putin

Cecenia, minaccia jihadista per Putin

E’ notizia di pochi giorni fa l’uccisione in Cecenia di sei soldati della Guardia nazionale Russia. L’attacco è avvenuto nel villaggio di Naurskaya, a nord-ovest di Grozny, la capitale. Altri tre soldati sono stati gravemente feriti. Secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa russa Sputnik, che cita il numero uno della Guardia Nazionale Viktor Zolotov, non ci sarebbero state vittime fra i civili.

“Durante lo scontro armato tutti i membri del gruppo sono stati neutralizzati. I criminali avevano armi da fuoco e munizioni, nei corpi di due di loro sono state rinvenute 2 cinture esplosive da kamikaze”, – ha dichiarato Zolotov.
Un attacco islamista, ignorato dalla gran parte dei media, rivendicato dallo Stato Islamico in una regione che rappresenta una propria fucina di foreign fighters e jihadisti.

LEGGI ANCHE
Il nuovo esercito libico senza Haftar

Terroristi ceceni di ritorno dalla Siria

Il presidente russo Vladimir Putin ha immediatamente convocato una riunione urgente del Consiglio della Sicurezza russo per discutere della vicenda. La presenza di Daesh nel Caucaso è motivo di grande preoccupazione, anche se è coerente con la nota vocazione islamista della regione.

Appena due giorni prima, Valery Semerikov, segretario generale dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) – un’alleanza militare che riunisce la Russia con molti altri stati ex sovietici – ha riferito la presenza di 2.500 i cittadini russi che combattono con i gruppi jihadisti in Siria.

I jihadisti ceceni continuano la loro guerra contro il nemico russo

La maggior parte di questi miliziani provengono dal Caucaso e, data la piega del conflitto a favore delle forze lealiste di Bashar al-Assad, era solo una questione di tempo prima che tornassero a casa e continuassero da lì la loro guerra contro la Russia. La preoccupazione derivata dalla presenza di cittadini russi tra i jihadisti in Siria è stata una delle ragioni principali dell’intervento militare della Federazione in Siria, come ha chiarito il presidente Putin durante il suo discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel settembre 2015.

Gli islamisti del Caucaso

Anche se l’Isis si è affacciato sul Caucaso settentrionale, è improbabile che la situazione possa cambiare in maniera significativa, nonostante il gravissimo attacco di pochi giorni fa. L’insurrezione islamista che imperversava nel Caucaso tra la fine degli anni ’90 e nei primi anni 2000 è stata , almeno in parte, sconfitta. Ciò nonostante, considerati i metodo brutali  e l’efferatezza mostrata dagli islamisti di Daesh, che non risparmia nemmeno i civili, le forze di sicurezza russe e cecene dovranno prestare doppiamente attenzione e raddoppiare i propri sforzi contro il terrorismo.

I meriti di Vladimir Putin

Se oggi non abbiamo un Califfato islamico alle porte della Russia lo si deve alla risolutezza mostrata da Putin durante la seconda guerra cecena. “La guerra di Cecenia – scrive Gennaro Sangiuliano, già vicedirettore del Tg1 e autore del libro Putin. Vita di uno Zar– è stata una guerra sporca, come lo fu quella degli americani in Vietnam ma con la differenza che la prima era un pezzo della Russia, l’Indocina era a migliaia di chilometri da Washington. La massiccia, violenta e determinata presenza dei guerriglieri ceceni in Siria, Iraq – e prima affianco dei talebani, dove sono diventati la forza militare di élite dell’Isis -, rivela che se Putin non avesse stroncato la Cecenia islamica, sarebbe sorto un Califfato caucasico con Daghestan, Inguscezia e Ossezia del Nord, qualcosa che avrebbe minacciato la sicurezza globale”.

Terra di fanatismo

La lotta indipendentista cecena è passata dall’essere laica e nazionalista a islamista e fanatica; una regione da cui provengono la gran parte di terroristi autori di terribili attentati in tutto il mondo. Come Tamerlan e Dzhokar Tsarnaev, i due fratelli ceceni che il 15 aprile 2013 piazzarono due bombe a Boston, durante la maratona, uccidendo tre persone e ferendone quasi 300.

Qui, non a caso, i wahabiti dell’Arabia Saudita hanno finanziato la costruzione di moltissime moschee. E’ la terra, come racconta Fulvio Scaglione, di “Doku Umarov, il guerrigliero ceceno che nel 2007 aveva proclamato la nascita del califfato del Caucaso, con un certo anticipo quindi su Al Baghdadi e il califfato dell’Isis tra Siria e Iraq. Umarov aveva sulle mani il sangue di centinaia di russi, ammazzati in attentati nella metropolitana, in aeroporto, per strada”. La battaglia contro l’Isis prosegue e si propaga alle porte della Russia di Putin, in una regione dal terreno fertile per l’islamismo e il fanatismo religioso.

  • Beppe Casciano

    vedo già Putin con gessetti e fiaccole…

  • alberto_his

    Putin aveva e ha ben chiaro il disegno complessivo: smorzato una prima volta il focolaio jihadista in Cecenia, questo si sarebbe ripresentato una volta finito il lavoro in Siria, già addestrato, rodato e armato. Stessa cosa per i cinesi con lo Xinjiang. E’ lo schema della guerra conto-terzi già utilizzato in Afghanistan, Kosovo-Bosnia, Libia, Iraq-Siria; Putin agisce di conseguenza. Niente di sorprendente, niente di nuovo.

    • Demy M

      Le tue parole e, in parte le mie, sono state puntualmente confermate. Purtroppo.

  • Demy M

    Non sara facile ma, se l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO), una copia della Nato dell’Est si coalizzera per lottare i terroristi islamici, forse i danni saranno ridotti anche se, lottare un nemico “costruito” da lontano, e difficile da combattere, vedasi Siria e Iraq.

  • carlo

    premessa … un consiglio molto modesto da parte mia …ma è proprio così necessario ogni volta in cui si devono dare notizie da quelle problematiche aree del pianeta, da quelle zone, immancabilmente presentaci in bella vista, a piena pagina, il brutto e cadaverico faccione del padrone di tutte le
    Russie !? evitiamo ! ma lasciateci solo la bandiera … è meno sconfortante ! così sembra di essere ancora ai tempi della propaganda da vecchio regime staliniano …
    a parte il fatto che Al Capone non sfigurerebbe affatto come paragone … i due personaggi in effetti tali e quali, poca sostanziale differenza se non essere di diversa epoca e di diversa cultura …

    ciò detto … si parla di terrorismo di ritorno, ma che cosa ci si dovrebbero aspettare ? dopo che il governo del Cremlino ha negli anni trascorsi, diciamo a partire dagli anni 90 perso tempo anziché nel cercare di dare una vita dignitosa a gran parte di quelle popolazioni, ha pensato bene di reprimere, e soffocare delle legittime aspirazioni e istanze di indipendenza di un area che nulla ha a che fare con la Russia europea, di Putin, di Mosca, del cristianesimo ortodosso dei russi ecc ecc ?
    ma c’è da domandarsi che ci fanno li i Moscoviti ! !
    l’ultimo anti storico Imperialismo mondiale che ancora continua imperterrito a fare danni incalcolabili e insanabili, a causare malumori e ribellioni, guerre e massacri più o meno taciute e più o meno nascoste sotto il tappeto …
    imperialismo antistorico dedito soltanto allo sfruttamento piratesco da rapina vera e propria delle risorse altrui da parte di soggetti che dopo averla depredata si portano le sottratte risorse altrove anziché investirle in loco.
    ricchezze portate in altre zone ben lontane del paese … il vergognoso imperialismo russo dovrebbe essere bandito, contrastato e avversato da tutti i popoli di buona volontà in nome della giustizia e dell’equità … altro che cercare di fare affari ad ogni costo e così allo stesso tempo ingrassarlo scandalosamente …

    • Kipelov

      Una degna sintesi del non-pensiero catto/italico:far passare per indipendenza ed autonomia locale il tentativo di nascita di un califfato caucasico a matrice terrorista (poverini quei ceceni invasi) .Goliardico ignorare il fine unico di spartirsi le ricchezze locali destabilizzando al contempo qualsiasi ente governativo minando la stabilità sociale Una difesa accorata con il cuore oltre l’ostacolo degli attentatori finanziati in euro/dollari e ,dulcis in fundo, una lode e plauso all’islam radicale,vittima innocente e sacrificale dell’imperialismo russo.Incredibile sino a che punto di non-ritorno possa spingersi l’idiozia umana pur di assecondare il profeta e di propagare la direttiva atlantica.

      • carlo

        tutte la volte che lei è andato in città, sempre se ci sia mai andato … ma non è poi così importante … come Mosca o San Pietroburgo, si è mai domandato da dove hanno preso gli ingenti capitali per costruire quello che hanno costruito !?
        (sicuramente non abbastanza rispetto al mal tolto) le varie strade, i grattacieli, i sontuosi palazzi dei vari oligarchi o Boiardi di stato arricchitisi con gli idrocarburi di altri popoli che dir si voglia, e che si osservano in bella mostra nelle varie e grandi periferie di codeste città ? pensi un po … è tutta ricchezza sottratta ad altre zone distanti migliaia di chilometri dalle città in questione …
        i luoghi del misfatto, della rapina del sottosuolo territoriale, hanno ricevuto le briciole in termini di opere pubbliche, viaggiano ancora con le linea e vecchi e lenti locomotori diesel di epoca sovietica ad esempio
        (non certo con treni ad alta velocità) la gente, i vecchietti che si vedono in molte immagini in gran numero arrabattarsi tra un degrado e l’altro tra il disinteresse del governo centrale chissà che cosa pensano ad esempio delle loro condizioni … chissà cosa penseranno tutta la varia umanità di ubriaconi cronici, ridottisi in quello stato per mancanza di prospettive decenti ? se non l’arruolamento nell’esercito, l’emigrazione, e appunto l’alcolismo diffuso e tutta una serie di altre prospettive degradanti come la prostituzione per quello femminile ?
        si potrebbe scrivere di tutto l’inquinamento lasciato in giro per la taiga siberiana devastata e violata in un modo così celermente che tra vent’anni non so che cosa rimarrà … il disboscamento indiscriminato e senza regole e controlli ecc ecc
        quindi mi domando ancora una volta, ma che ci stanno a fare i Russi europei in posti con cui non hanno nulla da spartire in ogni senso ! religioni diverse, razze diverse, culture diverse, interessi diversi, distanze geografiche incompatibili con la Russia europea, distanze geografiche che giustificherebbe di più l’appartenenza della Siberia ai cinesi ! pensa un po … (infatti i cinesini ci stanno facendo un pensierino colonizzandola a tutto tondo …) glielo dico io qual’è la morale … RAPINA e SFRUTTAMENTO ! COLONIZZAZIONE D’ALTRI TEMPI ! VIVERE A SBAFO ! QUELLA LA MORALE DI FONDO SENZA TANTI GIRI DI PAROLE E SOTTINTESA …

        • Kipelov

          Cos’è la fotografia dell’Italia ??Li ha mai visti gli indigenti nelle città di Milano,Roma,Napoli,Torino, Palermo?Li ha mai visti i pensionati italiani sfrattati,buttafi fuori dalle abitazioni per far posto alle cooperative di clandestini, oppure rovistare fuori nei bidoni della differenziata perchè non arrivano a fine mese? Scommetto proprio di no, anzi ricadiamo nella solita parabola della pagliuzza e della trave.Dove sia la sua (di trave,intendo) francamente non rientra nell’ambito dei miei interessi.
          a) Le sue sono visioni oniriche che riportano esattamente all’epoca di Eltsin,quella della privatizzazione marcata che lei contiua a spacciare per “democrazia liberale”.Solo che siamo nel 2017,era Putin, e non nel 1991.
          (magari le suddette allucinazioni sono dovute ai suoi sensi di colpa per difendere l’indifendibile?)
          b) Le locomotive diesel esistono ancora in diverse tratte delle ferrovie italiane,egregio.Dal Nord al Sud. (non lo sapeva?)
          c) Tra 20 anni la Russia sarà ancora dov’è sempre stata, pensi al disboscamento ucraino tutt’ora in corso ed alla spinta anabolica degli investitori USA che premono per far diventare il granaio d’europa la riserva personale di Monsanto&friends.
          d)Tutte le bellezze architettoniche delle ex-repubbliche socialiste sovietiche(luoghi che lei nemmeno s’immagina), chi pensa le abbiano costruite od edificate?I suoi amici arabi di spontanea volontà proprio no di sicuro.

          • Nerone2

            Peccato che gli USA hanno bisogno dei motori “diesel” della Russia per andare nello spazio… ancora non sono riusciti a perfezionare il trampolino di lancio di Von Braun…. LOL … aspetta… ma sulla Luna come diavolo ci sono andati? … Razzi a remi.? LOL

          • Kipelov

            Eheheh, da qui ad un po’ salterà pure fuori con la solita lienda che i problemi della NASA sono opera di Putin!Comunque,non sia MAI che “gli sporchi rossi” abbiano la supremazia sui timorati del Signore oltreoceano!:-DD

          • carlo

            non ti preoccupare … è solo questione di tempo prima che gli americani tornino a costruirseli da loro questi motori … pare finalmente si stiano rendendo conto di come cominci a non essere più molto conveniente politicamente, e forse neppure più tecnicamente ed economicamente delegare ai russi questa importante fornitura strategica.
            tempo un paio d’anni e i russi si vedranno mancare i due miliardi circa di dollari derivanti ogni volta per contratti firmati di quelle sole specifiche vendite.
            poi c’è anche tutto il resto … e di tutto ciò, è merito solo ed esclusivamente dell’economista e stratega delle balle che hanno li al Cremlino …

          • carlo

            a parte il fatto che non vedo cosa ci sia di male nel favorire in qualche modo investimenti di imprese e company straniere o americane, sia pure della Monsanto, della McDonalds o altre … mah …
            lo fanno persino grandemente i suoi amici russi …
            ma allora lei in Russia non parla di colonizzazione economica straniera !?
            compagnie tipo la Shell Britannica, o la Mobil Statunitense allora che ci fanno nella terra di Putin ? 3000 aziende Americane in Russia del calibro della
            City Bank, della Boeing, della Caterpillar o della Gm ! Kipelov, un minimo di coerenza su !
            per lei tutto questo denota negativamente solo se gli interessi americani o europei vanno in Ucraina !? ma mi faccia il piacere … guardi che come minimo tutte queste “cattivissime” company, pagano costose Royalties e assumono personale in loco … ancora non lo sapesse … mica ci stanno gratis !
            in quanto alle bellezze architettoniche !? ma sta scherzando ? tutti quei cubi di cartongesso che si stanno disfacendo giorno per giorno !? guardi che le ho viste di persona, e ci sono pure stato dentro a queste come le chiama lei
            “bellezze Architettoniche”, soltanto tenute dignitosamente a sufficienza all’interno di ogni singolo appartamento, solo perché essi sono a cura dei singoli proprietari, pertanto se uno non vuole proprio vivere nella merda …
            ma in evidente decadimento strutturale per quanto riguarda l’esterno, le facciate, gli infissi a partire dalle scale condominiali piene di muffa e scrostate, dal momento che tutti lasciano al degrado ciò che è di pertinenza generale.

          • Demy M

            E vero, molte aziende straniere operano nella Federazione Russa, segno che si puo operare bene e con profitto. Come mai ci sono pochissime aziende Russe negli USA? Lei parla sempre, e male, della Russia, ma quale e il suo paese ideale?

          • Kipelov

            Ma certo, e cosa potrebbe vedere di male lei,dato che parla senza cognizione di causa alcuna?Le aziende da lei citate risultano perlopiù presenti a LIVELLO DI COMPARTECIPAZIONE AZIONARIA ED ECONOMICA,cioè possiedono una quota del totale,mentre la maggioranza con relativo potere di veto è detenuta dallo stato.Non è la privatizzazione tipo FIAT che a qualche ingenuo piace così tanto.Rimangono azionisti, ma non di maggioranza assoluta.
            I margini di profitto e le condizioni economiche d’investimento non vanno mai a detrimento degli interessi nazionali,non siamo in Italia.Poichè le suddette compagnie sono presenti ed operano da diversi anni ,significa che il profitto è fattibile e quindi il sistema d’incentivi funziona.
            Poi, un conto sono investimenti nel settore tecnologico/produttivo, un altro le schifezze alimentari made in USA, piene di glucosio(anche nelle minestre liofilizzate) e così riempite di ormoni ogm che causano obesità al 80% della popolazione americana. Se a lei ha lo stomaco abituato a cui piace mangiar male, liberissimo di farlo,ma non può imporlo ad altri abituati a concetti quali biodiversità,produzione locale,ed amanti di siglette quali DOP,DOCG e via discorrendo. .
            Ecco quì l’ingenuità finale,siamo ai livelli del classico panino con mortadella (sugli occhi però’): quella degli “appartamenti scrostati”…ma è chiaro, tempo fa difendeva a spada tratta la liberalizzazione Eltsiniana:naturalmente i russi senza lavoro,senza salario e senza tutele socio assistenziali avrebbero pure dovuto avere le capacità economiche di far ripartire l’indotto edilizio e di far fronte alle ristrutturazioni dei propri appartamenti.Nel mentre le tariffe di luce ,acqua e gas erano in mano agli oligarchi rampanti che affamavano le persone.Le ricordo che ai tempi del duo ELtsin/Gorbacev erano fallite pure le banche,non soltanto le banche.Istituti bancari i quali detenevano i c/c della gente normale.Ma cosa parliamo a fare?Lei chiese, musei, capitali varie nei vari stati della ex-urss, le evita come la peste: cosa usa per acquisire informazioni Google’s pd version ??..Sveglia,carletto, per l’amor di Dio, sveglia!

          • Demy M

            Fancesco Bartolomeo Rastrelli, Karl Ivanovic Rossi e Giacomo Quarenghi sono alcuni famosi architetti Italiani che hanno contribuito a costruire la Russia. Certamente non progettavano case popolari di vecchia memoria.

          • Kipelov

            Giusto per fare un paio di nomi, per non parlare di qualche prospettiva Nevskij,oppure dei giardini all’occidentale di Park Kulture.Ma carletto, in fondo, che ne sa?A lui basta leggere cosmopolitan

          • Demy M

            L’elenco e lungo ma, a cosa serve “istruire” un trolley senza rotelle?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Leviathan, il film di Andrey Zvyagintsev, è un modo per avvicinare lo scettico nei confronti della Russia.

          • Demy M

            Saputo dell’attentato a Spb?

          • Kipelov

            Purtroppo sì, sto seguendo le ultime news.Speriamo li becchino al più presto.

          • Demy M

            L’FSB ha trovato una bomba inespolsa in altra stazione, sempre della metro 4, quella blu. Penso che in serata ci saranno “sorprese”…contro gli assassini.

          • Kipelov

            Lo penso anche io.Avranno ciò che si merita,I nomi salteranno fuori,non siamo per fortuna in Italia.Comunque gli attacchi interni sono sinonimo di paura e frustrazione nei confronti di chi sta cambiando il mondo, c’è ben poco da fare.I colpevoli non avranno una cella con tanto di palestra e tv a colori+console che è stata consegnata all’attentatore di Parigi.

          • Demy M

            D’accordissimo. In questo atto criminale mi hanno colpito 3 cose:
            1) la calma dei passeggeri che uscivano dalla metro;
            2) la rapidita dei soccorsi (alcuni elicotteri sono atterrati sulla strada);
            3) il senso di “unione” del Popolo Russo. Gli autobus, privati e pubblici, unitamente a tutti i taxi, hanno chiesto al Governatore di trasportare i passeggeri gratis. Grande senso di Patria, di Unione, di Civilta e di Vicinanza. Questa e la Federazione Russa oggi

          • Kipelov

            Pensavo esattamente alle stesse cose.Il primo pensiero è la solidarietà comune tra perfetti sconosciuti.Disciplina e senso di responsablità,calma e razionalità nel gestire l’emergenza ed efficienza.L’allerta e l’attenzione sono altissimi.L’efficienza in questo caso anche,in effetti la macchina dei soccorsi è intervenuta subito.La Russia è comunque un popolo,unico ed indivisibile.Il DNA di patria e di certi valori morali è insito nella mentalità della gente ed è pronto a riaffiorare nel momento di difficoltà e di bisogno.Hanno vinto la guerra, non va dimenticato.Soprattutto, i nipotini si ricordano ancora dei nonni al fronte.Una mentalità per tanti incomprensibile.

          • Demy M

            Qui Tutti i reduci sono visti e trattati da eroi, ed il senso di Patria e di Famiglia fanno di questo Paese l’unico baluardo contro il degrado morale e civile. Tutta la Popolazione Russa, se colpita. reagisce insieme perche e nel loro DNA in senso di Patria, cosa ormai dimenticata in molti paesi occidentali. Purtroppo.

          • Kipelov

            Infatti.Chi In Russia ci è stato per motivi di lavoro,personali,affettivi,per turismo o altre necessità(oppure ci vive) certe cose le sa,oppure le ha apprese in prima persona.Sono totalmente d’accordo con te per quanto riguarda il concetto di Patria e di Famiglia,con la difesa dei valori cristiani.Sono un popolo che ha ben chiare le proprie origini con la madre terra e ne va orgoglioso.Giustamente,difendono chi sono e le loro tradizioni,usi e costumi.Condivido tutto quello che hai scritto.

          • Demy M

            Ho scritto quello che provo e condivido con questo Magnifico Popolo, e questa e una ragione in piu per rimanere nella Federazione Russa.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            A tal proposito Asia News … Nel Giorno della Vittoria sui nazisti, il Cremlino dimentica i veterani … Nina Achmatova … Mosca festeggia la disfatta di Hitler con la tradizionale parata militare sulla piazza Rossa. Le celebrazioni costeranno 43 milioni di dollari. Analisti: il governo avrebbe fatto meglio a stanziarli in aiuti per i reduci di guerra a cui continua a promettere alloggi che non arrivano …

          • percival656

            Sono gli stessi valori e sentimenti che Trump e i suoi elettori vogliono difendere e promuovere…….
            Quindi adesso di baluardi contro il degrado morale e civile ne abbiamo due……….
            A proposito…
            Avete sentito la conferenza stampa della NYPD sulle statistiche della criminalita’ a New York nel primo trimestre 2017?
            Omicidi e sparatorie nel Marzo 2017 35% in meno rispetto al Marzo 2016.
            Chissa’ che non sia finalmente una inversione di tendenza.

          • Demy M

            Non credo che negli USA abbiano gli stessi valori e/o ideali. Cmq i dati di New York lasciano ben sperare.

          • carlo

            ehh Kipelov, tutta la mia solidarietà alle vittime dell’attentato, tutt’altro cosa invece all’inquino del Cremlino … faccenda comunque molto molto strana questa … guarda caso tra un anno si vota … eh Mister Putin ? sarà un caso !? sempre la provvidenziale “bombetta” lasciata da qualche parte belle apposta. sempre il provvidenziale attentato, e così quando le cose cominciano ad andare maluccio ci pensa l’apparato eh !? … così tanto per compattare l’elettorato agli ordini dell’uomo forte … si ricorre e si pensa al provvidenziale attentato. la faccenda mi puzza lontano un miglio … e non solo al sottoscritto, oggi allo speciale TV delle ore 14.00 qualcuno ventilava e ipotizzava più o meno il mio stesso sospetto, stessa ipotesi, e se tanto mi da tanto …
            guarda caso i Salafiti in Europa occidentale per i loro attentati usano Kalasnikov, autocarri, coltelli ecc ecc praticamente mai esplosivi, in Russia caso strano esplosivo. mah … così nessun testimone, nessun colpevole preso che confessi denunciando complici e connivenze.
            magari tra qualche sanno salterà fuori un altro Litvinenko della situazione che schifato a sua volta di tanto marciume agli alti livelli, ci dirà qualcos’altro rispetto alle autorità investigative di regime.
            aspettiamo … nel frattempo ci sarà qualche povero cristo, o altri poveri cristi che ci andranno di mezzo sia pur innocenti … vedi le stragi dei Ceceni vittime della caccia alle streghe da parte dei nuovi o vecchi inquisitori russi.

          • Demy M

            Ancora tu???

          • Kipelov

            Francamente, la sua solidarietà ridonda ipocrisia e suona falsa lontano un miglio, Non sono queste qualità per nulla amate dal popolo russo ,anzi non sanno proprio che farsene.Lo sa,vero,dove la indirizzerebbero dopo i post che lei ha formulato?Lei ancora confonde i metodi usati in occidente per favorire il solito regime-change con ipotetiche ipotesi formulate a tavolino a disprezzo dei morti.Guardi che con Litvinenko, oltre agli 007 britannici, vi era coinvolto un certo faccendiere .Lo sa di che nazionalità era?I kamikaze esplosivi in occidente li manda tutti il Cremlino forse?Abbia un minimo di decenza ,la prego, ci sono stati dei morti e tutto grazie a chi il terrorismo lo ha creato,cresciuto e finanziato sino ad oggi.Guardacaso, la Russia non figura tra gli sponsor.Dovrebbe almeno capire quando stare in un più dignitoso e rispettoso silenzio.

          • carlo

            Kipelov ! per favore ! non si atteggi tanto a persona esageratamente pietosa e afflitta, tanto non le crederebbe nessuno …
            per quanto riguarda ipocrisia, falsità e doppiezza dovrebbe guardare a seconda di quale latitudine si trova, verso il Cremlino … dove è di casa un tizio che di ipocrisia ne ha più che da vendere … e mi riferisco anche ad una storia ormai passata da tempo, quella tragica e critica fase circa l’affondamento e susseguente inabissamento del famoso Kursk.
            quando una ventina di marinai superstiti, che, o per un ipocrita e stupido orgoglio o per calcolo … furono i poveretti lasciati a se stessi a morire pur avendo avuto, le autorità russe, la possibilità di ricevere un aiuto fattivo dalle marine britanniche e olandese … che probabilmente li avrebbe salvati.

            tragedia che nel mentre si consumava nella disperazione delle famiglie, il suo “Vova” … non trovava di meglio che continuare imperterrito come nulla fosse le sue vacanze al mare evidentemente infischiandosene dei suoi concittadini in pericolo. (si recò nella sede di crisi preposta ben 5 giorni dopo l’incidente ! …)

            ma non è tutto … e a proposito degli attentati dell’altro giorno, guardi che non sono affatto io che afferma e componeva questo titolo nell’anno 2009 settembre 7, ma giornali del calibro de ilsole25ore “I servizi segreti russi dietro gli attentati di Mosca?” e continuava: I servizi segreti russi, l’FSB hanno cospirato per organizzare gli attentati di Mosca che nel 1999 rasero al suolo due palazzi uccidendo 300 persone. gli attacchi dettero il pretesto per scatenare la seconda repressione in Caucaso e CONSOLIDARE L’AFFERMAZIONE E L’ASCESA DI VLADIMIR PUTIN.
            potrei personalmente, in quanto ad averle letto a proposito, riportare qualcosa, quelli che sono tutti gli antefatti, le prove del coinvolgimento del’FSB … tutto ben documentato, ma ad un altra puntata …

            in conclusione, accenno alle altre due tragedie, gli attentati di Beslan e della Dubrovka a Mosca, dove parrebbe a seconda di molte testimonianze ecc ecc, anche li ci fosse lo zampino dell’onnipresente FSB …

            in conclusione, ne converrà, stante tutti gli antefatti precedenti, i coinvolgimenti e i fattacci da me ricordati di cui sopra, UN PICCOLO DUBBIO DOVREBBE SORGERE ANCHE A LEI … ma nel suo caso è solo una battuta …

            in merito al recente attentato … di analogie se ne vedono parecchie, primo tra tutte un evidente calo di popolarità del suo Vova, e l’altrettanto evidente fallimento della sua politica economica ecc ecc
            pertanto anche ad essere solo un minimo prevenuti, un piccolo dubbio sorge spontaneo … proprio alla luce degli antefatti precedenti.

            Ps: e non si disturbi nel replicare, tanto ho già capito che nel momento in cui viene messo alle strette, glissa e sorvola …

          • Kipelov

            Carletto, la facevo molto meno viscido e con un minimo di raziocinio in più.Vedo che pur di portare avanti la solita manfrina non esita a spargere menzogne su menzogne ed odio calpestando pure la dignità delle vittime (da lei reputate “popolo bue alcoolizzato” in decine di altri post).La smetta con le cazzate da quattro soldi,almeno innanzi alla tragedia recuperi qualche misero neurone sufficiente a farla star zitto.
            Non le basta venire umiliato quotidianamente SENZA rispondere alle domande altrui e vuole riversare la sua ipocrisia su terzi?Il sole 25 ore può leggerlo soltanto lei.L’ipotesi del complotto ordito dal FSB ,incluso Beslan e Dubrovka pure.Confonde troppo spesso Russia con america.Non parliamo del sottomarino, in cui l’aiuto era stato offerto per analizzare la tipologia di sommergibile in dotazione, di certo non per spirito umanitario. E no, purtroppo i militari NON si potevano salvare.La popolarità in calo è frutto della sua malata fantasia.Sa che farei,tanto per non glissare?La caricherei di peso e la manderei a San Pietroburgo,così da farle esporre le sue tesi ai parenti delle vittime,con un ottimo traduttore .Sarei curioso di vederla sottoposta alla reazione amichevole della folla che inevitabilmente la terrebbe in considerazione.Si vergogni, ha veramente toccato il fondo.

          • carlo

            ma quale vergogna Kipelov ! io la notte la dormo tranquillamente, a parte la mia insonnia abituale cronica … io non ho caro lei …sulla coscienza il peso dei morti ammazzati in giro per il mondo causati e derivanti dalla scellerata criminale politica aggressiva che causa il Vostro “Vova” da quanto è leader incontrastato … se si piangono giustamente i lutti dell’altro giorno in
            Sankt Peterburg, pare fin’ora 14 vittime, la informo che lo stesso numero di vittime ammazzate le provocano i terroristi armati di fucili, cannoni e razzi quelli che sempre il vostro “Vova” molto “premurosamente” … mantiene in loco, finanzia, e istiga alla violenza tutti i giorni nel Donbass Ucraino.
            sono una media di un paio al giorno, senza contare i feriti e mutilati …
            se facciamo bene i conti, sono una dozzina ogni dieci quindici giorni !
            due morti soltanto l’altro giorno, martedì, che hanno dovuto rintuzzare ben 48 attacchi sempre del vostro cinico “vova” che ora “piange” i morti alla stazione. ma già, molto probabilmente si frega le mani per come potrà capitalizzare quella brutta faccenda di sangue …infatti
            (l’opposizioni russa già aspetta un ulteriore giro di vite sulle libertà personali)
            per quanto riguarda la tragedia del Kursk, vada un po lei a chiedere cosa ne pensano all’associazione delle vittime del sottomarino … poi vediamo un po chi se ne torna a casa con le pive nel sacco … se io, o lei …

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il sistema comunista era la burocrazia impassibile nei confronti della sofferenza del prossimo. Era la celebrazione della crudeltà mentale.

          • carlo

            crudeltà mentale mantenuta e coccolata come un bambino dalla stessa classe dirigente attuale, per nulla presi da alcunché di rimorso che non sia quella solita di facciata, a uso strumentale del gettare fumo negli occhi dell’opinione pubblica mondiale. del resto certe abitudini sono ben dure dal morire, a volte si tramandano di generazione in generazione.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Guardare via, fingere, mentire, pur di non finire nel mirino, era questa la strategia per sfuggire al terrore di allora. I bambini, per un pacchetto di caramelle, e anche meno, denunciavano i loro genitori. Era così anche nella Germania nazista, ma è così in qualsiasi dittatura.

          • carlo

            se si penso che la stessa pratica del mettere i figli contro i genitori premiando i primi se denunciano il babbo è la mamma, e questa, una prassi ancora praticata e seguita in, ad esempio Nord Corea, c’è da rabbrividire … e rimanere sconcertati di quale perversione è capace la mente umana …

          • alberto

            Egregio Carlo, mi scusi ma continuo a rimanere basito di come lei si ostini a perdere il suo prezioso(?) tempo affannandosi a disquisire su Russia, Siria e altro quando , ogni giorno, nella vostra ‘ illuminata democrazia’ accadono certe cose…
            un titolo a caso:
            -Poltrone di Stato, il governo cambia le regole. Con la nuova direttiva via libera agli imputati-
            O lei appartiene alla schiera dei ‘poltronari’ o ha paura a manifestare una piu’ che giusta indignazione
            Ha paura di censure o di ritorsioni ?…:D

          • carlo

            ma a lei chi lo dice che io non disquisisca anche nei confronti dei poltronari di stato italiani ? magari non in questa sede, magari non con questo nick, dal momento che in questa rubrica gli argomenti riguardano la politica internazionale praticamente da sempre, io semplicemente mi adeguo nel cercare di stare a tema il più possibile.
            in ogni caso i cosiddetti farabutti per me, che timbro il cartellino elettronico tutti i giorni quando me ne danno la possibilità, sono farabutti a tutte le altitudine ! senza distinzione di razza, religione opinione politica ecc ecc ecc …
            stia bene …

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Infatti, e il mondo comunista ha ancora parecchi segreti (pensiamo solo alla Cina comunista e al grande balzo in avanti di Mao, alla più grande strage mai causata da un governo contro la propria popolazione).

          • Kipelov

            Chiaro :dorme tranquillamente perchè lei la coscienza non sa nemmeno cosa sia.I casi sono due: o non ne ha, oppure la malafede fa il resto.Sta dicendo castronerie una dietro l’altra, a raffica, negando l’evidenza e calpestando le memorie dei caduti.Sinceramente, anche le cazzate hanno un limite,compreso la sua sterile polemica sul Donbass.Nell’altro post confondeva USA con Russia, ora nuovamente Kiev al posto della DNR e LNR.Inizi a ripassarsi la geografia e la smetta con la fantapolitca,onde evitare di prendersi le dovute smentite .Sul sottomarino Kursk, vuole vedere i video delle mamme dei poveri sommergibilisti deceduti che abbracciano il presidente dopo il suo discorso? Oppure la sua ex non l’ha informata nemmeno di questo?Lei non sa un emerito tubo di niente, è soltanto un ripetitore a pagamento….e funziona anche male,perchè distorce la menzogna oltre i limiti del risibile.Stia sereno che,in ogni caso, la “sua opposizione” è al 1%.Quindi,tanto per capirci …non conta niente.Buona lettura per le prossime info menzognere con cui non mancherà d’appestare il forum.

          • carlo

            eh mister Kipelov … lei dovrebbe fare il comico … mica una cosa da poco, ma anche quello è necessario saperlo fare ottimamente … sennò …
            innanzitutto la mia ex fidanzata non ci arriva minimamente sia intellettualmente, sia politicamente a comprendere le sottigliezze del sistema e delle varie macchinazioni, imbrogli e trame della politica in generale …
            essendo in un certo senso una persona semplice, ingenua e bonaria per carattere, pertanto non una politicante e ancor meno una giornalista investigativa, ma soltanto una semplice infermiera.
            la quale se mi raccontò, a suo tempo, di come i russi oltre che vederli in città con tutti i loro armamentari di morte, ne ebbe la ventura, anzi la sventura di averi come “ospiti” non graditi nella casa della propria famiglia … e per di più, già immancabilmente alticci quella mattina … minacciosi quanto basta dallo spaventare non poco i presenti, cercando non si sa bene cosa,
            forse denaro … o qualcosa da rubare come da loro costume predatorio … e il tutto, mi riporta un po a quei vecchi racconti da bambino di mia nonna, di quando erano i repubblichini fascisti nell’Italia del 44 a fare visita con questi modi non proprio “rassicuranti” ai miei nonni nella loro casa di campagna su nell’alto Piemonte … ma ad onor del vero, costoro non erano dediti al furto, si limitavano a perquisire in cerca di armi o propaganda sovversiva … pertanto, persino nella loro malvagità e durezza erano migliori dei personaggi di cui sopra … ma lasciamo perdere va …

            poi, lei scrive di cose come da sua abitudine, di quello che nemmeno sa, o comunque presenta il caso in specie sulla base della propaganda di regime. Basta dire tra le altre tante cose, di come ci furono altro che baci e abbracci in realtà … e riportano le cronache di come quando il relitto del battello riemerse il 22 agosto a Vydayevo trovarono ad attenderlo oltre che i parenti dei caduti, l’immancabile suo “Vova” tornato bontà sua … bellamente il giorno prima dalla sua vacanza di Sochi, ebbene … si può ben immaginare la piazza come fosse ben ribollente di rabbia, e che il complimento più “gentile” che gli riservarono, fu quello di una delle madri dei caduti tale Nadezhda Tylik disperata per la morte del figlio Sergej, la quale urlo all’indirizzo dello sfortunato Putin
            “Sei un suino! stanno morendo laggiù, in un barattolo di latta per 50$
            al mese ! e nessuno si è curato di loro”
            altro che baci e abbracci Kipelov ! lasci perdere i convenevoli e le veline di regime per la TV …
            e tutto questo quando avrebbero potuto salvarne diverse decine se solo avessero preso in considerazione un minimo di umanità per la loro gente !
            quando si decisero molto tardivamente a chiamare i soccorsi attrezzati dai Norvegesi, gli stessi ci misero un’ora !!!! ad aprire lo sportello ! Kipelov ! questa è cronaca, questa è storia vera ! non le sue fanfaluche …
            tra parentesi, e concludo … le autorità chiusero, o tentarono di chiudere la bocca ai parenti degli sfortunati con un ridicolo risarcimento di 25.000$ a famiglia per ogni caduto … la miseria e la grettezza umana fatta ad
            esempio va … è solo la solita scuola russa che non si smentisce mai pur cambiando l’epoca o le dirigenze politiche …

          • Kipelov

            Stia zitto e corra a guardarsi i video e le interviste,non racconti le sue solite nefandezze immaginarie :mente sapendo di farlo, e tanto basta.

            Lei non potrebbe neanche farlo, il comico, dato che è disinformatore di professione.

            a)I russi con armamenti di morte..bella questa..Perchè gli ucronazi invece contro la popolazione inerme del Donbass?Fiori?Parliamo degli asili,scuole ed ospedali bombardati ,egregio?Oppure della strage di Odessa?Ma già,quelle erano gesta di pace,amore,fratellanza e solidarietà

            b)L’ingenuità della sua ex sa tanto di propaganda antirussa lontano un miglio.

            c)E’ chiaro che le madri fossero disperate,caro il mio tesa dura, ma altrettanto vero è che in ballo ci fosse tecnologia militare per la quale certi incrociatori esteri erano già sul posto…e cosa mi dice eh,della telefonata con Clinton,caro Carletto?

            e)La vecchia gerontocrazia dell’apparato della marina militare sovietica ha nascosto anche(in parte)l’effettivo stato della reale condizione tattico/tecnica in cui versava il settore,poichè aveva garantito al neo eletto presidente che si disponeva di tutti i mezzi necessari al recupero e che non vi fosse necessità alcuna di ricorrere ad aiuto estero.Aiuto di certo non disinteressato,ma propenso a recuperare un certo tipo di missile sottomarino che inizia con la lettera “S”, vediamo se ora riesce ad arrivarci:Purtroppo, del tempo prezioso è stato perso anche qui.Inoltre,non per nulla chi ha rilasciato le suddette dichiarazioni di cui sopra è stato silurato.

            Dal discorso originale
            ————————————————

            Tutti i tentativi finora compiuti per migliorare la situazione non hanno avuto successo”. “Il mio primo desiderio, appena informato – ha detto il
            presidente russo – è stato quello di volare subito a Severomorsk (la
            base del Kursk), ma non l’ho fatto e ritengo anche adesso di aver fatto
            bene. L’arrivo di non specialisti e di persone di alto rango sul posto
            di un incidente più che aiutare ostacola le operazioni”.
            Quanto ai militari, Putin ha detto che è stato attorno alle 23 di sabato
            che il Kursk non ha più risposto ai segnali e che subito sono
            cominciate le operazioni di soccorso e ricerca, anche se la notizia è
            diventata pubblica solo lunedì. “I soccorritori – ha affermato – hanno
            lavorato duramente sin dalla notte tra sabato e domenica”.
            Putin ha negato di aver inizialmente respinto le offerte di aiuto
            straniere e ha detto che “appena esse sono state avanzate, i nostri
            specialisti si sono messi in contatto con i loro colleghi occidentali”
            per discuterne le modalità tecniche. E ha aggiunto che subito dopo
            l’incidente il ministro della difesa Igor Sergheiev e il comandante in
            capo della Marina Vladimir Kuroiedov gli assicurarono che “non esisteva
            alcun rischio di contaminazione nucleare” e che la Russia “disponeva di
            tutti i mezzi tecnici necessari per tentare il salvataggio degli uomini
            del sottomarino”.
            Il vero problema – ha aggiunto il presidente – è sempre stato quello
            delle condizioni meteorologiche “e non è che l’arrivo di soccorritori
            stranieri possa far migliorare il tempo”.
            ————————————————————-

          • carlo

            non c’è che dire, lei ha sempre la risposta pronta in tutte le salse per tutto … ma tutto questo non fa che confermare di come la stiano imbeccando
            bene … un po come la storia del volo Malaysia Airlines 17, abbattuto da voi russi, a tal punto che recentemente la commissione internazionale d’inchiesta, dopo anni di indagini, ha attribuito e confermato in conclusione e senza alcun dubbio di come un razzo Buk partì dalle zone dei ribelli filorussi, e non si affanni a negare … c’è tutta ormai una dettagliata relazione a riguardo. quindi il Putin cacci i soldi ! e risarcisca almeno finanziariamente in parte il delitto commesso e si prenda le sue responsabilità da uomo !

            poi per quanto riguarda il Kursk, ma sta scherzando !? ma cos’è una farsa la sua !? un presidente che nel pieno di una grave crisi se ne sta e continua tranquillamente in vacanza a prendere il sole mentre i suoi stanno
            morendo !? e questo perché gli alti papaveri della marina russa gli consigliarono ecc ecc !? ma sta scherzando ?
            ma se un comportamento del genere lo avessero tenuto uno solo dei nostri primi ministri di un qualsiasi paese europeo o americano le opposizioni e non solo, ne avrebbero chiesto giustamente le dimissioni ! Kipelov !
            lei se le inventa proprio tutte per giustificare l’ingiustificabile ! il presidente Ucraino recentemente ha seguito di una della tante crisi del suo tormentato paese, mi pare a seguito della battaglia di Avdiivka di Gennaio.
            tornò in patria con il primo volo da un viaggio all’estero … ma non si può Kipelov !
            poi buona questa … ma quali segreti militari e tecnologia militare dei miei stivali da difendere ! i Norvegesi dovevano solo aprire un boccaporto
            Kipelov ! e lo hanno fatto in un ora ! e tutto finì lì … non spiare i segreti di pulcinella ! figuriamoci …
            non è in quel modo che si scoprono segreti militari …
            e non mi vada a raccontare le balle ufficiali dell’ammiragliato russo ! sono passati giorni ! giorni ! prima che si decidessero a dare il via libera al salvataggio del tutto possibilissimo come poi si è verificato.
            quindi almeno una ventina morti inutili per la dabbenaggine, la stupidità e l’ottusità di quella ignobile gerontocrazia.
            lei non vuole bene a quella gente … lei è solo succube del loro leader, un leader che anche in quell’occasione ha dimostrato una morale e un empatia
            nulla, inesistente … e figuriamoci un po se è carente di queste doti umane nei confronti dei suoi, quanta ne può avere nei confronti di altri.
            pertanto anche se i suoi protetti e alleati criminali quanto lui lanciano gas sugli indifesi bambini Siriani, e chi se ne frega …
            e questo è ancora più grave …

          • Kipelov

            Io non so,onestamente, fino a che punto possa arrivare la stupidità umana,(ipotesi comunque a suo modo giustificabile,perchè non sarebbe colpa sua se il buon Dio sia stato scarsino con lei per quanto concenrne i talenti da far fruttare) ,oppure pecunia non olet.Nonostante tutto, l’olezzo si sente davvero a meraviglia.
            Lei risponda alle domande,comprovi CON FATTI le sue asserzioni e POI ne riparliamo.
            a)Inchiesta farsa e già ampiamente smentita,per il BUK chieda a Kiev il numero di matricola,dato che i nerds di Bellingcat hanno scattato foto di un annetto prima.
            b)Se millanta conoscenze militari e poi non sa il test missilistico specialistico in cui era impegnato il Kursk,ribadisco, non è colpa mia.Incluso tutti i guardoni esteri nelle vicinanze che casualmente girovagavano da quelle parti.E sì, il sottomarino era un prototipo fiore all’occhiello della marina militare russa.Faceva gola a molti.
            c)Strano, mi risulta che a Debaltsevo il suo attivissimo Presidente si sia ben guardato dal gestire il fronte e fosse ben al sicuro nelle retrovie.Nè che abbia dichiarato la trambata ricevuta.
            d)I Norvegesi hanno avuto difficoltà e l’operazione non è subito andata a buon fine(altro che misera ora!)
            e)Ne’ Assad nè Putin hanno mai bombardato con armi chimiche.La prima volta la notizia è stata MONDIALMENTE SMENTITA,con tanto di sputtanamento globale dei berretti bianchi e di tutto l’entourage politico che li ha appoggiati.Questa volta invece mi sa spiegare come mai i suoi confratelli in Allah detenevano armi chimiche proibite e chi le aveva loro fornite?Non doveva forse essere un deposito di munizioni convenzionali?CHI ha fornito loro il piccolo chimico?Proprio lei poi mi viene a parlare dei poveri bimbi morti siriani?E quelli yemeniti eh,furbacchione??

          • carlo

            oh mio Dio ! Kipelov, ma non lo afferma di certo il sottoscritto Carlo ecc ecc che non è nessuno …
            basta leggere la cronaca internazionale stilata dallo stesso giornale di riferimento in data 29/09/2016. “presentate oggi in Olanda le prime conclusioni dell’inchiesta relativa all’abbattimento del volo di linea MH17 della Malaysia nel sud.est dell’Ucraina. l proteste di Mosca” ecc ecc poi, vabbè va, i soliti noiosi bla bla bla, della solita altrettanto noiosa portavoce sicuramente più bella che intelligente Zakharova …
            figuriamoci se quei vili, falsi e bugiardi all’inverosimile ammettono qualcosa, nemmeno se presi con le mani nel sacco ammetterebbero in ogni caso in ogni modo … vere e proprie facce di bronzo … tragiche facce di bronzo …

            mi dica lei per quale motivo gli Ucraini avrebbero dovuto nella loro posizione abbattere un aereo civile straniero !? manca del tutto il movente e un l’eventuale guadagno politico se mai ci fosse stato, ipotesi del tutto fuori dal mondo, ma del tutto ! poi sorvoliamo sui vari indizi e o prove del tutto farlocche e grottesche il ridicolo arrampicarsi sugli specchi … ma è inutile qui fare un processo.

            qua è del tutto ben chiaro egregio Kipelov !
            in quei tragici giorni i suoi amici si davano un gran daffare nel cercare di abbattere gli aerei ed elicotteri ucraini che cercavano di combinare qualcosa, poco in verità …pertanto, probabilmente, anzi sicuramente, hanno preso da veri e proprio ubriaconi impenitenti e maldestri un vero e proprio abbaglio scambiando un aereo civile per uno militare … lanciandogli i missili contro,
            contro qualcosa che volava … poi, che quel qualcosa fosse un aereo civile che nulla c’entrava con le beghe e velleità guerresche del vostro Vova, poco importa … abbiamo sbagliato … risultato ? ammazzate senza pietà da un lercio conclamato ubriacone 298 innocenti persone, tra cui 80 bimbi …

            bravi, continuate così anche in Siria … poi le consuete normali lacrime di coccodrillo, le smentite, la manovre atte a screditare e diffamare il prossimo ecc ecc … questa volta nel caso di Trump, avete fatto incazzare persino lui … che tutto sommato ha, e forse non avrà neppure più un occhio di riguardo per il vostro “Vova” … ahi ahi ahi ahi …

          • Kipelov

            Carletto, carletto carletto…glielo chieda al suo amico di kiev, il perchè, dato che è stato trombato anche lui alla grande con i prestiti.E Citus mutis, i finanziamenti sono finiti.Manca il movente?Ma certo, nella sua testa due più due non fa mai quattro..nessuno vuole mai provocare la Russia nevvero?Delirante,onirico e surreale.In Siria, egregio,così come per l’MH 17 NON SONO STATE FORNITE PROVE.LEI NON NE FORNISCE MANCO MEZZA.Smentisce l’uso del Sarin dei ribelli anti governativi quando la stessa ONU è stata costretta alla smentita ufficiale?Ma cosa vuole pretendere l’italia dal mondo quando abbiamo elementi così lungimiranti come lei?Sta davvero peggiorando…avanti con il solito panegirico evangelico,mi raccomando.Bla Bla Bla…si rende conto che parla ai sassi ,nevvero??:-D

          • carlo

            come no, l’inchiesta è stata portata avanti da un pool internazionale di paesi del tutto avulsi ad una qualsiasi interesse politico di parte come l’Olanda o della Malaysia … guardi che L’Olanda è sempre stato un paese trasparente, non si confonda con il suo di riferimento …
            e senza andare nel merito tecnico della questione, se sono addivenuti a quella conclusione, vuol dire che ne hanno avuto ben donde … poi, se non ricordo male, i servizi segreti Ucraini avevano persino fotografato di nascosto il trasferimento in patria dei Buk in questione, trattarsi di un modello in dotazione solo all’esercito russo tra le altre cose, Kipelov ! guardi che, come i Russi spiano e fotografano i movimenti degli Ucraini in Donbass, altrettanto lo fanno i servizi segreti Ucraina ai danni dei Russi !
            per quanto riguarda i “gas mostarda” lanciati dai siriani di Assad, a quanto pare gli Americani e parimenti Trump ci credono, e ne avranno forse le prove, forse, io non lo so questo …altrimenti questa notte non gli avrebbero lanciato contro 49 Tomahawk che sembrerebbe giunti tutti perfettamente a segno, a differenza di quelli russi qualche mese fa finiti almeno una metà altrove …
            ahi ahi ahi mister Putin … fornitura supplementare gratis di pannoni della Lines …in arrivo dagli Stati Uniti ! lol lol …

          • Kipelov

            “i servizi segreti Ucraini avevano persino fotografato di nascosto il
            trasferimento in patria dei Buk in questione, trattarsi di un modello in
            dotazione solo all’esercito russo tra le altre cose”… foto sgranate NON SI SA QUANDO (almeno un anno prima) A MATRICOLA ABRASA!
            Per quanto riguarda la sua beneamata ignoranza in Siria, carletto mio bello, lei denota la tipica sicumera tipica yankee, ma non mi meraviglia, i neuroni sono quel che sono..arrancano e ansimano.Non mi meraviglia la loro reazione rabbiosa da “mad dig”,soprattutto per riportarsi in pole position.Chi ha fornito di gas i ribelli,egregio?Ma lei NEGA I VIDEO DELLA Clinton?Povero illuso.Mi sembra che ultimamente si stia agitando anche troppo per denigrare un “delinquente boiardo che comanda una masnada di ubriaconi”.Vedremo chi per primo sarà obbligato ad indossarli, i pannoloni,quando le arriverà per supposta qualche missile dal cielo.Spieghi lei alle particelle radioattive cosa significhi “fallout limitato”.Siamo ad un passo dalla terza guerra mondiale ed i beoti come lei ridono:poi ci si lamenta che il mondo va male..Si tiri su un po’ egregio, e la smetta di desiderare ciò che non potrà mai avere.

          • carlo

            suvvia Kipelov cosa vuole che siano 49 missili di precisione lanciati a fronte dei bombardamenti a tappeto alla maniera world war II dei siriani e loro alleati russi.
            Trump non ha mica centrato scuole, ospedali e palazzi.
            hanno persino avvisato prima dell’imminente attacco russi e financo siriani … dandogli modo di squagliarsela nottetempo.
            è più un avvertimento e un segnale ben preciso in modo che non superino l’asticella … guardi che Trump non è mica Re tentenna alla Obama ! io l’ho sempre scritto già agli esordi quando un anno fa dichiarò che certi giochetti russi intorno alle loro navi e aerei non li avrebbe permessi …
            al di la di questo, su dai ! non vi stracciate le vesti più del necessario paventando chissà quali sfracelli e fallout nucleari.
            non tema … il suo Vova con annessi Boiardi di stato assieme agli Oligarghi del carrozzone russo, non sono mica scemi … a vivere ci tengono molto più di lei e del sottoscritto.
            hanno accumulato così tante ricchezze in giro per il Mondo, Europa e America inclusa, che figuriamoci … come farebbero a gozzovigliare spendendoli in bagordi e lussi se con una terza guerra mondiale in corso ? tengono famiglia pure loro … e questo penso, valga un po per tutti i potenti … americani compresi …

          • Kipelov

            Io fossi in lei non riterrei tanto serenamente di poter fare ironia fuori luogo come in questo caso.Soprattutto quella di pensare che la portata di tutti questi avvenimenti non possa sfortunatamente arrivare anche alla soglia di casuccia sua e di tutti gli italiani benpensanti come lei.Le probabilità di escalation (senza il “DE”) ci sono proprio tutte e sembra si stiano inanellando tutte le condizioni per la “tempesta perfetta”.PURTROPPO!
            Perchè poi non basterà scrivere quattro scemenze in un blog per risolvere il problema.Tipico di chi vuol giocare al rilancio, ma non è preparato a ricevere game over.Trump potrebbe aver commesso il peggior errore della sua vita, altro che “non superare l’asticella”.

          • carlo

            lei si rende conto di come sta un po troppo sopravvalutando il regime del Cremlino ? guardi che il popolo russo non è mica poi così folle e idiota come pretenderebbe lei !
            di sicuro ne loro, ne noi, abbiamo tutta questa voglia di iniziare un conflitto generalizzato … e quando dico loro, intendo appunto il popolo russo ! non quei quattro mascalzoni in odor di mafia che stanno sulla seggiola del potere.
            lei pensa davvero che i russi abbiano così tanto voglia di morire per Putin, per la Siria !? oppure per quei quattro banditi filo russi che infestano il Donbass !?
            specialmente ora che sono in una crisi che ricorda sempre di più quella degli anni novanta ? secondo lei allora, perché i loro dirigenti politici nascondono così puntualmente i loro caduti nelle varie guerre d’aggressione a cominciare di quella in Donbass !?
            se il popolo russo fosse messo davvero in condizione di sapere e conoscere cosa combina il cialtrone di Mosca, penso proprio che tutto questo presunto, e ripeto, presunto sostegno lo manterrebbe ? io so soltanto che se fossi un padre russo e avessi un figliolo in età di leva al fronte, me lo andrei a prendere senza pensarci due volte … se la vada lui a fare la guerra in un altro paese, in Ucraina o Siria che fosse, che nulla hanno a che fare con la difesa della patria essendo quelle, solo guerre d’aggressione.
            le ricordo che la Russia ha in costituzione, il divieto di ogni qualsiasi intervento militare al di fuori del paese ! cosa del tutto disattesa dal furbacchione di
            Mosca … tanto mica ci vanno lui o i suoi figli … in guerra.
            e nemmeno quelli dei suoi Boiardi e lestofanti oligarchi di regime.

          • alberto

            Egregio Carlo, mi limito solo a due piccoli appunti:
            …avessi un figliolo in età di leva..(omossis)… in un altro paese, in Ucraina o Siria che fosse
            Se avesse scritto riguardo ad un americano , l’elenco dei Paesi di destinazione sarebbe stato cosi’ lungo da far impallidire i suoi soliti panegirici…:D
            Altro punto:
            la Russia ha in costituzione, il divieto di ogni qualsiasi intervento militare al di fuori del paese
            Gia’ ,l’Italia invece ha nella Costituzione un preciso impegno di intervenire militarmente in altri Paesi tipo Yugoslavia, Libia…
            Ah, certo e’ l’articolo XX che recita : “L’Italia si impegna a supportare con le armi gli esportatori di democrazia in qualsiasi Paese essi decidano di farlo”
            Bravo Carlo !

          • carlo

            alberto, non vorrà mica paragonare l’Italia che conta quanto il due di picche, con il peso che ha la Russia a livello internazionale !
            se siamo delle semplici comparse è già tanto … non facciamo dei paragoni assurdi ! neppure se ne sono accorti del nostro “intervento in Iraq in Yugoslavia in Libia ecc ecc … noi seguiamo in tutto e per tutto quella che è stata la nostra condotto internazionale da sempre, fin dalla fondazione di questo paese …
            pronti a girare e ad accodarci come gira il vento a seconda della convenienza da veri opportunisti … ne più ne meno … del resto possiamo agire soltanto sulla base di quanto contiamo a livello internazionale. molto molto poco … anzi, quasi niente.

          • Kipelov

            Perché,invece lei non sta idolatrano altrettanto i suoi eroi ucraini in salsa nazi?Per non parlare dell’esaltazione che la spinge a blaterare ogni tre per due con parossismo simile orgiastico in lode alla Nato?Glielo ripeto per l’ennesima volta:lasci stare il popolo russo che lei ed i beoti che altrettanto servilmente la seguono non sono in grado di comprendere:ci penseranno loro a curare i propri interessi nazionali senza che lei e la marmaglia italica della sua risma ci potranno mai capire al riguardo una beta mazza.Continuate pure a sottovalutarli e deriderlo,poi vedremo chi come e quando verserà per primo lacrime amare di coccodrillo.La crisi deigli anni 90 è la finzione scenica delle sue fantasie e di quello che le dicono i tiggì.Pensi per la sua itaglietta da malcostume che ha le pezze nel sedere.Pensi ai morti che il suo fanatico cioccolataio nasconde.Ah, mi parli a proposito della brigata islamico/turcomanna che Kiev ha arruolato in barba agli accordi di Minsk2 per conquistare Mariupol.Si vede che i padri di famiglia ucraini hanno più buon senso di quelli italioti.I suoi “ma andiamo” e “si figuri” saranno destinati a ricredersi se qualcuno non farà un passo indietro al più presto.E quel qualcuno NON è Putin.Preghi per la Quaresima ,peccatore che non è altro,i cattoitalici come lei ne hanno estremo bisogno

          • Demy M

            Lei inizia con… ehh K….., un sogghigno che qualifica il suo essere una “cosa” non ben definita. Non prova vergogna, almeno in questa triste circostanza?

          • Emilia2

            Quindi, se ci sono attentati in Occidente e’ colpa degli islamici o di Putin, mentre se avvengono in Russia e’ colpa dei Russi stessi. Ma non riesce proprio a fare propaganda in modo migliore?

          • Ilario Fontanella

            mi piace quella della trave…

        • Demy M

          ….Con la Presidenza Putin, la Russia rivive un’intensa ondata di patriottismo e d’orgoglio nazionale: il ritorno, nel 2000, del vecchio inno sovietico, con qualche modifica, apre la porta ad una riscoperta a tutto tondo delle tradizioni antiche della Russia senza tuttavia negare il passato sovietico. L’eredità dell’Impero Russo viene ossequiosamente recuperata, in vicinanza con la Chiesa Ortodossa come centro dell’anima russa, ma le si affiancano le tradizioni sovietiche, con le grandi vittorie militari ed umane che le sono proprie. Lo stesso Putin, che nel recupero delle tradizioni sovietiche fu molto criticato dai liberali, rispose così: «Se pensiamo che i simboli delle epoche precedenti, inclusa quella sovietica, non debbano essere affatto usati, allora dovremmo ammettere che le esistenze dei nostri genitori siano state inutili e senza significato, che essi abbiano vissuto invano». Visto in prospettiva, quasi nulla (forse nulla) è salvabile di quel decennio: nel 1999 la disoccupazione aveva toccato la cifra altissima di 10 milioni e mezzo di disoccupati su una popolazione di circa 140 milioni di persone (nel 1993 la disoccupazione era al 30%, nel 1994-95 al 45-48%), mentre l’aspettativa di vita era passata da 65 anni nel 1987 a 58 nel 1993. Per un confronto, la disoccupazione in Russia nel 2016 era del 5,5-6% (la metà di quella italiana!) e l’aspettativa di vita era di 70 anni nel 2012. Infine, per sigillare il disastro economico, nel 1998 la Russia dichiarò default sul pagamento dei debiti interni, e tra le conseguenze ci furono: fortissima svalutazione del rublo, una inflazione altissima (84%) e un’acuta crisi produttiva che costrinse Mosca a chiedere aiuti umanitari da parte delle organizzazioni internazionali.

          Tuttavia non sono solo dati numerici a rappresentare la catastrofe nella quale versava la Russia negli anni ‛90, perché in quegli anni si sviluppò anche un altro fenomeno: nascevano i cosiddetti “oligarchi”. Questi nuovi businessmen russi, veri e propri cleptocrati, si arricchirono grazie alla sregolatezza introdotta da Eltsin, acquistando a prezzi stracciati aziende pubbliche e industrie in disuso o disfacimento, sfruttando lo smantellamento di grandi colossi per riemergere in nuovi monopoli e prosperando in una situazione caratterizzata da inflazione, fuga di capitali e mancanza di controlli.

          Le ascese di questi “uomini nuovi” sono state strepitose e rapidissime: Mikhail Khodorkovskij, giovane piccolo imprenditore, acquistò la compagnia petrolifera Yukos (nella quale era coinvolta anche la famiglia Eltsin) per 168 milioni di dollari – una compagnia con un fatturato di circa 3 miliardi annui! Oleg Deripaska, invece, attraverso una campagna di svendita compulsiva di azioni, diventò in pochissimo il “padrone” dell’alluminio e il nono uomo più ricco al mondo, e molti altri imprenditori furono responsabili di simili ascese repentine. Vanno menzionati tra i tanti Berezovskij, Gusinskij, Fridman e Abramovič. Questi oligarchi, oltre a costruire propri eserciti privati sullo stile dei clan mafiosi, sostennero apertamente Eltsin in tutte le campagne elettorali (nelle elezioni del 1996, gli donarono 750 milioni di dollari per sconfiggere il candidato comunista Zjuganov). Senza dilungarci troppi nei dati, bastano alcune cifre di paragone per far comprendere il percorso intrapreso da Putin: il PIL russo, che nel 1999 era stimato in 200 miliardi di dollari, nel 2007 era stimato dalla Banca Mondiale in 1260 miliardi (un aumento in rapporto al PIL mondiale dallo 0,79 al 2,79%). La crescita dell’economia ha conosciuto una fase ascendente che si è arrestata unicamente nel 2009, in seguito alla crisi dei subprime: +10% nel 2000, e poi una media del +6-7% annuo. La popolazione russa che nel 2000 era sotto la soglia di povertà era il 37%, ma dieci anni dopo solo il 15% (oggi ancora meno!), e le tasse sui salari sono state progressivamente ridotte dal 40 al 26%. Tutto ciò ha permesso un incremento del benessere molto vicino (a volte pure superiore) rispetto agli standard occidentali: disoccupazione al 5-6%, nascite aumentate del 40%, aspettativa di media in costante aumento (oltre 70 anni) -10% della criminalità, -50% degli omicidi e -60% di diffusione dell’alcolismo. A questo bisogna aggiungere la capacità russa di azzerare il debito sovrano, accumulando oltre 400 miliardi di dollari in riserve.
          Fonte Roger Bartlett, Storia della Russia, 2007, Mondadori, p. 291).
          Impara a conoscere la storia e non sparare fango, quello che fai sempre forse perche a te piu vicino e consono. Vieni a San Pietroburgo cosi potrai usare la TAV (Russa) ma, se vuoi, potrai sempre portarti la moto-Ape per fare un giro turistico con i tuoi amici.

        • Nerone2

          Hum… l’esatta fotografia in cui si trovano oggi gli USA.

          • Demy M

            Il carletto, come nel suo stile migliore, usa una betoniera autocaricante piena di fango, la svuota su queste pagine e poi va a fare rifornimento. Aspettiamo il nuovo “carico” , almeno ci rallegra la giornata.

          • Nerone2

            eh eh … conosco lo scritto del carletto. Volevo scrivere di piu’ ma non ho tempo da perdere con trolls pagati…

        • Emilia2

          La Cecenia e’ una delle repubbliche che ricevono dal governo centrale russo piu’ di quanto versano.

    • Nerone2

      Puoi sempre chiedere al Il Giornale di inserire il tuo volto di Macaco come foto… LOL

      • carlo

        eh guarda … al macaco assomiglia proprio quel il tipo li in questione … ne hanno già fatto a suo tempo la raffigurazione e la parodia … con quell’andatura ridicola che ha ciondolando a destra e a sinistra come appunto un primate … ma non ve ne accorgete di quanto è ridicolo con tutte queste esibizioni a torso nudo su un cavallo. o in acqua, o dentro un mini sub, a cavalcioni di una tigre morta, a bordo di mezzi dell’esercito improponibili o facendo finta di fare judo ?
        caspita che macho … a me pare tanto somigli al Mussolini dei tempi antichi di una volta, quando lo filmavano e lo ammiravano in pubblico nuotando intento a traversate un fiume. oppure quando mieteva il grano anche lui a petto nudo e villoso tanto per cambiare … assieme e in compagnia di un gruppo di contadini … ma oggi siamo negli anni 2000 ! basta con queste ridicole manifestazioni da bullo e da ridicolo macho ! basta !
        un paese come la Russia meriterebbe qualcosa di meglio che non un novello ridicolo esibizionista.

        • Demy M

          Vuoi venire tu a governare la Russia o ci mandi Soros, Osama Bin Obama e la Clinton insieme?

    • Ilario Fontanella

      basta crederci…

  • Raoul Pontalti

    L’occidente non ha mai sottovalutato il jihadsmo ceceno, lo ha semplicemente creato in combutta con l’Arabia saudita a partire dagli anni 70 del secolo scorso e poi coccolato nell’ambito di un programma di destabilizzazione dell’URSS tramite le minoranze islamiche del Caucaso e dell’Asia centrale. La risposta dell’URSS fu per essere eufemisti semplicemente pietosa, come peraltro era prevedibile da parte di una classe dirigente sclerotica come quella sovietica. Basti pensare che l’allora segretario generale del PCUS (Michail Gorbačëv, l’uomo delle riforme, della glasnost’ e della perestrojka) nella seconda meta degli anni 80 (dunque alla vigilia del crollo del Muro di Berlino) non trovava di meglio per contrastare l’islamismo soprattutto nel Caucaso e segnatamente in Cecenia e Daghestan che incentivare la campagna per l’ateismo di Stato. Con simili anacronistici rimedi la reislamizzazione di Caucaso e Asia centrale era inevitabile. il guaioè che fu stupidamente lasciata attuare dai sauditi e dai salfiti di ogni risma e non si provvide a creare una classe di religiosi islamici diversa da quella salafita divenuta dominante anche se estranea alle tradizioni dei popoli islamici dell’URSS.

    • Emilia2

      Religiosi islamici lealisti rispetto alla Federazione Russa ci sono, ma sono spesso presi di mira dai terroristi nei loro attentati.

  • Alberto

    Spero putin li faccia fuori tutti vicini e lontani smetta di perdere tempo con iran e turchi e che nessuno gli rompa le palle a casa sua

  • Alberto

    Rispetto e cordoglio per le vittime della guardia e della metropolitana

  • Alberto

    Ha fatto bene a schiacciare i ceceni barbuti ma che gente e’ ? Ex comunisti ora jihadisti , meglio sotto la terra

  • Alberto

    Io ho quest idea qua . Putin grande Leader russo , forse il migliore per i russi da sempre. Cecenia ia ? Problemi interni e secondo me putin aveva idee chiare insieme a kadryov . Ha perso Ucraina pazienza si tiene è presa Crimea e donbass , ha fatto bene ? Ha fatto bene occidente a finanziare maidan? Non si sa magari se la son sparita come per ossezia e futura Georgia . Ma son problemi suoi , peccato dia il cattivo esempio ai cinesi ….Fa bene in Siria a colonizzare medioriente cin sue basi e sottomettere assad a pura colonia , ma dovrebbe mollare gli iraniani per sempre. Cmq secondo me dovrebbe solo concedere qualche manifestazione in più e fare pace con Europa e America e togliere sanzioni e combattere isis in tutto il mondo insieme sviluppare bene la Russia e nin andae troppo a braccetto coi cinesi

  • Alberto

    Dopo che ad Aleppo i russi hanno bombardato e trucidato 2-3000 barbuti bavosi terroristi avevano promesso rappresagli in terra russa , beh 100 cittadini feriti o deceduti russi valgono più di 10mila dei loro quindi bisogna attendere il saldo da fare nelle mani di putin e spero e credo che ne vedremo delle belle , putin non è ‘ renzi o la merkel , bolla de almeno ha bombardato e fatti fuori tanti ma era costretto . Palla a putin cari nemici islamici , ora sono cavolini amari anche da quelle parti anch se siete in tanti ma sarete stanati uno alla volta come promesso da tutti i paesi civilizzati . Rispetto e condoglianze anche alle guardie decedute al confine . E Putin riallacci del tutto amicizia con occidemte dopo avere preso le sue cose che gli spettano .

  • Alberto

    Adesso i gruppi siriani su fb esultano e dicono questa è’ la legge della sharia . Bene così ogni 10mila,loro 10 nostri ,bene con la sharia perdente e viva putin ora scatenati con i restanti in patria e fuori , pensa che poveretti… Esultano per 10 morti e 50 feriti che cmq valgono per questo mondo più dei loro 10mila combattenti di sto pesce , ci vogliono anni per diventare soldati e onore , cose ch mancano ai jihadisti come successe in cecenia , altro che sharia , la furia bianca . E viva la Russia , ma lasci gli iraniani che son pericolosi e doppiogiochisti

  • Alberto

    Non credo i faccia nessun male a dare la caccia in tutto il mondo a quei pagliacci barbuti e ignoranti ma quali 32 vergini , ne qua ne la la vostra repressione sessuale causa dei vostri male siete S t u P i D i . Wiwa Russia cmq , ma non spenda per fare guerra a occidente non succederà mai , spartiamoci mondo mussulmano da buoni fratelli e facciamogli fare sunniti sciiti Ware Ware 3

  • Alberto

    Dai dai che scappano da tutte le parti , tra i reparti russi , ypg , berretti verdi e iracheni i barbuti stupi di stan scappando da tutti e le donne Ypg li hanno umiliati , nin sanno combattere a parte i ceceni perché son russi , spazzateli via , ma quale sharia , legge bianca voi scappate noi inseguiamo , non vi resta qualche attentato contro un mondo che non vi vuole perché ße ci fermiamo noi i vostri soldi rubati dl petrolio non valgono più nulla , gli americani e israeliani e altri han fatto in modo che si raggruppassero la da tutto il mondo e ora per fortuna tutti possiamo sfogarci ogni giorno e farne fuori in Siria irachenee Libia farne fuori il più possibile. Son perdenti in tutto. Non conta la quantità ma la qualità liberta e intelligenza , vedi israele . E la Russia ha anche la volontà totale e libertà di farlo

  • Alberto

    E lo farà

  • Alberto

    Ossezia alla Russia georgia alla ue, Ucraina alla eu e donbass e Crimea a Russia , mezza siria alla Russia l altra ai curdi , cioè metà di putin , metà filooccidentale , così ci si spartisce il mi do tra persone intelligenti e ora farli scannare tra sunniti e sciiti se lo vogliono così fermamente visto che il petrolio non conterà più tra 30 anni e conterà fare azienda inventare produrre distribuire brevettare

  • Alberto

    Provo inoltre soddisfazione nel sapere che a turno ogni giorno Russia america curdi francesi con aiuto di italiani iracheni siriani turchi libici ed egiziani in tutto il mondo ogni giorno si mettano in galera o altrove tanti tanti finti combattenti e jihadisti veri e mussulmani del genere , caccia aperta ovunque così si sentono braccati e felici tanto hanno una vinaccia per forza amano la morte , son scemi pensano di avere 32 vergini….. Ma si può credere a babbo natale a 30 anni !? Anche putin li ha lasciati partire la e da intelligente ha spettato che assad chiedesse aiuto e adesso li seppellisce la prprio come noi e gli americani tutti a farli fuori dai dai

  • Alberto

    Cmq l urss era da destabilizzare e fare crollare questo era un punto di partenza , magari non con quei mezzi ma i sovietici volevano conquistàre perché non reggevano in economia e han buttato via soldi e uomini per provate a vincere guerra invincibile contro la libertà . Del mondo occidentale che aveva più mezzi e appunto strategie . Non diamo sempre colpa agli stessi .

    • Demy M

      Ciao carletto, ancora in servizio permanente ?

  • Alberto

    Onore a putin da quando è’ arrivato per molte questioni ,molte non tutte ma questa di sicuro . Rispetto e condogliAnze e sfogatevi bene oggi armata russa vendicate vostro super popolo

  • Alberto

    E dopo che si scannano iran e sauditi , inutile dirlo , faranno delle riforme per il popolo la distribuzione educazione le donne le pensioni insomma la civiltà non è’ gratuita a quanto pare è l occidente e’ tosto , Russia e’ occidente .

  • Alberto

    Triplo gioco , america Russia e Europa e poi arriva l,India e la cina verrà contenuta perché sarà la libertà il motore di questo secolo come sempre

  • Demy M

    Senza una coalizione Internazionale per combattere il terrorismo, il mondo intero piangera le vittime di questi criminali.

  • Ilario Fontanella

    bastava che non facessero costruire la moschee ai waahbiti, e in ogni caso le possono sempre donare agli schihiti che sono meno fanatici anche se e tutto dire…

    • Demy M

      potremmo donarle a Francesco vestito di bianco, non credi sia una buona idea?

  • Moreno Dallari

    La Russia di Putin, troppo spesso criticata dai baciapile occidentali (spazzatura politica come la Boldrini e illusi buonisti come il Papa), non aveva scelta, e conoscendo bene i terroristi islamici ha deciso la loro eliminazione, a qualsiasi prezzo. Lavoro sporco, lo sappiamo tutti. Ma sporco secondo i nostri parametri di occidentali ipocriti. Lavoro eroico, secondo i parametri dei russi. Noi dobbiamo soltanto eliminare subito le sanzioni alla Russia. In barba a criminali bugiardi che rappresentano le lobby americane degli armaioli, vero potere in America.