Un miliziano dell'Esercito siriano libero ad Afrin (LaPresse)

Furti, incendi e devastazioni
dei ribelli cari all’Occidente

L’Esercito siriano libero ovvero i ribelli moderati. Era questo il mantra che, fino a ieri, ci veniva propinato ogni giorno. Poi i miliziani del Free syrian army hanno aiutato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a far piazza pulita di migliaia di curdi ad Afrin ed ecco che la narrazione è cambiata e quelli che erano i ribelli moderati si sono trasformati in jihadisti.

LAPRESSE_20180318150015_25982397 LAPRESSE_20180318150238_25982435 LAPRESSE_20180318150016_25982398 LAPRESSE_20180318150150_25982422 LAPRESSE_20180318145850_25982382 LAPRESSE_20180318150601_25982502 LAPRESSE_20180318145833_25982381 LAPRESSE_20180318150544_25982499 LAPRESSE_20180318150243_25982436

Aval Adnan, massimo responsabile dell’intelligence curda, ha spiegato a Lorenzo Cremonesi del Corriere: “Abbiamo prove incontrovertibili sul fatto che i militari turchi stiano utilizzando pericolosi militanti di Isis inquadrati nelle milizie che combattono contro di noi ad Afrin. Abbiamo mostrato ad alcuni tra i 5mila jihadisti chiusi nelle nostre carceri i filmati delle ultime battaglie e loro hanno riconosciuto con certezza almeno 27 loro compagni di Isis con le unità turche”.

Il legami tra Ankara e islamisti sono noti. A partire dalla rivolta del 2011, Erdogan ha aperto le porte della cosiddetta autostrada del jihad, permettendo a migliaia di terroristi di raggiungere la Siria. Poi è stata la volta del petrolio dell’Isis, contrabbandato nei porti turchi, un episodio raccontato anche dal presidente russo Vladimir Putin. L’obiettivo era estendere il controllo della Turchia sulla Siria, passando sul cadavere di Bashar al Assad. L’intervento russo e iraniano ha però cambiato i piani del Sultano.

Afrin rappresenta il laboratorio perfetto dell’esperimento di Erdogan. Il Reìs è infatti riuscito ad estendere la propria influenza nel nord della Siria, sfruttando il vuoto americano, il semaforo verde di Putin che ha ritirato le truppe russe dal cantone curdo e, soprattutto, la narrativa ambigua sui ribelli siriani, visti come moderati o terroristi a seconda delle convenienze politiche.

Cade il velo dell’ipocrisia sui ribelli

Alle 8.30 del 18 marzo, Erdogan annuncia la presa della città di Afrin. Le bandiere turche e quelle dell’Esercito siriano libero sventolano sugli edifici della città. Più di 1500 curdi sono caduti durante l’assedio. Chi è sopravvissuto è scappato, abbandonando tutto nelle mani degli occupanti. I miliziani dell’Esercito siriano libero, dipinti come i ribelli moderati, hanno subito cominciato a saccheggiare la città

Hanno preso tutto: cibo, macchine, mobili e gioielli. Alcuni miliziani hanno anche dato fuoco ad alcuni negozi che vendevano alcolici, segno che la presenza del fondamentalismo islamico è forte. 

LAPRESSE_20180318145943_25982391

Uno dei ribelli “moderati” sponsorizzati dalla coalizione internazionale (Foto LaPresse)

Le forze turche e quelle ribelli hanno fatto saltare in aria anche una statua dell’eroe curdo Kawa, “simbolo della resistenza contro gli oppressori”. Altri monumenti cari alla popolazione curda sono stati irrimediabilmente sfregiati e distrutti.

LAPRESSE_20180318150514_25982482

I miliziani in moto dopo aver abbattuto una statua ad Afrin (Foto LaPresse)


Come cambia la narrativa

Fino a poche settimane fa, l’Esercito siriano libero era visto come il simbolo di quelle forze ribelli che chiedevano più libertà e democrazia contro il governo di Damasco, tanto da ricevere aiuti militari e finanziamenti dalla coalizione a guida americana. Poi qualcosa è cambiato.

Per limitare le perdite all’interno dell’esercito turco, Erdogan ha usato i miliziani dell’Fsa come boots on the ground, rendendo palese ciò che si poteva già ipotizzare da tempo: l’Esercito siriano libero è il braccio armato di Ankara nel nord della Siria.

In questo modo, Erdogan ha mandato in frantumi la narrazione della rivolta siriana. Per anni, l’Occidente ha supportato la versione di un unico fronte di opposizione a Damasco e allo Stato islamico. La realtà era però diversa, ma lo si sta capendo solamente adesso. Ogni fazione ribelle era (ed è) supportata ed eterodiretta da una potenza straniera, che usa questi gruppi a proprio piacimento. Succede con l’Esercito siriano libero così come con i curdi. 

Inizia ora una nuova fase della guerra. Nel complesso scacchiere siriano, adesso è chiaro chi sono i giocatori e quali pedine usano. Ma è ancora molto difficile capire chi sarà il giocatore che farà scaccomatto.

  • Genta Aldo

    Chissà quanti veli dovranno ancora cadere e non solo in Siria.Il mestiere del giornalista dovrebbe proprio essere questo..ma non aspettare che tutto sia compiuto e che il burattinaio faccia delle conversioni ad U.

  • giuseppe 97

    a me sembrano un po’ a quelli dei centri sociali. Chissà che un giorno non faremo quella fine. Peggio di questa gente c’è la peste….o è viceversa! Boh!

  • chelavek

    Eccoli i terroristi al soldo della NATO

    • kison

      esatto,erdòkan si è lamentato con la NATO di esser lasciato senza appoggio
      e la NATO ha assicurato assistenza;
      eccola;combattevano e combattono per la NATO

    • AlbertNola

      Ama la NATO come te stesso!

  • Zorz.zorz

    Buon dì . Nel m.o. ,come del resto in tutto il mondo islamico ( sunnita) c’è la gara a chi è piu ” puro” e duro degl altri. Alla fine,Erdogan,nel sostegno ( peloso) alle milizie ribelli si pone sulla stessa barricata dei sauditi,contro i russi,teorici suoi alleati,e su quella degli israeliani teoricamente suoi nemici. Insomma doppi,tripli giochi come nella tradizione regionale. Israele deve continuare ad usare queste giravolte per ottimizzare le varie lotte intestine.La nostra( sì,anche nostra) fortuna è questa.

    • colzani

      deve sempre buttarla sulla religione? per fortuna che ha risparmiato gli iraniani che dovrebbero essere, a detta degli israeliani, il peggiorn nemico! Comunque a furia di giravole abbiamo scoperto il vero volto dei sionisti…

      • Zorz.zorz

        Buon dì. Non la metto sulla religione. Basta rileggere la storia . I vari regni crociati ,sono sopravvissuti fino a quando hanno ” ottimizzato” la litigiosita dei vari sceicchi,emiri ,di damasco,aleppo…. Quando , a causa della loro( crociata) litigiosità hanno anteposto il particolare,al bene comune,hanno compattato gli islamici,che fatalmente,vista la schiacciante superiorita’ anagrafica( corsi e ricorsi della storia,come Vico ci insegna) hanno buttato a mare i Franchi. Stia sicuro che gli ebrei non faranno questo errore. Saluti

        • colzani

          Se non la mette sulla religione perché parla di mondo islamico? Anche i regni crociati avevano tutto furoché una deriva religiosa, esattamente come oggi il grande impero vaticano.
          Gli ebrei non fanno mai errori, infatti fu proprio sfruttando la litigiosità tra francesi e inglesi che si impadronirono della corona britannica. Figuriamoci se dopo oltre un secolo di piani criminali lasceranno che qualcuno gli porti via quello che hanno rubato.

          • Zorz.zorz

            Perche solo la britannica e non la russa o la asburgica? Secondo,perché vi sia reato di furto,bisogna che vi sia certificazione di proprieta’. Saluti

          • colzani

            Chi ha detto che non si sono impossessati anche di quella russa?
            Un po’ come è successo con gli indios americani vero? Nessun certificato di proprietà, “terra di nessuno”! Saluti…

          • Antonello

            C era un solo “stato” al mondo capace di finanziare l ascesa dei giudei in Inghilterra,( fin ad arrivare alla City of London odierna… ) E quello stesso “stato” aveva anche l interesse a distruggere e sottomettere la chiesa protestante.. Gli ebrei che non si allineavano a quel progetto facevano una brutta fine , e non solo economica…, Oggi non mi sembra diverso il sistema.

      • cir

        si , hanno una faccia che starebbe meglio in un paio di mutande.

      • AlbertNola

        Ama Israele come te stesso, caro cozzani.

  • carmine fattimiei

    La Turchia vorrebbe entrare in Europa?

    • kison

      …se lo vuole U$rahell…
      apposta han tentato di far fuori erdò e sostituirlo con la marionetta
      già pronta all’uso in U$,
      ma Putin ha salvato il qlo a erdò e fatto saltare il banco U$raeliano;
      entrata in €U rimandata alla prossima

    • Georgi Mihaylov

      con gia i milioni di musulmani in europa?? se cio succede, l’europa diventerà veramente eurabia!

      75 milioni di parassiti + doppia cittadinanza a tutti gli arabi = tutti in europa.

      ankara farebbe una politica di islamizzazione del europa, mirata e voluta.

      • carmine fattimiei

        100% d’accordo.

      • vantguard

        Ma ti fanno così tanta paura? Se ci colonizzano gli americani con il loro cibo, la loro musica, la loro lingua, le loro armi, se ci sbolognano il loro capitalismo decadente e corrotto spacciandolo per democrazia, ALLORA va tutto bene?
        Ve li meritate i turchi….. e spero che arrivino presto!

  • Georgi Mihaylov

    ”La realtà era però diversa, ma lo si sta capendo solamente adesso. Ogni fazione ribelle era (ed è) supportata ed eterodiretta da una potenza straniera, che usa questi gruppi a proprio piacimento.”

    MA che strano o SONo un genio o …………

    perche questa cosa io la sapevo gia dal 2012

    • Divoll79

      In questo, siamo tanti genii… incompresi ;-))

  • agosvac

    Chi pensa che erdogan abbia vinto la sua guerra personale contro i curdi, non ha capito niente! Ha vinto una battaglia, solo una battaglia.

  • Roberto Galbiati

    Voleva il nord della Siria, se l’è presa. Così come si sono presi il nord di Cipro e prenderanno altro, in Siria in Iraq nel mare di Cipro, in Grecia. Lo possono fare perchè sono membri Nato, soci di quei ladroni capi che sono Usa, Inghilterra e Francia.La loro libertà di manovra è vista in termini anti russi e il triplo giochiate ne approfitta. Gli Usa non sono nostri alleati, al contrario sono i nostri padroni e ci obbligano ad andare contro il nostro interesse, per il loro esclusivo interesse. Ma è mai possibile che quando andiamo a votare questo gli italiani non lo ricordino mai?

    • bruno

      Be hanno preso una bella scoppola i globalsionisti

    • AlbertNola

      Quando i pecoroni italiani vanno a votare, votano i grillini comunisti vigliacchi traditori!

  • pierluigi

    Il portavoce del governo turco Bekir Bozdag ha dichiarato che la presenza della Turchia ad Afrin “non è permanente”, e che quando saranno completate le operazioni di sminamento e messa in sicurezza la regione tornerà “ai suoi veri proprietari”.
    (Chi vuole può cercare:
    Bozdağ: Afrin’de Türkiye’nin işi bitmedi)

    p.s. bellissima la moto “Tonda” nella foto)

    • Maria

      Quando saranno sterminati i combattenti curdi contro lo stato islamico ancora attivo Ora sono riusciti ad espellere circa 350,000 civili curdi. Lei allora difende il criminale Erdogan?? Marabba1 Maria

    • AlbertNola

      Odio le motociclette e le biciclette!!!

  • johnny rotten

    Quindi dopo la derattizzazione del Ghouta Est, del sud della Syria e di Idlib, toccherà ancora al SAA ed ai suoi alleati fare pulizia della feccia islamista nel Cantone di Afrin, e tutto grazie all’imbecillità dei kurdi che per l’ennesima volta si sono fatti gabbare dagli occidentali a guida sionista, questo forse allungherà i tempi per la vittoria finale del Popolo Syriano ma non la metterà in questione nemmeno un po’, e forse servirà ai kurdi a realizzare definitivamente che la Syria è una ed indivisibile, con buona pace di tutti i criminali stati al servizio di sion che volevano balcanizzarla.

  • bruno

    bisogna ammettere che il non intervento russo è stato un capolavoro, ha permesso di smascherare le nefandezze USA di osservanza obananiana, turche, inglesi e francesi e li ha indeboliti senza sparare un colpo tanto c’è tempo per eliminare questi tagliagole ad Idlib alla resa dei conti

    • Maria

      Ma adesso Putin sare presto alle prese con quei testardi di Iraniani che non riesce a convincere. Tutta la tragedia siriana ha le sue radici nella scandalosa politica americana di jimmy carter che non sostenne lo scia di Persia aprendo le porte alla rivoluzione islamica di Khomeiny simpazz error simpatizzante dei fratelli musulmani. Per cui la rivoluzione islamica iraniana destabilizzo tutto il medioriente e a causa delle guerre intestine libanesi gli hezbollah presero il potere sostenuti dall Iran per poi entrare in Siria ad aiutare Assad. Putin ha cercato di tenere in sella Assad ma Assad e un testone e preferisce l Iran a Putin. Un vero rompicapo mentre l Europa e debole e divisa.Maria

      • colzani

        Lo Shah di Persia è stato uno dei piu’ grandi criminali che voi sionisti
        abbiate mai sostenuto, dopo aver demolito la democrazia di Mossadegh
        regolarmente eletto dal suo popolo avete foraggiato uno dei vostri
        escrementi nazisti ed il risultato è stata la rivoluzione degli
        ayatollah, che visto essere ancora l’unica nazione non schiava delle
        vostre trame, tutto sommato possiamo dire essere accettabile.
        Vergognatevi siete solo dei terroristi!

        • cir
          • colzani

            nessuno racconta che mentre in Iran si va al patibolo nell’80% dei casi per traffico di droghe, 10% per violenze sessuali e pedofilia, 5% per omicidi colposi ed il restante per terrorismo, durante la tirannia di Pahlavi gli oppositori al regime non arrivavano al patibolo ma sparivano nel nulla. Con la cacciata dello Shah, non solo il petrolio tornò in patria ma anche le banche anglosassoni (per dargli una connotazione nazionale! 😉 ) sparirono ed il denaro tornò a compiere il lavoro per il quale è nato.

          • AlbertNola

            Ti sbagli, caro collani.

          • William Anderson

            E’ successo proprio il contrario , Sig. Colzani . Sono state la British Petroleum e le Compagnie americane ad aiutare i fondamentalisti di Khomeini a rovesciare lo Shah . Il quale stava creando uno stato moderno , ricchissimo , e produttore di petrolio nel mezzo dell ‘ Asia .

          • colzani

            W. A. non capisco come possa affermare una tale assurdità. Il connubio BP e Reza è noto a tutti ed il fatto che il governo inglese e le politiche estere statunitensi sotto la ingombrante consulenza di Brzezinski si mostrassero accomodanti con il nuovo regime, non significa che la rivoluzione fosse stata accolta favorevolmente o sostenuta dall’occidente. Temporaneamente si stava creando un asse islamico che faceva muro nella battaglia per lo smembramento dell’ussr, e a livello economico nessuna major petrolifera soffrì particolarmente per la nazionalizzazione dei pozzi iraniani.

        • AlbertNola

          cozzani, il più grande terrorista di tutti i tempi.

      • Jackie Quasar

        Maria madre di Gesu o una delle donne di Maometto !!

      • Ling Noi

        Vorrei ricordare che ai tempi dello Scia, l’ayatollah Khomeini viveva riverito in FRANCIA, grazie all’ASILO POLITICO, di cui godeva.

      • Ilario Fontanella

        Intervista con la storia della Fallaci…. leggiti l’intervista con lo scià, quando parlano di Mattei, della nebbia, e in che moneta voleva vendere il petrolio…

        • AlbertNola

          Oriana non doveva andare a Teheran, gliel’avevo sconsigliato!

      • Zeneize

        Queste cretinate le hai sbocch error studiate a Eton?

    • Jackie Quasar

      Ad Idlib sara’ la mazzata finale per sterminare questi ribelli falsamente moderati. Con calma, poi ci riprenderemo Afrin.

    • AlbertNola

      Ama gli USA come te stesso!

  • Maria

    I ribelli non sono siriani bensi un accozaglia di mercenari sia sunniti che sciiti che russi che combattono non solo tra di loro bensi i resti dei gruppi islamici radicali di DAESH che ammontano a 10,000. C e confusione totale in Siria che in effetti non esiste piu ma si continua a considerarla come tale. Da fonti documentate non mediatiche Assad ha fatto uccidere dal 2011 ben un milione di persone tra cui 150 medici siriani. Nonostante la fedelta della minoranza drusa che nel 1925 contribui a stabilizzare la politica siriana la lascio senza difesa in balia di daesh che ne fece un macello. 12,000 drusi si trovano in esilio in Germania. A Ghouta est si combatte ancora ed ad Afrin stazionano pure soldati americani indifferenti ai massacri perpetrati dall esercito turco contro i curdi. Quindi e da sfatare completamente che questi curdi siano tutti del PKK dato che sono controllati dagli americani. C e il pericolo che dei 350,000 civili in fuga vengano massacrati dalle popolazioni arabe e di alcuni gruppuscoli islamici di ISIS. Trump e Putin potrebbero intervenire ma finora a causa delle elezioni sono silenziosi. Comunque la situazione in Siria e drammatica soprattutto anche ad Afrin. In Germania ci sono fortissime tensioni tra turchi e curs errore curdi e il governo tedesco paventa una guerriglia urbana con gravi conseguenze per la stabilita del governo tedesco.Maria

    • colzani

      La confusione è data dai terroristi come voi che vi infiltrate ovunque e non contenti venite nei siti italiani a sparare menzogne e propaganda nazi. Tornatevene nella vostra fogna di nazione topi fetenti.

      • Rock81

        stai zitto, porco calunniatore

    • kison

      sei una/ uno spargiletame automatico,
      spero che le menzogne che propali ti strozzino
      e si trasformino in tanti guai per te,
      te lo auguro di cuore.perchè una|o che vive sul dolore dei disperati merita solo male.
      visto poi che lanci calunnie e non hai il coraggio di rispondere in merito
      a chi puntualizza,
      passo a scaricarti nel WC posto in cui, voi troglioni e troglione vi troverete
      a vostro agio galleggiando in compagnia.
      addio, strozza|o.

    • Zeneize
    • vantguard

      “…..Da fonti documentate non mediatiche….”
      AHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAAAAHHHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHA

      • Maria

        Sei sul posto????? Conosci molte lingue straniere??? Segui radio e tv satellitari arabe e iraniane e turche??? Allora taci!!!!Maria

        2018-03-20 9:35 GMT+01:00 Disqus :

        • Antonello

          Ratatatatatata, abbassati,

          • AlbertNola

            Tu essere trans?

        • Rock81

          insomma dovremmo credere a te sulla parola? Camminare và

  • dottor Strange

    purtroppo i Curdi (che come popolo suscitano certamente simpatia) non hanno mai avuto una visione strategica, ma vivono giorno per giorno. nel 1914-15 i Turchi se ne servirono per sterminare gli Armeni e poi li hanno repressi. al tempo della rivalità fra l’Iran dello Scià e l’Iraq, gli iraniani sostennero la rivolta curda nel nord del paese e poi, trovato l’accordo sullo Shatt el Arab, li abbandonarono alla repressione irachena. la stessa cosa si è ripetuta con la prima guerra del Golfo. in Siria i Curdi sono stati usati, a est dell’Eufrate, dagli USA in funzione anti-jihadisti (ma con calma e poche fucilate vere) e anti-Assad. quelli di Afrin hanno giocato in proprio, ma non potevano pensare di creare uno staterello indipendente ai confini della Turchia; avrebbero dovuto subito accordarsi con Assad e restituire l’amministrazione alla Siria, con una buona autonomia. invece, anche stavolta, l’hanno preso in saccoccia. quelli dell’est Eufrate faranno la stessa fine se non si accordano con Assad e chiedono tutela a Putin. I Curdi sono simpatici ma, regolarmente, fanno la figura degli utili idioti

    • colzani

      Possiamo chiamarli un popolo di pu77ane?

      • dottor Strange

        no, sono dei fessacchiotti che si fanno inchiappettare regolarmente. comunque le atrocità peggiori contro gli Armeni e gli Assiri le commisero proprio loro, perciò il contrappasso di dantesca memoria è sempre valido

  • Mordy Golani

    Per non parlare dei white helmets:dei criminali mercenari addestratori dei tagliagole.
    Addirittura Netflix ne narra le gesta in un film propagandistico politically correct in puro stile hollywoodiano.

  • Vlado Cremisi

    E adesso qualche giorno di tregua per rispetto al “newroz”. Come si spengono i fuochi sulle alte montagne è consigliabile allacciare le cinture di sicurezza.
    Spero che il vile attentato all’ambasciata turca di Danimarca non risulti essere ad opera di questi dinosauri del Rojava altrimenti il T-REX Erdogan se li pappa davvero tutti.

  • Kimo Timonen

    “Per anni, l’Occidente ha supportato la versione di un unico fronte di opposizione a Damasco e allo Stato islamico. La realtà era però diversa, ma lo si sta capendo solamente adesso”

    Ma siete seri? Ma dai non ci credo.. ci sarebbe da sbellicarsi