svezia izabella

Dalla Svezia arriva “l’anti Greta”: sovranista e contro il gender

Di Greta Thunberg ormai conosciamo ogni sfumatura. Dalla base ideologica che la muove fino ai dettagli di quella che sembra proprio somigliare a un’operazione di marketing. Di Izabella Nilsson Jarvandi, invece, non abbiamo quasi mai sentito parlare. E questo perché, differentemente dalla prima giovane svedese citata, la Jarvandi, che proviene a sua volta dalla Svezia, ha sì quindici anni, quindi è giovane, più o meno come la Thunberg, ma sostiene campagne poco mainstream e non poste in rilievo da quello che in gergo si chiama “politicamente corretto”. Eppure di elementi ce ne sarebbero.  

Volendo sintetizzare la sua azione, si potrebbe dire che Izabella Nillson Jarvandi è un’antiglobalista. Dove per “globalismo”, stando alle categorie del politico odierno, bisogna intendere l’ultima declinazione dell’utopia di sinistra, quella che vorrebbe abbattere ogni confine, accogliendo chiunque abbia desiderio di migrare, e procedere, tra i vari punti programmatici individuati, con la messa in discussione del binarismo dei generi.

Non è semplice trovare notizie che la riguardano. Almeno non sulle fonti che si sono occupate della Thunberg in maniera acritica. Sappiamo, come riportato pure su la rivista cattolica Il Timone, che Izabella Nillson Jarvandi, più che occuparsi di cause internazionali, è concentrata sul mettere in evidenza l’attuale situazione sociale svedese. Abbiamo più volte scritto della correlazione tra una certa politica eccessivamente favorevole all’ingresso indiscriminato di migliaia di migranti e il proliferare di potenziali cellule jihadiste nei ghetti che rappresentano il fallimento dell’integrazione. In Svezia la questione è più sentita che mai.

La Jarvandi è arrivata a esprimere solidarietà nei confronti di Viktor Orban e delle politiche restrittive che il premier ungherese ha messo in campo in questi anni. Non sembra piacerle neppure quella che viene definita “ideologia gender”, cioè la diffusione di argomentazioni secondo cui la fluidità sessuale dovrebbe essere sdoganata.

Ad aiutarci nel classificare la sua azione politica è il profilo Twitter della quindicenne. La Jarvandi si descrive così: “Sono una giovane attivista politica contro il globalismo che cerca la verità e la giustizia per la mia amata Svezia”. In occasione della giornata di ieri, quella in cui la causa della Thunberg ha acquisito una rilevanza mondiale mediante le tante manifestazioni organizzate, la ragazza svedese ha twittato in modo polemico: “Se non sei nemmeno abbastanza uomo o donna per difendere la tua gente, allora come diavolo dovresti essere lì per il resto del mondo?”.

Nel paniere valoriale della Jarvandi non c’è spazio, insomma, per quella colpevolizzazione dell’uomo tipica di certo ambientalismo. Non ci sono richiami alla necessità di non mettere più al mondo dei figli. La nemesi di Greta Thunberg è mossa da patriottismo. Il che sembra sufficiente a far sì che quasi nessuno si occupi di lei e delle idee che sta provando a far circolare nella sua amata Svezia.