lapresse_20161109155609_21254338_trump

Gli accordi segreti sulla Siria

Un centinaio di militari dell’UNDOF (La Forza di Disimpegno di Osservatori dell’Onu) ha ripreso possesso della base di Camp Faouar nel Golan, da dove, il 28 Agosto del 2014, dovettero ritirarsi dopo che i ribelli di Al-Nusra (legati ad Al Qaeda e appoggiati dall’Occidente) rapirono 40 soldati delle isole Fiji in forza al contingente.

Era il tempo in cui nelle Cancellerie occidentali si contavano le ore e i giorni alla caduta di Assad. Un mese prima, il 29 giugno, l’Isis aveva proclamato il Califfato sui territori occupati di Iraq e Siria; il 10 agosto, con la vittoria nella battaglia di Tabqa, lo Stato Islamico arrivava ad occupare la regione di Raqqa e le orde islamiste sembrano dilagare da est; mentre l’avanzata dei ribelli a nord ovest e soprattutto a sud (dove Al-Nusra sembrava essere irresistibile) chiudeva in una morsa il regime.

LEGGI ANCHE
Le bugie di Renzi sulla Libia

La priorità di Washington e degli alleati europei e sauditi non era quella di combattere l’Isis (che al contrario veniva favorito) ma di generare la caduta di Assad.

La notizia del ritorno dei Caschi Blu dell’Onu nella zona cuscinetto tra Israele e Siria è di fondamentale importanza per capire come sta evolvendo la guerra siriana e qual è il nuovo atteggiamento di Usa e Israele per la soluzione del conflitto.

Secondo Debka, sito vicino all’intelligence israeliana, sarebbero in atto colloqui segreti tra Israele, Siria e Giordania (con la supervisione di Usa e Russia) per stabilizzare i confini riportando la situazione esistente nel Golan a quella prima dello scoppio della guerra nel 2011; e il ritorno dei Caschi Blu nella zona cuscinetto è un segnale chiarissimo.

Da settimane, inoltre, su ordine del neo Presidente Usa Donald Trump, il nuovo capo della Sicurezza Nazionale, il Gen. Flynn ha attivato colloqui segreti con Nikolai Patrushev, capo del Consiglio di Sicurezza russo (l’alter-ego di Putin per la politica estera) e con i vertici militari turchi. Anche questo è un segnale fondamentale per capire come cambieranno i rapporti tra Mosca e Washington: Patrushev infatti è oggi nella lista delle personalità russe sanzionate dall’UE (in quanto ritenuto lo stratega dell’annessione della Crimea) ma è già diventato l’interlocutore privilegiato del nuovo corso di Washington.

Obiettivi di questi colloqui è organizzare un’offensiva congiunta anti-Isis non appena Trump avrà i pieni poteri. Non è mai successo che un Presidente americano s’impossessasse della politica estera prima dell’insediamento ufficiale (che ricordiamo avverrà il 20 Gennaio prossimo); di fatto Obama e i falchi anti-russi sono già esautorati.

Per Israele e per gli Usa, Assad non è più un problema, anzi rappresenta l’unico argine all’espandersi dell’islamismo e alla frantumazione ingovernabile della regione. Per Israele la questione è chiara da tempo e la convergenza tra Netanyahu e Putin sta ridisegnando la geopolitica mediorientale. Per gli Usa, si doveva aspettare l’uscita di scena di Obama e della Clinton per arginare la strategia del caos che Washington ha costruito in questi anni in Medio Oriente e il tentativo di trasformare la Siria in una seconda Libia.

Se il realismo di Trump si sposa con il realismo di Putin forse questa volta è l’Isis ad avere le ore contate.

@GiampaoloRossi

  • Sterminator

    Forza Trump, Forza Putin!

    • Maria

      E forza Israele che dovra far fronte agli Hezbollah con migliaia di missili alle armi chimiche dei jihadisti e di Assad e a sud da parte di Hamas e dal mare da parte da forze straniere nemiche. Oggi Israele e stata incendiata da terroristi composti da arabi israeliani e palestinesi che approffittando della persistente siccita hanno fatto esplodere quei pochi focolai sotto controllo usando tanche infiammabili. 100,000 sono i senza tetto e 13 error 122 i feriti.Una vera catastrofe ecologica dopo durissimi lavori di recupero da parte d Israele.Se non ci fosse a Gerusalemme l esercito israeliano a proteggere i pellegrini cristiani sarebbe impossibile il turismo.Maria

      • carlo

        da dove l’informazione che siano stati israeliani di lingua araba a causare gli incendi?

      • carlo

        da dove l’informazione che siano stati israeliani di lingua araba a causare gli incendi? Vedo che lei continua a non rispondere. Il fatto è che lei parla a vanvera. L’ultima notizia, dal Guardian è che il governo israeliano ha arrestato 14 persone e non ha detto di chi si tratta, Il suo fanatismo pro-Israele l’acceca.

  • telepaco

    Beh, se anche Israele decide che è ora di seguire la politica di Putin in medio oriente per le politiche dei Dem americani, nel senso di dementi, è davvero la fine. Se Assad fosse furbo si metterebbe d’accordo con Israele e firmerebbe una pace che manca da più di 40 anni con lo stato ebraico. Con l’appoggio di Israele, Russia e USA Assad si riprenderebbe tutta la Siria, piano piano, concedendo magari l’autonomia ai Curdi nel nord est. Sarebbe la fine per le politiche dei fratelli mussulmani e delle monarchie del golfo, sponsorizzatrici di salfismo e wahabismo nel mondo

    • Valeria Vernon

      Autonomia a Curd ?: Ricordiamoci che in mezzo c’è la Turchia che non la vedrebbe di buon occhio, anzi.

    • GattoMaculato

      “Sarebbe la fine per le politiche dei fratelli mussulmani e delle monarchie del golfo”
      Magari!! Ho già pronta la bottiglia di spumante da stappare!

      • Maria

        Per favore non fatevi illusui error illusioni perche il tutto sara rovinato dalla politica francese pro araba e dal governo Renzi. Avete letto almeno il commento di Magdi Allam sul giornale di oggi?? Leggetelo per favore.Maria

        • Casorati Massimo

          Non credo che la politica di Fillon sarà poi così filoaraba, anche in considerazione dei suoi legami anche personali con Putin.

    • Mondoacolori

      Il Golan occupato nel 67 Israele non lo restituira´. Il problema e´che Israele gioca da superpotenza e la Siria da territorio di occupazione .

      • telepaco

        Non è detto che debba restituirlo o restituirlo tutto. Se Assad fosse furbo per come si trova ora negozierebbe con Israele per non avere un ulteriore nemico e ottenere pace ed appoggio da un paese forte in medio oriente. Magari cedendo una parte di quei territori per avere un pace stabile….

        • Buba17

          il tuo ragionamento è giusto ma andava fatto decenni fa. ora assad non ha più niente da offrire ad israele. oltretutto ora sul golan la presenza di hezbollah e truppe iraniane inizia a diventare preoccupante.

        • Mondoacolori

          Assad e´persona molto intelligente. Prova ne´ fu´la sua profezia su quello che sarebbe avvenuto dopo il massiccio sostegno dato dai Governi Europei a gruppi di Europei che volevano andare a giocare alla guerra in Siria . Milioni di profughi , invito a leggere l´intervista su FAZ del 2013 , nella quale lui ammoniva gli europei che cosa sarebbe poi avvenuto . L´analisi era perfetta solo che gli stupidi governi europei erano del parere che Assad sarebbe scappato via e Damasco lo avrebbero spartito . Questo non avvenne e per il mondo delle sovranita´popolari fu´una vittoria .

          Cedere ad Israele territori vorrebbe dire per ASsad , farsi nemici in patria fra i suoi elettori , non so´se sarebbe una buona idea visto che lui di questo appoggio ha avuto ed ha molto bisogno . Vedo una Siria tipo Germania del dopoguerra ma a differenza della Germania che la guerra la volle ad ogni costo , la Siria quella guerra in casa non l´ha voluta , gli e´stata imposta da un potere mediatico rifocillato di milioni di dollari , gli effetti si sono visti esi vedono ancora . L´ONu dovrebbe togliere quel denaro di troppo che singoli soggetti hanno accumulato sulla pelle di milioni e miliardi di persone .

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Assad è persona soprattutto ricca. Soldi sudati e non rubati ci dirai.

    • Maria

      Telepaco non e cosi facile come lei pensa. Da 5 giorni Israele e in fiamme causate dai terroristi con taniche infiammabili. I danni sono immensi inoltre l Europa ha troppi interessi con paesi produttori di petrolio che sostengono il terrorismo e odiano israele ingannando l unione europea con false promesse pacifiste.Maria

      • telepaco

        I paesi roduttori di petrolio, le monarchie del golfo di arabia e qatar, sostengono il wahabismo reposnsabile del terrorismo del mondo certo, ma non odiano Israele, sono anzi alleati di Israele e degli USA. Non c’è mai stato attrito o guerra diretta tra Israele e Arabia o Qatar

        • Buba17

          in realtà odiano israele e lo hanno attaccato più o meno direttamente molte volte. negli ultimi anni hanno capito che israele non è un nemico al contrario dell’ iran.

      • Emilia2

        Va beh, ma che cosa fara’ l’Europa contro USA e Russia?

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Semmai contro il calo delle materie prime tra cui il petrolio.

    • Cazzore Penere

      israele che firma un trattato di pace ?? ridicolo

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Perché ridicolo?

    • Buba17

      bhe a quanto pare tu sei più furbo di assad. tra lui ed il padre non hanno trovato un’ accordo con israele in 70 anni e perso ben tre guerre.

  • luca63

    Speriamo

  • agosvac

    Sembra che Trump sia riuscito a capire ciò che è sfuggito ad Obama e che era ostico alla clinton: il nemico non è Putin ma l’integralismo islamico che produce terrorismo. Un accordo tra Usa e Federazione Russa è l’unica cosa che potrebbe pacificare il medio oriente in tempi piuttosto brevi con ricadute favorevoli per TUTTO il mondo non islamico.

    • Valeria Vernon

      Non credo gli sia sfuggito, non credo sia così stupido, semplicemente Obama non vuole riconoscerlo, ha le sue simpatie

    • Maria

      Caro agosvac Putin cerca di mantenere al potere assad quindi ha bisogno di Trump. Obama ostacolava un alleanza con Putin. Difficilissimo che Putin possa riconciliare il mom error il mondo islamico frantumato in gruppi tribali in guerra tra loro sunniti ribelli contrari ad assad e sunniti che combattono a fianco di assad quindi ci sono le milizie sunnite in guerra contro i ribelli sunniti e composte da baahatisti delle vechhie brigade Ba”ath poi altri arabi sunniti proveniente da oriente e che aderiscono al vecchio ideale pan arabo poi LWA AL QUDS favorevole ad assad e formata da Palestinesi operanti ad Aleppo. Gli occhi della guerra dimentichi d Israele che dovra affrontare gli Hezbollah e parte del mondo islamico jihadista. Infatti a causa della siccita i terroristi ne hanno approffittato per rinfocolare i focolai sotto controllo per far esplodere da nord a sud vasti incendi usando taniche infiammabili trovate poi dalla polizia. Italia Grecia e Turchia ed anche ora un grandissimo aereo anti incendio americano sta operando sul luogo. 100,000 sono stati evacuati e 122 sono i feriti. La polizia ha arrestato 23 sospetti. I terroristi hanno promesso di usare prossimamente armi chimiche in possesso dei jihadisti e anche di Assad. L ordine e sterminio degli ebrei e d Israele. La guerra dimenticata degli odiati e razzisti ebrei come li definisce certa stampa. Si legga l articolo di Magdi Allam molto illuminante sull islam radicale.Maria

      • virgilio

        “Putin cerca di mantenere al potere assad”

        Putin lo ha detto piu volte ma quando non si vuole capire non ce niente da fare!
        la Russia di Putin e li perche chiamata dal presidente legitimo della Siria
        in difesa dei ribelli e mercenari pagati dall’ocidente ed in perfetta sintonia con gli accordi e leggi internazionali,e quando questo casino terminera sara il popolo siriano a decidere chi sara il loro presidente,
        punto

        • Buba17

          putin è in siria per proteggere le sua basi

          • Maxxis

            Verissimo, e protegge efficacemente i propri interessi in una cornice di legalità e col consenso del legittimo governo siriano.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Legittimo governo?

          • Maxxis

            Esattamente, il cui rappresentante permanente alle Nazioni Unite si chiama Bashar Jaafari. Se ne faccia una ragione.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Per niente, secondo le definizioni vigenti si chiama dittatura.

          • Maxxis

            Dittatura? Ha presente quanti Stati al mondo sono governati da democrazie parlamentari secondo i parametri occidentali e quanti no? Tutti gli altri sono “dittature” e quindi illegittimi? Non sono questi rappresentati all’ONU, non abbiamo con essi relazioni diplomatiche e commerciali?
            Temo che lei debba rivedere le sue definizioni.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il regime siriano è per definizione una dittatura. Fai prima a dire che vuoi anche l’Occidente con forma di governo come quella siriana.

          • Maxxis

            ???

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Fare lo gnorri …

          • virgilio

            si giusto e ha perfetamente ragione in piu di quello che ho gia detto sopra protegge anche le sue basi ci mancherebbe!!
            ce mica scritto fesso sulla fronte di Putin

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Quale ragione? Semmai usanza.

      • Emilia2

        Ma un accordo, sia pure di compromesso, fra Trump e la Russia e’ l’unica speranza, o no?

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          C’è già con le armi di distruzione di massa.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Il problema è il Clan Assad che ha derubato il popolo siriano.

  • gennarino

    CHISSÀ QUANDO CI SARÀ L’USCITA DEFINITIVA DI ANITA MUELLER DA TUTTI I BLOG INVECE: SARÀ UN’EVENTO EPOCALE QUELLO LA! ADESSO ANITA MI ACCUSERÀ DI ESSERE UN AMICO DEI COMUNISTI, DI APPOGGIARE I CATTIVI RUSSI, DI ESSERE UN ALCOLIZZATO E DI ESSERE UN ISLAMICO, E PURE UN LADRO PER NON DIFENDERE IL LE SUE POSIZIONI SUL MALTOLTO SOVIETICO MAI RESTITUITO, A SUO DIRE: TUTTE COSE FALSE E CHE TRA L’ALTRO NON C’ENTRA NIENTE PER L’ENNESIMA VOLTA CON L’ARGOMENTO IN QUESTIONE: PREPARATEVI GENTE PER UN’ALTRA DELLE USCITE COMICHE E PATETICHE DI ANITA MUELLER!

    • Ernesto Pesce

      GENNARINO NON DARE LE PERLE AI PORCI

  • BIASINI

    “Gli accordi segreti sulla Siria”. Tanto segreti che un tale, Giampaolo Rossi, noto esponente del giornalismo internazionale, che dico, anzi universale, ne è al corrente.

    • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ☆☆☆☆

      Molti lettori quando leggono un articolo come questo, dopo si convincono di avere delle info che gli altri non hanno. Qui c’è gente che crede alle scie chimiche e quando leggono articoli con un titolo come questo si mettono a deambulare vantandosi di conoscere i grandi segreti.

      • —ƒ

        Le scie chimiche sono ammesse da documenti ufficiali di più di un governo.

        Lei complimenta la gente per l’intelligenza, ma sotto sotto non crede all’intelligenza e alla conseguente capacità di informarsi della gente.

      • virgilio

        ma vai a cagare troll di merda,sulle scie telo abbiamo gia spiegato ma vedo che non puoi capire sei troppo deficente!
        quanto all’informazione se non ti comoda questa vai pure affanculo a informatri altre parti e non rompere qui!

        • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ☆☆☆☆

          Ti confondi. qui non siamo in russi dove il regime può ordinare alla gente dove andare a leggere e cosa pensare. Noi Italiani non siamo un popolo bue come il vostro ed abbiamo la vera libertà dio parola. (che voi in russia non avete ma siete talmente gonzi che credete di avere più diritti di noi )

  • bonoitalianoma

    Hai capito che la guerra è bella anche se fa male e torneremo ancora a … sparare. Ci son voluti cinque anni per capire che certe avventure alla don Chisciotte sono solo elucubrazioni celebrali e che gli effetti si pagano caramente soprattutto la gente comune usata come scudo per pararsi il qlo. Ora chi andrà a dire a quei milioni di persone che sono fuggite, hanno subito massacri, hanno distrutto la loro città e sono state schiavizzate in nome di un interesse di pochi …. scusate ci siamo sbagliati e stato un effetto collaterale. È forse per questo che la perdente presidente si è messa a piangere?

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      La perdente presidente?

  • bonoitalianoma

    L’ISIS è stato il giocattolo meccanico con cui facevano i giochi di gruppo. Rotto il giocattolo la compagnia si dissolve … sperando non vada a procurare rogne altrove.

  • Maria

    E mai possibile che l ignoranza di certa stampa italiana e anche in parte internazionale facciano le congiutture piu strampalate sulla possibile alleanza tra Trump e Putin senza conoscere i veri accordi che prendranno per uscire dal pantano del conflitto siriano non di facile soluzione dato che sunniti sono in guerra con i sunniti favorevoli ad Assad e gli hezbollah vc che sostengono Assad e combattono i sunniti ribelli sostenuti dall Arabia Saudita dalla Turchia e dal Qatar che finanziariamente sostengo il fronte di Al Nusra e di Dash. I Turchi hanno preso una bella batosta dai combattenti curdi pershmenga conoscitori migliori del terreno su cui si battano. Trump e Putin cercano di arginare il conflitto che in caso che Assad cadesse collasserebbe il Libano e la guerra tracimerebbe in Giordania e in Israele dove gli Hezbollah punterebbero i loro missili che sono migliaia sul Golan colpendo tutta Israele. Gia ieri l esercito israeliano che pattuglia il Golan ha colpito mortalmente 4 soldati siriani che cercavano d infiltrarsi in territorio israeliano. C e poi il totale dissinteresse dell immensa catastrofe incendiaria che sta colpendo israele. A causa della persistente siccita i terroristi ne hanno approffittato per incendiare tutto Israele con taniche piene di liquidi infiammabili. Infatti la polizia scopri taniche vuote abbandonate ed ha arrestato 23 sospetti. I focolai preesistenti al divampare di incendi di vaste proporzioni da nord a sud erano stati fatti incendiare ed esplodere con liquidi infiammabili. Da 5 giorni aerei canadair anti incendio e un grandissimo da parte americana stanno lottando contro le fiamme non ancora del tutto domate. 100,00o persone sono state evacuate e 122 e ricoverate in ospedale per ferite o intossicat error intossicazioni da fumo. I danni ammontano a piu di 120 milioni di euri. piu di 10,000 alberi inceneriti. Israele ha reso le zone desertiche verdi piantando alberi speciali. Su twitter paesi arabi gioivano all annuncio che Israele bruciava. E un vero miracolo che non ci siano morti ma solo feriti. Purtroppo i terroristi sono in possesso di armi chimiche e hanno gia minacciato di usarle. Questa e la gravissima situazione in Medioriente dopo un popolo combatte per sopravvivere ed avere il diritto di un pezzetto di terra che l Europa gli nega.Maria

    • virgilio

      sbaglio o il Golan e territorio siriano?

      • Buba17

        era siriano…

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        L’ha perso con la guerra dei sei giorni.

    • Friendly Cynic

      “Questa e la gravissima situazione in Medioriente dopo un popolo combatte per sopravvivere ed avere il diritto di un pezzetto di terra”

      I palestinesi?

    • alberto_his

      Il Golan è controllato da IL; non vedo come Hezbollah possa accedervi senza conquistarlo manu militari. Sicura che i “4 siriani” stessero tentando di entrare in IL? I famosi “alberi speciali” sono specie non-autoctone che sostituiscono quelle centenarie presenti in loco dai quando il territorio era palestinese. Ripetere le veline dell’hasbara non rende dei punti di vista (interessati) delle verità

      • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ☆☆☆☆

        E’ qualcosa di ricorrente che Hezbollah o militari di Assad vadano nel golan

  • Cazzore Penere

    mi sembrano cavolate . israele non ha mai subito attacchi isis e curava i terroristi nei propri ospedali .. per me e’ uno dei mandanti .

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Le prove?

    • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ☆☆☆☆

      Israele subisce attacchi terroristici da anni ed anni. complimenti per l’intelligenza e per la grande capacità di analisi.

      • —ƒ

        Non li ha certo subiti dall’ISIS o dagli estremisti sunniti che lavorano insieme all’ISIS.

        Complimenti a lei per la buona fede e l’intelligenza (che si manifesta anche nel fingere di non capire).

  • eusebio

    E sennò perchè i democratici finanziati e controllati dai sauditi peraltro in bancarotta cercano spasmodicamente di far ricontare i voti nei tre stati chiave (magari con la supervisione delle società di Soros)?

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Perché la legge lo permette.

  • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ☆☆☆☆

    C’è scritto che:

    “La priorità di Washington e degli alleati europei e sauditi non era quella di combattere l’Isis (che al contrario veniva favorito) ma di generare la caduta di Assad.”

    che è in contraddizione con il fatto che ‘sti “Washington e degli alleati europei ” sono impegnati sia in Iraq che in Libia. Non è una contraddizione poco, che spiegazione date?

    più avanti poi c’è scritto:
    Per Israele e per gli Usa, Assad non è più un problema, anzi rappresenta l’unico argine all’espandersi dell’islamismo e alla frantumazione ingovernabile della regione

    che è in STRA CONTRADDIZIONE con l’inizio dell’articolo.

    Possibile che nessuno ha capito perchè Assad dovrebbe essere un problema per gli occidentali? E la cosa più facile di tutte, forse l’unica davvero comprensibile che va oltre tutte le questioni religiose o para religiose. Ma dico, perchè scrivete degli articoli che se uno li legge dopo ha capito meno di prima?

    e poi, altra osservazione semplice: di accordi tra Israele e Giordania c’è ne sono un’infinità .Sono decenni che i due rispettivi governi si confrontano tra di loro coinvolgendo anche potenze terze per cercare di sintetizzare soluzioni che possano andare bene un po’ a tutti. Dire che stano facendo dei colloqui è una non -notizia- uffa.

  • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ☆☆☆☆

    Facciamo così, e po ci rivediamo tra 6 mesi per vedere chi ha ragione:
    Il principale cambiamento nella strategia in M.O. degli occidentali riguarderà Israele e tutti quelli che nel bene o nel male sono coinvolti con esso. Assisteremo ad un cosiddetto shift della dottrina che, con l’amministrazione Trump, sarà sicuramente più filo-Israeliana. (che poi a me personalmente non dispiace affatto) .

    La Syria invece, continuerà ad avere il valore che aveva prima e che ha avuto per gli ultimi decenni . Tale valore prescinde da Assad o chi per lui. La Syria, nel contesto di Occidente vs Russia che bisticciano, è una costante. Se qualcuno dietro dovesse mollare, vuol dire che dietro le quinte ci sono stati degli accordi che ne fanno valere la candela.

    • virgilio

      “Facciamo così, e po ci rivediamo tra 6 mesi”
      si prendi pure il tuo tempo non urge fai con calma anche fra 60 anni va bene,
      vai vai………

      • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ☆☆☆☆

        6 mesi bastano per dimostrare che le cazzate state dicendo su Trump sono solo la fantasia dei russi.

  • eusebio

    Un accordo Trump-Putin, nel caso che Trump mantenesse la protezione americana sui curdi, potrebbe portare all’assegnazione di Aleppo al Rojava che potrebbe fare di Aleppo la sua capitale, puntando ad uno sbocco al mare a sud di Alessandretta, magari poi unendosi al Kurdistan iracheno in uno stato indipendente.