aleppo2

Aleppo, storia di una riconquista

Tutto inizia il 19 luglio 2012. È passato poco più di un anno dai primi fuochi della rivolta contro il regime di Bashar al-Assad. Le proteste di piazza scoppiate sull’onda delle “Primavere arabe” nel 2011 in 12 mesi si sono trasformate in una vera insurrezione armata e alla metà di luglio la rivolta è diventata una guerra aperta. Il 19 gruppi di ribelli aprono due fronti: a sud-ovest attaccano il sobborgo di Salaheddin mentre a nord-est irrompono nei quartieri di Sakhur e Haydariyya. In tre giorni le forze dell’Esercito siriano libero portano il conflitto nel cuore della città.

LEGGI ANCHE
Fratelli Musulmani e pericolo infiltrazione

Verso la fine del mese il fronte tra insorti ed esercito di Damasco si sposta nel centro della città con violenti scontri intorno alla cittadella. Intanto le forze armate siriane (Saa, Syrian Arab Army) faticano a contenere i ribelli, anche perché costrette a cedere uomini per proteggere la capitale anch’essa sotto attacco da parte dei ribelli. Il 15 luglio infatti era scattata l’operazione “vulcano di Damasco” che aveva messo in difficoltà il regime costringendo al rientro numerose truppe dagli altri fronti.

Verso la guerra di posizione

Per fermare l’avanzata dell’Fsa ad Aleppo viene spostato un contingente di 10 mila uomini dalla costa, in particolare dai centri di Tartus e Latakia, ma soprattutto l’aviazione, che diventerà poi fondamentale per riconquistare la città. In tutta risposta i ribelli fanno arrivare altri duemila uomini dalle zone nord del Paese cadute sotto il loro controllo diversi mesi prima. All’inizio di agosto l’Saa lancia una prima controffensiva nella zona di Salaheddin anche grazie all’arrivo dei carri armati e dell’aviazione, ma nonostante questo i ribelli tengono la linea. Non solo avanzano ancora verso il centro e uniscono i due fronti. In più nell’esercito regolare si registrano le prime diserzioni che permettono all’Fsa di entrare in possesso di armamento pesante.

Nelle settimane successive gli insorti riescono a consolidare le proprie posizioni in centro città e nei sobborghi migliorando le vie di approvvigionamento a nord. Nel frattempo l’esercito regolare serra i ranghi e blocca l’avanzata facendo uso massiccio dell’aviazione che in alcuni casi riesce anche a distruggere i centri di comando dei ribelli. Verso la metà di agosto le truppe di Damasco tentano una nuova controffensiva riuscendo a strappare parte di Salaheddin ai ribelli ma di fatto aprendo una nuova fase del conflitto, una lunga guerra di posizione.

Per quattro anni la situazione sul terreno per le vie della città non cambia. Le zone sotto il controllo dei ribelli diventano famose come “Aleppo est” e si scopre che l’Fsa ha degli alleati scomodi come al-Nusra, unica emanazione di al-Qaeda riconosciuta in Siria e Ahrar Al Sham, formazione islamista di tipo salafita.

Intanto nello scenario globale del conflitto sono cambiati due fattori: l’Iran è corso in soccorso del fratello sciita Assad attraverso consulenti militari, uno fra tutti il generale Qasem Soleimani capo della Niru-ye Qods, l’unità delle Guardie Rivoluzionarie, e le milizie sciite di varia estrazione. Il secondo fattore è l’intervento russo. Nell’autunno del 2015 Mosca decide di intervenire per combattere l’avanzata dello Stato islamico e aiutare l’alleato alawaita.

L’offensiva di Damasco

Nel giro di due anni, fra il 2015 e l’inizio del 2016, l’esercito di Assad consolida le sue posizioni a nord di Aleppo in particolare chiude il “corridoio nord” dal quale provenivano gli approvvigionamenti per i ribelli e nel febbraio del 2016 inizia a muovere verso la città. Il 27 luglio le forze di Damasco si congiungono con il quartiere di Sheikh Maqsood, controllato dai curdi e di fatto chiudono i ribelli in una sacca. I mesi successivi le forze ribelli arretrano. A inizio agosto l’Fsa e al-Nusra tentano una sortita rompendo la sacca a sud nel distretto di Ramouseh. Ma il ricongiungimento dura poco e il nuovo corridoio viene chiuso verso la fine del mese.

Per tutto l’autunno proseguono i bombardamenti dell’aviazioni siriana e russa e le truppe di terra completano il rastrellamento fino al 14 dicembre quando le forze di Damasco stringono i ribelli in 2,5 km quadrati di fatto costringendoli alla resa. Il 15 dicembre inizia l’evacuazione dei civili mentre ai ribelli viene concesso un salva condotto per le zone ancora sotto il loro controllo nel nord-ovest del Paese.


(fonte: Peto Lucem)

  • Bragadin a Famagosta

    Forza Assad fai piazza pulita di tutti i taglia gole sponsorizzati da americani-francesi e inglesi…con i soldi sauditi.

    • ZapBrannigan

      pure Ysrael sponsorizza i terroristi non scordiamolo, hanno dato solo in franchise il marchio creato da loro

      • errico carloni

        questa è una cazzata !

        • Piersabatino Deola

          Talmente cazzata che ad Aleppo hanno preso un israeliano che dirigeva i tafkiri.

  • Rifle Leroy
    • venzan

      Assad non è un fascista,

      • Rifle Leroy

        sicuramente non è un lurido schifoso rosso come qualcun altro qui intorno.
        Mi basta e avanza. Poi storicamente c’è una certa amicizia fra SSNP e le destre sociali europee.

  • venzan

    I colpevoli di questo disastro sono Obama e la Clinton sua segretaria di Stato ai tempi dello scoppio di questa guerra, andrebbero accusati come criminali di guerra.

  • errico carloni

    MASSACRATE TUTTI I TAGLIAGOLE VIGLIACCHI PAGATI DA ARABIA SAUDITA E OBAMA !! FINALMENTE CON TRUMP TUTTO QUESTO SKIFO FINIRA’ PRESTO !!

  • luca63

    Dopo il registro pubblico in comune delle condoglianze per la morte di Fidel Castro un’altra perla della
    disastrosa AMMINISTRAZIONE GRILLINA di Livorno.
    Bandiera a mezz’asta e luci spente per le sofferenze” di Aleppo.Si sono accorti adesso delle sofferenze di Aleppo.Quando erano sotto il giogo dei terroristi tagliagole andava tutto bene.

    • Rifle Leroy

      i Falcestellati a 5* sono pieni di luridi rossi ,questo non lo ammetteranno mai, ma è tristemente vero.
      Ho uno zio,non ha caso la pecora nera in famgilia, fervente comunista che deluso dalle varie reincarnazioni politiche del PCi ,si è messo a sostenere il 5S . Va perfino ad aiutarli.
      Sempre dalla parte sbagliata della storia, sbagliata come la loro malata ideologia.

      • Stefano61

        Confermo. Conosco rifondaroli che dopo che gli e’ crollato il baraccone sovietico oggi sono infoiati con m5s. Questi beccheranno voti anche da gente normale schifata, ma il brodo di cultura osceno in cui sguazzano e’ quello comunista.

      • luca63

        Cari Rifle e Stefano,nel 5s si e’ verificata la vecchia tattica di infiltrazione brevettata da Lenin con i suoi bolscevichi.Come e’ avvenuto in Italia nei settori della magistratura e della “cultura”,dell’insegnamento accademico . Forti della loro preparazione politica ,dedizione alla causa e cieco fanatismo gli attivistio comunisti hanno occupato e condizionato il movimento che inizialmente si spacciava per “ne’ di destra ne’ di sinistra”.Il guaio e’ che troppi ci sono cascati e ,cosa piu’ grave ,continuano a cascarci.Quello che mi fa specie e’ vedere un Salvini che ,dopo averci gia’ battuto il muso,quando dichiaro’ ai 4 venti l’invito a votare i grillocomunisti a Roma-e non ricevendo in cambio un BEATO CAZZO-continua a perseverare nell’errore aprendo linee di credito a queste merde.

        • Rifle Leroy

          Sai che secondo me salvini è come trump, spara 100 ma se andasse al governo, farebbe 5. Quindi non mi aspetterei ne rimpatri ne una politica per uscire dall’EU. E lo dico da persona intenzionata a votarlo. E’ brutto dover scrivere certe cose perchè è controproducente,ma sinceramente credo che sia meglio affrontare la realtà per come è realmente,senza raccontarsi comode bugie. Hai descritto molto bene il modus operandi dei comunisti,complimenti.

          Che poi se alcuni comunisti non fossero degli abbraccia-negri sfegatati ci si potrebbe pure ragionare visto che pure io sono per la scuola e la sanità pubblica, la difesa dei diritti dei lavoratori. Ma venerano il cazzo dei neri ,i froci ,e sembrano avere una certa avversione per le pene rigide…quelle che se sgamo un pedofilo sul fatto,prima posso lasciarlo tramortito a terra,poi becco una medaglia e in secondo luogo lui perde il pisello e la libertà,per sempre.

          • Emilia2

            Naturalmente Salvini, se andasse al governo, avrebbe molta difficolta’ a mantenere le promesse; avrebbe contro anche molti poteri transnazionali. Pero’ per ora e’ tutto quello che ci passa il Convento.

          • luca63

            Siamo in due a pensarla cosi’.Anche perche’purtroppo la situazione della “Destra”italiana attuale (meglio mettere le virgolette)e’ questa.Unici cui poter dare il voto Salvini e Meloni.Questo e’ quel che passa il convento.FI non e’ mai stata una forza di destra .Ebbe l’indubbio merito di impedire la presa di potere della sinistra nel 94 .Poi governando tra alterne vicende e fortune ,ma adesso e’ in ostaggio dell’ostinazione di un signore ottantenne a non farsi da parte .Seguito da una pletora di opportunisti,troie liftate ,nani e ballerine.
            Comunque stamani mi sono svegliato con almeno una buona notizia:quel film di merda pro-invasione dei negri del solito regista comunistoide finanziato dai soviet della rai ,non andra’ ad infettare l’Oscar.Ci sarebbe toccato risorbirci tutte quelle cazzate sui poveri negri tutti buoni e perseguitati ,sugli “eccezionali” abitanti di Lampedusa ed il loro simpaticissimo sindaco (oops,sindaca ,mi perdoni la “presidenta”rossa).Gli stessi abitanti che ,giustamente incazzati,protestavano.Ora sono diventati tutti buoni,non protestano piu’.Chissa’ perche’.Forse perche’ su Lampedusa e’ arrivato un fiume (anzi,un MARE di denaro pubblico).Quel film di merda lo dovevano intitolare “SOLDIAMMARE”

          • luca63

            Un ‘altra cosa sui comunisti.NOI saremmo pronti a discutere con loro su temi come i diritti economici e sociali.LORO NO ,non farti illusioni.Per LORO noi siamo fascisti a prescindere,ed il dialogo non e’ previsto nel loro modus operandi.Parlando dei vecchi comunisti
            .Il pd e’ una cosa diversa .Loro non dialogano perche’ hanno la verita’ in tasca e si sentono culturalmente superiori .E infatti sono talmente superiori che,spostando l’attenzione solo sui c.d. diritti civili e sull’immigrazionismo,non si sono neanche accorti che su quei temi che dici te (lavoro,scuola,sanita’)la c.d.sinistra moderna agisce come neanche i piu’ feroci regimi liberali (regimi,non democrazie.E’ piu’ regime chi assicurava welfare,come Siria e Libia, o chi tutela solo negri ,zingari,delinquenti e froci ???).Lo prendono in culo tutti i giorni sul welfare ,ma scendono in piazza per buffonate stile il matrimonio gay e si sbracciano solo per i negri che impestano le nostre citta’.
            I grillini poi hanno questa odiosa doppia morale.Loro sono perfetti,hanno l’unica verita’ in tasca,sono onesti in quanto grillini.Sempre pronti a puntare l’indice e gridare sul minimo sbaglio altrui ,giustificando invece il proprio vomitevole operato.Detto da uno costretto a subirne le deliranti disposizioni di stampo rosso-verde (tasse su tutto e guerra agli automobilisti,progetti assurdi e dispendiosi,esaltazione del comunismo “quello VERO”)da due anni e mezzo.Peggio del pd che a Livorno aveva sempre amministrato (male,ma NON male come questi maledetti).IL che e’ tutto dire …..

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Quel mondo sta dissolvendosi, come sta per dissolversi il mondo di Putin e compagni di merende tra cui gli svizzeri.

          • Cesare Pieraccini

            che ca.. dici, sei filocomunista?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non era / è Putin comunista? Strano, qui ci sono fascisti che sostengono un comunista come Putin dando del comunista chi contesta Putin e il comunismo. https://uploads.disquscdn.com/images/49e40bbf804cf1ba8187d3bd2862ba41cf6814a0935dde3d0624e70317c8b335.jpg

          • gennarino

            ANITA MUELLER: MA PSICOPATICI COME TE SI NASCE O SI DIVENTA? HAI PER CASO ANCHE TU IL CRANIO (MALATO) BRACHICEFALO COME GLI SVIZZERI? OPPURE SEI SOLAMENTE UN’EBREA ATTACCATA AI SOLDI, ALLA PROPRIETÀ E A DEGLI IDEALI MALATI? TI PIACE PIÙ LA CIOCCOLATA SVIZZERA, QUELLA BELGA O QUELLA OLANDESE? RISPONDI ANITA, TE LO ORDINO!

  • carlo

    l’imperativo per i due compari di merenda senza alcuna etica è regnare sulle distruzioni, sulle macerie e sui cadaveri, insomma sul nulla assoluto, la cancellazione e l’annullamento di ogni forma di vita, non si sa se sono più terroristi quelli normalmente chiamati, o il soggetto, o meglio dire i soggetti che detengono attualmente il potere sulle relative rovine e sulle miserie umane di cui sopra …

    • luca63

      I terroristi tagliagole invadessero la tua citta’,immagino che sarebbero lieti di andarsene via se richiesto loro con modi urbani,magari dopo un cocktail,un concerto d’arpa,una partitella a squash…
      Rimettendo a posto le aiuole,ridipingendo i muri,piantando qualche alberello.
      Perfino chiedendo scusa per bambine violentate ,qualche decapitazione,mitragliate su chi voleva fuggire dal teatro di guerra ,un po’ di stragi di cristiani,un pizzico di autobombe,pochi barili. di bombe chimiche
      “Scusi sa,ci e’ sfuggita un pochino la mano”
      E noi ,secondo il galateo :”Ma che vuole che sia ,tra uomini di mondo…”
      Morti e macerie in una guerra.Pensa un po’ che stranezza.Dichiarata da terroristi tagliagole,mercenari armati da potenze straniere,ma la colpa secondo te e’ di chi e’ stato aggredito ed ha osato difendersi,E addirittura,ohibo’,vincere ,a dispetto di chi aveva gia’ dato per certo l’esito del conflitto.Da migliaia di km di distanza.
      Eh si ,l’etica …

      • carlo

        lei come molti fate un grosso errore di fondo, ma è mai possibile che il paragone debba per forza essere tra terroristi fanatici tipo ISIS e un altrettanto fanatico dittatore come i vari Assad e compagnia bella !? che cosa direbbe lei se anche qua nel nostro paese dovessimo avere al governo, al potere da sempre un soggetto assolutamente detestabile ai più che si tramandano il potere di padre in figlio senza un ricambio legittimo?
        lei si immagina magari un “Renzi” qualsiasi un’inizio dinastia che i nostri figli o addirittura i nostri nipoti ! si troverebbero tra 30 o 40 anni ancora quella famiglia al
        potere !?
        sai che bellezza ! ladri e farabutti oggi, ladri e farabutti domani ! bella roba !

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
        • carlo

          è un nuovo libro !? se è così corro ad acquistarlo ! dev’essere interessante.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            E’ del 2009, ecco un piccolo estratto … Negli anni Novanta, la Russia era un paese democratico in cui si svolgevano libere elezioni e dove le opinioni politiche potevano essere apertamente espresse. Era però anche un paese teatro di violenti conflitti e di estrema povertà. Sfruttando il malcontento per l’instabilità economica e politica, Vladimir Putin, un ex funzionario del KGB, è riuscito a impossessarsi delle leve dello stato russo. Nel 2008, dopo otto anni da presidente, Putin è tornato a fare il primo ministro: il controllo della polizia segreta, dei media, degli oligarchi, del partito Russia Unita e delle organizzazioni giovanili che lo fiancheggiano, ne fanno l’uomo più potente in Russia dai tempi di Stalin. Lucas descrive come la cerchia di Putin stia assumendo il controllo dell’apparato industriale, taglieggiando le aziende private e riducendo al silenzio chiunque critichi la sua gestione. Più la Russia sembra diventare illiberale, più aumenta la presa sul mercato europeo del gas destabilizzando l’UE, mentre Georgia, Ucraina e altre nazioni vengono intimidite con lo scopo di essere fatte rientrare nella vecchia sfera d’influenza sovietica …

          • carlo

            grazie, anche se non è nuovissimo non l’ho ancora letto …
            fino ad ora sul tema ho letto a parte quelli della Politkovskaja, quello nuovo di Garry Kasparov “l’inverno sta arrivando” glielo consiglio, e l’estate scorsa quello di Masha Gessen “Putin l’uomo senza volto” consigliatissimi entrambi !
            saluti.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ricambio i saluti. Siamo qui e ci siamo accorti che qualcuno ha lavorato negli anni per costituire un esercito di fanatici (persone con sindrome del manipolatore perverso). Però è anche così che stanno subendo le prime contromisure.

          • Leonardo Facchin

            Consiglio letture che raccontino la Russia dal punto di vista dei Russi
            invece di letture che la raccontano esclusivamente dal punto di vista di Occidentali (per nascita come Lucas, o adozione, come Kasparov, Khodorkovsky e simili sanguisughe) il cui unico desiderio sarebbe quello di vederla trasformata in una nazione fotocopia di quelle neoliberiste occidentali.

            Gli anni ’90 sono stati un disastro talmente rovinoso che ancora oggi i Russi ne
            portano le cicatrici.
            Una nazione governata da una manciata di oligarchi
            può essere definita come democrazia in cui si svolgevano libere
            elezioni solo nella mente malata di un fondamentalista ideologico liberale.

            Per non parlare del democraticissimo anno 1993, in cui il democraticissimo Eltsin, infastidito dall’ostruzionismo che il Parlamento opponeva alle sue mire di potere e alle sue devastanti riforme economiche e contrariato dalle manifestazioni popolari di protesta che cominciavano a tenersi a Mosca, prima dissolse il Soviet Supremo e poi contribuì, insieme alla controparte, ad una escalation violenta che lo portò infine a schierare i carri armati e a far loro aprire il fuoco contro la Casa Bianca.

            Alla fine sul terreno rimasero centinaia di morti e feriti, con la complicità dell’Esercito e della maggioranza dei Russi, che purtroppo a quel tempo scambiarono la difesa della legalità da parte dei parlamentari come un tentativo dei comunisti di riprendere il potere e giustificarono una carneficina che se avvenisse oggi sotto la Presidenza Putin scatenerebbe l’indignazione di tutto quel mondo libero che nel 1993 invece dipinse le manovre autoritarie di Eltsin come un avanzamento della democrazia. Ma si sa che noi Occidentali siamo molto disposti a perdonare gli “eccessi” dei leader che professano la fede liberista. Il Sudamerica ne sa qualcosa…

            Sotto Putin le cose non sono radicalmente mutate, ma almeno la classe
            dirigente predatoria è stata in qualche misura messa al guinzaglio e lo
            Stato è riuscito ad imporre un certo controllo sulle follie di privati privi di ogni scrupolo. Il Caos ha lasciato il posto alla stabilità e chi è al comando ha lavorato strenuamente per cercare di unire i Russi invece che dividerli. E questo è già qualcosa.

          • virgilio

            si coglionazzo corri!!

    • virgilio

      intanto anche oggi lo hai preso un po piu profondo vai Vladimiro sei grande,
      e tu carletto domani e un’altro giorno allarga un po piu le chiappe!

  • roberto

    Pare che l’esercito di Assad abbia catturato ad Aleppo un congruo numero di agenti occidentali e sunniti, facendone anche alcuni nomi in un comunicato:
    Moataz Aouglakan Davutoglu – Turchia
    David Scott Weiner – USA
    David Shlomo Aram – Israele
    Muhamad Shayq al-Islam al-Tamimi – Qatar
    Muhamad Ahmad al-Sibyan – Arabia Saudita
    Abdalmunayim Fahd al-Harij – Arabia Saudita
    Islam Salam Zahran al-Hadjlan – Arabia Saudita
    Ahmad ibn Nawfal al-Dridagi – Arabia Saudita
    Muhamad Hasan al-Subaya – Arabia Saudita
    Hamid Fahad al-Dusari – Arabia Saudita
    Amjad Qasim al-Tirawi – Giordania
    Qasim Sad al-Shamari – Arabia Saudita
    Ayman Qasim al-Thalbi – Arabia Saudita
    Muhamad Shafyah al-Idrisi – Marocco
    Inutile dire che questa lista parla da sola.
    Assad si sta battendo non solo per la nostra libertà, ma per la nostra stessa sopravvivenza.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Piuttosto Assad sta combattendo per il suo conto in banca.

      • Cesare Pieraccini

        Questo é quello che fanno tutti, Obama compreso che aprirà un ufficio vicino a Trump per fini umanitari, si nel portafoglio suo e di Michelle!

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Non è la stessa circostanza in quanto Obama non sta come il clan Assad spremendo la Siria da oltre 4 decenni. Beninteso, spremendo anche uccidendo chi ostacola la spremitura.

          • virgilio

            se capiti dalle mie parti vedrai che spremitura che ti faccio
            brutta troia puttana…….le budella ti spremo!