentre la Russia di Putin rappresenta un modo per rompere questo meccanismo anche se purtroppo la modalità in questa rottura avverrà definitivamente potrebbe anche aver luogo in modo molto drammatico attraverso una terza guerra mondiale di tipo nucleare. Putin l’ha dichiarato alle tv russe molto chiaramente: lui sa che in questo momento la Russia e sotto mirino di un attacco americano e ha detto molto chiaramente che se dovesse venire (ingiustamente) invasa dagli americani lui lancerebbe immediatamente le prime testate nucleari proprio in Europa e subito dopo negli USA. Lo stigmatizzato Giorgio Bongiovanni che dice per primo che Putin non è uno stinco di santo (se non addirittura un violento) è comunque uno strumento nelle mani di Dio (mentre gli USA ed Israele, diciamo almeno i loro capi di Stato sono il principale strumento dell’Anticristo) che in qualche modo deve rompere questa continuità di ingiustizie perpetrate da questi criminali che finora hanno intenzionalmente impedito che tutti potessero godere in modo equo di tutte le risorse della Terra invece di essere concentrate nelle poche mani di coloro che stampano il denaro e ne detengono la proprietà oltre ad essersi imposessati con l’inganno di quasi tutte le risorse planetarie.

  • potier

    a pensare che lo Yemen era riuscito a trovare una tregua, se non proprio la pace all’indomani della riunificazione tra Aden e Sana’a, del resto è dagli anni quaranta o cinquanta che da quelle parti le varie componenti tribali si combattono e si contrappongono anche perché sobillati allora dagli egiziani al punto che a suo tempo gli inglesi dovettero frapporsi tra le varie fazioni cimentandosi in una sorta di contro guerriglia per giustamente scongiurare massacri e violenze tra le varie appunto tribù beduine sunnite, sciite ecc ecc. ed ora a quanto pare si sono ancora una volta riaccese le vecchie rivalità cosi tenute a lungo sopite e nascoste ma nuovamente e probabilmente incoraggiate, sobillate e fomentate dai barbuti Ayatollah iraniani per nuocere e danneggiare per interposta persona i rivali sauditi sunniti … pertanto cosa di meglio se non interferire nella parte più debole e precaria dell’area come nel
    tribale Yemen dove l’equilibrio politico religioso ed etnico risulta da sempre precario ?

    • Anita Mueller

      L’unica lotta che bisogna fare è quella per la pace, l’armonia, l’amore e la giustizia, il resto è poco importante.

      • CARLO FILE

        mandiamo te in nome del Hiltler e nazisti.

    • virgilio

      Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr…………………..

  • Demy M

    E’ la legge per la sopravvivenza contro la coalizione internazionale a guida UsArabic.

    • Maria

      Demy chi esporta il terrorismo per favore???? Non difendo i criminali Sauditi poiche sono uguali agli Iraniani dato che leggono lo stesso corano ed applicano la stessa sharia. Non difendo ne Trump ne Putin perche vendono armi a due criminali crudeli i sauditi sono piu rozzi nel n bombardare civili ed ospedali mentre gli Iraniani piu intelligenti nell esportare il terrorismo islamico creato dal defunto Khomeini e chi ci va di mezzo sono i civili ma soprattutto i bambini!!!!!! Le armi distruggono nelle mani di feroci difensori dell Islam e della sua rivoluzione. Infatti pecunia non olet e i massacri continuano. Nessun accenno all anniversario del genocidio armeno veramente siete imperdi errore imperdonabili perche difensori di stati criminali. Pensi al nostro paese sul baratro di una guerra politica gravissima e disastrosa.Maria

      • Ling Noi

        Chi esporta il terrorismo? Ebrei e sauditi.

        • Demy M

          ebrei e UsArabic.

          • Maria

            Sura 21,96 applicata e seguita da Iran e sauditi QUANDO GLI EBREI SI NASCONDERANNO DIETRO ROCCE E ALBERI LE ROCCE E GLI ALBERI DIRANNO OH MUSULMANI OH ABDALLAH C E UN EBREO NASCOSTO VIENI AD UCCIDERLO. SURA 3,28 non abbiate amici non musulmani che non credono in Allah!!! Auguri Demy.Maria

          • Ling Noi

            “I Giudei sono esseri umani; le altre persone del mondo non sono esseri umani, ma bestie.” Baba Mezia.

        • Maria

          L IRAN E INNOCENTE VERO?? GLI SCIITI IRANIANI LEGGONO ED APPLICANO LO STESSO CORANO: SURA 3,28 invita e dice di non avere amici non musulmani nemici di Maometto!!Maria

          • Ling Noi

            Gli ebrei leggono e applicano il Talmud che tratta i non ebrei come escrementi, e allora?

      • virgilio

        tro!a,gli USraeliani vanno sterminati per il bene dell’umanita e quelli come te con loro,lurida ebrea

        • Maria

          Tu sarei ben presto sterminato ed eliminato per il bene dell umanita, Non abbasso come fai tu ad insultarti perche non ne vale la pena. Tanti auguri Virgilio!!!Maria

          • virgilio

            crepa!

      • luigirossi

        i bambini di Gaza assassinati da Israele in numero di 400 nella guerra del 2012 bombardando i condomini?Parla di quelli?

    • Zorz.zorz

      Ogni assassino trova alibi ai suoi gesti.Metta la testa nel freezer.

      • Ling Noi

        Ebrei e sauditi, love is in the air.

        • Maria

          Corano sura 21,96 applicata dai Sauditi e dagli islamisti iraniani che dice testualmente Questa sura fu ripresa dagli ayatollah grazie al loro fondatore Khomeiny ” QUANDO GLI EBREI SI NASCONDERANNO DIETRO ROCCE E ALBERI LE ROCCE E ALBERI DIRANNO O MUSULMANI OH ABDALLAH C E UN EBREO NASCOSTO VIENI AD UCCIDERLO.” SURA 3,28 DICE NON AVERE AMICI NON MUSULMANI CHE NON CREDONO IN ALLAH”In Nigeria musulmani hanno incendiato una chiesa ucciso due sacerdoti e ferito 16 fedeli. Putin e solo un mezzo per spillare armi da usare contro l occidente inclusa la Russia dato che dopo la caduta delle repubbliche sovieteche l islaM si e risvegliato. Maria

          • Ling Noi

            “Lo sterminio dei Cristiani, è un sacrificio necessario.” Zohar II 43a

    • Maria

      E l Iran?? Un regista iraniano e stato incarcerato per aver criticato il clero e la rivoluzione islamica. Infatti l Iran investe somme enormi di danaro tralasciando di migliorare la disastrata economia iraniana e la crescente disoccupazione 40 per cento dei giovani sono disoccupati. L iran applica le stesse regole coraniche dei sauditi perche il loro conflitto non e basato su dogmi teologici bensi sull eredita dipotere che spetterebbe ai discendenti di Maometto cioe alla figlia Fatma e al cugino Ali e non all Iran che fu convertito all islam. Maria

  • Maria

    Molti credono che i Sauditi siano peggiori dell Iran ,ma si sbagliano piche tutti e due sono dei veri criminali imbevuti d odio per la supremazia coranica infatti si tratta di unaguerra tra sciiti e sunniti in atto da piu di mille anni purtroppo molti lettori non si scagliano contro la vendita di armi daparte degli USA ai sauditi e da parte di Putin all Iran. Sauditio e Iran leggono lo stesso corano seguono lo stesso Ramadan c e la sola differenza che in Iran c e un clero e cioe gli Ayatollah seconto loro ispirati da Allah. Purtroppo gli occhi della guerra non ha riportato il tremendo bombardamento saudita nello yemen del sud durante la festa di un matrimonio facendo molti morti tra cui moltissimi bambini!!!!! Silenzio assoluto da parte della stampainternazionale. Il nostro paese recentemente ha venduto tramite la filiale tedesca RWM SPA armi ai criminali Sauditi e la Germania pure tramite la RHEINMETAL AG mentre Putin ha rifornito l Iran di modernissimi S300 missili anti aerei sofisticati per vendicarsi di Israele per aver distrutto centri di produzioni d armi chimiche. Alcuni mesi orsono l Iran lancio su Israele un drone pieno di esplosivo per colpire civili israeliani. Khomeini uso bambini in Iraq per sminare il terreno pieno di mine e questi bambini portavano al collo una chiave che Khomeini aveva loro detto metaforicamente che in caso di esplosione quella chiave rappresentava l ingresso in paradiso. Quindi attenzione a fare una distinzione tra i due criminali.Maria

    • Ling Noi

      Te l’ho già detto, cambia nick: “Le panzane del Mossad”

    • Zeneize

      Il nostro paese? Qual è il tuo paese? L’Italia no, un paese anglofono no, forse Israele?

    • Mario Marini

      Perfettamente d’accordo. L’unica variabile è che in Iran esiste una potenziale società civile che è nazionalista e non religiosa e vorrebbe riforme nel senso di maggiore democrazia, in Arabia Saudita e in Qatar non vedo nulla, a parte qualche sparuto dissidente

  • CARLO FILE

    Cosi come Sauditi e Qatar riforniscono armi a ISIS e altri gruppi terroristi in Siria.1:1.

  • Vlado Cremisi

    I sauditi fanno la guerra agli houti massacrando la popolazione yemenita che non sono wahabbiti.
    Il vero pericolo sciita per la monarchia è a est cioè in terra saudita dove sono duodecimani e non a sud nello yemen sunnita e neanche dagli yazidi.
    Come annettersi un pezzo di terra raggirando il mondo intero

    • Maria

      Mentre gli ayatollah con enormi ali d angelo esportano la pace in medioriente facendo soffrire il popolo iraniano. Ma glu errore gli ayatollah sono guerrieri spirituali agguerritissimi nel condannare a morte ed a violare i diritti umani. Difendete invece l oppresso e sofferente popolo iraniano.Maria

      • Vlado Cremisi

        Sicuramente anche tu saresti stata d’accordo in una primavera (non)araba in terra persiana e sicuramente penseresti che non sarebbe mai pilotata… come sicuramente lo penserai delle altre già avvenute.
        Tanto alla fine il conto lo paga sempre qualcun’altro.Auguriamoci che un giorno non tocchi proprio a noi.

      • luigirossi

        si legga I 27 CRIMINI DELLO STATO DI ISRAELE pubblicati dall’ECONOMIST sotto il titolo ZIONIST IGNORAMUS.Poi mi faccia sapere

      • Zeneize

        Tu non puoi parlare di pace, Mario Wolf, poiché sostieni apertamente un branco di assassini.

  • dottor Strange

    quando i musulmani se le danno fra di loro, va sempre bene. certo che tutti i soldi che, col petrolio, sono arrivati a Ryad negli ultimi 30 anni sono stati utilizzati per finanziare guerre e terrorismo. spero che in futuro tornino a fare i dromedaristi morti di fame. comunque gli sciiti, in questo momento, vanno sostenuti perchè i nostri nemici sono i sunniti (e gli ebrei)

    • tex

      Dire che sei iraniano no?

    • Mario Marini

      Non va sostenuto nessuno, bisogna considerare la pericolosità di tutti…….Basta con questo repellente antisemitismo da curva livornese e laziale, per cortesia. In Iranm come in turchia l’europa dovrebbe sostenere i laici e i riformisti, non altro.

      • dottor Strange

        non sono per nulla antisemita, semplicemente considero stupida e pericolosa la politica di Israele. conseguentemente, considero stupidi e pericolosi gli ebrei della diaspora (soprattutto USA) che la sostengono. guardi che gli Ebrei estremisti (quelli con le treccioline ed il mitra a tracolla) sono come l’Isis. per quanto riguarda i laici ed i riformisti, se ce ne fossero li sosterrei volentieri. by the way, nella categoria Assad ci rientra abbastanza….

  • Ling Noi

    Articolo molto fazioso e fuorviante, vuole far credere che la guerra nello Yemen esiste per volontà iraniana quando invece è stata un’invasione capitanata dai sauditi. Sulle armi, andate a vedere come combattono gli Houthi, su Youtube ci sono tanti loro filmati, assaltano e distruggono le postazioni saudite, catturano cosi tante armi che a volte devono distruggerle perchè sono troppe. Riguardo i missili, è materiale vecchio e modificato, la base erano gli Scud, la provenienza era l’Iraq dei tempi di Saddam.

    • Maria

      Ma sono gli USA che forniscono i criminali sauditi!!! Mentre la Russia rifornisce l Iran non migliore dei sauditi perche leggono e applicano la stessa leh legge coranica. Ripeto Cina Sauditi e Iran sono i paesi che hanno piu condanne a morte. Pecunia non olet mentre i diritti umani vengono capestati e violati.Maria

      • luigirossi

        peccato che l’Arabi Saudita abbia finanziato l’ISIS,che sauditi fossero i terroristi dell 11 SEttembre,e che l’iran non abbia mai organizzato in Europa o USA un attentato che sia uno

      • Zeneize

        Un’idea per festeggiare l’anniversario della “liberazione”: gettati nel Mar Morto con una macina attorno al collo.

      • Ling Noi

        “Il migliore tra i Cristiani dev’essere strangolato.” Rasoni, Exodus 14

      • Alox2

        I diritti umani in USA si rispettano e puoi praticare la religione che VUOI…tutto il mondo vende e compra armi.

    • Andrea Chiodi

      Effettivamente articolo piuttosto strano, fuori tempo e biased. Premettiamo che senza l’ intervento saudita e UAE (assieme a mercenari di vari paesi), la guerra civile sarebbe già finita da un pezzo in quanto già nel 2015 gli Houthi avevano in pratica il controllo di gran parte del paese, costretto Hadi a fuggire in Arabia e conquistato Aden. Nell’articolo si tralascia completamente di citare i continui bombardamenti della coalizione saudita che hanno pesantemente colpito i civili yemeniti, bombardamenti denunciati come crimini di guerra anche da HRW e l’ONU. Analogamente si omette di dire che sono stati molto criticate (almeno a parole) le forniture militari forniti dagli USA e da UK ai sauditi forniture che sono servite ai sauditi per continuare i bombardamenti e l’ invasione dello Yemen. Senza l’intervento della coalizione saudita e senza i rifornimenti americani di armi e bombe ai sauditi la guerra sarebbe cessata da un pezzo. A leggere l’articolo sembra un crimine che gli Houthi e la parte dell’esercito che appoggiava Saleh, e che ora dopo il voltafaccia di Saleh è rimasta comunque alleata con gli Houthi, cerchino di rifornirsi di armi, mentre per l’articolista sembra sia irrilevante o sia da approvare che paesi stranieri come Arabia e UAE cerchino di controllare lo Yemen e ne bombardino ed affamino la popolazione… Strano articolo.

  • Andrea Chiodi

    Articolo piuttosto strano, fuori tempo ed unidirezionale. Premettiamo che senza l’ intervento saudita e UAE (assieme a mercenari di vari paesi), la guerra civile sarebbe già finita da un pezzo in quanto già nel 2015 gli Houthi avevano in pratica il controllo di gran parte del paese, costretto Hadi a fuggire in Arabia e conquistato Aden. Nell’articolo si tralascia di citare i continui bombardamenti della coalizione saudita ed UAE che hanno pesantemente colpito i civili, bombardamenti denunciati come crimini di guerra anche da HRW e l’ONU. Analogamente si omette di dire che sono stati molto criticati gli aiuti militari forniti dagli USA ai sauditi e che sono serviti a questi ultimi per continuare i bombardamenti e l’ invasione dello Yemen. Senza intervento coalizione saudita e senza i rifornimenti americani di armi e bombe ai sauditi la guerra sarebbe cessata da un pezzo. A leggere l’articolo sembra un crimine che gli Houthi e che la parte dell’esercito che appoggiava Saleh e che sono rimasti alleati con gli Houthi cerchino di rifornirsi di armi, mentre che paesi stranieri cerchino di controllare il paese sembra sia la ragione… Strano articolo.

  • johnny rotten

    Al netto che le fonti citate fanno parte dello schieramento che sta massacrando la popolazione yemenita e perciò farebbero meglio ad occuparsi delle responsabilità di chi commette il genocidio non di chi lo subisce, tutto questo fa onore alla Repubblica dell’Iran che sostiene la resistenza del popolo yemenita e la sua sopravvivenza, contro le nazioni più criminali e ricche del mondo, magari sarebbe giusto ricordare a questi tecnici che si fanno complici di un genocidio ingiustificabile che lo Yemen era già prima della guerra il più povero dei paesi arabi, e le nazioni che si dichiarano civili dovrebbero darne prova difendendo dallo sterminio lo Yemen e non partecipando al sanguinario business delle armi.

  • Mario Marini

    Tutto è cominciato con le cosiddette “primavere arabe”……questo la dice tutta che chi ha finanziato quelle porcherie (Soros con l’avallo obamiota ndr), dovrebbe essere giudicato da un tribunale……….

    • Alox2

      Il tuo di tribunale…nelle tue fantasie! Ma ci sei mai stato nel medio oriente prima delle primavere arabe?

  • http://vincenzomannello.it Vincenzo Mannello

    questo dimostra come l’ Onu serva solo da supporto allo imperialismo Usa ed alla immunità del sionismo di israele. In Siria tutti bombardano,invadono ed ammazzano in violazione del diritto internazionale e nessuno strepita o fa niente. Nello Yemen,massacrato dalla coalizione saudita filoccidentale..si criminalizza l’ Iran che salva gli houthi dal massacro😐

  • bruno

    Quindi,per l’autore dell’articolo,se la guerra continua,la responsabilità è dell’Iran!Cose da pazzi!Qualcuno informi il sig.Bellotto dei massacri che la coalizione a guida saudita conduce da anni in Yemen.Uno degli articoli più insensati che abbia mai letto!