putin

Perché le sanzioni non funzionano

La scorsa settimana il Consiglio d’Europa ha rinnovato per altri sei mesi le sanzioni economiche contro la Russia, prolungando le misure prese dopo l’annessione della Crimea del 2014 e ripetendo l’accusa secondo cui il Cremlino non rispetta gli Accordi di Minsk per la composizione pacifica della questione del Donbass. Sulle motivazioni si può discutere all’infinito. Più interessante discutere sui risultati ottenuti dalle sanzioni, alle quali si dà grande importanza fino a considerarle un’alternativa credibile e incruenta alla guerra. Nel caso della Russia, com’è ovvio, gli spiriti sono assai divisi. Se il lettore si rivolge ai siti più militanti, come quelli dell’Euromaidan aspramente anti-russo dell’Ucraina, o a certe voci della politica americana, troverà un quadro a tinte forti: le sanzioni funzionano, la Russia è sull’orlo del collasso, bisogna insistere e anzi incrementarle. Ma è davvero così? La realtà dice il contrario.

La Russia non ha mollato la Crimea, non cede sul Donbass, mantiene tutto il proprio impegno militare e politico in Siria e dintorni. Questo non vuol dire che essa non paga un prezzo per le proprie decisioni politiche, soprattutto considerato il crollo del prezzo del petrolio che ha impoverito le sue riserve di valuta forte. Ma è un prezzo che le risulta ancora sopportabile, sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista politico. E infatti, a dispetto delle manifestazioni organizzate da Navalnyj e del clamore mediatico che esse riescono a sollevare, il consenso per Vladimir Putin non è mai stato così alto e duraturo nel tempo.Viene così meno la condizione che Robert Pape, professore di Scienze politiche all’Università di Chicago, fondatore del Chicago Project on Security and Terrorism  e grande studioso della politica internazionale, nel saggio intitolato “Perché le sanzioni economiche non funzionano”, giustamente considera fondamentale per poter dire che un embargo ha avuto successo: e cioè, che il Paese colpito da sanzioni cambi in modo significativo la propria politica e si pieghi alle condizioni più importanti imposte da coloro che hanno deciso le sanzioni. Che non è certamente il caso della Russia.

Il caso russo, comunque, è emblematico del distacco enorme che ormai intercorre tra la politica e la realtà, tra le crisi e la narrazione di esse che viene propinata ai cittadini elettori e consumatori. La Russia contemporanea, a partire dalla Rivoluzione d’Ottobre, è stata sempre sotto sanzioni. Persino durante la Seconda guerra mondiale, ai tempi della grande alleanza contro la Germania hitleriana, gli alleati avevano bloccato le forniture alla Russia di certi armamenti e certe tecnologie. Nel 1946, all’alba della Guerra Fredda, le sanzioni contro l’Urss presero a crescere, soprattutto per iniziativa degli Stati Uniti, che peraltro erano stati gli ultimi a normalizzare (nel 1934) le relazioni economiche con il Paese dei Soviet. Se l’Urss non è crollata e nemmeno si è piegata alle sanzioni né nei terribili anni Venti e Trenta né nel duro dopoguerra, dovrebbe farlo ora la Russia? In base a quale ragionamento ci aspettiamo un simile risultato?

Quel distacco di cui si diceva è peraltro segnalato da un’altra considerazione. Non è che la politica delle sanzioni non funzioni con la Russia. Non funziona con nessuno. Nulla è stato ottenuto con Cuba, l’Iran, l’Iraq, la Siria, dove i diversi embargo non hanno scalfito il potere dei leader ma hanno fatto soffrire la gente comune, rendendola semmai ancor più fedele a quegli stessi leader che si voleva abbattere. Nulla viene ottenuto ora con la Russia e, a quanto pare, nemmeno con il piccolissimo Qatar. Però continuiamo a sentirci dire il contrario, a dispetto di tutte le evidenze raccolte in giro per il mondo e in epoche diverse.Si badi a un altro particolare. Tanto poco funzionano le sanzioni economiche che, in tempi recenti (vedi Iran, Siria, Russia), a esse sono state aggiunte le sanzioni personali, che colpiscono singoli individui legati ai circoli del potere, nel caso della Russia a decine. Segno evidente che si cerca, con affanno, un supplemento di severità.Bisognerebbe poi interrogarsi sul serio sugli effetti. Diamo un’occhiata globale alla questione. Se lo scopo delle sanzioni era la fine del consenso intorno ai leader russi e la disgregazione del Paese, stiamo ottenendo l’opposto. Negli Usa la crisi di consenso intorno alla leadership ha raggiunto livelli da semi-colpo di Stato (e per Donald Trump si parla di impeachment) e in Europa, con la Brexit, siamo stati sull’orlo dello sfacelo per la Ue. Che ci sia un nesso?

  • de andrade

    Le sanzioni contro la Russia hanno finora avuto effetto su quelli che le hanno comminate. Meraviglioso contrappasso.

    • AndareCamminareLavorare

      come dicevo nell’altro commento, non è affatto vero. Gli unici marchi scomparsi in Russia dal 2014 sono quelli italiani. Ecco perché i tedeschi e i francesi sono così zelanti nel prolungare le sanzioni, non sono altro che un sistema per tagliare fuori il nostro export e favorire il loro!

      • geddylee2

        e i nostri politici? sissignore signorsì… smidollati o corrotti? paragonandoci al medioevo, direi valvassini… gli ultimi della carovana, i più infidi e i più servitori, quelli che raccolgono le briciole

      • JaegerPanzerE100

        Bene facciamoci un giretto in russia, al confine con la mongolia irkutsk 620 mila abitanti il doppio di firenze, andiamo al supermercato e woila’ troviamo Nutella, barilla, de cecco, martini, franciacorta, prosciutto di parma e anche di San daniele, tutto a prezzi piu’ che normali e scaffalature piene, forse non vendiamo piu’ attrezzatura militare? (spaziale no perche’ ci sono particolari accordi internazionali), attrezzatura militare ai russi? Da quando?, tutto quello che e’ in embargo passa per la Cina, ed in Russia non manca nulla. Il reparto puramente agricolo ne ha risentito.

        • AndareCamminareLavorare

          buttalo via… prima trovavo gorgonzola e parmigiano, adesso solo camembert, brie e innominabili formaggi teutonici a tonnellate. Per non parlare della verdura e della frutta: cioè lo stato in cui siamo ormai noi italiani, privarci anche di qualche miliardo di euro di esportazioni significa già dare il colpo di grazia a migliaia di imprese e decine di migliaia di lavoratori. Per non parlare poi del danno a lungo termine, con i russi che pensano ormai che il “Parmesan” sia il formaggio grattugiato italiano! In quanto all’attrezzatura militare, perdonami, ma i russi vendono i razzi vettori Saturn agli USA e centrano con un errore di venti metri un poligono di tiro in Kamchatka con un ICBM totalmente russo lanciato da cento metri di profondità a largo di Murmansk da un sottomarino nucleare stealth, anch’esso totalmente russo. Al massimo noi italiani possiamo vendergli dei soldatini di piombo colorati.

          • JaegerPanzerE100

            appunto, quello che dicevo io, per il formaggio che ci vuoi fare, i nostri non arrivano freschi passando per la cina, mentre i francesi dicono ma non fanno l’embargo

        • alberto

          Guardi che pasta,vini,cioccolato,e molti altri prodotti non sono oggetto delle ‘contro-sanzioni’ ! Per quanto riguarda il prosciutto, lo puo’ ,in qualche caso, trovare di contrabbando o ‘legale’ ma disossato.
          Saluti

          • JaegerPanzerE100

            io l’ho trovato gia’ affettato in buste agli stessi prezzi italiani, che per i russi forse sono altini.

          • alberto

            gia’ affettato nelle buste certo. Circa il prezzo,almeno a Mosca, e’ un po’ piu’ caro senza arrivare ai livelli della bresaola (affettata al momento) che costa (da EATALY) 88euro/kg…;)

          • JaegerPanzerE100

            Parli di Mosca, una delle citta’ da molti anni considerata la piu’ costosa d’Europa. Ma la Russia non e’ solo Mosca.

          • alberto

            certo, lei ha ragione. Ho visitato la Russia in lungo ed in largo diverse volte; ci vivo da 25 anni . Da un po’ , comunque, ho notato che le altre grandi citta’ (da Ekaterinburg,a Krasnoiarsk ecc) si stanno ‘uniformando’ allo stile di vita moscovita.
            Saluti

          • Divoll79

            Ho sentito che si tratta di un progetto di grande respiro, quello di portare tutti i centri principali della Russia allo stesso livello di vita, di bellezza architettonica, di aziende e posti di lavoro.

          • alberto

            Sembra cosi’, caro Divoll, e non trascuriamo un dato che i soliti detrattori della Russia evitano attentamente di citare e cioe’ che la disoccupazione in questo Paese e’ al 5%; inimmaginabile per l’Italia.
            Saluti

          • carlo

            altra bella inesattezza, anzi imprecisione, egregio alberto, è vero, la disoccupazione così come in Ukraina è bassa rispetto a tanti paesi occidentali, ma lo sa quanto è lo stipendio medio di un qualsiasi lavoratore, insegnante,
            impiegato !? da noi e senza andare in Germania o in Olanda con lo stesso salario ne prendono almeno da due a tre di lavoratori.
            questo l’ho constatato di persona in quanto avendo lavorato per una multinazionale con succursali in Polonia (Sosnowiec) e Russia (Tolyatti Samara region) gli stipendi sono poi più o meno simili in entrambi i paesi … forse in Polonia attualmente sono più alti …

          • Kipelov

            In Ucraina la disoccupazione è talmente inesistente ed è effettivamente il paradiso terrestre (la terra del latte e miele) che quando l’Europa ha aperto i confini senza visto, torme di bisognosi in calca da girone Dantesco si adoperavano per varcare i confini.Un ottimo biglietto da visita per la rinata nazione sfuggita al giogo russo.Ma non si era sviluppata oltre ogni limite dal dopo Maidan?Ma non era più sotto il giogo oppressivo e vessatorio dei russi?Se si sta così bene ,che vengono a fare all’Ovest?

          • Andri75

            Non scriviamo fesserie per cortesia! Nei primi 10 giorni di regime visa-free sono entrati in Europa meno di 12.000 Ucraini fruendo delle facilitazioni Europee. In Georgia (15 volte più piccola dell’Ucraina) nei primi 11 giorni sono passati 7.000 cittadini. Nessuna invasione di Ucraini, il regime visa free è ancora pochissimo sfruttato considerando che gli Ucraini sono una delle popolazioni che più visita la UE.

          • Libero Mauro

            l’unico motivo che meno di 12,000 sono entrati in EU e perche hanno bisogno del passaporto biometrico, e pochissimi hanno questo tipo di passaporto, se si mette in considerazione che ci sono circa 2.4 milioni di domande dii rinnovo passaporto a quello biometrico si vedra’ cosa succedera’, i 12000 sono quelli che hanno una possibilita’ di fare i turisti…… una goccia nell’oceano della poverta’ che l’Ucraina e’ piombata dal 2014…… e poi agli Ucraini era stato promesso accesso libero al mercato del lavoro in EU no al turismo….. un’altra beffa e bugia dell’occidente contro l”Ucraina…

          • Andri75

            Mi spiace ma quello che scrive è assolutamente falso. In Ucraina la maggior parte dei cittadini che espatriano è già in possesso del passaporto biometrico che ormai viene rilasciato già da quasi due anni.
            La povertà Ucraina ? Temo che lei non abbia visto l’Ucraina : bar, ristoranti, cinema e centri commerciali stracolmi di consumatori, stipendi ufficiali certamente bassi sui 350 USD al mese ma reali molto vicini ai 600-700 che è un buon valore per i Paesi dell’Est con il costo medio della vita tra i più bassi al mondo. Nel 2014 lo stipendio medio ufficiale in Ucraina era pari a 180 USD, quello reale attorno ai 400 mentre il costo della vita calcolato in valuta forte è rimasto stabile.
            Dove ha letto o visto che qualcuno abbiamo promesso agli Ucraini l’ingresso nel mondo del lavoro UE. UE e Ucraina hanno trattato per oltre 7 anni un regime visa free solo turistico (e non potrebbe essere altrimenti per le regole Schengen) e un accordo di associazione economica che è in parte entrato in vigore e che ha già permesso un raddoppio degli scambi commerciali con favore soprattutto per la UE.

          • Kipelov

            Le fesserie sono le sue.Lo ha visto il servizio dei telegiornali prima di parlare?Le donne erano tutte in età da badante e prendevano sulla schiena di chi era loro davanti per passare prima.Dio mio,certo che voi a Kiev per falsificare la realtà non siete proprio inferiori a nessuno.

          • Andri75

            In Ucraina esiste una singola frontiera per il passaggio pedonale verso la UE e ancora ieri non c’era praticamente nessuno, forse 10 persone.
            Chi è in età da badante non ha bisogno del visa-free per venire in Europa visto che la domanda per questo tipo di lavori è di gran lunga superiore all’offerta e le bandati arrivano tutte in Europa sui furgoncini o dei bus di linea non certo a piedi.

          • Kipelov

            Ahahah bella questa,mi sa tanto che non ha visto il servizio dei tiggi di mamma’ Rai.Peccato lo abbiano visto circa solamente 60 milioni d’italiani.Le sue fantasie le condivida con chi è disposto a crederci.

          • carlo

            rosicate, rosicate, rosicate … intanto gli ucraini possono espatriare per scopi turistici con un limite di tre mesi senza le lungaggini burocratiche a cui i russi devono tutt’ora sottostare … tra partentesi vada a vedere in Donbass gli ucraini sotto occupazione fare la fila oltre confine provvisorio per ottenere anch’essi il passaporto biometrico… altro che le balle e le favolette che racconta il regime Putiniano …

          • Libero Mauro

            Gli Ucraini non vogliono “espratriare’ per ragioni turistiche, 65% vuole scappare dalla poverta’ che gli e stata imposta dal 2014 dalla CIA, infatti prima era 20sima come nazione piu ricca nel pianeta, ora piombata al 124simo posto. Tutti vogliono scappare dalla dittatura di Kiev. Nel Dombass scappano dalle bombe di Kiev. Fino ad ora trucidati piu di 6000 civili incluso 600 bambini….

          • carlo

            come la racconta lei e presa pari pari dalla propaganda moscovita … gli ucraini erano alla fame ben prima della rivolta anti Yanukovich … povertà e difficoltà dovuta e causa la stretta ed esclusiva relazione e dipendenza con la Russia … la quale con l’Ucraina, più che come un affettuosa sorella, si è sempre comportata come una cattiva matrigna …
            dal Donbass scappano dalla guerra in generale dal momento che le bombe o ucraine o russe che siano, sono sempre bombe … in ogni caso per la maggioranza di loro sono fuggiti a ovest più che a est …
            PS: se i ribelli filo russi o mercenari russi che siano non mettessero vigliaccamente le artiglieria a ridosso di abitazioni, ospedali e scuole … poi da li colpire incessantemente i governativi ucraini, non ci sarebbe l’ovvia e il malvolentieri fuoco di contro artiglieria.
            molti ucraini governativi che combattono li, sono originari del posto, pertanto anche tutti gli altri in generale, nonché il governo ucraino, generali compresi, non sarebbero affatto contenti di distruggere le loro città … anche perché la ricostruzione sarebbe poi oltre modo costosissima !

          • Libero Mauro

            si vede che lei non vive in Ucraina e con sia informato, ,prima del 2014 qui si viveva discretamente, perche anche il livello del vivero Russo era abbastanza alto (22,000 dollari procapita) dopo che l’economia Ucraina e stata forzata a recindere tanti contatti economici con la Russia, senza rimpiarzare i contatti con altro si ritrova all’estremo. solo un esempio il gas ora si trova al di fuore della portata della stragrande maggioranza della popolazione, questo inverno sara durissima per molti pensionati.. La deludo ma io non seguo nessuna propaganda Russa….. visto che ho famiglia qui in Ucraina… Vada nel dombass ho un paio di amici americani a australiani che vivono li…. non ce bisogno che chiediamo ai “mercenari” Russi…(cosi classificati gli Ucraini che stano conbattendo per la loro dignita’ e per non essere ammazzati)

          • carlo

            no io non vivo in ucraina, al contrario di come mi da ad intendere lei che racconta di avere famiglia acquisita ecc ecc … io soltanto conosco e seguo le vicende ucraine da almeno l’anno 2006 … per mie vicende personali …
            come no, sotto diretto controllo russo l’economia era così tanto florida che ad un certo punto non hanno avuto null’altro di meglio che rivoltarsi, e di cercare di allontanarsi almeno un minimo da un regime, quello filo russo, che li stava strangolando un giorno dopo l’altro … (i governi in ucraina egregio, fino ad allora sono stati in mano ai russi ed ai filo russi da sempre) se avesse veramente famiglia da quelle parti, ma tutto può essere … poi nessuno nega di come molti guardino da quelle parti alla Russia … comunque dovrebbe sapere che i poveri ucraini, dipendevano in tutto o quasi, dai signori russi in quanto al commercio e all’interscambio per ovvi motivi storici come lei ben saprà … e con risultati non proprio impeccabili … in Ucraina ho avuto modo appunto di recarmi periodicamente per un certo periodo … e mi ero fatto, e ho un idea ben precisa a riguardo …
            (dove vi è un russo, v’è povertà, devastazione, lacrime e morte, lo comprova la storia) …
            e tanto per informarla dati statisti controllabili … il Donbass riceveva dallo stato centrale ucraino come bilancio statale più di due volte di quanto non dessero loro come regione … egregio non ci sono mercenari russi … invero, senza i mercenari russi i quali molto probabilmente quantificati in numero di oltre 30.000, oltre a quelli dell oltre frontiera sempre pronti ad intervenire come fecero nel momento in cui nel 2014 l’esercito ucraino raccogliticcio del 2014 li stava nonostante sbattendo fuori, i russi della federazione intendo … senza quelli egregio non parleremmo ora di guerra in Donbass.
            al signor Putin del popolo del Donbass in quanto popolo non gli frega proprio nulla … a parte che non ha nemmeno i soldi per mantenerli dignitosamente, da almeno due anni nelle zone occupate gli danno una pensione che è uguale alla metà di quella che percepivano prima della guerra da Kiev.
            (fonti mie personali oltretutto)
            e senza dire di come le migliori aziende private e pubbliche in Donbass i solerti Russi, le hanno smontate e trasportate in toto di là della frontiera, maestranze incluse …
            del resto i russi così hanno sempre fatto a partire dalla dalla Germania
            del 45 spolpata di quanto rimaneva di intatto … auguri comunque … al popolo sotto occupazione russa …
            temo si andrà per le lunghe ancora per parecchio … tanto nella merda, e sotto le bombe di entrambi gli schieramenti, mica ci sta l’ometto del Cremlino …
            a loro basta dare propaganda, è il loro pane quotidiano …

          • Andri75

            Il numero di civili morti nel conflitto Ucraino è superiore (dati ONU e OSCE) alle 12.000 persone, di cui quasi 4.000 sono soldati Ucraini e oltre 4.000 civili nelle aree controllate dal Governo di Kyiv, 2.000 i soldati Russi/mercenari (questi sono quelli ufficiali ma i dati parlano di molti più morti), 2.000 i civili morti nelle aree occupate dalla Russia per cui si vede chiaramente chi spara sui civili e chi no.
            L’Ucraina non è mai stata al ventesimo posto come Paese più ricco (parliamo della Svizzera per intenderci), certamente ha perso posizioni ma non è certo per le proteste di Maidan ma perchè è in guerra da 3 anni con la Russia.
            L’Ucraina ha avuto 3 votazioni dal 2014 in poi, la libertà di stampa è buona (meglio che in Italia) e lo stesso la situazione delle minoranze, meno quella dei diritti umani, parlare di dittatura da parte di chi sostiene una posizione Russa dove i Governatori vengono decisi dal Presidente che controlla direttamente polizia, forze armate (con la nuova Legge del 2017), magistratura mi pare quantomeno azzardato.

          • Libero Mauro

            Trovi ancore su tutto l’internet le prove dei bombardamenti di Kiev dei civili nel Dombass, il fatto che NESSUNO dice niente nella stampa |mainstream” occidentale la dice lunga. Nelle votazioni non sono stati ammessi nessuno che non era compatibile con le ideologie “maidan” mettendo fuori giuco le opposizioni, 14 giornalisti sono stati uccisi, e se poi parliamo che il “presidente” (illegale) Poroshenko e le forze “maidan” hanno ottenuto 27% su un totale del 49% di affluenza, si capisce che in Ukraina vigila una dittatura “soft” (solo il 24% degli Ucraini approva maidan) con l’appoggio CIA e Soros . Non c’e’ area un Ucraina (a parte delle area piu “russe”) dove le bandiere filo-naziste delle componeti politiche Ucraine non sono inalzate su monumenti e area considerate di cultura “Russa” come per terrorizzare la popolazione, infatti la sistematica uccisione e genocidio delle popolozioni filo-Russe nel Donbass fa da esempio.

          • Andri75

            Guardi queste castronerie le puo’ scrivere a persone che dell’Ucraina non sanno nulla, io vivo tra Ucraina e Russia da 15 anni e quello che scrive e’ completamente falso. Se toglie Putin dallo scenario Ucraino non ci sarebbe nessuna guerra.
            Poroshenko ha preso il 54% dei voti sul 68% di affluenza. L’approvazione di Maidan e’ superiore al 70% in Ucraina, cosi come, quest’anno, quella per la Nato. Di questo deve ringraziare Putin visto che fino al 2014 meno del 40% degli Ucraini erano favorevoli all’ingresso nella NATO. Non c’e’ nessun simbolo nazista in nessuna citta’ Ucraina, se vuole le faccio le foto dei monumenti dal balcone di casa mia! Il genocidio nel Donbass lo hanno fatto i vari Motorola, Gevi e altri criminali simili mandati dalla Russia ad invadere uno Stato sovrano, oltre 12.000 morti, uccisi in grandissima parte nei territori liberi dell’Ucraina dai bombardamenti dell’artiglieria Russa.

          • Kipelov

            Dorma e sogni, Carletto bello,il resto è noia

          • Divoll79

            Il 5%, si, pero’ questa disoccupazione e’ sempre temporanea e solo in determinati settori. Un paio di mesi fa ho parlato con un amico medico che lavorava per un’organizzazione di controllo (chimico) della qualita’ dei cibi e mi ha detto che aveva deciso di cambiare il posto per un altro, ma si sentiva un po’ preoccupato, (ha 52 anni). Ebbene, due settimane dopo aveva gia’ il lavoro nuovo. Due settimane! Le donne possono andare in pensione a 55 anni, gli uomini a 58, ma molti continuano a lavorare lo stesso e possono tenersi sia la pensione che lo stipendio (tasse = 15%). Noi tutto questo ce lo sogniamo. Dovremmo uscire dalla UE e ricostruire l’italia su basi completamente nuove.

          • alberto

            confermo l’estrema facilita’ nel trovare altra occupazione nel caso si venga licenziati o si decida di cambiare lavoro e tutto il resto.
            Una azienda paga il 34% di tasse sugli stipendi ed il lavoratore il 13 % !
            Nel caso di imprenditori , il 20% sull’utile e poi il 9% se lo si vuole prelevare
            Certo in Italia non e’ proprio cosi’…;)

          • Ubimauri

            Confermo. Purtroppo….

          • Divoll79

            Io sono vegetariano e adoro i latticini russi. Mi mancano tanto il kefir, la rjazhenka, lo snezhok, il tvorog e quei meravigliosi glazirovannie syrki… mmm……….

          • Kipelov

            Mi aggiungo al discorso alimentare,dato il languorino…io adoro il Kwas e -ahimè- non essendo vegetariano, il shashlik…in ogni caso, la cucina russa è fenomenale come varietà di aromi,spezie ed ingredienti che nemmeno si sogna il mercato occidentale..per non parlare di marmellate, miele di infinite qualità e varietà di the aromatizzato che durante la stagione autunnale/invernale diventano dei veri e propri toccasana…la senape fortissima,poi…ci si emoziona nel mangiarla,dato che va venire letteralmente le lacrime agli occhi!

          • Divoll79

            E’ vero. Io, quando vado a Mosca, mi faccio sorpacciate di tutte queste buone cose, pero’ poi comincio ad avere nostalgia della mozzarella di bufala, delle verdure nostrane (broccoli, cicoria, agretti, ecc.) e tutta la nostra meravigliosa cucina.

          • Kipelov

            La capisco, anche se le insalate di verza nella loro molteplicità condite con la maionese non sono poi così male e fungono da ottimi sostituti rispetto le verdure nostrane.Di certo il mix migliore si otterrebbe potendo usufruire delle svariate tipologie ed abbinamenti delle due cucine sulla stessa tavola.La perfezione assoluta, a mio modesto avviso.P.s. avrà già provato,immagino, le patate con aneto e burro..deliziose.

          • Divoll79

            Verissimo. Secondo me, sono le due cucine piu’ buone del mondo. E forse non e’ un caso… ;-))
            PS – Le patate con l’ukrop (e con l’olio d’oliva invece del burro) sono le mie favorite

          • Kipelov

            L’ukrop,in effetti, è proprio l’aneto..Fa piacere sentire che anche lei ha avuto la fortuna di apprezzare la cucina russa.

          • Divoll79

            L’ho avuta per anni, questa fortuna. Ora, purtroppo, piu’ di rado. Ma andarci e’ sempre una festa, un riposo mentale e spirituale dalle follie occidentali.

          • Kipelov

            Le suggerisco in amicizia,(anche se indubbiamente conoscerà il territorio meglio del sottoscritto) per il prossimo viaggio una salutare passeggiata a VDNK ,dove ,oltre a rinfrancare la mente dai veleni Delle follie occidentali, potrà vedere la famosa fontana dell’amicizia ed i padiglioni Delle ex repubbliche sovietiche,mentre nell’aria la musica tipica russa allietera’ anche il suo spirito.Per il più prosaico stomaco,invece, le consiglio il ristorante “Barashka” ,dove la cucina azzera la fa da padrone..ottime le portate vegetariane,con risotti speciali ed ambiente veramente ispirato.

          • Divoll79

            Eh, eh, caro Kipelov, vicino al VDNH ci ho studiato, conosco piuttosto bene tutta Mosca, avendola girata in lungo e in largo sia con la macchina che in moto. Era bella gia’ allora, e oggi e’ ancora piu’ bella (ci sono stato, purtroppo solo brevemente, un paio di mesi fa).

          • Kipelov

            Come sospettavo,conosce già il territorio anche meglio del sottoscritto,ma era intuibile dai suoi post.Per le strade a più corsie moscoviti ho guidato anche io …Skyline stupendo,ma devo ammettere che preferisco di gran lunga l’immensita del cielo notturno nella steppa in solitaria

          • Divoll79

            Ancora meglio, in moto :-))

          • virgilio

            bastardi!!
            smetettela sto sbavando……………hahahahahahahaha……….

          • Divoll79

            :-)))))))))))))))))

          • virgilio

            sto scherzando,mi avete fatto venire laquolina in bocca a parlare della cucina russa!!

          • Kipelov

            L’abbiamo capito,anzi mi hai fatto davvero ridere di gusto!:-D

          • Emilia2

            Io non sono contraria ai Russi, pero’ direi che le cucine italiana e francese sono molto superiori.

          • Kipelov

            I gusti son gusti,nulla di male.Ognuno ha il suo palato e le sue preferenze

          • virgilio

            la senape l’ho provata e a me che piacciono le cose forti la adoro!

          • Kipelov

            Ti capisco,ha fatto lo stesso effetto anche a me! Però voi avete la poco che è eccezionale…;-)))

          • Raoul Pontalti

            Conoscerai i russi ma non gli altri popoli…Il kefir (dal turco köpürmek) è una bevanda fermentata delle popolazioni turco-tatare specie del caucaso settentrionale, poi diffusasi anche alle popolazioni slave orientali, la ryazhenka è ucraina e non russa e anch’essa di chiara derivazione turca e azera (es. il qatiq), per il resto si tratta di variazioni sul tema di derivat idel latte reso acido da specifici batteri. Io trovo eccellenti quei prodotti quando preparati da turchi, persiani, ma anche slavi islamizzati, come in Bosnia (Sarajevo: il paradiso per chi ama questo genere di prodotti e sprattutto lo yogurt)

          • Divoll79

            Li ho provati anche in Turchia, in Bulgaria, in Azerbajan, in Georgia e naturalmente in Ucraina e nelle rep. Baltiche, ma ho trovato quelli russi piu’ buoni, forse piu’ vicini ai gusti europei e sicuramente piu’ sani (in Russia i controlli sui cibi sono severissimi e qualunque prodotto geneticamente modificato e’ proibito).
            E’ buona norma non presupporre che il tuo interlocutore sia uno sprovveduto o che abbia viaggiato di meno, sa.

          • Raoul Pontalti

            La Bulgaria non è più, e da tempo, quella di una volta per quanto riguarda lo yogurt ( e non solo) così come la Turchia non lo è più per il…caffè alla turca! Il peggiore lo si beve proprio in Turchia. E il migliore? In Bosnia…(ma anche in Serbia e in Montenegro). Non fare troppo affidamento sulla sicurezza alimentare in Russia: l’HACCP lì non sanno nemmeno cosa sia e certe malattie alimentari in Europa le trovi solo dai Russi (es. amebiasi, ma anche la giardiasi come nei Balcani, trichinellosi, salmonellosi di ogni tipo, epatiti virali A ed E, etc.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Sei preciso come sempre e aggiungiamo pure che (non solo in Russia) la macellazione clandestina, proprio perché sfugge ai controlli, comporta notevoli rischi sanitari. Secondo la Coldiretti (fonte newsfood punto com) la macellazione clandestina è alimentata dal furto degli animali negli allevamenti che si stima abbia fatto sparire quasi centomila animali dalle stalle italiane a danno degli agricoltori e mettendo a rischio la salute dei cittadini …

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Insomma, la Russia è un big … che mantiene basso il PIL per non dare troppo nell’occhio …
            https://uploads.disquscdn.com/images/107c9e8a8cebe0e0c29dbbf24d2cb0703f2b0974c7dc7b6fb56f70b4ba9e1596.png

          • alberto

            Gentile Anita, anche lei tra i ‘ferventi adoratori del pil’ ?
            Ma con il vostro stratosferico pil cosa aspettate a ricostruire le zone terremotate? Cosa aspettate a mettere in ordine il dissesto idrogeologico? Cosa aspettate a dare assistenza sanitaria piu’ decente a tanti poveri? Cosa aspettate a creare posti di lavoro e ridurre la vostra invereconda disoccupazione?
            Lo spende tutto lei ( il pil) ? Cosa si e’ comprata oggi con il pil ? Nuove foto?
            …:D:D:D

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • robespierre

            Il PIL e’ la droga per gli ignoranti!!! La vera ricchezza di un Paese e’ data dal rapporto debito/PIL e da quello Deficit/PIL. Gli USA sono i primi per PIL, ma pure i primi per debito pubblico. Se un bel giorno tutti i suoi creditori divenissero esattori, degli USA ci rimarrebbe solo un ricordo. Di fatto pero’ cio’ non accade per la potenza militare degli americani, ma solo per quello. Gli USA sono solo un Paese eternamente a debito, che acquista e produce tutto con soldi non suoi, ma del resto del mondo, che confluiscono oltre Oceano grazie a Wall Street.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • robespierre

            Confiscati a chi? Ti vorrei solo indurre ad informarti per sapere cosa e’ successo nella ex DDR relativamente ai fondi pensione dei lavoratori ed ai loro depositi bancari ed appunto che fine abbiano fatto, dove siano finiti. Comunque, se ho buona memoria, mi pare di ricordarti in un altro reiterato botta-risposta. Il tuo e’ solo uno pseudonimo!!!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Confiscati ai proprietari …

          • robespierre

            Ma che discorsi sono? In Stati comunisti potevano esserci proprieta’ private?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ovviamente intendi soprattutto case o terreni …

          • robespierre

            Continuo non comprenderti! Quando furono confiscati? Durante il regime comunista? Durante esso i beni privati neppure esistevano. Prima di esso? Se intendi prima di esso, ti rispondo che una ragione pure ci sara’ stata: c’erano masse di nobili e latifondisti che avevano portato il popolino alla fame, mentre loro ridevano, scherzavano, festeggiavano alle loro spalle (per questo guardati pure la parte iniziale del Dr. Zivago). La risposta del popolo fu allora dettata dalla disperazione e dalle pessime condizioni sociali di uno Stato gravemente in crisi anche per via della Guerra Mondiale che stava combattendo. In Russia nel 1917 di fatto non esisteva la borghesia, ma solo potentati nobili-arcaici ed amici e complici di quelli.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            L’esproprio è stato operato dal governo comunista e quindi cosa vai dicendo? La fame c’era DURANTE il governo comunista … https://uploads.disquscdn.com/images/440219fe1c06d8f79528358dc95861049dae7f07679b97e89c526e4f6561247b.jpg

          • robespierre

            Premetto: tu non sai la storia. Gli espropri furono realizzati con l’avvento del regime comunista, non con il regime comunista. L’ho gia’ detto: durante il regime comunista gli espropri non erano possibili, in quanto la proprieta’ privata non esisteva piu’. Durante il regime comunista, che ci fosse la fame e’ una barzelletta e cio’ stigmatizza quanto tu ne sappia. Durante esso, pure non avendo dei notevoli livelli di vita se con essi si intendono gli optionals, nessuno moriva di fame, in quanto tutti avevano lavoro. Comunque ti prego di smetterla con questa propaganda assurda e falsa contro il regime comunista e a favore del consumismo. Ogni regime di vita ha i suoi pro e contro, ma il comunismo non era certo il male assoluto!!!

          • Ubimauri

            Non riesco a vederla la Russia in questo grafico…..
            Ma dove l’hanno messa? In “rest of the world”?
            E’ prdigioso: un paese di cui parlano tutti i giornali e i media quotidianamente, rappresentandolo come il nemico numeru “uno” su scala globale, ha in realta’ un’ economia inesistente…
            C’e’ qualcosa che non mi torna, Anita.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Forse non torna il tuo discorso?

          • Libero Mauro

            Anita “Mueller” deve aspettare le prossime disposizioni da G. Soros per continuare la discussione in un modo razionale, suppongo almeno “lei” ha un lavoro ben pagato, speriamo che ritorni al suo nome originale…”Serena”….

        • Divoll79

          Gli alcolici non sono stati sanzionati. E cosi, credo, i medicinali.

    • Andri75

      Non esiste nessuna sanzione UE contro l’export di prodotti alimentari o di design o altro verso la Russia!
      Le sanzioni sono da parte Russa contro la UE per diversi motivi, tra cui le sanzioni individuali contro stretti collaboratori (alcuni dicono riciclatori di denaro) vicini a Putin e le loro aziende, verso alcune banche Russe accusate di finanziare il terrorismo in Ucraina (Crimea) e verso il settore militare che è ormai un pericolo diretto e reale alla indipendenza dei Paesi dell’est Europa.
      In realtà queste sanzioni Russe sono praticamente inesistenti visto che esistono canali quasi ufficiali per evitarle e li usano anche le aziende Italiane.
      La diminuzione di fatturato, peraltro di pochi miliardi l’anno, è dovuta alla netta diminuzione del potere di acquisto delle famiglie Russe che hanno diminuito il budget non solo dei viaggi o del lusso ma anche quello degli acquisti dei beni di prima necessità.

      • de andrade

        Guardi, la notizia dell’approvazione di Bruxelles dell’estensione di altri sei mesi delle sanzioni è solo di pochi giorni fa. Ella mi ha fatto perdere tempo due volte. A leggerla, e a risponderle.

        • carlo

          ma lei probabilmente non ha capito una cosa molto semplice, non sono tanto le sanzioni a colpire il potere d’acquisto delle famiglie russe, ma il calo generalizzato dei salari dovuto alla crisi che attanaglia quella società. crisi dovuta in gran parte
          al costante calo del prezzo delle materie prime, le quali fanno si che nel paese entri molto meno valuta pregiata rispetto a qualche anno fa … ricordiamo il prezzo del petrolio raggiunse in certi periodi un 120$ barile, ora da qualche anno si è attestato intorno ai 40$. e da quanto dicono, la Russia per e rimanere stabile, non crescere comunque, avrebbe bisogno che esso non scendesse al di sotto di 60$ per poter mantenere il tutto senza incidere negativamente e ulteriormente sulle casse dello stato …

          • Ubimauri

            Ma allora l’attuale prezzo del greggio dovrebbe essere un problema anche per gli altri paesi produttori. Arabia in testa che certamente non ha neanche quel po’ di attivita’ industriali e agricole che invece ha la Russia…Eppure l’Arabia Saudita e gli altri paesi del golfo (che non brillano nemmeno loro per democrazia e sensibilita’ sociale) continuano a comprarsi mezzo mondo, a importare da fuori ogni ben di Dio e chiudono contratti di fornitura militare con lo Zio Sammy per ben 110 mld di dollaroni.
            Va a finire che in Arabia la grotta di Ali Baba esiste veramente e che a i Sauditi basti dire “apriti Sesamo” per trovare i soldi.

          • carlo

            infatti se andiamo a leggere, il basso prezzo all’origine qualche problema lo sta creando anche a paesi come l’Arabia Saudita e ancora di più al Venezuela i quali sono sulla strada di una guerra civile … probabilmente le monarchie del golfo hanno accumulato talmente tante ricchezze in giro per il mondo da patire meno di tanti altri complessivamente. diciamo che stanno vivendo ora come ora di rendita …
            leggo un titolo da “Wall Street Italia” dove può benissimo andare a leggere anche lei: “Arabia Saudita effetto boomerang dal petrolio. economia al collasso”

          • Ubimauri

            Per non saper leggere e scrivere, io mi sono fatto questa idea: i paesi produttori allineati a Washington, hanno accettato di aumentare la produzione in modo spropositato proprio per far cadere il prezzo artificialmente. Per loro la diminuzione del prezzo non si sta rivelando un problema, perche’ la sovraproduzione (non richiesta dal mercato) viene acquistata dallo Zio Sam (che a stampare verdoni non ha mai avuto problemi) e stoccata nelle riserve strategiche. Ai paesi del golfo vengono cosi’ garantiti gli introiti precedenti, mentre lo Zio Sammy (ma probabilmente anche francesi, inglesi e tedeschi) stocca enormi quantita’ di greggio pagandolo molto meno. I soldi spesi, poi, possono sempre ritornare come pagamento per una mega fornitura di armi. Nel frattempo il greggio accumulato, tornera’ molto utile quando il prezzo dovesse ritornare intorno a 100 USd al barile.
            I paesi non allineati a Washington, invece, vengono messi in grosse difficolta’ perche’ non possono stare dietro alla produzione araba:nessuno gliela comprerebbe…
            La Cina continua a rifornirsi principalmente dalla Russia, ma a livelli normali e, ora, a un prezzo ribassato. Non puo’ mettersi a comprare massicciamente dai russi per supportare una loro sovraproduzione: acuirebbe la tensione (gia’ alta) con Washington e farebbe cadere ulteriormente il prezzo.
            Magari mi sbaglio, eh…

          • de andrade

            E chi ha mai parlato del potere d’acquisto delle famiglie russe? Dalla Sua risposta deduco che non ha capito un tubo del mio intervento. Ha capito fischi per fiaschi, insomma. Con qualche probabile predilezione per i fiaschi.

        • Andri75

          Temo che nella parte di lettura non sia stato molto attento : ho scritto chiaramente che le sanzioni UE sono solo contro singoli individui, aziende e settori militari Russi, non contro la Russia e non riguardano i prodotti tipicamente Italiani.
          Se poi un giornale titola, per brevità e comodità, che hanno esteso le sanzioni contro la Russia sta all’interesse del singolo leggere l’articolo e/o gli articoli per capire cosa siano veramente queste sanzioni e scoprirebbe che quelle verso i prodotti UE alimentari sono dalla Russia verso la UE e non viceversa.
          La invito a perdere un pò di altro tempo e leggersi il testo (c’è anche una versione breve) sul sito ufficiale della UE per capire che i prodotti Italiani non sono per nulla colpiti dalle sanzioni UE.

          • de andrade

            Ancora?

  • zhoe248

    e il “bello” è che insistono, ma poi hanno la faccia tosta di correre a farsi ricevere da Putin, chissà perchè….
    Secondo me qualcuno dei comminatori bara.

  • telepaco

    Le sanzioni alla Russia o a chiunque altro non funzionano per un semplice motivio, ovvero che ormai l’Occidente che le promuove non è più al centro della produzione e del commercio mondiali. Come si fa ad isolare la Russia non vendendogli prodotti europei e americani quando vicino hanno i cinesi (che ormai producono di tutto e per tutto il mondo), i giapponesi, i coreani, e poi nel mondo i brasiliani, i neo zelandesi, gli autraliani che non partecipano alle sanzioni? Se non compri da uno compri dall’altro, mi paro logico. Invece di comprare Volkswagen, BMW e Mercedes i russi compresanno Toyota, Kia e Honda, e non gli va neanche male visto gli standard qualitativi di questi paesi asiatici. Il mondo è troppo grande oggi per essere messo sotto ricatto dall’Occidente, l’asse dell’economia mondiale si è spostato in Asia ormai

    • Lupo

      Gli europei hanno perso il senno, d’ altronde se metti un ubriacone corrotto a comandare insieme ad una grossolana massaia incompetente cosa puoi aspettarti. Piuttosto, l’ Italia prima della sanzioni era il 4° partner commerciale della Russia, adesso il nostro posto l’ hanno preso gli USA( vice riferita ad un mio amico da un alto funzionario del Ministero del Commercio Russo), più fessi di così……

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
        • Idleproc

          Mettetevela via, i popoli europei occidentali non hanno nessuna intenzione di far la guerra ai popoli dell’Est Europa. Nemmeno staremo ad applaudire se tenterete di destabilizzarli col terriorsmo che è la parte operativa delle fallimentari sanzioni economiche. Pur diversi, con lingue diverse condividiamo culture millenarie e abbiamo letto gli stessi libri.
          Le classi dirigneti dell’epoca della rivoluzione russa durante la guerra civile ci hanno provato, eravamo tutti lì e hanno perso (chiedere a Lavr Kornilov), alla fine di WWII, avrebbero continuato verso est ma sapevano che avrebbero perso, anche in casa.
          Se ci provano come sperano anche coi cinesi, sarà uno spasso.
          Non so come come vi andrebbero delle elezioni regolari in Ucraina oggi come oggi, dopo che hanno provato l’ebbrezza del golpe con teleguida.
          E’ una battaglia persa, senza onore, al servizio di quattro speculatori finanziari globali che stanno distruggendo anche gli USA.
          Meglio ritrovare il buon senso.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Parli come russo o italiano?

          • Idleproc

            Figliola io sono Italiano, pure nazionalista dalla punta dei capelli fino alla suola delle scarpe, è la ragione per la quale comprendo le altre comunità nazionali e i popoli e le culture che le esprimono.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Pure i membri del PCI erano italiani. Eppure lavoravano contro il loro paese che stava lottando contro il comunismo che sapeva essere un crimine contro l’umanità. Ricordo che siamo membri sia della NATO che dell’UE e che come tali abbiamo da rispettare un patto.

          • de andrade

            Il rispetto, in una alleanza, deve essere reciproco. La NATO è una libera alleanza di uguali. Nella quale l’Italia non può essere il maggiordomo, ma deve svolgere un ruolo commisurato alla propria enorme importanza strategica. Laddove l’Alleanza vada contro gli interessi geopolitici dell’Italia, dobbiamo alzare la voce e sbattere i pugni, ponendo il veto, se necessario. La Russia è un partner troppo importante per l’Alleanza, non possiamo permetterci di inasprire i rapporti con la Russia per assecondare i capricci di stati da barzelletta come i baltici o la lo stato fallito ucraino. Non possiamo martellarci tafazzianamente gli zebedei mandando a monte “ENI-South Stream” per far piacere alla NATO, mentre poi la Germania (paese NATO), e la Turchia (paese NATO), coi russi fanno rispettivamente il “North Stream” e “Turkish Stream”. Vede, capisco il Suo punto di vista di probabile troll ucraina, ma se Lei fosse italiana queste cose La manderebbero in bestia. Lo spirito di Pratica di Mare e il Consiglio NATO- Russia, queste sono le strade che la NATO deve imboccare, non una assurda, controproducente e pericolosissima contrapposizione con Mosca. In soffitta gli ammuffiti residuati bellici della Guerra Fredda, dunque! Pensarla diversamente ovviamente si può. Ma è una idiozia colossale.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            La Russia non si dichiara perché vuole tenere il piede in due staffe, ma non ha i numeri per farlo. A tirare troppo la corda si spezza, vale anche per i cinesi. Circa la NATO comanda chi è più potente, ed è chiaro che il mondo libero senza Usa non lo è più nel giro di poche ore.

          • de andrade

            Al di là della Sua interpretazione su ciò che vogliono Russia e Cina (non si è capito granchè, ma non dimentichi di informare Mosca e Pechino sulle loro vere intenzioni e sui loro veri obiettivi strategici), Ha inanellato due colossali perle di idiozia. La prima: “il mondo libero senza gli USA non lo è più nel giro di poche ore” (vedasi la guerra Falkland-Malvinas, archiviata dagli inglesi in breve tempo senza alcun intervento USA, vedasi le capacità di proiezione e deterrenza nucleare francesi e appunto inglesi, vedasi la capacità industrale bellica della UE nel suo complesso…). La seconda: “circa la NATO comanda il più potente” (non sa che nel Consiglio Atlantico ogni voto vale uno, e le decisioni vengono prese all’unanimità)…No, nella NATO non comanda affatto “il più potente”… la NATO è una libera alleanza di eguali, all’interno della quale ciascuno stato è libero di tutelare i propri interessi, purchè le sue classi dirigenti abbiano a cuore il proprio paese (la Germania, paese NATO, fa coi russi il “North Stream”, la Turchia, paese NATO, fa coi russi il “Turkish Stream”, mentre noi, pecoroni, ci siamo fatti soffiare il “South Stream”). Ha una visione della NATO e dell’Occidente che è una barzelletta, una caricatura, frutto probabilmente delle giovanili letture in Ucraina di fumetti di spionaggio sovietici.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Le Isole Falkland? Una scaramuccia, e non conflitti devastanti, per spiegare che gli Usa non servono? L’arsenale atomico francese e britannico per compensare quello russo (e cinese)? Cioè ci tocca leggere che un bimbo di cinque anni può tranquillamente mettere al tappeto un adulto? https://uploads.disquscdn.com/images/afbd08ea0265f446fcd87611619763f9e9ed4b37bf6fb2a95fe6ab3e3332dc09.png

          • de andrade

            Che sequela di idiozie 1) Le Falklands non sono state affatto una “scaramuccia”, ma una operazione complessa contro un nemico temibile ben armato e trincerato ( gli argentini, che diponevano dei francesi Dassult – Breguet “Super Etendard armati di temibili missili “exocet”, affondarono l’incrociatore britannico “Sheffield”, e danneggiarono una fregata inglese), ma gli inglesi misero in pratica una operazione aeronavale tra le più brillanti della Storia militare recente, spedendo una Task Force dall’altra parte dell’Atlantico, effettuando un solo scalo navale ad Ascension (la US Navy, non sarebbe in grado di farlo), mentre le missioni “Black Buck” rimasero, fino alla prima guerra del Golfo, le più lunghe missioni di bombardamento della storia dell’aviazione. 2) L’arsenale francese e britannico non serve affatto che compensi quello russo e cinese, per due motivi. Il primo motivo è che Russia e Cina sono paesi con cui intratteniamo proficui rapporti economici (Cina) ed economico-strategici (Russia), per cui solo un idiota rimasto con una ottusa mentalità da guerra fredda li riterrebbe minacce ostili. L’altro motivo, è che, come può vedere dalla tabella che Ella ha postato, Francia e Gran Bretagna totalizzano la bellezza di 525 testate nucleari (più di Cina e India messe assieme): quanto basta per incenerire il pianeta tre-quattro volte. Nella logica della dissuasione nucleare, più che sufficiente. Neanche di Arte Militare capisce un tubo.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • de andrade

            Bella immagine. Non aveva niente da dire, e si è data alla fotografia. Peccato non ci abbia pensato molto prima

          • Marcello Preite

            Un patto da pecoroni. Invischiati in guerre provocate da folli s migliaia di km da casa loro alle nostre porte. Accusati di non partecipare abbastanza alle spese militari ma esposti a milioni di rifugiati sulle nostre coste, mi chiedo ogni giorno se dopo 70 anni dobbiamo ancora subire in silenzio l’occupazione del nostro paese a cui vengono imposti di tanto in tanto limiti commerciali (Reagan) o di viaggio (visti camuffati) e repressioni senza causa. Dove 800 dei suoi stessi cittadini vengono trucidati per strada ogni anno, quasi tutti neri. Te la puoi tenere questa illusione di libertà bugiarda e ipocrita.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Stai parlando per difendere realtà umane contrarie alle nostre, che sono state sconfitte da noialtri. Realtà umane che hanno commesso crimini contro l’umanità.

          • Marcello Preite

            NO.

        • alberto

          Gentile Anita, altro prezioso regalo per la sua collezione di foto…
          Cosa ci dice di questa? Non risponda inviando la solita foto di Mosca!!
          -Quartiere Marina a Cagliari…- https://uploads.disquscdn.com/images/44d7f960d2120febd1c351fd2ca54b39591ffcc62976387093721fa8c99dc0fe.jpg

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Cina e Russia, sono due paesi in cui la popolazione ha direttamente o indirettamente sostenuto l’uccisione di milioni di connazionali per appropriarsi dei loro averi. La memoria dei detti due paesi è priva di fastidi in quanto eliminate le persone che potevano protestare contro l’esproprio senza indennizzo dei loro averi. In altri paesi comunisti ci sono state uccisioni con lo stesso scopo ma con meno vittime. Il mondo comunista è stato lo sterminio degli ebrei per agire nazionalsocialista con più vittime.

      • Franco Casini

        Il crimine più grande dellumanita’ e il finanziar capitalismo usa dominato dalla lobby militare. . Un paese che non ha mai smesso di fare guerre dalla sua nacita e dopo aver sterminato milioni di autoctoni. Prorio.cibili e democratici.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Stai descrivendo i regimi comunisti, trasmettendo la loro colpa (gli stermini di massa per soldi) ai loro avversari, fatti aiutare da qualcuno …

    • de andrade

      Aggiungo che le sanzioni non potevano funzionare perchè gli analisti occidentali sono stati accecati dalla loro stessa ideologia. Hanno creduto veramente che la Russia fosse un “Alto Volta coi missili”, dipendente dall’esportazione di gas e petrolio. Invece, dal punto di vista economico, oltre ad essere praticamente autosufficiente dal punto di vista delle risorse naturali, la Russia è anche una potenza industriale, anche se dal punto di vista statistico, non appare (a dimostrazione che a focalizzarsi su PIL e altri indicatori, senza avere una conoscenza di insieme, si prendono colossali abbagli). In pratica, i consumatori russi, non potendo più indirizzarsi verso i marchi stranieri, diventati proibitivi per l’aumento dei prezzi, hanno optato per prodotti “made in Russia”. Lada e GAZ, invece che Volkswagen e BMW. D’altro canto, la diminuzione del prezzo del petrolio ha avuto benefici effetti sugli altri settori dell’economia, che hanno beneficiato di investimenti (in passato, il settore energetico, visti gli alti profitti che assicurava, assorbiva la maggior parte degli investimenti). Insomma, “Quel che non mi uccide mi rafforza” e, grazie alle sanzioni ed al contestuale calo dei prezzi del settore energetico, oggi la Russia ha una economia molto più diversificata, robusta e competitiva di quanto non fosse tre anni fa.

  • Mario Rossi

    Le sanzioni alla Russia hanno fatto danni giganteschi all’Italia: miliardi di fatturato persi, posti di lavoro andati in fumo, e mercati persi -mi viene da dire ormai quasi per sempre- a vantaggio di fornitori asiatici e cinesi in primis che fanno la festa.
    Chi paga tutto questo dramma economico sociale, Sig. Enrico Letta, Sig. Matteo Renzi, che vi siete piegati ai diktat del cosiddetto “deep state” americano?
    Poi vi lamentate se la gente prenderà a calci nel sedere il PD e voterà M5S e altri partiti di centro destra, magari arriverete con sfrontatezza a parlare di “populismo” (Repubblica, campione di stravolgimento della realtà) e di intromissione dei mitici hacker russi per far perdere il PD alle prossime elezioni..

    • zhoe248

      danni sì, ma solo ai fessi italiani, alla sora anghela non credo proprio….

      • Mario Rossi

        Anche la Sora Anghela ha avuto danni: importanti industrie metalmeccaniche tedesche hanno perso fatturato, altre hanno dislocato in Russia con perdite di lavoro in Germania, e ricordo che un’importante azienda metalmeccanica legata anche al settore militare pensava di far causa al governo tedesco per i danni.
        Sicuramente la Germania però più forte di noi e se la caverà meglio: non è colpa di Sora Anghela se gli imprenditori italiani fuggono da FallitaGLIa

        • zhoe248

          danni controllati….

      • geddylee2

        la sorella angela è stata messa sotto sedativo con la questione della VW…

  • AndareCamminareLavorare

    Le sanzioni funzionano benissimo, tant’è che qui in Russia si trovano solo auto e prodotti francesi e tedeschi. Capito dunque perché le prolungano sempre?

  • Gian Mario Bravi

    avendo solo politici incapaci arriviamo a queste assurtita e la germania esporta lo stesso

  • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

    Se l’articolo parla di “annessione” della Crimea già parte sul piede sbagliato.

    La Crimea ha liberamente votato per la sua riunificazione alla Russia da cui era stata amministrativamente staccata5da, guarda un po’, Kruscev che era ucraino.

    Ho finito l’articolo giusto per fare – non vedo una conclusione logica.

    • Kipelov

      Per non parlare poi “del clamore mediatico che le manifestazioni di Navalny riescono ad esercitare”.Talmente tanto clamore che non ha mai raggiunto nemmeno il 2% dei connsensi in patria…l’unico effetto di propaganda è stato raggiunto per i lobotomizzati occidentali che gongolano leggendo TheGuardian o le Bubbole della BBC.Oppure per quelli che pendono da Radio Kiev…mah

      • dottor Strange

        Navalny è un soggetto di dubbia reputazione trasformato nel “leader dell’opposizione” da giornali e TV occidentali. ridicolo!

        • Kipelov

          Ridicolo eppure qua viene fatto passare per “leader” dell’opposizione che non ha nemmeno vinto le municipali a Mosca.La vera opposizione(quanto a percentuale) è in capo al PCI di Zhuganov.Questo lascia intendere la qualità dell’informazione in Italia.

  • AndareCamminareLavorare

    a questo punto non capisco perché dovremmo ancora ragionare con Washington e Berlino, andiamo a Mosca e barattiamo l’uscita dalla Nato e l’indebolimento dell’Europa con la cancellazione delle controsanzioni e con la promozione del nostro export in Cina. E’ l’ora di abbandonare la barca che affonda e guardare al futuro!

  • mortimermouse

    ricordo ancora le critiche e gli insulti contro putin…. tutto perchè è amico di berlusconi! patetici!

  • dottor Strange

    il prossimo governo (senza il PD) si dissoci dalle sanzioni della UE e punti sui mercati russo e cinese. ci siamo fatti anche troppo male

    • Divoll79

      La Lega e le autorita’ del Veneto si sono dissociate da tempo. Sono perfino andati in Crimea.

  • geddylee2

    le sanziono contro la Russia hanno solo rovinato le aziende italiane, site soprattutto nel nord-est, che lavoravano con la Russia… gira e rigira chi se la prende nel culo siamo sempre noi… vedi anche la questione migranti… ma porca puttana che governo di imbecilli…

    • SS61

      No, non è il governo di imbecilli. Gli imbecilli lobotomizzati sono gli italioti che li votano.

      • geddylee2

        quindi? che famo?

        • Vinicio Nincheri

          Revolucion!!!!!

      • robespierre

        Concordo totalmente!!!

    • alberto

      Non solo di ‘imbe…” ma anche di spudorati ipocriti e buffoni. Dopo la proroga delle sanzioni, ecco..:

      PRESENTAZIONE SULLE OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO IN RUSSIA
      Roma, 3 Luglio 2017 – Ore 10.00
      Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, è lieto di invitarla alla Presentazione sulle Opportunità di Investimento in Russia,

      • geddylee2

        naaaa… non ci credoooo

  • JaegerPanzerE100

    E’ interessante notare i dati medi dell’ultimo mese dei telegiornali americani: NBC, ABC, E CBS 357 minuti per sera sono usati per denigrare la Russia, 37 minuti a sera per parlare di cambiamenti climatici, 29 minuti a sera per parlare di terrorismo e 17 minuti a sera per parlare dell’Obama Care. Cosa si deduce? Fonte infowars.

    • Divoll79

      Che ai media americani piace sprecare tempo e soldi sul nulla.
      Del resto, non sono gli unici.

      • JaegerPanzerE100

        Io vedo un preparare l’opinione pubblica contro un nemico che da inesistente diventa incredibilmente il numero uno da abbattere, ergo, prepara le menti ad una guerra imminente. Comunque come sempre w.l.f sempre, e anche li i Russi agli Americani 10-0

        • Divoll79

          Questo e’ chiaro. Ma il Pentagono sa benissimo che, oggi come oggi, gli Usa non sono in grado di vincere contro la Russia, neanche con quei quattro grulli di alleati NATO e le tre scimmiette del Baltico.

          • JaegerPanzerE100

            La tecnica degli USA e’ invadere la Siria Con israele e nello stesso tempo sganciare arabia saudita, emirati, baherin, kuwati contro l’iran attraverso il problema Qatar, una azione massiccia che lasciera’ impreparati i Russi e fuori tempi tecnici e politici la Cina (almeno cosi loro credono). Nel tutto ci siamo noi zerbini a dover aiutare e l’aiuto di Francia e Gran Bretagna compresa la Germania non e’ cosa da poco.

          • Divoll79

            Mah, non so. Si vedra’. Io sono ottimista…

          • Guido Sartorio

            Se ci arriverà ad uno scelerato scontro diretto fra USA e Russia, bisogna tenere conto degli interessi petroliferi: per la Russia Iran e Siria sono due Nazioni da difendere a qualsiasi costo. Gli oloedotti iraniani del Golfo Persico per imbarcare sulle petroliere il grezzo del quale sono, assieme all’Arabia Saudita, i primi produttori del Pianeta e il porto di Tartus per avere almeno una base militare in Mediterraneo, sempre per proteggere interessi energetici dei quali, assieme all’Iran, per il gas, detengono il 42% della produzione. Per contro gli USA affamati di petrolio, comandano sul petrolio saudita ed altre Nazioni del Golfo e del M.O. e mirano a strozzare l’economia Russia oltre che le sue vendite energetiche alla Cina. Siamo mal messi!!!

          • JaegerPanzerE100

            Ti diro’ di piu’, Non siamo solo mal messi, siamo solo Ronaldo e Messi (livello di informazione generale).

          • robespierre

            La guerra non si vince con l’aviazione, ma sulla terraferma. Gli USA sono sempre stati letteralmente incapaci con le loro truppe da terra. Nella seconda guerra mondiale facevano addirittura fatica a risalire la penisola italiana contro un nemico in ritirata. Altro esempio lampante di incapacita’ fu la sconfitta in Vietnam contro un esercito quasi nulladotato rispetto a loro. Gli americani sono capaci solo di bombardare, come fecero senza motivo in tanti posti, uno in primis, Montecassino. Se americani e romani si scontrassero a parita’ di armi i primi sarebbero annientati in pochissimo tempo. D’altro canto i russi hanno sempre avuto degli eserciti fortissimi sul campo, per cui facile dedurre chi vincerebbe la guerra (a meno che tutti i leccac…della NATO non attaccassero alle spalle i russi).

    • Guido Sartorio

      Ed infatti i nostri tanti e famosi Corrispondenti dagli USA riportano anche quando Trump va al cesso, ma nessun Corrispondente da Mosca che riporti quando Putin sta tranquillo in mezzo a giovani e gioca con loro senza ombra di esibizionismo.
      Sì i vecchi Presidenti e Gerarchi russi non erano simpatici, musi duri…come pure i nostri del PC. In compenso il sorriso e la spigliatezza delle donne russe..e poi i bambini!!!! Se si gira in centro nel traffico intenso di Mosca con trenta gradi sottozero capita di vedere un mamma in pelliccia con dietro il figlioletto che sgambetta tutto rosso in viso e le vetture che si fermano e fanno loro cenno di passare anche fuori dalle strisce pedonali!!!!

  • SS61

    Comunque nella storia le sanzioni le hanno imposte quasi sempre Usa, Gb e Francia nei confronti di chi interferiva nei loro interessi geopolitici. Le sanzioni hanno portato a guerre. Ma questi continuano imperterriti a usare questo metodo. Intanto queste di sicuro hanno colpito gli idioti europei al loro guinzaglio.

    • Divoll79

      Dovrebbero comparire davanti alla corte dell’Aja per le sanzioni che hanno ridotto alla fame un intero paese, lo Yemen, con la morte atroce di tanti bambini (altra guerra dei loro amici e alleati Sauditi). Ma i bambini vengono usati solo quando servono a invadere qualche paese (Iraq, Libia, Siria, Iran, ecc.) o quando bisogna pompare la propaganda pro-immigrazione.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      I russi attualmente non sanzionano?

      • Ubimauri

        Controsanzionano.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          E quindi non sanzionano?

          • alberto

            Gentile Anita, cerchi nei suoi programmi : fisica e dinamica…
            terzo principio della dinamica:
            “ad ogni azione corrisponde una reazione…….”
            Alle sanzioni corrispondono le contro-sanzioni
            Comincia ad arrivarci?
            Saluti

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Una persona uccisa quindi reagisce … il tuo esempio qui dove lo metti?

  • Guido Sartorio

    prova

  • Divoll79

    In compenso, le sanzioni funzionano benissimo sui sanzionatori…

  • Vinicio Nincheri

    A fare i bulli e i prepotenti (vedi gli USA, l’UE, il Regno Unito, o quei troll cerebrolesi di Gian Paolo Cardelli e M.P. Breedlove) alla fine la si paga molto cara!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Divoll79

    In Russia c’e’ un proverbio: Non scavare la fossa per qualcuno, o potresti finirci dentro tu stesso.
    Mi sembra perfetto per l’occasione. Ah, la saggezza popolare (che i politici fanno male a ignorare)!

    • Vinicio Nincheri

      Beh se c’ê una classe di persone col piu basso indice di saggezza e con quello piu alto di stupidita, quella classe ê proprio quella dei politici.

      • Divoll79

        Capitano anche politici intelligenti. Raramente, ma capitano.

  • carlo

    le sanzioni funzionerebbero se fossero qualcosa di serio, impostate così come sono servono, ma piuttosto poco a quanto pare, se il farabutto su a Mosca continua imperterrito a perpetrare le stesse nefandezze, bestialità e illegalità come se nulla fosse …al tempo dell’apartheid in sud Africa, l’isolamento e il boicottaggio di quel tipo di governo, concretizzatosi in modo molto più pesante in quella realtà, servi eccome … ma nei confronti di Mosca evidentemente ci sono ben altri interessi,pertanto si continua a ingrassare in modo autolesionistico quel brutale regime il quale è ben più pernicioso e pericoloso del fu regime Sud Africano … del resto vi è anche un’altra cosa da asserire , i vari Oligarchi e Boiardi di stato russo, Putin in testa, costoro se ne fregano altamente delle sanzioni, in quanto a patire non sono eventualmente e sicuramente loro, ma sono solo ed esclusivamente i beoti cittadini russi i quali in qualche modo continuano ancora, volenti o nolenti a sostenere il regime ? … il Putin and company i buoni prodotti Europei di sicuro non ci hanno mai rinunciato, sono gli altri più in basso a doversi sorbire le loro schifezze nazionali o tutt’al più quelle che provengono dai posti più improbabili come qualità da paesi di dubbia condizione igienica e qualitativa … a parte come leggevo tempo fa, quelli di Israele i quali però sono assai costosi rispetto al salario medio Russo …

    • Kipelov

      Ahahahahah…per ora di beoti ci vedo gli italioti:13500 in due giorni e la soluzione dè quella di preparare Un paio di TENDOPOLI PER PROVINCiA!!Scommettiamo che il russo medio è anni luce avanti rispetto chi non è nemmeno padrone a casa sua??Ma bene,pensate pure a comandare a casa altrui quando avete davvero il nemico in casa.A quando la tendopoli nella sua ,di provincia??

      • carlo

        come al solito lei non perde tempo nel confondere due questioni che non hanno proprio nulla a che vedere tra loro … cosa centra il problema migratorio con la questione russa poi non lo capirò mai probabilmente… sarà un mio limite forse !? o uno suo ?
        a parte il fatto come ho già sostenuto, il Putin per quanto riguarda il fatto migratorio in europa degli Africani, non ne può che gioire e rallegrarsene … dal momento che ogni fatto destabilizzante è una tragedia per noi e una rivincita per lui … basta vedere l’attacco hacker da parte da certi suoi elementi russi al suo ormai paese d’origine … lei rida pure … ma non ne fa una buona impressione su chiunque abbia un minimo di cervello e legge i suoi post … sa … rinnegati e traditori non a tutti piacciono … pro russi o islamici che siano… i missili nucleari puntati su di noi poveri italici sono quelli russi non americani…

        • Kipelov

          Di limiti lei,egregio Carletto,ne ha assai.Proprio per questo,essendo inabile all’autonomia mentale e fantozzianamente relegato al ruolo di servo umile e obbediente al diktat atlantico,dovrebbe concentrarsi esclusivamente sui suoi problemi immani che affliggono LA SUA CASA.Chi non è in grado di difendere il proprio spazio vitale e la propria autonomia decisionale e politica ,chi non riesce a fare valere i propri diritti ….non ne detiene altri per criticare,condannare,giudicare e sbeffeggiare una popolazione ed un presidente autonomi ed indipendenti a livello internazionale.Lo capisce che chi non cammina nemmeno con le proprie gambe è ridicolo quando si permette di criticare un corridore professionista?Impari l’ abc dell’atletica e poi ne riparliamo.Pensi alla sua,d’impressione:a chiunque qui legga i SUOI interventi è palese la sua superficiale malafede.A proposito di rinnegato e traditori…che ne dice di chi passivamente sta scendendo l’Italia e le future generazioni agli africani nel silenzio più assoluto? E pensare che i suoi antenati erano combattenti..pensi che vergogna se avessero saputo di una discendenza così passiva e palesemente coranica…Gente come lei,nella contingenza attuale, è all’ULTIMO posto in classifica per il diritto di criticare in casa d’altri.Intiende o fa,come sempre,orecchi da mercante?

          • carlo

            come mai capirò di come fa un occidentale come presumo sia lei … a glorificare un paese dominato da un leader che tutti affermano oltretutto essere di una volgarità nauseante … che praticamente si regge sulla forza esclusiva delle armi, del ricatto, e dell’incutere paura nei confronti di altri popoli che hanno loro sventura di averli per “vicini di casa” … un popolo, un paese, che ha un aspettativa di vita tra la più bassa in europa, 126° in classifica a pari merito della Korea del nord ! detiene il record di aborti, ben 106 aborti all’ora !
            (fonti ufficiali, la realtà è ben peggiore) se aggiungiamo i 309 mila espatriati solo nel 2014 e numeri ben maggiori nel 2015 (ho dati solo fino a questa data)
            ma sicuramente nel 2017 saranno molti ben di più … non mi dilungo per ovvie ragioni di tempo e di nausea nel raccontare sempre le stesse risapute cose …
            mi domando ancora … ma non siete ancora stanchi di raccontare le favole di come è così bello vivere sotto quella realtà di cui pure la maggioranza dei russi ne sono nauseati ?

            PS: ieri ad una trasmissione della Rai “Petrolio” condotta dall’ottimo
            Duilio Giammaria ci raccontava in un breve report, di come è la Russia di
            Putin, praticamente la patria di super ricchi oligarchi … un infima minoranza, la quale però gestisce la quasi totalità della ricchezza russa, e una massa enorme di poveracci, gli uni in palazzi di lusso estremo, gli altri costretti a 12 ore di lavoro giornaliere per sbarcare il lunario …
            dove vi sono scuole le quali insegnano alle varie donnine come accalappiarsi il riccone oligarca di turno, un mezzo per far fortuna senza faticare troppo evidentemente … le altre, mio parere … meno fortunate, se ne vanno all’estero a fare la vita come escort … altre ancora vanno cercando un marito straniero meno spiantato e non dedito all’alcol rispetto ai loro connazionali uomini …
            se queste sono le aspettative per altro ben conosciute, beh … ancora una volta, tenetevi pure quello squallore e quella roba li … non ne siamo affatto invidiosi … solo vorremmo che non rompeste le cosiddette … ad altre realtà come ad esempio l’Ucraina, la quale si vorrebbe giustamente allontanare …
            stia bene ehh Kipelov …

          • Kipelov

            Nel 2017 ancora la vecchia piaga dell’alcool portata dagli occidentalissimi Gorbacev ed Eltsin,l’aspettativa di vita,il lavoro,le escort….ANCORA?Ma vogliamo smetterla di confondere geograficamente la Russia con l’Ucraina?

          • carlo

            egregio Kipelov, lei fa benissimo dal suo punto di vista a chiudere tutti e due gli occhi di fronte a quella realtà … ma le cose stanno proprio così come le racconto io e parimenti anche qualcun altro qui per altro in minoranza … purtroppo per tutti è così …
            PS: non nego che anche l’Ucraina sia messa in quel certo modo, alcolismo, prostituzione, malaffare ecc ecc tutto quello che vuole lei … ma c’è una sottile differenza tra loro e i suoi amici russi … primo gli ucraini non vanno in giro ad aggredire il prossimo essendo un paese e un governo pacifico.
            secondo stanno cercando di emendarsi partendo dal fatto che hanno cercato legittimamente di trovare una loro road map al di fuori della loro purtroppo secolare sudditanza a quello che è tuttora l’impero di santa madre Russia …
            PS: i signori Gorbacev ed Eltzin, non erano poi molto differenti
            dell’attuale Putin … solo erano un pochino meno violenti e oppressori … e soprattutto meno criminali nel vero senso del termine. già … non avevano mai fatto parte di un organizzazione la quale l’omicidio e l’inganno erano una
            consuetudine e normalmente accettate se non auspicate …

          • Kipelov

            “Le cose stanno così come le racconto io”..e la Perla finale “gli ucraini non vanno in giro ad ammazzare il prossimo”…lo racconti a qualcun altro.Lo ha visto il TG?per ora a me risulta(oltre a 60 milioni d’italiani) che gli ucraini siano bravi a bombardare i giornalisti italiani ed,in genere, quelli scomodi che raccontano delle loro porcate nel Donbass.Ne hanno appena pizzicato uno a Bologna.Un vero eroe di guerra,un patriota come piace a voi.Detto dalle sue care reti di TG nostrani proprio ieri.Stia zitto,almeno,stia zitto e faccia silenzio, perché sembra proprio che l’abbiamo già asfaltato abbastanza.Lei sta romanzando solo una verità scomoda : la sua ,quella del perdente che non accetta di essere visto per ciò che è:sconfitto su tutti i fronti e dalla parte del torto marcio.Lei ed i quattro sodali che provano a ribaltare la frittata in queste pagine siete stati sbugiardati una miriade di volte.Lo faremo sempre,si metta la coscienza in pace e se ne faccia una ragione.State perdendo su ogni fronte.Poi,ritirare i pure nel vostro mondo immaginario.

    • alberto

      Egregio Carlo, lei non perde mai occasione per ‘straparlare’.
      … sono gli altri più in basso a doversi sorbire le loro schifezze nazionali “…Tipo?…il caviale ?…:D:D
      La informo, visto che la Russia la conosce solo attraverso le veline, che da tempo ormai, per esempio, ci sono casari italiani in Russia e si producono ottime mozzarelle,burrate,stracciarella, scamorza,taleggio,gorgonzola…
      EATALY che ha appena aperto a Mosca ha al suo interno un piccolo caseificio dove producono i suddetti formaggi.
      Di cosa parla?
      Una cosa poi e’ certa, stando cosi’ le cose, una volta dovessero togliere le contro-sanzioni, le esportazioni dall’Italia (per i formaggi) non ritornerebbe mai piu’ al livello precedente: bravi, complimenti !
      Saluti

      • carlo

        ah ah ah … buona questa, secondo lei, un negozietto Eataly a Mosca risolverebbe l’annoso problema qualitativo e di approvvigionamento di qualità dei russi !? ma sta scherzando vero !? qua si tratta di ben altro … guardi, senza aggiungere altro, si apposti una volta che ha nulla da fare, in qualche città di frontiera polacca, o lituana o estone, passi una mezza giornata, un fine settimana davanti a qualche super mercato, in qualche mega store alimentare dei suddetti paesi, è si stupirà magari di quanti russi si affollano, sempre a chi ancora gli è rimasto qualche dollaro in più da spendere si intende … (già perché con il petrolio quotato a 42$ … non c’è più trippa per gatti, altro che sanzioni)
        e vedrà i russi con gli occhioni grossi grossi e bramosi di acquistare ciò che da loro o non trovano più, o li trovano ma a prezzi esorbitanti … altro che il cialtrone che tempo fa fece distruggere con i bulldozer tutto quel ben di Dio alimentare presente e rimasto nei negozi e nei magazzini in Russia all’indomani delle sanzioni.
        quel fottuto disgraziato glielo dico io, dovrebbero appendergli una macina al collo e gettarlo nella Moskòva senza alcun rimpianto…

        • alberto

          Egregio Carlo, la prego, non sia ridicolo. Chi ha detto che Eataly risolve il problema di approvvigionamento?
          E non faccia esempi assurdi con i paesini di frontiera.
          Si apposti lei, per esempio a Chiasso ,Maslianico,Ponte Tresa …e vedra’ quanti svizzeri arrivano in Italia a fare la spesa o, meglio ancora, guardi quanti poveri italiani vanno in senso inverso a fare benzina per le loro automobiline .
          Saluti
          PS
          brent 44.8 in crescita…

          • carlo

            ah ah io sarei ridicolo !? abito a poche decine di chilometri dalla frontiera francese, e guardi che, anche se ora da qualche anno si è alquanto, per la verità, ridimensionato il fenomeno, ma arrivavano famiglie intere con bus e auto di francesi nei fine settimana giù da noi solo per fare acquisti, ma a differenza dei russi in Polonia, da noi venivano per i prezzi medi più bassi. i russi egregio alberto, vanno nei suddetti paesi in quanto i prodotti di qualità non li trovano più o sono carissimi ! la differenza è poi tutta quella … ma dai su … paragonarmi il transito tra l’Italia e svizzera e viceversa con il turismo russo nei mega store polacchi … per favore, un minimo di serietà … potete anche cantarvela e suonarvela tra voi … ma non siamo mica tutti dei fessacchiotti che necessariamente si bevono la vostra propaganda !

          • alberto

            No egregio Carlo….:
            “non siamo mica tutti dei fessacchiotti che necessariamente si bevono la vostra propaganda
            e’ vero…, voi vi ingurgitate l’altra !!…:D:D:D
            Saluti
            PS
            brent 44,88 +0,14 +0,31% Dati in tempo reale CFD. Valuta in USD

          • carlo

            non canti troppo vittoria … l’altro giorno lo quotavano 42,50 … inoltre la Russia per stare a galla, non per crescere, ma per stare a galla, avrebbe bisogno che rimanesse almeno sui 60 $ …
            altro che come l’articolista sostiene bontà sua, che i russi sarebbero abituati da sempre a tirare la cinghia … ricordiamo un po al signor articolista che anche i russi non sono più i russi degli anni quaranta, cinquanta, sessanta e così via … i vizi hanno cominciato ad assaporarli anche loro da qualche anno … e non penso che siano poi così felici e contenti di rinunciare alla loro giusta dose di benessere per un territorio tipo la Crimea o peggio un Donbass che sanno non appartenere neppure alla Russia … per non parlare della Siria …
            è solo tutta una questione se … l’Occidente, l’Europa vuole seriamente far valere dei principi sacrosanti di legalità oppure sottostare a dei dictat da parte di una dittatura che tutto sommato non è neppure così importante …ricordiamo
            (Russia !? is gas station masquerading as a country) (Russia solo 140 milioni di consumatori !) (senza l’ucraina ormai perduta sono azzoppati per sempre questa è la verità) … Russia, stesso PIL del Texas tanto per capirci … intanto la famosa via della seta dalla Cina in Europa non passerebbe neppure dalla Russia, altro che interessi Russi verso oriente … e il buffone Putin lo ha capito benissimo che la Cina ora li usa, (neanche poi cosi importanti per loro se non fosse per un po di petrolio e gas che gli vendono) un bel giorno gli darà il benservito definitivo e senza tanti complimenti … ora anche le armi se le stanno cominciando a fabbricare da soli, e le venderanno pure a quelli che erano i vecchi clienti della Russia ah ah ah …

          • alberto

            E’ vero egregio Carlo…;)
            i vizi hanno cominciato ad assaporarli anche loro da qualche anno …
            Organizzare feste di compleanno e …portare regali…:D:D:D https://uploads.disquscdn.com/images/3ca8ee657b64f8bdb40327a1c09bbea28b13863ba5f94a3c7dde3907a8f88331.jpg https://uploads.disquscdn.com/images/a13c99fcd131f371c551e56618b026aa525dd1cd602a4268c17fcde396a09349.jpg
            Saluti

  • Divoll79

    le sanzioni non solo non hanno messo in ginocchio la Russia, ma l’hanno spronata a iniziare a prodursi da sola molte cose, per esempio alcuni tipi di prodotti, macchinari, motori per l’aviazione, ecc. Mai sottovalutare l’intelligenza, la creativita’ dei russi e la loro capacita’ di girare situazioni negative in situazioni positive. E, soprattutto, non va sottovalutato il carattere russo, per il quale la sfida e’ una delle forze propulsive piu’ forti.
    Rogozin, il vice-premier russo (ex-rappresentante della Russia presso la NATO) a questo proposito ha raccontato una barzelletta:
    A un americano dicono: da domani tutti i fast-food chiudono, e l’americano si butta giu’ da un ponte.
    A un tedesco dicono: da domani chiudono tutte le aziende automobilistiche tedesche, e il tedesco si butta giu’ dal ponte.
    A un russo dicono: da questo ponte non ci si puo’ buttare. E lui lo fa immediatamente.
    Solo i russi potevano vincere un nemico fortissimo come Hitler, una guerra terribile come la II GM.

    • Kipelov

      L’errore più grande di un occidentale medio in forma mentis è proprio quella di essere abituato da sempre a godere di diritti inalienabili e di avere lo stomaco pieno,perciò è destinato a non capire MAI la mentalità russa ed il loro concetto di STATO/NAZIONE.Nonchè,per l’appunto, la capacità di sopportazione e di reazione innanzi a qualsiasi avversità.La storia insegna, od almeno dovrebbe:certe zucche vuote capiscono la lezione solamente ricorrendo al bastone, non c’è nulla da fare,purtroppo

      • Divoll79

        Mah, non so. Io mi sono fatto l’idea che ogni popolo abbia una sua individualita’ generale – come le singole persone – e quello che puo’ fare un popolo non lo fa un altro. Non e’ un discorso di bene o di male, semplicemente di attitudine, di carattere. Di forma mentis, come ha detto lei. Per questo una ricetta che potrebbe andare bene per un popolo, non funzionera’ con un altro. Siamo tutti profondamente diversi e in questo sta la bellezza del mondo. Un altro motivo per cui la globalizzazione fallira’.

        • Kipelov

          Guardi,onestamente mi ha tolto le parole di bocca,nel senso che il suo pensiero coincide anche con il mio.Proprio questa diversità e questa differenza di attitudini si sono comunque rilevate quanto mai necessarie al fine di preservare una sorta di equilibrio multipolare che ora qualcuno(in realtà da sempre) opera per infrangere ad ogni costo e con ogni puerile pretesto.Perciò,come vado dicendo ad alcuni indottrinati che bazzicano qui, da sempre è meglio pensare alla migliore gestione del proprio orticello di casa,in base alle proprie attitudini e proporzionalmente ai talenti ricevuti.Non essendo capaci nemmeno di preservare il proprio spazio vitale, è inutile pontificare o giudicare nel nome di un’egemonia unipolare ciò che non è di nostra competenza

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • carlo

            se si va a leggere l’articolo di oggi su la “Stampa” dove ci confermano di come in Russia l’aspettativa di vita sia di molto ridotta
            (si pensa dieci anni in meno come media) rispetto ai paesi più avanzati europei. causa principale l’alcool e il suo uso e abuso, si parla addirittura di un terzo degli individui interessati nel suo complesso.
            inoltre esso è solo, sempre dall’articolo, la punta dell’Iceberg … in quanto non si conteggiano i vari problemi psichiatrici soprattutto, e appunto tutto il resto dei problemi cardio vascolari, epatiti, tumori, i morti di freddo perché assopiti su una strada ghiacciata, incidenti stradali ecc ecc … proprio una bella società nel suo complesso …
            e c’è pure gente che ancora qui, ne decantano le inesistenti virtù … poveri noi …

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            E cosa dire dei danni ambientali tra cui la fuoriuscita di petrolio (l’1% della produzione nazionale) che non solo avvelena l’ambiente ma pure causa incendi?

          • carlo

            la Russia se non scopre attualmente altri nuovi pozzi di petrolio e gas, tra venti o trent’anni potrebbe rimanere a secco … così leggo da fonti russe … sarà per questo il loro l’interesse per le probabili nuove risorse su nell’Artico ? non sapendo e non facendo null’altro se non vendere gas e petrolio di cos’altro potrebbero vivere ?

          • alberto

            No,no,no,no egregio Carlo:
            “si ritiene che il sottosuolo russo disponga ancora come minimo di 29 miliardi di tonnellate di risorse estraibili. Secondo i dati in possessol , se si tiene conto dello shale gas praticamente ancora tutto da estrarre, le riserve di idrocarburi potrebbero bastare per altri 200 anni.”
            Saluti

          • Divoll79

            E’ per questo che il territorio fa cosi’ gola a tutti, da secoli.
            Sbavano, all’idea di poterci mettere le manacce sopra e
            succhiarselo tutto, come hanno gia’ fatto col resto del mondo.

          • Ubimauri

            Alle nuove risorse dell’ Artico sono molto interessati anche canadesi e statunitensi.
            E’ comprensibile: dovrebbero ignorarle?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Questo grafico non mostra i russi avere con quasi la stessa vendita meno di 1/10 del PIL degli americani, cioè non mostra che senza detta vendita i russi non riescono a sopravvivere … https://uploads.disquscdn.com/images/14c623d5fc1f3b1533a623b00e5b70ded0f9316564c246f9d4da874754a56e9b.png

          • alberto

            Egregio Carlo, a proposito di…’aspettative di vita’ 😉
            La informo io perche’ se aspetta le ‘veline’ dagli americani circa questa notizia dovra’ aspettare. Devono pensarci bene come comunicarla perche’ sicuramente gli procura molto fastidio ammettere il successo dei russi e perche’ hanno perso un …’prezioso collaboratore’ !
            La notizia:
            Ali Shirazi , rappresentante dell’ Ayatollah Ali Khamanei ha confermato al sito iraniano Asr-e Iran che Abu Bakr al-Baghdadi e’ effettivamente morto durante l’attacco russo dello scorso 28 maggio
            Saluti

          • Nerone2

            Amen… LOL

          • carlo

            una volta tanto magari ne hanno combinata una giusta, dopo tanti tentativi e tanti, tanti innocenti massacrati sono riusciti nell’impresa ? ma è come se io che non so sparare, per colpire un certo tizio, per essere sicuro di colpire il soggetto mi armassi di un cannone da 120 e sparassi nel mucchio anche se li ci sono persone che non centrano nulla … perché la realtà è poi quella … il lavoro di fino, chirurgico, lo hanno, è lo stanno facendo comunque i soliti americani e
            britannici …
            PS: saremo sicuri della definitiva e conclusiva dipartita di quel pericoloso soggetto solo quando lo confermeranno gli americani o al massimo gli israeliani, non certo dagli iraniani …
            PS: intanto leggo da fonte ANSA odierna 30/06/2017, è stato confermato l’uso del gas SARIN in Siria … il rapporto servirà come base per stabilire definitivamente chi effettuò il raid che gli americani attribuiscono ad Assad … prima o poi tutti nodi verranno al pettine …

          • Ubimauri

            Era un articolo di Zafesova?

          • carlo

            affatto … di un altro giornalista (Italiano) di cui in questo momento mi sfugge il nome …

          • Ubimauri

            Meno male…

          • robespierre

            Lei pensi all’aspettativa di vita in un Paese dove molti muoiono per mancate cure non essendo assicurati, tanti sparandosi per strada, tantissimi per droga, altrettanti per alcolici ed ancor piu’ per sbagliata alimentazione. Oh. mi scusi, tale Paese sono gli USA!!!

      • robespierre

        …e di zucche vuote, per interesse e tradizione, in Italia ce ne sono troppe!!!

    • Guido Sartorio

      Non credo che un Russo, “miti in pace ma tremendi in guerra” si butterebbe giù dal ponte!! Mediamente sono molto scolarizzati anche a livello superiore e quindi ragionano con la propria testa e indipendentemente dai Media. Putin è amato perchè rispetta una grossa maggioranza nel loro credo religioso ed anche una minoranza ai quali ha detto testualmente “il comunismo ha fatto cose belle e brutte, ma non è stato una me.. da. E’ stato la nostra giovinezza”. E poi i Russi amano i bambini!!! Tanto!!!

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
        • Ubimauri

          Se al posto di Stalin ci fossi stata tu, in Ukraina non sarebbe sopravvisuto nessuno.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Tu e cioè uno che si dice fascista che difende il comunismo alias sterminio di massa per soldi …

          • Ubimauri

            La mia difesa del comunismo la vedi soltanto tu.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Infatti lo condanni …

      • Divoll79

        Beh, la barzelletta era in senso figurativo. Rogozin voleva dire che i russi prendono le sfide di petto, senza esitazione, e in esse danno il meglio di se’.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
      • Ubimauri

        Questa foto l’ avevi gia’ utilizzata una volta…Eppure non dovrebbe essere un problema trovre foto di rottami sovietici…
        Non hai nemmeno il tempo di cercarne ddi nuove?

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Non è un rottame qualsiasi …

  • JaegerPanzerE100

    L’unico embargo storicamente e strategicamente redditizio nella storia ma comunque usato come strategia di guerra fu sicuramente quello attuato dalla Repubblica Serenissima Di Venezia contro la Lega di Cambrai, prima guerra che si avvicina a definizione di Mondiale. Per bloccare la potente Serenissima ci fu l’alleanza tra il Papa, gli Inglesi, i tedeschi, gli Spagnoli i Francesi e tutti gli staterelli italiani militare, dopo anni di battaglie (8) Venezia impose un embargo verso tutta europa, alla fine tutti dovettero firmare la pace.

  • Guido Sartorio

    C’è qualcuno che per far dispetto alla moglie di evira. Gli Occidentali da settanta anni obbediscono agli USA i quali vedono i Russi già da molto prima, come il fumo negli occhi. Loro hanno le loro ragioni sia ideologiche che economiche. Vivono per sentirsi i migliori del Pianeta e non mettono in dubbio la validità del principio “homo homini lupus”, figli e nipoti come sono di vaccari pistolero. Due volte abbiamo aggredito la Russia e due volte ci abbiamo rimesso le penne. Però i Governi Italiani non hanno nessuna ragione di assecondare Germania, Francia, USA ed altri occidentali. Da arroganti aggressori nel ’41 i Russi non ci hanno fatto pagare quasi nulla: hanno preteso solo qualche nave da guerra obsoleta che aveva subito i siluri e le cannonate inglesi. Erano belle!! forse per copiarle!!! Il Governo Italiano ha solo un dovere, rispettare la Costituzione e uscire dalla NATO e quello di avere la schiena dritta e di aver buoni rapporti con chi porta lavoro e benessere. Un ultraottantenne.

    • Divoll79

      La Russia sarebbe il nostro migliore alleato, anche tenendo conto della tradizionale amicizia e degli storici legami tra i nostri popoli che, sotto molto aspetti (specialmente quello creativo e umano) sono molto simili.

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Soprattutto la (scarsa) burocrazia è simile …

        • alberto

          Gentile Anita, qui pero’ gli impiegati non timbrano e poi escono a sbrigare le loro faccende…;)

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      I comunisti andavano combattuti come i criminali che sono stati soprattutto all’interno dei loro confini … Comunisti che non erano solo russi …

      • alberto

        Gentile Anita non si preoccupi ; ne sono rimasti …pochi 😉
        (Nota: le foto non le copio come lei . Questa l’ho scattata io)
        😀
        https://uploads.disquscdn.com/images/f5164db8d0a351710d7e239aff498e485c7c9bf6f2a9e5f497644841159de9f5.jpg

        • Divoll79

          Forse Anita farebbe meglio a preoccuparsi, pero’, visto che la vera opposizione (che, comunque, sostiene Putin) e’ rappresentata dal secondo partito per grandezza, il partito comunista di Zjuganov…

          • alberto

            forse e’ meglio che non lo sappia altrimenti ha una crisi…:D:D

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          I beni confiscati dai comunisti però non sono stati restituiti … quindi l’opposizione nei loro confronti è una messinscena …

          • Ubimauri

            I beni confiscati se li sono ricomprati gia’ “certi privati” durante le privatizzazioni di Eltsin.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non sono state osservate le leggi di allora.

          • Ubimauri

            Lo credo bene: fu una svendita in liquidazione totale.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Nulla è perso, e quindi è ancora tutto recuperabile.

          • Ubimauri

            Forza e coraggio!

    • robespierre

      Un Governo del genere non sarebbe italiano!!!

  • Bocci Massimo

    Perché non ci sono sanzioni contro un popolo sovrano e una vera democrazia guidata da un vero presidente democratico eletto dal suo popolo,tutto il resto è retorica di falsificazione criminale di LADRI, oggi tutti servo Meticci e dei loro lecca piedi traditori e corrotti che da infami!!! Gli reggano il sacco!!

  • iNtervengo

    Le sanzioni contro Putin sono un’idiozia bella e buona.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Le sanzioni non sono piuttosto contro la Federazione Russa?

      • iNtervengo

        Ni. Quando Putin faceva finta di stare al gioco non c’erano. Inoltre le sanzioni sono contro l’Europa primariamente. Hai notato il danno economico derivato? Allo stesso tempo gli USA hanno incrementato dell’11% il loro commercio con la Russia. Come la mettiamo? Due pesi e due misure?

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Non hai capito: le sanzioni non sono contro Putin ma contro la Federazione Russa … sei confuso …

  • johnny rotten

    É ora di finirla con la narrativa delle sanzioni utilizzate a scopo politico, le sanzioni sono pura concorrenza sleale, per dirla in english dumping, i paesi occidentali hanno vissuto di economie protette da una sorta di monopolio realizzato sul saccheggio coloniale, ma ora la Russia e la Cina mostrano di poter competere con l’occidente e pure di superarlo, le sanzioni sono principalmente un modo sleale di competere economicamente, ed il $ si sta avviando al declino, quindi i vantaggi storici si stanno affievolendo, mentre le sanzioni contro i paesi piccoli quali Syrya sono un richiamo al gregge occidentale, per far capire che nessun stato può esistere senza dipendere da un debito e dalle istituzioni sovranazionali come l’fmi, caso mai qualcuno tentasse di andare contro corrente.

    • Divoll79

      E’ ANCHE come dice lei. Ma e’ anche un attacco politico, specie se prende in cosiderazione le truppe NATO e gli armamenti dispiegati lungo tutto il confine russo occidentale. Un attacco-boomerang per coloro che non si sanno smarcare, come il nostro governo di traditori del popolo.

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Lo scenario è: via come fornitori sia Russia che Cina …

  • Kipelov
    • Divoll79

      Con il commento musicale del primo concerto di Ciaikovskij…

    • virgilio

      intanto sono contento perche su questi cieli non ci vedo una scia!!

      • Kipelov

        Sono cieli liberi e sereni,al contrario dei nostri,purtroppo.

  • Andri75

    Fatevi un giro in Russia prima di scrivere questi assurdi articoli : 190 USD di pensione quando le sole spese comunali sono più alte, un consumo smodato di alcool in tutti i centri minori, ritorno ai talloni per il pane in molti centri, perdita del potere di acquisto pari a 3 volte negli ultimi 3 anni, turisti Russi quasi scomparsi dalle mete turistiche tradizionali : Egitto, Turchia, Thailandia e quando ci sono nei resort a basso costo.
    Non sarà certamente colpa delle sanzioni che la Russia ha messo contro l’Europa (le sanzioni Europee contro la Russia non esistono, esistono contro singoli individui e aziende Russe in settori militari, finanziari e comunque vengo ampiamente aggirate anche dall’Italia) ma certamente la Russia non vive un momento d’oro, anzi.
    La verità è che l’economia Russa è crollata per la mancanza di visione di Putin che ha investito tutto (o quasi) nello sfruttamento delle materie prime, nel suo arricchimento personale e nel futile rinnovamento militare (fermato peraltro completamente negli ultimi 3 anni con un grave colpo dovuto alle mancate forniture Ucraine) senza lungimiranza e con una visone legata solo a scopi interni di immagine.
    Provate ad andare negli Urali o in Kamchatka e chiedete cosa ne pensano i Russi della situazione attuale: certo per loro la colpa è sempre degli USA ma in realtà la colpa è del nano del KGB.

    • Divoll79

      E certo, “in realta’” lei lo sa meglio cosa pensino i russi e di chi sia la colpa. Certo che ci sono problemi, nessuno dice che sia l’Eden, e da quando non c’e’ piu’ il socialismo le fasce piu’ deboli della popolazione non stanno troppo bene. Mi sa dire in quale paese del mondo, oggi, non ci sono problemi? E in Italia come la mettiamo?
      Ma l’importante e’ che la colpa di ogni cosa sia di Putin. Che poi abbia risollevato la Russia dal fango nel quale l’avevano stesa i neoliberisti dell’era Eltsin (che, non a caso, piaceva tanto agli americani e ai vari Soros e Rothschild [British Petroleum], che ci si compravano aziende intere e miniere e pozzi di petrolio per quattro soldi), che abbia ridato dignita’, forza e fiducia al popolo, che abbia quintuplicato le pensioni, alzato gli stipendi, contribuito a far tornare nella media europea l’aspettativa di vita e molto altro ancora, tutto questo non conta, no. Il “nano del KGB”, caro mio, per quanto possa essere nano, i politici occidentali – specialmente italiani – non arriveranno mai neanche all’altezza del suo ginocchio.

      • Divoll79

        PS – A proposito del bere, il signor Andri75, forse, non e’ mai stato in Finlandia, dove bevono molto piu’ dei russi (e secondo me piu’ di chiunque altro) eppure non hanno Putin.
        Strano, vero?

      • Andri75

        I Russi danno sempre la colpa agli altri senza mai guardare in casa propria : colpa a Eltsin, colpa a Gorbachov, l’immancabile colpa degli americani e ogni tanto pure i fascisti. La verità è che la colpa prima di tutto è proprio dei Russi che continuano a non voler accettare che l’Unione Sovietica è morta, che gli Stati limitrofi non vogliono gli “omini verdi” e che Stalin era un feroce macellaio.
        Putin è certamente artefice di cose positive per la Russia, nessuno lo nega, ma non ha saputo utilizzare le enormi risorse finanziare prodotte dalla vendita dei beni naturali per innovare il Paese sia in campo economico che sociale.
        La responsabilità di Putin in questo senso è enorme e i Russi dovrebbero iniziare a capire (lo stanno per fortuna facendo basta vedere il numero di manifestazioni sempre crescenti) che il loro futuro non può essere nel passato ma deve essere nelle nuove generazioni e in un modo nuovo di vedere il mondo in cui bisogna interagire con i propri vicini di casa, non occuparli militarmente.
        Aumentare le pensioni (quintuplicate in rubli ma poco più che raddoppiate in valuta forte e praticamente invariate come potere d’acquisto reale) o gli stipendi è ben poca cosa rispetto al riformare un sistema economico e sociale retrogrado e inadeguato alle sfide dei mercati globali.
        La risposta Russa è stata invece quella di isolarsi (con tanto di sanzioni contro la UE) creando un danno ancora maggiore che si sentirà purtorppo per gli anni a venire.
        L’occupazione di una parte dell’Ucraina, oltre per motivi legati al gas, nasce indubbiamente sempre da una responsabilità diretta di Putin che vede nell’avvicinamento di Kyiv all’ovest un pericolo mortale per il suo potere. Se l’Ucraina dovesse avere lo stesso successo dei Paesi dell’ex patto di Varsavia (che oggi godono di grandissima forma e certamente stanno meglio che a Mosca) l’effetto a catena sulla Russia potrebbe essere devastante per Putin e la sua cricca di oligarchi.

        • Lamberto Z

          ma dove le prendi le informazioni, su topolino?

          • Kipelov

            No,più semplicemente, è ucraino.

          • Mario Trieste

            Non le permetto di insultare Topolino in quel modo!! ))))

        • Divoll79

          Forse farebbe meglio a parlare della cricca di oligarchi che abbiamo qui al potere in Italia, un tema sicuramente a lei piu’ accessibile, perche’ della Russia non sa nulla, a parte che la disprezza per partito preso.

    • Ubimauri

      Come no. Lo sanno tutti.

    • telepaco

      ” turisti Russi quasi scomparsi dalle mete turistiche tradizionali :
      Egitto, Turchia, Thailandia e quando ci sono nei resort a basso costo….” non so tu mai io in Thailandia recentemente ho visto quasi solo turisti russi, tant’è che ormai si vedono scritte rivolte ai turisti più in cirillico che in inglese. Per quanto riguarda l’Egitto e sopratutto la Turchia non ci va quasi più nessuno vero, il primo per via dell’aereo civile turistico abbatuto dall’ISIs pare e il secondo per quello militare in Siria e per il terrorismo dialgante. Non so se te ne sei accorto ma Istambul ha subio almeno 3 attentati terroristici con decine di morti, molti tedeschi. Solo un demente puo’, con falliti colpi di stato, curdi in agitazione e ISIS che colpisce e con Erdogan al potere sempre più arrogante, andare oggi a fare turismo in Turchia.
      Per quanto riguarda l’economia le previsioni degli economiti per la Russia sono di un +1,3% di quest’anno e un previsto 3% l’anno prossimo, meglio di qualsiasi paese europeo. Il periodo piu’ brutto per l’economia russa e la recessione pare siano passate e tutti danno per superata la crisi a partire dalla fine dei quest’anno. L’Italietta e l’europetta invece tutto fermo e in stagnazione e nessuno sa ancora come e quando riprendera’ con rigore l’economia, vedi un po’ tu….

      • Andri75

        Nonostante il turismo Russo verso Egitto e Turchia sia praticamente azzerato (prima erano le mete turistiche più gettonate), le presenze Russie in Thailandia sono scese del 40% con punte fino al 60% nel 2015 (fonte : TOT l’ente del turismo Thailandese).
        Egitto e Turchia non sono state sostituite da altre destinazioni.
        La stima indicata di crescita del PIL Russo è dello stesso Istituto di Statistica Nazionale che l’anno scorso prevedeva una crescita per quest’anno del 4% mentre ormai lo stesso Putin ha ammesso in un’intervista che anche quest’anno si parlerà di stagnazione se non di recessione. La media UE per quest’anno è l’1,8% con tutti (o quasi) i Paesi dell’est ben sopra il 5%, dire che la Russia fa meglio di qualsiasi Paese UE non mi pare corretto.
        Nessuno da per superata la crisi Russa tanto è vero che non si parla più di crisi transitoria ma di crisi strutturale. Il Governo Russo ha usato le sanzioni per cercare di creare una domanda interna che facesse tenere il PIL e la bilancia commerciale ma queste sono politiche che hanno il fiato corto e rischiano di essere controproducenti nel medio/lungo periodo.

    • Kipelov

      Ecco,appunto, si faccia un giro in Russia, fenomeno.Guardi che qui c’è gente che in Russia non solo ci è stata, ma ci vive e la gira 365 giorni all’anno.

    • Mario Trieste

      esperto in fake news vedo, del resto è l’unica cosa che l’ukraina riesce ancora ad esportare!

      • Andri75

        A parte che il post è vecchio di un anno ma cosa c’entra l’Ucraina? Io vivo in Russia e sono cose che vedo con i miei occhi. Basta uscire da Mosca e Piter per vedere come sono le cose. Nell’ultimo anno un po’ le cose erano un po’ migliorate ma ultimamente stanno nuovamente peggiorando.
        Vi siete mai chiesti il perché in Russia i salari medi siano 36000 rub, ovverso 580 usd (uno dei Paesi più poveri d’Europa) nonostante quest’ultima disponga di moltissime risorse naturali ?

        • Mario Trieste

          Quant’era il salario medio nel 2000? e nel 2000 non c’erano sanzioni, ma aiuti “disinteressati” da parte degli anglo-americani!

  • Ling Noi

    Le sanzioni e gli embarghi hanno sempre unito la popolazione con la propria leadership, vedi anche l’Italia negli anni’30. Ad esempio della stupidità, gli analisti e consulenti dei vari governi americani hanno sempre spiegato che il modo migliore per sconfiggere il regime cubano era di inondare Cuba con prodotti americani, ovviamente i politici al potere hanno sempre fatto il contrario.

  • Pierpaolo Defilippi

    Io credo che non esista un vero presidente tranne Putin.Un presidente tenace,intelligente,riflessivo e pensare se non avesse avuto queste qualità che cosa sarebbe successo! la Russia è un paese pieno di risorse ,un popolo determinato.Non ci dobbiamo stupire di qualche disaccordo con gli Americani.Pensiamo ai danni che noi procuriamo a loro e provate a pensare se non fossero intelligenti…….

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Parli come russo o italiano?

  • Tiziano Zanellato

    sanzioni barzelletta.. tutta europa compra il gas dalla russia .. se la russia dovesse chiudere i rubinetti del gas .. per l italia soprattutto è finita.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Per niente. Lo acquista altrove ma alla Russia poi mancano gli incassi … game over Putin.

    • carlo

      guardi che non ci sono solo loro che vendono gas … basterebbe costruire dei rigassificatori
      (una volta se ne parlava) e poi andare a contrattare prezzi migliori in giro per il mondo, oltre al prezzo magari migliore, saremmo anche molto meno ricattabili da certe pericolose realtà a noi vicine …

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Gli americani hanno attrezzato i loro porti per esportare il loro gas, i russi devono cercarsi altri clienti che però hanno già i loro fornitori.

      • Ilario Fontanella

        non c’è bisogno di pericolose realtà, ci pensano oltre ia ns governanti anche i giornali, avevamo ottimi contratti con la Libia, che abbiamo provveduto a bombardare, difronte all’Egitto l’ENI ha trovato un enorme giacimento di gas, ma il povero Reggeni ha dovuto sacrificare la sua vita per rovinare il contratto, con Mattei a suo tempo si sarebbe potuto comprare petrolio in cambio merce, (lo scià non si fidava della lira), ma in pianura c’era nebbia…

        • carlo

          ma questo da soltanto la conferma che nel governo italiano e non solo, siedono sulle poltrone degli emeriti imbecilli i quali non sarebbero tutto sommato nemmeno in grado di amministrare un semplice condominio … governassero con un po più di real politic e furbizia … non sarebbe male.
          ne andrebbe a vantaggio soprattutto per la gente comune lavoratrice … ricordo un paio di anni fa, dei “solerti” giudici non proprio delle cime evidentemente, mandarono a monte un contratto miliardario con l’india,
          (fornitura di elicotteri) per un presunto caso poi risultato inesistente di
          corruzione … risultato ? contratto quasi firmato stracciato … posti di lavoro in italia e Inghilterra mancati. questa è la classe dirigente che ci meritiamo …

  • Ilario Fontanella

    Le sanzioni funzionano a meraviglia l’Italia del dopo guerra (la prima) era praticamente dipendente da altri stati, anche dal punto di vista alimentare… prima delle sanzioni si era permessa di bloccare il primo tentativo di anschluss di Adolfo… dopo le “giuste” sanzioni a causa della nostra invasione dell’Abissinia con la “battaglia” del grano, e l’utilizzo del caccade o della cicoria al posto del caffè, siamo diventati autonomi, la nostra industria pesante si è legata a doppio filo con quella teutonica che non ci sanzionava… e quando Hitler chiedeva l’industria dava, il secondo anschluss è “andato a buon fine” la popolarità di Mussolini ë andata alle stelle, e finalmente sono state gettate le basi per la seconda guerra mondiale…. ops non era quello lo scopo delle sanzioni?

  • Maria

    In ritardo rispondo al titolo perche le sanzioni non servono. La realta dei fatti taciuti dai mass media e che queste sanzioni non sono mai esistite poiche di nascosto con stratagemmi si sono sempre eluse. I soldi il benessere fanno gola a tutti e nessuno vuol rinunciare poi si lamenta se siamo minacciati dal terrorismo islamico. Ora poi ci si e messo Macron che ha firmato un grande contratto con l Iran per il gas b venduto a prezzi piu favorevoli di quello del Qatar e inoltre per controbattere la politica di Trump sul medioriente. L occidente sta giocando nuovamente sulla pelle d Israele che non solo ruba l acqua ai Palestinesi e siriani ma addirittura avvelena l acqua. Discorso su questo scottante tema tenuto recentemente da Mahmoud Abbas al parlamento europeo affermando che i rabbini incitano gli ebrei ad avvelenare l acqua. Scrosci d applausi compresi quelli della Mogheri. Consultare il filmato su YOUTUBE. Per cui la bestia nera da combattere non e l iran o il jihadismo ma israele che pratica una politica nazi-fascista nei confronti dei poveri palestinesi a causa di Bibi Netanyahu un fascista duro ed intollerante secondo l Europa e il partito di sinistra israeliano unitamente ai nuovi partiti usciti dal k likud per contrastare lo stato ebraico e la sua politica troppo ebraico-biblica e contraria al pluralismo democratico dove tutto e lecito. Maria