9)-2008-Afghanistan-marine-americano

Interessi dell’Italia a rischio:
tre guerre ci minacciano

Afghanistan, Siria e Libia ovvero tre simboli delle crisi internazionali diventati dei punti interrogativi anche per la politica estera e di difesa del nostro paese.

In Afghanistan dal 2002 ad oggi l’Italia ha investito più di otto miliardi di euro, oltre alle vite di 53 militari e al sangue di 650 feriti. A cos’è servito? A cosa punta la permanenza dei 900 soldati italiani ancora presenti a Herat e dintorni? A che serve lasciarne solo 700 come proposto dal governo giallo-verde nell’ambito della politica di tagli alle spese militari? Sono questioni essenziali per l’Italia a cui deve saper rispondere non solo chi governa, ma anche chi fa informazione. Mantenere una presenza nel paese degli aquiloni ha un senso solo nell’ambito di una strategia politico militare legata all’interesse nazionale.

Mappa di Alberto Bellotto

Mappa di Alberto Bellotto

Se è nostro interesse restare in Afghanistan nel nome degli impegni Nato allora questa nostra presenza costosa, prolungata nel tempo e quantitativamente elevata (il nostro contingente è il più numeroso dopo quello statunitense) deve esser compensata con accordi economici in loco o accordi politici capaci di garantire attraverso la Nato i nostri interessi in zone geo-strategiche per noi più cruciali come il Mediterraneo centrale e il Nord Africa. Ma tutto questo deve venir anche raccontato. Se i media non spiegano le ragioni della nostra presenza in Afghanistan e il contesto in cui operano i nostri militari il pubblico ben difficilmente ne comprenderà l’importanza e le conseguenze nell’ambito di una strategia globale. Per questo, cari lettori, chiediamo il vostro aiuto per tornare in Afghanistan.

Per continuare a fare reportage in prima linea, abbiamo bisogno del vostro sostegno. Scopri qui come

sostienici

Lo stesso vale per la Siria. Il conflitto costato oltre trecentomila vite sembra finalmente ad un passo dalla fine. E, nonostante nessuno ne parli, la Russia sta portando a casa un successo senza precedenti. Mentre la Somalia, l’Afghanistan, l’Iraq e la Libia, ovvero tutti i più recenti interventi umanitari dell’Occidente, si sono rivelati un fiasco l’unico intervento di Mosca dopo la caduta dell’Unione Sovietica sembra spingere la Siria verso un’insperata pacificazione.

Mappa di Alberto Bellotto

Mappa di Alberto Bellotto

Ma questo apre le porte ad un più diretto impegno dell’Italia. Vladimir Putin ha chiesto ai paesi europei di contribuire al rientro dei profughi siriani. L’Italia ha il dovere morale, irrinunciabile per storia e tradizione, di contribuire al ritorno delle comunità cristiane che rischiano, anche in questa fase, di venir dimenticate e trascurate. Questo piccolo sforzo è fondamentale per riallacciare le relazioni con Damasco e tentare di tornare alla situazione precedente il conflitto quando l’Italia era uno dei più importanti partner economici della Siria. Ma raccontare le ultime fasi della guerra e il ritorno dei profughi cristiani è importante soprattutto per noi de “Il Giornale” che, nei momenti più difficili del conflitto, non abbiamo mai abdicato a questo compito.

Della Libia parliamo per ultima, ma è – e resta – il perno e il cuore dell’interesse nazionale. È la crisi che l’Italia non può permettersi d’ignorare, il buco nero su cui l’informazione deve tener puntati gli occhi per anticipare e comprendere eventuali minacce alla stabilità e all’economia del nostro paese. Perdere la nostra posizione d’interlocutore privilegiato della comunità internazionale sul fronte libico significa rinunciare a governare i flussi migratori e di conseguenza la stabilità e la sicurezza del nostro paese. Ma abdicare al nostro ruolo in Libia significa anche rinunciare al petrolio che l’Eni estrae dai suoi pozzi e al gas che soddisfa il 12 per cento del nostro fabbisogno.

Per questo, cari lettori, in Libia, Siria e Afghanistan vogliamo continuare ad essere i vostri Occhi della Guerra. Per tenervi informati non solo sui destini di quei paesi, ma anche sulle sorti dell’Italia e sugli interessi dei suoi cittadini.

Se vuoi scoprire di più sul progetto, clicca qui

  • Massimiliano Borsa

    La presenza continuativa di forze italiane all’estero non sembra abbia aumentato il peso politico dell’Italia. L’unica area di interesse specifico, la Libia, è stata oggetto di interferenze di altri paesi e di un pasticcio gestito dall’ONU. Sarebbe tempo di richiamare le nostre truppe in altri teatri per concentrarsi in questa area strategica.

    • Maria

      Non e questo il vero problema certamente importante e la gravissima crisi del nostro paese no tav no investimenti no a nuovi posti di lavoro per i giovani. Tutto l occidente e in grave crisi inclusi gli USA mentre i nostri avversari come la Turchia e la fratellanza musulmana hanno messo radici difficili da estirpare. Questo e il grave grande rischio che corriamo.Maria

      • NSA

        e che se neferga di Turchi ,Israele e occidente, si sono venduti da soli ai musulmani .per me possono anche scomparire .

      • luigirossi

        @maria la “gravissima crisi del nostro paese”è un invenzione tua e di quelli come l’ebreo Fubini del Corriere,che sognate di assassinarci per mettere le mani in tasca al nostro cadavere e rubarci orologio portafoglio

        • AlbertNola

          Ama gli ebrei e Israele come te stesso! Ci danno pane e sicurezza.

          • ✠ lollo lolli ✠

            Sarebbe bello e moderatamente divertente se ti venisse un coccolone.

      • Gianni Isola

        Peggio dei Fratelli musulmani sono i wahbiti e salafiti legati ai sauditi, amici di Sion.

        • AlbertNola

          Amici tuoi, caro Gianni detto il musulmano. Ama i sionisti come te stesso.

  • Ling Noi

    Le truppe all’estero andrebbero richiamate e utilizzate per difendere i confini nazionali, oltre a rastrellare gli invasori e neutralizzarli, anche in maniera definitiva…

    • Marco Mario Maria

      Ma ti rendi contobdi quello che dici?

      • Ling Noi

        Lo so che sbergoglio e la sboldrini non apprezzerebbero, e allora?

        • ✠ lollo lolli ✠

          MMM è il solito figlio di emme, con un nuovo account.

  • fabiano199916

    Non ho capito qual è il ritorno economico o sociale della presenza italiana in Afganistan

    • Maria

      Le do ragione poiche l articolo evita di evidenziare il vero rischio preferendo tergiversare e menzionare la politica estera della nostra presenza militare in Afghanistan con nessun nesso con i gravissimi problemi interni del nostro paese.Maria

      • alberto_his

        L’articolo ha un oggetto molto chiaro: i problemi interni del nostro paese sono affrontati in altri contesti. Finiamola di deviare l’attenzione con commenti fuori luogo

    • alberto_his

      L’articolo, nel paragrafo riguardante l’Afghanistan, spiega chiaramente che l’unico motivo per cui siamo nel paese è legato agli impegni NATO.

      • AlbertNola

        Bisogna amare la NATO. Ne va la nostra sicurezza e stabilità.

    • Flavio Stilicone

      Il ritorno economico per la presenza italiana in Afganistan è il risparmio di spese militari che dovremmo sostenere, in misura maggiore, per stare nella NATO.

      Prevenendo la domanda successiva, il ritorno per stare nella NATO è:
      – ancora una volta, il risparmio diretto di spese militari se dovessimo provvedere da soli;
      – l’indotto di tutte le basi presenti su territorio nazionale, a partire dalla VI flotta di stanza a Napoli;
      – l’accesso ai mercati “protetti” dagli USA, a partire dagli USA stessi (surplus commerciale di 30 miliardi di dollari e in crescita).

      Insomma abbiamo un mare di solide ragioni … anzi, liquide …

      • Emilia2

        Per l’accesso ai mercati USA ecc. puo’ aver ragione, ma per le spese miitari si potrebbe risparmiare ancora di piu’, eliminando tutta la marina militare e sostituendola con normali imbarcazioni per trasportare i clandestini (Tanto dobbiamo accoglierli lo stesso)

  • Stefano

    I militari vanno ritirati da tutti dagli scenari internazionali e messi a disposizione per la sicurezza interna nelle città’ più’ a rischio criminalità’.

  • Balestrino

    Certo, l’Italia non conta molto nel mondo. Ma quel poco che conta lo deve soprattutto ai nostri militari nelle missioni NATO. Se togliamo anche quelli torniamo a prima del Risorgimento. Dobbiamo caso mai aumentare la nostra presenza militare all’estero, non diminuirla. Per difendere i confini nazionali oggi basta la Guardia Costiera, basta che non remi contro.

    • Emilia2

      Bisognerebbe anche cambiare la Magistratura

  • Maria

    L Italia prima di tutto deve risolvere la grave crisi politica interna e secondariamente il rischio paventato dall articolo evita di rilevare il rischio d implosione dell Europa e la divisione in atto negli USA per cui non solo il nostro paese e a forte rischio ma tutto l occidente mentre il medioriente sta nuovamente esplodendo poiche lo stato islamico non e stato totalmente sconfitto secondariamente il caso Khasoggi ha maggiormente fratturato il mondo sunnita poiche Erdogan sotto valutato e riuscito in parte a destabilizzare la super corrotta monarchia feudale saudita mentre i fratelli musulmani stanno avendo consensi non solo tra sunniti bensi anche tra sciiti. Gli occhi della guerra si e poco soffermato sul terribile attentato aPittsburg e sull ambiguita di Trump nei suoi discorsi politici. Quindi tutto il mondo occidentale e ad un bivio e cio e il risultato degli ultimi decenni di politiche malsane di azzardate decisioni di mercato e di difesa. Si dovrebbe fare un analisi onesta e veritiera sulla situazione del nostro paese e quella del resto dell occidente.Maria

    • Zeneize

      Perché continui a dire “il nostro paese”? Tu ovviamente non sei italiano, e a me non piace che mi si contino delle musse.
      Ci vorrà tempo per disfare le porcherie fatte da pidioti, berlusconidi e boninidi in Italia e dai loro omologhi in altri paesi. Silenzio e lavora.

      • luigirossi

        @zeneize.
        Anche POTIER dice “noi italiani” e se c’è un nemico dell’Italia quello è lui.A proposito,avete notato che QUANDO MANCA POTIER C’E’ MARIA?

        • AlbertNola

          E quando manca MARIA ci sono io.

          • ✠ lollo lolli ✠

            Sei un maschietto o una femminuccia?

    • luigirossi

      @maria
      Non c’è nessuna crisi politica interna,queste sono menzogne giudaiche di una megera come te.La gravissima crisi interessa il vostro sozzo infame partito di traditori a nome PD.

      • AlbertNola

        Maria ti ha fatto un’altra domanda: quando passi da lei a pulire i cessi?

    • agosvac

      Se questa analisi la dovesse fare lei, saremmo in grossi guai!

  • espero

    la storia insegna che nessun esrcito straniero ha vinto una guerra in Afghanistan e i sedici anni di presenza della NATO ne é una dimostrazione palese i casini sono stati provocati dall’URSS e soprattutto dagli USA sono loro che devono subirne le conseguenze. In Siria un’azione diplomatica ed economica congiuntamente con la Russia e il regime sarebbe molto più efficace che una presenza militare e in Libia bisogna ringraziare Napolitano se le uova si sono rotte nel paniereL’Ìtalia ha ancore delle carte in mano ma deve giocarle con pazienza e abilità

  • trilussa

    Il conflitto più serio però è con la EU di Tajani,Juncker ed Öttinger!L’italico doppiopettista chic dicesse qualcosa di più intelligente che non “quant’è bella la EU,da Brxelles a Tmbuctù”!

  • berserker2

    Tutte le costosissime e inutili truppette italiane all’estero vanno immediatamente ritirate.
    Peraltro, mentre gli altri Paesi occidentali, vanno nei paesi stercorari a combattere (perchè questo è purtroppo lo scopo di una missione militare all’estero)….. i nostri gentili soldatini dalla lacrimuccia facile, le nostre nerborute soldatesse dall’animo gentile invece vanno a fare le damine di S.Vincenzo, le crocerossine, le buoniste umanitarie…. vanno a costruire scuole, acquedotti, pronti soccorsi, strade, ospedali, asili….. vanno a regalare caramelle e portare “un sorriso” ai negretti…. insomma, di tutto vanno a fare, meno che i soldati.
    Se gli ci scappa poi, si occupano pure di agevolare l’immigrazione delle belle risorse…. li caricano sugli aerei militari e li portano in Italia…. bei “corridoi umanitari” legalizzati, con la scusa di emergenze sanitarie, di interventi medici urgenti, con l’alibi della…. UMANITA’ che contraddistingue SEMPRE i nostri soldati, bravi e capaci a tutto (meno che di combattere…. a parte, ovviamente pochi e prestigiosi reparti tipo i Lagunari o la Folgore).
    Invece di stare a buttare inutilmente miliardi di dollari per l’interesse di altri, l’unica cosa utile e seria da fare è quella di concentrare su di una spiaggia libica i 2000 soldati italiani che stanno attualmente perdendo tempo e denaro in Afghanistan e Siria. Si crea una testa di ponte e con i 10 miliardi di euro buttati finora nel solo affghannisttan, hai voglia a creare un “porto sicuro”, dove poter (protetti dai nostri militari) riportare indietro tutta la feccia clandestina che in questi anni ha invaso l’Italia.
    Questa si che sarebbe una vera missione all’estero utile per il nostro Paese, tutto il resto sono solo buffonate da ONG da 4 soldi alla AmmesticacchiInternascional, alla SaveStàCeppa…..

    • gennaro di sarno

      Bello come per comodità e con molta nonchalance da 8 miliardi lei sia passato a 10. Per quanto riguarda il suo commento finale mi pare che per lei i migranti siano da trattare più come bestie o sacchi di carne che come persone. Magari lì riportiamo in Libia e li lasciamo nel deserto senza acqua ne cibo in nome di cosa? Autarchia o sovranità?

      • berserker2

        Embè gennarello…. quando uno è scemo…. è scemo. Quando uno è ideologicamente in malafede come te…. che ci si può fare… NIENTE!
        I catto/sinistrati come te, dopo avere distrutto questo paese con l’immigrazione senza regole, dopo avere capito i danni che avete causato con le belle risorse africane, dopo avere mostrato a tutta l’Italia la vostra incapacità a gestire questioni abbastanza semplici come l’immigrazione, dopo avere preso infatti una badilata in faccia da Salvini che vi ha dimostrato in un mese e in quattro e quattr’otto come si risolve e come andavano gestiti gli “epocali e biblici” esodi che, secondo voi non si potevano fermare…. Hai/avete ancora la faccia di parlare….. ma chiedi scusa agli italiani e zitto e mosca per almeno un paio di anni, no che vieni qui a fare il saputello.
        Nemmeno dovrei risponderti, ma mi fai pena (oltre che darmi ilarità nella tua inconsapevole comicità) e allora ti ci perdo un pò di tempo và……
        Otto (8) sono si i miliardi buttati dalla finestra per la missione in Afdokazzostàn….. un altro paio invece li hanno buttati in Siria…. 8 più 2…. fattelo dire al circoletto ARCI/PD/ANPDI/LUE che con i sottotitoli in cirillico ti ci fanno arrivare pure a te. Con nonchalance e comodinodità ho fatto una “crasi” (fatti spiegare pure questo) dei due importi buttati dalla finestra per fare vedere che siamo una VERA potenza militare e mondiale, infischiandocene pure della “costituzione più bella del mondo” scritta sempre dagli amici tuoi catto/sinistrati.
        Per q

        • Marco Mario Maria

          Vai da uno psichiatra,non ammorbare il blog con le tue turbe mentali

          • berserker2

            Ullallàà…… ma come siamo aggressive signorina maria….
            Guarda però….. questa non è la strategia giusta per abbordare maschi sconosciuti.
            Fai una cosa…. ritorna in quelle chat per pervertiti…. per uomini soli che cercano altri uomini. Vedrai che ti trovi bene… la pensano tutti come te, sono tutti di sinistra, molti anche gli africani mazzoforniti che per pochi euro saranno ben felici di conoscerti e accompagnarsi con te. Di “moderni” poi ne trovi a bizzeffe, tutti iscritti all’ARCI/gai….. hai solo l’imbarazzo della scelta.
            Si capisce che sei una/o con tanti problemi ….. si capisce pure che tutti quei giovanottoni neri neri, lucidi di sudore, con quell’afrore selvatico che ti da quel brivido esotico e con “big bamboo” con “grossa sorpresa” incorporata ti fanno sbavare e perdere la testa….
            Ma non per questo possiamo riempire l’Italia di manzi africani per la soddisfazione del vizietto tuo…. Stai tranquilla però, dai….. non è che ti verrà a mancare subito subito la “materia prima”….. per adesso abbiamo solo bloccato i porti e non ne arrivano più….. puoi però sempre contare su 500mila clandestini che ancora stanno illegalmente e senza giustificazione qui da noi e che, con le leggi assurde e ridicole con cui gli amichetti tuoi sinistrati hanno impestato Codici e Tribunali ci vorrà ancora un pò di tempo prima della pulizia primaverile.
            Pertanto….. cessi pubblici, giardinetti, stazioni, periferie, palazzoni abbandonati, CIE, Centri Sociali, Circoli LUE…. hai voglia a posti dove puoi trovare soddisfazione alle tue turbe sessuali….. Ah, ancora per poco…. grazie a una altra bella legge sinistrata che chiamano “unioni incivili”, te ne puoi pure sposare uno e giocare a fare a moglie e marito a turno…. un bell’arabo africano, con dote nascosta…. te lo porti a casa, lui avrà la cittadinanza e tu…..beh ce lo sai cosa avrai tu in cambio.

          • Marco Mario Maria

            Anche a scuola,ringrazia questa maledetta democrazia se puoi scrivere tutte ste c….ate e sentirti intelligente,pensa,puoi pure votare.giusto con chi sta peggio di te puoi sfogare la tuabtriste vita,vai a guardare rete4 e lascia parlare chini grandi,buona notte

          • Marco Mario Maria

            Anche a scuola,ringrazia questa maledetta democrazia se puoi scrivere tutte ste c….ate e sentirti intelligente,pensa,puoi pure votare.giusto con chi sta peggio di te puoi sfogare la tuabtriste vita,vai a guardare rete4 e lascia parlare chini grandi,buona notte

          • Marco Mario Maria

            Anche a scuola,ringrazia questa maledetta democrazia se puoi scrivere tutte ste c….ate e sentirti intelligente,pensa,puoi pure votare.giusto con chi sta peggio di te puoi sfogare la tuabtriste vita,vai a guardare rete4 e lascia parlare chini grandi,buona notte

          • Marco Mario Maria

            Anche a scuola,ringrazia questa maledetta democrazia se puoi scrivere tutte ste c….ate e sentirti intelligente,pensa,puoi pure votare.giusto con chi sta peggio di te puoi sfogare la tuabtriste vita,vai a guardare rete4 e lascia parlare chini grandi,buona notte

          • Marco Mario Maria

            Anche a scuola,ringrazia questa maledetta democrazia se puoi scrivere tutte ste c….ate e sentirti intelligente,pensa,puoi pure votare.giusto con chi sta peggio di te puoi sfogare la tuabtriste vita,vai a guardare rete4 e lascia parlare chini grandi,buona notte

      • Ling Noi

        Non sono migranti ma invasori. Gli invasori si respingono con ogni mezzo, meglio se letale.

        • AlbertNola

          Tu essere invasore?

  • Zeneize

    Ipotesi “buona”: l’Italia in Afghanistan è come il Piemonte nella guerra di Crimea: lecca il sedere a qualcuno più grande, sperando di ottenere qualcosa in cambio.
    Ipotesi cattiva: l’Italia partecipa agli utili della immensa porcheria afgana, derivanti dal commercio di oppio e derivati.

  • Maria

    Il problema attuale riguarda l Europa ed Erdogan per il momento e fuori causa poiche bisogna cercare di tenere unita l Europa che sta implodendo per cui se venisse a mancare questa unita Erdogan sarebe un gravissimo pericolo. Secondariamente molti lettori sono ignoranti in materia di scienza politica ed economica e tutti quasi tutti sono concordi nell affermare che la scrscita del nostro paese attualmente e ferma che non ci sono investimenti che si ostacolano opere atte a creare nuovi posti di lavoro. Molti lettori sinceramente non riescono a percepire la realta dei fatti in atto soprattutto in W Europa e in tutto il mondo. Inoltre l uscita di scena di Angelona sta aprendo un incertezza sulla politica futura tedesca per cui venendo a mancare l alleanza franco-tedesca l altezzoso ed ambizioso Macron sogna di prendere il posto di Angelona ma gravi problemi interni ostacolano il suo ambito sogno. Per cui ci si deve porre delle domande senza cadere nei passati errori Come risolvere la grave crisi economica del nostro paese?? Sono veramente affidabili Salvini e Di Maio?? Quali vantaggi avrebbe il nostro paese uscendo dall EU?? Nessuno o poche voci inascoltate da critiche che continuano a piovere sui commenti del giornale da molti lettori ignoranti in materia d investimenti lasciandosi influenzare dai mass media e da populismi devianti non si rendono conto della situazione. Rimangono chiusi nel loro guscio senza interpellare o colsultare consulenti validi fissandosi sulle loro idee a tavolino. Maria

    • John

      Lei, da come scrive ha una laurea in ignoranza…
      Il nostro debito e’ stato creato dagli interessi sui titoli di stato posti da Ciampi sull’exchange, alla merce’ degli speculatori. Abbiamo pagato, dal 1981circa 3.500 mld di interessi, sul debito…
      La nostra non e’ una crisi economica; l’Italia ha avanzi primari si 50 mld/anno, che purtroppo vengono investiti altrove, Nessun paese dell’eurozona ci supera , nell’ingente risparmio accumulato dai cittadini.
      Il problema e’ che non stampiamo la nostra moneta e la prendiamo a prestito.
      Siamo una nave senza timone e la Germania ride beata..
      Facciamo come altri paesi, la Croazia, per es. che ha la propria moneta , la Kuna, e usa quella che le conviene..
      Apra lei una azienda, assuma e paghi il 70% di tasse… Ci mostri quant’e’ brava..!!
      Le piccole aziende chiudono e sono al 90% del totale. Tav o Tap sono soldi spesi male, che ingrassano le multinazionali che non pagano tasse ..e non danno Pil.
      Se sale in cattedra per dire stupidate, pulisca solo la lavagna e vada a studiare.. tra i lettori ignoranti lei e’ sicuramente in prima fila…

      Dobbiamo smettere di gettare miliardi nelle guerre, ed utilizzare quei denari per far ricrescere il paese a beneficio dei cittadini, non delle lobby.

      • Maria

        non sono entrata in merito al debito pubblico che e una conseguenza di prese di posizioni non corrette io mi riferisco alla mancanza d investimenti alla creazione di nuovi posti di lavoro e alla crescita del nostro paese veramente deplorevole. Di questo lei non tiene affatto conto accusandomi d ignoranza mentre ho interpellato valenti esperti in materia di crisi politico economica e colsultato testi di economia inglese se conoscesse l inglese li legga. Secondariamente lei non evidenzia la grave crisi del nostro paese attribuendola a fattori esterni oppure alle passate legislature politiche. Oggi si deve guardare al presente e chiederci come risolvere questi problemi in atto ma si continua a rimbrottare ad accettare populismi che porteranno allo sfascio non sono ne di destra ne di sinistra bensi realista inoltre svolgo un lavoro riguardanti altre tematiche importanti. Noi non amiamo il nostro paese siamo divisi per cui siamo facile preda di paesi piu forti ed altezzosi.Maria

        • John

          Bla bla bla bla….Noi abbiamo ottimi economisti italiani, stimati anche da quelli inglesi, che stanno tentando di portare l’Italia fuori dalle grinfie delle oligarchie finanziarie. L’economia, una volta era creata dalle Industrie che producevano.
          Solo il porodotto crea ricchezza . Oggi c’e’ la finanziarizzazione dell’economia che non produce piu’ nulla; i soldi si fanno con la finanza , che non crea PIL, ma sposta solo la ricchezza dai piu’ poveri ai ricchi.
          Noi siamo una colonia , che straripa di Italiani felici di essere servi, come lei che parla di populismo a sproposito.
          Solo il popolo e’ sovrano , e spetta a lui decidere chi governa nel loro interesse;

          • Zeneize

            Maria Wolf 1943 non è italiana. Un segreto: non è neanche intelligente!

          • Dario Asso

            E’ svizzera di cognome fa Wolfisberg.

          • Zeneize

            Dove l’hai trovata?

          • Dario Asso

            Solo un ipotesi,Dopo che ha sposato un ricco svizzero,la ballerina dominicana naturalizzata,va a vivere nel cantone di SanGallo.Lavora in un “Asilantenheim”,dove prende informazioni di prima mano,che a tutti noi spaccia per notizie direttamente dell’ONU.Di italiano forse ha l’amante.Insomma una simpaticona.

          • AlbertNola

            Il popolo sovrano, va bene, ma i cessi chi li pulisce?

          • ✠ lollo lolli ✠

            Tua mamma è la leccacessi, forse che è morta?

        • Zeneize

          Voi non amate l’Italia? Lo sappiamo, voi amate una cosa sola. È bello però che tu “abbia interpellato valenti esperti in materia di crisi politico economica e colsultato testi di economia inglese”, si vede che davvero sei convinto che noi goym abbiamo l’anello al naso.

    • Mona

      Signora Maria, I problemi economici dell’Italia NON sono stati CREATI da Salvini o da DiMaio. Forse non sono loro a poterli risolvere pienamente, ma quelli che nel PASSATO sono stati al Governo hanno la responsabilità del problema del debito statale, e dell’emigrazione anarchica e artificiale telecommandata dall’ estero. L’italia di oggi erita degli errori del passato, e il passato non fu Salvini o DiMaio.

      • AlbertNola

        Secondo me la responsabilità è dei massoni…

    • Gianni Isola

      Sto “mamma li turchi” è un timore attuale che non riguarda l’Italia e nemmeno l’Europa, ma qualcun’altro di altra sponda (mediterranea)..

  • agosvac

    Posso concordare che la Libia fa parte dei nostri interessi economici e commerciali, ma non mi risulta ci siano nostri militari in Libia e si spera che non ce ne saranno in futuro. L’Afghanistan è un’altra cosa. La presenza di militari italiani in Afghanistan è contro i dettami della nostra Costituzione, pertanto andrebbero immediatamente richiamati anche perché estremamente costosi. L’esercito italiano deve servire alla difesa dell’Italia non a fare guerre e guerricciole all’estero.

    • Maurizio Fulignati

      Si , ci sono nostri ragazzi in Libia con compiti vari , sarebbe auspicabile un ritiro dagli altri teatri per una nostra maggiore e piu’ incisiva presenza in Libia dove gli interessi dell’ Italia sono enormi e prioritari !

      • AlbertNola

        Non abbiamo assolutamente bisogno del petrolio libico. Bisognerebbe fare della Libia un lager a cielo aperto. Ma non abbiamo le forze, caro Fugnatello.

  • enricodiba

    Ma ancora buttiamo soldi in Afghanistan?

  • investigator113

    tutto molto difficile fintanto rimaniamo nell’€. Non siamo più padroni di decidere come vogliamo e non possiamo affrontare economicamente le tre situazioni se non ci riprendiamo la sovranità monetaria. E’ questo il punto da risolvere, l’uscita dall’€

  • best67

    sosteniamo “solo” i nostri interessi!

  • Michael Staffieri

    L’Afganistan è ricchissimo di uranio, oro, coltan, bauxite, terre rare e giacimenti di gas ed è l’unico motivo per cui gli avvoltoi USA stanno li’. L’Italia partecipa con il secondo contingente per numero perchè vorra’ partecipare al banchetto, quando sara’, per gentile e pelosa concessione di quella stessa elite massonica ashkenazita angloamericana che fa capo a Rothchild e Soros e che dirige le danze del Deep State. Almeno prima di scrivere tafazzianamente commenti ad canem penis informatevi perchè non è un segreto. Quanto alla Siria l’Italia non ha voluto partecipare in quanto il rischio era troppo alto mentre in Libano la nostra presenza è stata richiesta sia da Israele che dagli hezbollah. In quanto alla Libia è un segreto di Pulcinella il fatto che vi sia qualche reparto speciale italiano sul campo a protezione degli impianti dell’ENI, esattamente come a Mosul, in Iraq, a protezione del cantiere di Salini Impregilo che sta costruendo li’ una diga. Quindi i nostri contingenti non stanno in giro a fare i buoni samaritani ma compiono missioni mirate a difesa di nostri interessi economici nazionali e strategici. Basta cercare su internet e si hanno tutte le risposte.

    • Maurizio Muscas

      Ad penem canis….NdT

    • AlbertNola

      In Afganistan non ci sono materie prime, ma solo terroristi che vogliono eliminare noi occidentali. Ama gli USA come te stesso, caro Staffiello.

      • Michael Staffieri

        So che è dura ma ha provato mai a studiare? Magari puo’ piacerle imparare qualcosa persino sull’Afganistan!

        • AlbertNola

          Ho due laure.

  • la-gazza

    per la serie: ma che ci facciamo là? Afghanistan e Italia hanno poco da spartire, sicuramente ci siamo andati per obblighi internazionali Nato… resta quindi da stabilire se il gioco vale la candela e gli affari (spesso privati) rendono più delle spese (pubbliche)… visto quanto speso fino ad ora e i risultati (vedi le bombe durante le elezioni) si direbbe di no. C’è poi da dire che, come in Libia, da quando negli ultimi decenni, tra russi, pakistani e occidentali, hanno voluto metterci naso, il tessuto sociale è crollato… hanno sostenuto
    governi che non rappresentavano nessuno quando un tempo, come in Libia, c’era un re che metteva d’accordo tutti e, seppur lentamente, stava facendo progredire il paese (ho visto foto degli anni 60-70 dove le donne giravano senza velo e in minigonna)… nei
    reportage dell’epoca, l’Afghanistan era meta di avventurosi esploratori e il peggio che poteva loro capitare stordirsi con le canne

  • Alox2

    Un grazie ai militari Italiani che difendono nel mondo la liberta’ contro le barbarie talebane, dei terroristi e regimi trogloditi…